Misfits – 3×08 Episode Eight

Misfits – 3x08 Episode EightCon il 2012 appena iniziato e le feste che invece sono ormai agli sgoccioli, è arrivato il tempo di analizzare, con un po’ di ritardo – di cui mi scuso -, il finale di una delle serie che ha deluso molto nell’anno appena trascorso, tanto da guadagnarsi un posto nella nostra personalissima Flop 10 del 2011. Sto parlando ovviamente di Misfits.

Partiamo subito dal dire che questa stagione di Misfits non è stata né brutta né inguardabile; la serie piuttosto ci è sembrata spenta, con poco vigore e in declino rispetto al passato. La terza stagione è arrivata e se ne è andata lasciandoci completamente indifferenti, non offrendoci mai dei veri stimoli interessanti e non toccando gli stessi i picchi di stupore e di follia a cui ci aveva abituato in questi anni.
La serie sembra essere diventata l’ombra di se stessa e la colpa di tutto questo, come già ribadito più volte, va attribuita solo in minima parte all’addio del personaggio di Nathan, che comunque ha pesato moltissimo. La responsabilità di questo calo qualitativo va imputata principalmente agli autori che hanno confezionato una stagione opaca e molto al di sotto delle aspettative, con una scrittura mai brillante e a volte superficiale e lacunosa. La serie pare, infatti, aver perso tutte quelle caratteristiche che l’hanno distinta negli anni, dalla sua originalità e freschezza fino alla sua maniera irriverente, sfacciata, e a volte anche un po’ goliardica, con cui ha saputo dipingere in modo eccezionale un affresco della gioventù disadatta della periferia suburbana inglese.

In questa season finale i difetti che hanno accompagnato la serie in tutto questo suo terzo atto si sono palesati con ancora più evidenza e visibilità: l’esempio più lampante è il lavoro sciatto e modesto fatto sui personaggi di Simon e Alisha.

Misfits – 3x08 Episode EightVisto quanto accaduto durante la precedente stagione, ci si aspettava che la coppia occupasse in questa un ruolo cardine, ma tutto ciò non è avvenuto. Il coinvolgimento dei due nelle vicende è sempre stato marginale e la loro caratterizzazione è stata lasciata completamente da parte, sia singolarmente, dove entrambi hanno subito un netto appiattimento perdendo molte dello loro sfaccettature, sia soprattutto a livello della costruzione della loro coppia, praticamente assente.
Tutto ciò ha portato ad una dipartita dei due personaggi principali che non ha provocato la forte carica emotiva che ci si aspettava.
L’impatto delle due scene, la morte di Alisha e la partenza di Simon, è stato notevolmente smorzato da una gestione completamente inadeguata e scialba di tutta la loro love story da parte degli sceneggiatori: di fatto noi questa storia d’amore che “trascende il tempo” non l’abbiamo né vista né percepita tranne in qualche bacetto saltuario, e in una scena di sesso sotto la doccia di qualche secondo, arrivata, tra le altre cose, qualche attimo dopo che Alisha aveva appena scoperto che il suo ragazzo aveva baciato un’altra donna.

Misfits – 3x08 Episode EightQuesto episodio fa sorgere molti dubbi anche sul discorso del viaggio nel tempo e sulle azioni compiute da Simon: nel corso della serie è stato dimostrato più volte che è possibile cambiare il corso degli eventi e, almeno a me, sembra strano che Simon non cerchi con questo suo nuovo potere di salvare almeno una volta la vita ad Alisha invece di tornare subito indietro nel tempo.
Anche le azioni compiute nel passato da future Simon, alla luce di quanto accade in questa 3×08, non sono esenti da critiche: egli, infatti, fa di tutto per conservare lo svolgimento corretto degli eventi che, però, alla fine porterà alla morte stessa della sua amata. Sì, le salva la vita durante la seconda stagione, ma non fa niente per evitare che alla fine nel futuro venga uccisa. Ho capito che tutto è finalizzato a far rivivere l’amore continuamente nel loop temporale, ma solo a me tutta questa spiegazione sembra lacunosa, inutilmente complicata e forzata?

“Dovremo essere felici o tristi?” si chiede Rudy dopo la partenza di Simon ed io rispondo: delusi ed anche piuttosto perplessi.

Misfits – 3x08 Episode EightPer quanto riguarda il resto dell’episodio, la storyline dei fantasmi che tornano dall’aldilà per saldare i loro conti in sospeso è forse la più brutta e la meno originale dell’intera serie: non so se sia peggio Simon che si lascia sedurre ed abbindolare dal fantasma donna che lo aveva già sedotto ed abbindolato una volta e che per di più lui ha ucciso, oppure la scena melensa con i due probation worker che finalmente si ritrovano e trapassano insieme. Per non parlare del comportamento totalmente insensato del fantasma di Rachel: perché la ragazza per ottenere la sua vendetta, e quindi trapassare definitivamente, se la prende con Alisha, nonostante quest’ultima non sia stata la causa della sua morte? Piuttosto, la ragazza dovrebbe partire alla ricerca del suo vero assassino, ovvero Nathan; invece, non solo non chiede del ragazzo che l’ha uccisa, ma dopo aver minacciato di morte tutto il resto del gruppo (che lei nella 1×06 aveva tranquillamente sconfitto e convertito alla sua causa), taglia la gola alla prima “innocente” che le capita sotto tiro e dopo tutto questo scompare nel nulla in un bagliore di luce bianca – avrei preferito una nuvoletta di fumo a questo punto – come se la sua vendetta si fosse davvero compiuta. Capisco che non si può più andare a ripescare Robert Sheehan, ma non ci si poteva inventare qualcosa di più coerente e sensato?

Un finale di stagione molto al di sotto delle attese, che lascia l’amaro in bocca. L’unica nota positiva sono le scene sempre divertenti con Rudy.

Voto all’episodio 5-

Misfits – 3x08 Episode EightUna terza stagione partita bene, con la puntata incentrata su Rudy, proseguita in maniera un po’ altalenante, con episodi buoni e altri (come quest’ultimo) un po’ meno, ma che nel complesso non è riuscita a lasciare il segno. Il nuovo personaggio interpretato dal bravissimo Joseph Gilgun ha rappresentato sicuramente una delle novità positive dell’intero ciclo, e insieme a Kelly ha saputo farci divertire il più delle volte. L’addio di Alisha e Simon lascia dei vuoti per l’anno prossimo da riempire con dei nuovi personaggi; un’ottima occasione per dare la boccata di aria fresca di cui in questo momento la serie ha bisogno per risvegliarsi. Speriamo che insieme a queste new entry tornino in una posizione centrale anche i poteri, altri grandi assenti di questo terzo ciclo di cui si è sentita un enorme mancanza.

Voto alla stagione 6 –

 

Joy Black

Conosciuto anche in altre sfere del reale come Antonio Gardini Gallotti, secondo del suo nome, Hand of The King di Seriangolo e giudice losco del Fanta-GOT. Lost-dipendente in fase di riabilitazione, è poi finito per diventare Whovians irrecuperabile. Proprio seguendo le vicende dei sopravvissuti del volo Oceanic 815, è nata in lui la passione per le serie TV. Le sue preferite sono, oltre ovviamente a Lost e a Doctor Who, Breaking Bad e Battlestar Galactica. Nel frattempo si è anche laureato in Sociologia con una tesi su Black Mirror. Altri interessi: wrestling, cinema e fumetti.

3 Risposte

  1. alessala scrive:

    Per me a sto punto potrebbero chiudere qui la serie. Intanto perché sembra che non sappiano più dove andare a parare. E a rendere piatta una serie che per due stagioni ci ha coinvolto tantissimo ce ne vuole, in soli otto episodi totali! Poi, per il discorso della storia di Alisha e Simon: sono d’accordo su quello che dici che alla fine lui non tenta di fare niente per cambiare il corso degli eventi. Allora, a questo punto, visto che ora “il cerchio è completo”, la storia si potrebbe anche chiudere: i misteri relativi al Simon del futuro della seconda stagione sono stati svelati. Alisha è morta, Simon è partito e non tornerà. I due attori non ci saranno nella quarta stagione. Perché andare avanti, a questo punto?

     
  2. MarkMay scrive:

    credo che la lacuna forte di questa terza stagione siano stati proprio i poteri; poteri banali che non sono caratteristici del personaggi e che quindi non lo aiutano ad evolvere e migliorare se stesso,ma sembrano presi in superficie,come se la possibilità di avere nel gruppo il tipo che cambia i poteri (scusate non mi viene il nome xD) permetta loro di sottovalutare questo aspetto, perchè tanto possono cambiare potere quando vogliono,che però ha reso la serie quella che è (infatti l’unico personaggio che migliora rispetto al passato è curtis,guarda caso l’unico personaggio con un potere,anche se non utile,di spessore umano).
    Per quanto riguarda Simon e Alisha la loro storia non mi ha mai fatto impazzire (era bella solo la dinamica del cambiamento umano dei due) e siccome come coppia era stata idealizzata nel concetto di amore assoluto credo che il loro compito all’interno della series fosse finito qua (anche se nell’ultima puntata mi sarebbe piaciuto di più un ritorno al passato di alisha più che di simon,che avrebbe reso anche meglio il ritorno al passato di simon)…
    Spero che così facendo abbandonino definitivamente dalla series ogni riferimento ai viaggi nel tempo o cose del genere perchè è una cosa troppo complessa (nemmeno lost è riuscito a togliere ogni dubbio per cui dubito che misfits ne sia capace) e che,come con heroes,rischia di far cadere nel ridicolo le vicende(la storia della fotografia mai fatta a las vegas tra simon e alisha e dei soldi dati a simon per comprare il proprio potere sono emblematiche).

    Detto ciò però passiamo ai lati positivi: Rudy.
    Sostituire Nathan/Robert Sheenan dopo quello che ha rappresentato per noi nelle due stagioni precedenti era una cosa più impossibile che difficile;la cosa è riuscita a metà,molto bravo ed intrigante sia rudy che l’attore ma anche troppo simile a nathan in certi altri atteggiamenti;c’è da dire che anche questa volta il potere (che come misfits ci ha insegnato non deve essere figo o eclatante per essere raccontato bene,anzi) ha dato una marcia in più al personaggio;infatti qual’era il problema maggiore del predecessore nathan? il fatto di essere troppo legato al personaggio idiota e fuori dagli schemi da riuscire difficilmente ad apparire anche nel suo spessore umano,cosa che hanno fatto invece con rudy (anche se preferivo i due rudy contrastanti di inizio stagione rispetto ai due rudy in team dove sembrano più gemelli che due entità dello stesso corpo).
    Concludo dicendo che nonostante la disamina in parte negativa (ma solo riguardo la trama portante e ai poteri) TUTTI e 8 gli episodi mi siano piaciuti e mi han lasciato la voglia di seguire la season 4
    Scusate la lunghezza del post (ho la tendenza ad essere prolisso e odio sta cosa xD) ma avevo piacere a condividere questi miei pensieri

     
  3. alez scrive:

    In effetti terza serie deludente, le prime due le ho divorate questa invece è stata un poi piatta, nonostante un Rudy simpatico e con un potere azzeccato, ma comunque la perdita di nathan rimane un vuoto che non sono riusciti a colmare.
    episodio finale ridicolo, ritornati tre fantasmi e morte improvvisa di alisha, insomma davvero sono rimasto perplesso.
    Affrontare una quarta serie sarà dura, non si può certo spingere troppo nella direzione ”ammazza assistente” perchè già siamo andati ben oltre.
    Io la chiuderei qui, con l’amaro in bocca, ma ricordando comunque con grande piacere misfits.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *