Shameless US – 3×04/05 The Helpful Gallaghers & The Sins of My Caretaker 2


Shameless US – 3x04/05 The Helpful Gallaghers & The Sins of My CaretakerSe c’è un cosa che Shameless non ha difficoltà a riproporre ciclicamente è la coralità dei suoi protagonisti. Gli ultimi due episodi sono stati confezionati in modo quasi impeccabile, votati all’entertainment più immediato ma con un background di spunti di riflessione sempre presente. Questo prodotto, fresco di rinnovo, regala decise conferme ogni (maledetta) domenica.

“All we can do is carry on”

Questa terza stagione non accenna battute di arresto da un punto di vista di puro intrattenimento. La ricetta vincente è la solita: i dosaggi di drama e comedy risultano sempre di precisione maniacale, per un prodotto che diverte molto con un rendimento pressoché costante. The Helpful Gallaghers e The Sins of My Caretaker non fanno eccezione in questo senso.


3×04 –
The Helpful Gallaghers

Shameless US – 3x04/05 The Helpful Gallaghers & The Sins of My CaretakerLo stile parodistico/caricaturale è padrone indiscusso delle trame introdotte nelle ultime settimane, basti pensare a quanto Frank stia toccando nuove vette di immoralità, prendendo a schiaffi etica e buongusto con la finta malattia di Carl. Il ragazzo, mai stato così protagonista finora, mostra tutto il suo allarmante e precoce cinismo nel camp per malati terminali a cui partecipa, proponendo una mini-rivoluzione, basata sul semplice principio (sacrosanto!) secondo cui un bambino moribondo merita di vedere soddisfatto ogni suo desiderio. Non manca, in questa breve storyline, la critica a certi stereotipi da campeggio e alle ipocrite promesse da brochure. Sullo sfondo nasce una sincera amicizia fra Hanley e Carl, innescata dalla mission in pieno stile Shameless (quindi irriverente) del giovane Gallagher: mostrare un vero seno all’amico prima che questi muoia (“This is the final party”). Ma in questo show è tutto relativo e l’ambivalenza drama/comedy è spinta all’estremo; il lato comico è talmente straniante e ben congegnato che le prime lacrime dell’episodio non sono versate per il cancro di Carl o per il triste lutto della “sorellastra” di Mandy; il primo pianto è quello della povera Sheila, in un momento di drammatica astinenza da sex toys.

Shameless US – 3x04/05 The Helpful Gallaghers & The Sins of My CaretakerCarl e Fiona, in questo episodio, hanno situazioni più convergenti del solito: entrambi si ergono a piccoli rivoluzionari contro i soprusi altrui. E se il piccolo Gallagher fa disastri al camping, Fiona prova a combattere il sex mobbing del viscido Bobby senza alcun successo. Quest’ultimo tema è tragicamente attuale, e altrettanto allineato al tipico sfascio dell’etica lavorativa in tempi di crisi: una situazione talmente agghiacciante da rendere ammissibile – per alcune – la molestia settimanale, a patto di compensare con qualche benefit. Qui Shameless si conferma, seppur con le dovute approssimazioni, una sincera finestra sul crollo morale della middle class e della figura femminile, confermando di fatto la bontà della scelta di alternare commedia e critica sociale.

Shameless US – 3x04/05 The Helpful Gallaghers & The Sins of My CaretakerCome Fiona, anche Lip vuole fare la cosa giusta, in questo caso per “l’ambigua sorellastra” di Mandy, dimostrando – oltre alla consueta dose di coraggio – anche un’affezione crescente per la rampante Milkovich. L’intera vicenda del prelievo della ragazzina/o è l’ennesimo, tipico esempio di relativismo shamelessiano: il confine fra sequestro di persona (fatto tecnico) e il bene della stessa, allontanata dalle potenziali molestie di Milkovich Senior (fatto umano), è infatti decisamente sottile. Questione di punti di vista.

 

3×05 – The Sins of My Caretaker

Il quinto episodio è una piccola, brillante perla: probabilmente la migliore puntata di questa stagione. The Sins of My Caretaker è divertente, sagace e molto critico allo stesso tempo. In questa meravigliosa fioritura dell’assurdo corale c’è spazio davvero per tutto. E a pensarci bene la frase-simbolo dell’episodio (Fiona: What the fu*k?) è un’istantanea assolutamente perfetta per rappresentare il climax tragicomico raggiunto, una sincera diapositiva di ciò che Shameless rappresenta, con un occhio di riguardo ai falsi moralismi. Dopotutto si tratta ancora una volta di punti di vista: lo spettatore sa che tutto ciò che avviene – a fine episodio – nella cucina dei Gallagher è più o meno giustificato dal corso degli eventi; la povera assistente sociale invece è ovviamente testimone di qualcosa di folle a causa del tipico punto di vista esterno e pregiudiziale.

Shameless US – 3x04/05 The Helpful Gallaghers & The Sins of My CaretakerAnche in questa puntata sono diversi i momenti di pura commedia, innescati spesso dalla semplice giustapposizione di personaggi clamorosamente slegati, calati nello stesso ambiente e spinti ad interagire. Basti pensare alla suora-blogger-che-ha-fatto-il-voto-del-silenzio affidata alle cure della povera Sheila, una donna che non riesce a trattenersi dal piazzare dildos nei vuoti del suo partner (guarda caso un former sex addict). Spiccano inoltre altri momenti di magistrale assurdità, come la scena dell’auto-inseminazione della madre di V, o il naturalissimo fist pump con cui Frank risolve la questione della malattia di Carl.

Shameless US – 3x04/05 The Helpful Gallaghers & The Sins of My CaretakerLa grandezza dell’episodio è inoltre confermata dal fatto che, nonostante la divertita incredulità con cui assistiamo alla maggior parte degli eventi, è comunque riservato uno spazio abbondante (e sacrosanto) a riflessioni empatiche su temi assolutamente scottanti come bullismo e (omo)sessualità. Fiona e Debbie introducono il primo topic, entrambe vittime di mean girls decisamente meno furbe (le prime perché si arrendono alla molestia, le seconde perché per poco affogano: “Nobody fuc*s with the Gallaghers”). Il sesso in generale è affrontato in maniera più seriosa del solito e da più angolature: Frank e Carl si preoccupano di definire l’omosessualità, Jimmy rimane traumatizzato da quella del padre, Debbie si ricorda in prima persona che presto diventerà una donna, Kev e V cercano disperatamente un figlio e la piccola Molly – ciliegina su questa torta dell’assurdo – urina in piedi.

Tutta questa carne al fuoco è sapientemente gestita e condita da monologhi e dialoghi ad effetto (il voice mail di Lip a Karen, lo sfogo di Fiona contro Jimmy). I 60 minuti di episodio scorrono sempre veloci e piacevoli; e a ricordarci che dopotutto questo show è anche uno spasso estetico, cromatico e sonoro ci pensano espedienti come montaggi “furbi”, jumpcut, soggettive da action-cam grandangolari e un approccio molto rock e loud alla colonna sonora.

Shameless insomma continua a divertire con brillante intelligenza.

Voto 3×04: 8

Voto 3×05: 8 ½ 

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Mattia Cenacchi

"The piano hit a chord, his mouth quivered, he looked at us with an expression that seemed to say - Hey now, what's this thing we're all doing in this sad brown world? -. And then he came to the end of the song"


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Shameless US – 3×04/05 The Helpful Gallaghers & The Sins of My Caretaker

  • MarkMay

    Recensione perfetta… L’unica cosa che ti voglio correggere però è questa, ed è la frase che Debbie dice all’assistente sociale: “Nobody F with the Gallaghers” 😀

    Cmq a parte gli scherzi son d’accordissimo con la recensione, e la cosa che più mi fa ben sperare è ciò che porterà il finale di questa quinta stagione… Proprio ad inizio stagione mi lamentavo di come non ci fosse modo nella storia di trovare lo sbocco giusto per poter far maturare i personaggi nella dovuta maniera; beh, anche se con un pò di ritardo (viste le condizioni della famiglia una deviazione del genere l’avremmo potuta trovare nella storia anche prima), questa nuova prospettiva della famiglia divisa è proprio lo sbocco che io personalmente aspettavo… Sono molto curioso di vedere come reagiranno tutti a questa nuova situazione, e spero vivamente che questa divisione non danneggi la coralità (soprattutto in personaggi secondari ma fondamentali per la serie come Kev, V e Sheila), forse il punto di maggior forza della serie.

     
  • Glenn L'autore dell'articolo

    Vero! Infatti già dagli spoiler di fine puntata si può immaginare che questo breaking point sarà abbastanza sconvolgente per gli equilibri della family, oltre che un bel combustibile per accelerare certe vicende. Come sempre il big bang è Frank!

    Vedremo dove andranno a parare: in John Wells we trust!