Once Upon a Time – 2×10 The Cricket Game 3


Once Upon a Time – 2x10 The Cricket GameLa pausa natalizia deve aver fatto bene a Once Upon a Time, tornata alla ribalta grazie ad un episodio che riesce brillantemente a mescolare azione ed approfondimento, personaggi e magia. Tutto questo è “The Cricket Game”, una puntata incentrata sulla figura di Regina.

Questo episodio riprende le storie lasciate nella prima parte della stagione, liquidando (fortunatamente) in modo molto rapido le disavventure di Emma e Mary Margaret nel mondo delle favole, che ben scarso appeal avevano avuto sul pubblico. Si ritorna a Storybrooke in una situazione più rilassata, almeno in apparenza. Sì, perché Cora ed Uncino, pur essendo arrivati nel Maine a bordo di un vascello (poi reso invisibile), scelgono un basso profilo, non palesandosi ancora ai loro rispettivi obiettivi.

Once Upon a Time – 2x10 The Cricket Game

E Once Upon a Time torna a fare ciò che sa fare meglio, ossia creare una trama più articolata di quella che parrebbe in prima istanza e nel frattempo costruire ed approfondire i propri personaggi. L’ottimo lavoro che viene fatto anche questa volta intorno alla figura di Regina è funzionale anche per mettere a confronto due famiglie completamente diverse, accomunate dall’essere del tutto disfunzionali.

Dei progetti di Cora se n’è già parlato nello scorso episodio, ma diventano adesso tristemente palesi: totalmente convinta che Regina debba seguire il percorso da lei tracciato, fa di tutto – con successo – per spezzarle il cuore, per metterla in una situazione di disperazione tale che le sue suadenti parole e soprattutto il fascino della Magia possano nuovamente farla tornare all’ovile. L’idea di far fuori colui che è stato definito come il più buono della compagnia, Archie, (poco credibile per le modalità in cui è stata messa in atto scenicamente, ma efficace per i progetti successivi) coglie nel segno: Regina si ritrova tutti contro, perdendo anche l’unica persona che finora aveva provato a difenderla, ossia Emma.

Once Upon a Time – 2x10 The Cricket GameÈ proprio lo scontro con Emma, verbale e magico, che porta alla luce la sconfitta di Regina, ora costretta a fuggire dal suo stesso “feudo”. La sua disperazione è un pugno allo stomaco per lo spettatore che sa benissimo quale sia la realtà a cui i personaggi, inevitabilmente, non possono per ora arrivare.

Perfetto contraltare di quanto succede a Storybrooke è la cattura di Regina nel mondo delle favole e la sua mancata esecuzione. Lì la donna è così avvinta dalla scarsa lucidità, dalla sete di potere e di vendetta da non voler rinunciare nemmeno per un secondo ad una sua esteriore superiorità. Nemmeno l’intervento del padre, sempre un po’ vigliacco e debole, riesce a farle cambiare idea: solo la rinomata bontà di Biancaneve le permetterà di andarsene e di salvarsi, nonostante tutti i tentativi per redimerla. È per questo che Mary Margaret e Charming sono strenuamente convinti che Regina abbia ucciso Archie: loro non considerano nell’equazione la “costante” rappresentata dal figlio. La differenza è tutta in questo: anche se non ne è madre naturale, Regina si sente legata davvero al piccolo e fastidioso Henry. E questo cambia tutto.

Once Upon a Time – 2x10 The Cricket Game

I problemi familiari, però, non sono solo prerogativa di Regina, ma hanno anche a che fare con Emma. Se strappa un sorriso il trauma infantile a 28 anni, effettivamente le cose tra figlia e genitori non sono del tutto chiare e limpide; e quel che è peggio è che Emma non può più negare un rinato sentimento materno nei confronti di Henry, balzato in cima alle sue preoccupazioni. È molto convincente la sua difficoltà nel dover parlare con lui sapendo di ferirlo dicendogli la verità su Regina: si rende evidente come la ragazza, che già sul fronte genitoriale ha sofferto molto, non sappia come comportarsi come madre; un percorso che, da quel lontano pilot, ha attraversato una serie e mezza. Ed è ora, finalmente, cresciuta.

Once Upon a Time – 2x10 The Cricket GameIn tutto ciò, non possiamo dimenticarci di Tremotino, una figura presente un po’ ovunque ed in qualsiasi occasione. Se per buona parte della prima stagione ci siamo chiesti il senso del suo comportamento, adesso siamo ben consapevoli del fatto che sia alla ricerca del figlio Bae. Quel che ci viene donato, di tanto in tanto, è il come sia arrivato a manipolare chiunque, ma proprio chiunque, per raggiungere i suoi scopi: colpo di genio l’aver reso impossibile a Regina uccidere Biancaneve… in quel mondo. Bisognerà adesso capire come si evolverà tale personaggio non solo in rapporto al redivivo sentimento per Belle, ma soprattutto in attesa della vendetta di Uncino.

Questo decimo episodio di Once Upon a Time ci permette di tornare rapidamente nello spirito della serie, tralasciando ma non dimenticando le difficoltà della prima parte della stagione. I semi positivi sono stati piantati.

Voto: 8+

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti su “Once Upon a Time – 2×10 The Cricket Game

  • moonacre

    sono perfettamente daccordo con te. buona recensione!
    ma io non ho capito il titolo, che centra il gioco del cricket? si riferisce forse allo sport praticato dalla regina di cuori in cui lei deve vincere sempre e comunque? sinceramente non mi sembra molto azzeccato.

     
  • xfaith84

    Cricket vuol dire Grillo, infatti il nome del grillo parlante disney (e mi sembra l’abbiano detto anche in ouat qualche volta) è Jiminy Cricket! Quindi si riferisce al nostro amico non-ucciso da Regina =)

     
  • moonacre

    ah è vero!!!!! certo che significa grillo, ma non ci avevo pensato perchè per prima cosa mi era venuto in mente lo sport e mi sono fermato lì. allora il titolo è un gioco di parole, riferito quindi al cricket praticato dalla regia di cuori in cui lei risulta essere sempre e comunque la vincitrice, e il trucco da lei giocato sul grillo perlante. adesso mi sembra un titolo perfettamente azzeccato!