Glee – Stagione 4 Episodi 20-22

Glee - Stagione 4 Episodi 20-22Con il ventiduesimo episodio, si chiude questa quarta stagione di Glee. La serie targata FOX continua non solo a non convincere, ma a rappresentare con dovizia di particolari come non debba essere una serie televisiva.

Don’t stop believin’”, dice la canzone dei Journey diventata simbolo di questa serie TV: ed ora è quanto mai difficile continuare a crederci, a causa di una serie di errori che hanno condotto Glee sulla via del non ritorno. Se già la terza stagione non aveva certamente brillato per coerenza interna e passione, non si può in alcun modo dire che con questo quarto anno le cose siano andate meglio, anzi.

Gli ultimi tre episodi della quarta stagione sono simbolo perfetto di tutti i pregi (pochi) e difetti (troppi) che questa serie si porta con sé. Farne un elenco dettagliato sarebbe estremamente impietoso e quindi voglio soffermarmi su tre punti: personaggi, prospettiva sociale e musica, ossia i tre elementi cardine che hanno avuto più largo spazio e centralità in Glee.

Glee - Stagione 4 Episodi 20-22Sul fronte personaggi si può dire che lo sfacelo sia parziale ma avanzato: come già evidenziato fin troppe volte nelle passate recensioni, gli autori si staranno mangiando le mani (e forse la FOX con loro) per l’improvvida decisione di separare le storyline tra Lima e New York, regalando la nuova location proprio ai personaggi più amati della serie, quella Rachel, quel Kurt e quella Santana che avrebbero tranquillamente retto sulle proprie spalle uno spin-off di sicuro successo. Dato che così non è stato, l’attenzione del pubblico si è immediatamente orientata verso le vicende nella Grande Mela lasciando al liceo storico le briciole. Questo ha costretto ad operazioni correttive di scarsissimo successo che hanno portato alcuni personaggi ad essere totalmente snaturati e fuori parte: non voglio soffermarmi particolarmente su Sam e Brittany (e l’ultima trovata sulla genialità di quest’ultima non lascia nemmeno più basiti) pronti ad essere ricoverati, ma colui che ha subito maggiormente il nuovo corso è il personaggio di Will. L’unico adulto del gruppo è arrivato a regredire così tanto da non avere più amici della propria età, finendo col vedere nei suoi studenti la propria famiglia ed i propri affetti, come se tutto questo fosse normale e sano (ed il matrimonio con Emma nella stanzetta del Glee Club non è romantico, è triste). Non ha certamente aiutato il depotenziamento di Sue Sylvester che, anche prima di essere eliminata dalla scuola, aveva perso enormemente mordente.

Glee - Stagione 4 Episodi 20-22Sul fronte dei ragazzi, abbiamo visto di tutto: triangoli amorosi, tradimenti, inganni, amicizie nate e finite in un episodio, amori lampo. Nulla di tutto questo è riuscito a dare profondità a dei personaggi – soprattutto i nuovi arrivati – che profondità non ne hanno, con una dose di schizofrenia divenuta ormai tipica della serie; schizofrenia che colpisce anche chi sembrava esserne immune come Blaine o Artie. Segno evidente della pochezza di scrittura e della debolezza dei nuovi personaggi (di cui potevamo anche farne a meno) è il continuo apparire/sparire delle vecchie glorie, il cui ruolo di attrattiva per il pubblico è evidente: Mercedes, la cui grandiosità vocale non è mai stata particolarmente valorizzata dalle storie che la riguardano, arriva e se ne va senza colpo ferire e con una storyline così debole da far dubitare che esista.

Glee - Stagione 4 Episodi 20-22Secondo punto di interesse è la volontà di inserire alcuni argomenti che sforano nel sociale per mostrarne una chiave di lettura bonaria e gesuita, ma che ha sempre avuto il pregio di portare all’attenzione del pubblico più giovane alcuni argomenti di grande delicatezza: negli anni passati abbiamo visto temi come l’omosessualità, il bullismo, la malattia, la gravidanza trattati con estremo tatto e con quel pizzico di ironia che permetteva all’intero carrozzone di non finire nel melenso. Ebbene, questa capacità sembra essere stata completamente smarrita quest’anno: quando si sono affrontati temi delicati come la transessualità, la gravidanza mancata o le sparatorie nella scuola si sono raggiunti dei tali livelli di pateticità che il solo effetto sortito è stato quello di depotenziare completamente il messaggio in favore della ricerca della lacrima facile (il che lascia il tempo che trova). Per non parlare poi del sesso, mai come quest’anno vissuto in maniera pruriginosa o con una lente non troppo positiva: come altrimenti spiegare, oltre all’odio evidente degli autori per tale personaggio, la violenza con cui è stata trattata la necessità di Brody di prostituirsi? Con un evidente giudizio negativo che si era già evinto in parte con Sam ed il suo periodo da stripper, Brody viene condannato senza appello e senza nemmeno cercare di capire le sue ragioni.

Glee - Stagione 4 Episodi 20-22Essendo la forza di Glee, l’ultimo punto da mettere in risalto è il comparto musicale che ha permesso al cast di viaggiare per l’America e l’Europa attraverso concerti, oltre che assicurare alla FOX altri introiti economici con i numerosi CD messi in vendita. Ebbene, è proprio sul fronte musicale che si registra la crisi vera e propria della serie: se in passato si passava con estrema tranquillità da Britney Spears alla Streisand, da Madonna ai Queen, il tentativo di monetizzare ogni singolo membro del proprio pubblico giovane è arrivata al punto di annullare – o quantomeno ridurre drasticamente – la ricerca di una musica più di nicchia o comunque non propriamente contemporanea a favore della modernità e del pop a tutti i costi. Qualsiasi canzone sia finita nella classifica Billboard è stata cantata all’interno della serie e non bastano alcuni episodi straordinari a cambiare tale sensazione rispetto al passato. La qualità delle canzoni e l’invenzione musicale, che avevano permesso a molte canzoni di Glee di avere quasi più successo delle originali (Don’t stop believin’ ha quantomeno vissuto una seconda giovinezza), sono state piegate in favore della monetizzazione che ha fatto smarrire una delle qualità più forti e stringenti della serie. Ecco perché nulla hanno a che vedere le canzoni di queste Regionali con quel mash-up dei Journey nella prima stagione: c’è un’era che le separa.

Glee - Stagione 4 Episodi 20-22Tre episodi, questi finali della quarta stagione, che sono perfetti per evidenziare tutte le maggiori difficoltà della serie che, a fronte di un rinnovo per ben due stagioni consecutive, si trova sicuramente in una serissima crisi che coinvolge un po’ tutti i differenti livelli. Glee ci lascia così con uno pseudo cliffhanger del tutto insoddisfacente, ossia una ridicola volontà di Blaine di fare la proposta di matrimonio a Kurt e l’attesa per il risultato del provino di Rachel. In sostanza, nemmeno il finale è in grado di spingerci verso la prossima stagione. Per chi avrà la forza di continuare.

Voto 4×20:5
Voto 4×21:5
Voto 4×22:5-
Voto 4° Stagione: 4

 

Mario Sassi

Napoletano trapiantato da anni a Roma, non nasconde la sua anima nerd e la sua passione per serie TV e cinema.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *