Comic Con 2013 – Dexter

Comic Con 2013 - DexterArrivata all’ultima stagione, è giunto il momento per Dexter di salutare i suoi fan al Comic Con di San Diego. L’incontro, più che concentrarsi sul finale ormai prossimo, ha celebrato gli otto lunghi anni della serie, con la presenza di molti attori del passato, non annunciati alla vigilia.

Al panel sono stati presenti fin dall’inizio: Michael C. Hall (Dexter), Jennifer Carpenter (Debra), Desmond Harrington (Quinn), David Zayas (Angel Batista), Aimee Garcia (Jamie Batista) e Yvonne Strahovski (Hannah McKay), insieme ai produttori esecutivi Sara Colleton, Scott Buck, Manny Coto e Clyde Phillips. A sorpresa si sono uniti poi a loro anche Julie Benz (Rita Morgan), Lauren Velez (Maria LaGuerta) ed Erik King (James Doakes) – “Surprise, Motherfucka”.

Comic Con 2013 - DexterAssente in sala, invece, John Lithgow (Trinity) che però ha inviato un breve e simpatico video, esordendo con un divertente “Hello, Dexter Morgan… fans”. “Avrei voluto essere lì, ma sapete… sono morto” ha aggiunto scherzosamente, ringraziando sentitamente i fan per poi concludere ancora con ironia dichiarando: “non c’è giorno che qualcuno non mi riconosca come uno psicopatico e di questo devo ringraziare la serie e tutti voi”.

L’incontro è stato all’insegna della celebrazione della serie, dove si è parlato molto poco sugli ultimi episodi, ma piuttosto si sono ricordati gli avvenimenti principali degli 8 anni della serie (con tanto di video con i momenti salienti della serie e le uccisioni principali di Dexter), per dare un ultimo dovuto saluto ai fan.

Alcuni di noi ancora non hanno realizzato che è finita. Siamo come sospesi”, ha dichiarato la excutive producer Sara Colleton. Michael C. Hall ha aggiunto in proposito: “una parte del nostro inconscio non ha ancora realizzato che è arrivata la fine”.

Lauren Valez ha parlato poi della dipartita di Maria LaGuerta: “Volevo dare il meglio e onorare degnamente il personaggio. La scrittura era così intensa e bellissima. Ho cercato di viverla, di sentirla e dare il meglio possibile sul set”. “E’ stata dura sapere di essere arrivata alla fine”, ha concluso la Valez, “ma non è stato dura interpretarla, perché ho adorato la parte”.

Senza rivelare quale sarà il destino del suo personaggio, Jennifer Carpenter ha rivelato di sperare nella morte di Debra: “Lo voglio in quanto attrice, perché la amo. E’ un po’ come Dexter agisce con le sue vittime: voglio che tocchi il fondo dell’abisso e non chiamare fra otto anni Scott Buck e chiedere di fare una scena dove lei è felice”.

Comic Con 2013 - DexterErik King ha dichiarato: “Sono stato solo due anni nello show, ma è come se ci vivessi ancora… come se Doakes in realtà non fosse mai morto”. L’attore ha poi aggiunto, scherzando e ringraziando i fan: “voi mi avete tenuto in vita per altri sei anni”. Nel corso dell’incontro King si è anche complimentato con Hall per l’ottimo lavoro sul set e per la sua etica lavorativa.

Aimee Garcia ha invece parlato ironicamente della sua parte nello show “Sono onorata di esplorare il personaggio di Jamie in tutti i suoi aspetti… specie le sue nudità”.

Hall si è divertito ad immaginare un futuro spin-off di Dexter “Tra 25 anni ci sarà una nuova serie intitolata Harrison e visto che Dexter sarà morto, interpreterà il padre interiore”.

L’unico spoiler (ATTENZIONE A PROSEGUIRE LA LETTURA) del panel è arrivato da Yvonne Strahovski che ha rivelato che il suo personaggio ritornerà per vendicarsi, e le sue motivazioni verranno rivelate.

L’ultimo saluto è stato ovviamente affidato al protagonista Michael C. Hall che ha ringraziato i fan con queste parole: “Tutti voi siete stati qui tutti in fila per noi, ma noi siamo stati qui per voi, anzi noi siamo qui grazie a voi. E di questo non possiamo che ringraziarvi moltissimo”.
Ecco il video della fine del panel:

Fonte TvLine, Youtube e Variety

 

Joy Black

Conosciuto anche in altre sfere del reale come Antonio Gardini Gallotti, secondo del suo nome, Hand of The King di Seriangolo e giudice losco del Fanta-GOT. Lost-dipendente in fase di riabilitazione, è poi finito per diventare Whovians irrecuperabile. Proprio seguendo le vicende dei sopravvissuti del volo Oceanic 815, è nata in lui la passione per le serie TV. Le sue preferite sono, oltre ovviamente a Lost e a Doctor Who, Breaking Bad e Battlestar Galactica. Nel frattempo si è anche laureato in Sociologia con una tesi su Black Mirror. Altri interessi: wrestling, cinema e fumetti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *