Shameless – 3×03 May I Trim Your Hedges 1


Shameless – 3x03 May I Trim Your HedgesFrank cattivo, Frank buono. Fiona donna, Fiona ragazzina. Love story e commedia al vetriolo. Dramma generazionale e affresco sulla Chicago fuori dai grattacieli. Shameless frulla tutto, rimodella una vastissima moltitudine di elementi e li sputa in un caleidoscopio tagliente ed esilarante che, anche in questa seconda stagione, non smette di stupire.

 

Frank, padre di famiglia, straccione e opinion leader dei bassifondi, è sicuramente la figura più contraddittoria, nonché quella maggiormente sotto i riflettori, soprattutto perché interpretata dalla star della serie, William H. Macy. Se nella prima stagione gli autori sono riusciti a stupire con scherzi di cattivo gusto e dall’ironia brillante, ma pur sempre leggera, dalla seconda stagione e in questa terza il gioco si è fatto pesante. In quest’episodio Frank tenta di utilizzare il figlio down della sua ex compagna, nonché presunto suo nipotino, cosa poi smentita dagli evidenti lineamenti orientali del neonato, per far soldi. Come se non bastasse, dopo avere fatto un buco nell’acqua col neonato, prova a convincere il figlio Carl di essere affetto da un cancro, gli fa rasare i capelli e prova a cavarci fuori dei soldi. Nonostante la crudeltà di tali azioni, la capacità degli autori di sdrammatizzare il tutto con un registro grottesco e ilare rende queste scene gradevoli e in certi casi addirittura spassose. Proprio nella figura di Frank è rintracciabile una delle componenti maggiormente innovative del genere a cui Shameless fa riferimento, il dramedy.

Shameless – 3x03 May I Trim Your HedgesDrama

Per esser tale il suddetto genere non deve avere decisive sproporzioni tra i due filoni da cui deriva, bensì deve riuscire a collaudare perfettamente una miscela che sappia fondere le componenti drammatiche con quelle comiche. Per quanto riguarda le prime la vicenda di Fiona è senza dubbio quella principale e anche in questa puntata emerge in maniera dominante: la giovane donna, sorella maggiore di una numerosa prole e madre putativa auto-elettasi per necessità, è il simbolo di una Chicago insolita, quella dei sobborghi degradati in cui si vive arrangiandosi e dove spesso bisogna scendere a compromessi indecorosi anche per il lavori più miseri. Il suo posto è però ‘insidiato’ da Lip, ormai non più ragazzino e voglioso di ricoprire ruoli di responsabilità all’interno della famiglia. Da questo punto di vista è emblematico il discorso che fa a Jimmy, mettendosi dalla parte del protettore dell’equilibrio del focolare domestico da una parte e dell’integrità psicologica della sorella dall’altra. Della componente drama fa parte anche l’interazione tra la piccola Debbie e Kyle, presunto figlio di Kev, i quali, rimasti soli al parco giochi parlano del sesso e dell’adultità con una sincerità a tratti commovente.

Comedy

Shameless – 3x03 May I Trim Your HedgesDall’altro versante della generificazione della serie trasmessa da Showtime invece si ride parecchio. Gli stessi protagonisti delle questioni irrisolte di carattere famigliare, economico, esistenziale, sono gli attori principali dei momenti più esilaranti e anche questo episodio ne è la dimostrazione. Su tutti la spedizione punitiva ad opera di una ‘squadra di vendicatori’ diretta a tutti i pedofili del quartiere (dovuta ai traumi di Debbie) che finisce a casa di un’ex professoressa biondina con la passione per i ragazzini più giovani. L’incontro tra i warriors e la ragazza è uno dei ‘momenti Shameless‘ dell’episodio, seguito poi dall’idea di Lip di far impazzire la donna corteggiandola per poi incastrarla con delle foto probanti. Anche in questo caso la mission non va per il verso giusto in quanto le perversioni sessuali della ragazza travolgono la razionalità di Lip fino a ribaltare i rapporti di forza tra i due. Questo segmento, come tanti altri nell’episodio e nella serie intera, fa anche da pretesto per mostrare in abbondanza scene di nudo, un’operazione di fan service che ormai si è affermata come una peculiarità distintiva di Shameless.

Ciambelle senza buco

Shameless – 3x03 May I Trim Your HedgesL’unico anello debole della catena di questa settimana riguarda le vicende legate a Kev e V. Una donna bionda con un bambino suona improvvisamente alla porta di casa loro dicendo di essere la moglie di Kev; la cosa fa imbestialire V; come se non bastasse il ragazzino, Kyle, potrebbe essere figlio di Kev; la faccenda si risolve con un nulla di fatto, una scazzottata tra V e la bionda presunta moglie, dopo che questa ha dichiarato che il ragazzino è addirittura il figlio di sua sorella. Il tempo impiegato per dispiegare questa storyline non è poco e soprattutto è vanificato dal pochissimo interesse che questa vicenda porta con sé.

L’episodio però si chiude in bellezza con la vendetta di Mandy, che in barba a tutti i perbenismi e al politically correct assolda un pugno di criminali per scavare una fossa nel giardino della ex professoressa che è andata a letto col suo Lip e metterle paura fino a farla partire da Chicago.

Voto: 7,5

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Attilio Palmieri

Di nascita (e fede) partenopea, si diploma nel 2007 con una tesina su Ecce Bombo e l'incomunicabilità, senza però alcun riferimento ad Alvaro Rissa. Alla fine dello stesso anno, sull'onda di una fervida passione per il cinema e una cronica cinefilia, si trasferisce a Torino per studiare al DAMS. La New Hollywood prima e la serialità americana poi caratterizzano la laurea triennale e magistrale. Attualmente dottorando all'Università di Bologna, cerca di far diventare un lavoro la sua dipendenza incurabile dalle serie televisive, soprattutto americane e britanniche. Pensa che, oggetti mediali a parte, il tè, il whisky e il Napoli siano le "cose per cui vale la pena vivere".


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Shameless – 3×03 May I Trim Your Hedges

  • MarkMay

    Questo terzo episodio è stato secondo me il migliore fino ad ora di questa terza serie… La storyline della pedofila è stata fenomenale (però ha ragione Lip, trattandosi di una donna abbiamo potuto riderne,osservare e guardare con cauta indifferenza tutta la scena, ma se quella professoressa fosse stato un professore???) ed il messaggio fatto passare sicuramente forte… A me non è dispiaciuta nemmeno la storyline di Kev, certo il fatto che si sia già conclusa in questo episodio le fa perdere un pò di smalto, però devo dire che a me aveva instaurato il dubbio che potesse finire la loro storia (non tanto per la bionda o per V, tanto per Kev che in queste questioni è proprio stupido xD).
    Per il resto tutto è filato liscio, con il povero Frank intento nell’ennesimo tentativo di sfruttare la sua situazione familiare (che però critica fortemente l’ipocrisia della società, intenta a fondarsi sul concetto di famiglia, quando Shameless dimostra come queste fondamenta siano fatte di cartone); la cosa fenomenale di Frank Gallagher/William H Macy è proprio quella di rendere il personaggio fenomenale… Pensate a cosa sarebbe capace di fare se invece di ingegnarsi in questo modo per recuperare alcool o soldi per potersi sbronzare si impegnasse così tanto per un qualcosa di utile (stesso discorso da fare a Lip)???

    A proposito di Lip, il suo è un personaggio di una complessità ancora tutta da scoprire… é bello il suo modo di confrontarsi/scontrarsi con Fiona sulle priorità della famiglia, ma quando lui ha avuto la possibilità di far svoltare la famiglia Gallagher (andando all’università e laureandosi e sistemando tutti) ha detto che non voleva essere la gallina dalle uova d’oro da sfruttare. Può sembrare incoerente questo atteggiamento rispetto a quanto fatto da lui finora, ma credo invece che lui tenga veramente più alla sua famiglia che a se stesso, e probabilmente sa che una situazione di benessere potrebbe guastare paradossalmente questo equilibrio nella famiglia. D’altronde è abbastanza risaputo che nel momento del bisogno ci si unisce, mentre in una situazione di benessere ci si disgrega, forse ha veramente paura di perdere l’affetto della sua famiglia… é una cosa che mi ha sempre fatto riflettere molto