Comic Con 2013 – Game of Thrones

Comic Con 2013 - Game of ThronesAl Comic Con di San Diego 2013 è tempo della saga fantasy di maggior successo del momento in ambito televisivo: Game of Thrones. La serie si presenta con un panel interessante che chiarisce alcuni elementi caratteriali dei personaggi, ma che prevedibilmente non rilascia alcuna anticipazione sulla quarta stagione. 

Il panel di Game of Thrones quest’anno è stato moderato da Elvis Mitchell, critico cinematografico, e ha visto la partecipazione degli autori Weiss e Benioff, degli attori Peter Dinklage (Tyrion Lannister), Michelle Fairley (Catelyn Tully), Kit Harington (Jon Snow), Rose Leslie (Ygritte), Richard Madden (Robb Stark), Emilia Clarke (Daenerys Targaryen), John Bradley (Samwell Tarly) e chiaramente lui, l’autore dell’intera saga, George Raymond Richard Martin (salutato dal moderatore con un sincero “bastardo senza cuore”). Assente annunciato – a differenza dell’autore che sembrerebbe averlo sostituito – è Nikolaj Coster-Waldau (Jaime Lannister).

Il panel si è aperto con il video “Hard to Say Goodbye to Yesterday” che raccoglie tutti I personaggi morti nel corso delle tre stagioni finora trasmesse. Impossibile non soffermarsi ad omaggiare gli attori che hanno incarnato i due personaggi fondamentali morti in questa stagione, ossia Madden e Fairley per la loro straordinaria interpretazione di Robb e Catelyn Stark.

Dopo aver ribadito la centralità del copione (molti degli attori, infatti, non hanno letto i libri né intendono farlo fino alla fine del loro ruolo nella serie), Rose Leslie ha ribadito che per Ygritte il tradimento di Jon Snow è stato lancinante: probabilmente la donna non poteva accettare che il bastardo di casa Stark fosse ancora davvero fedele a Westeros.

Comic Con 2013 - Game of ThronesLa conversazione si è chiaramente spostata poi sulle Nozze Rosse: per Weiss e Benioff è stato il perno dell’intera narrazione per tutte le stagioni precedenti ed hanno implorato David Nutter di dirigere quelle scene così importanti. La Fairley ha poi raccontato la sua esperienza paragonandola “ad una partitura musicale: devi trovare la tua strada per affrontarla”, soffermandosi sul forte impatto emotivo che ha avuto per lei l’arrivo delle “Piogge di Castamere” (riarrangiata dal compositore Ramin Djawadi che si è occupato anche delle altre musiche della serie).

John Bradley ha poi parlato dell’eroismo del suo Sam: “Penso che Sam sia sempre stato un eroe. Credo che ci sia una forma di coraggio nell’attaccare il nemico con tutto se stesso e scongiurare ogni vibrazione negativa, ma credo sia a volte più coraggioso subire le punizioni, essere considerato il perdente per tutto il tempo. E Sam è molto più così”. La scelta di usare l’ossidiana non è stata legata ad una qualche conoscenza, ma dal coraggio e dalla paura insieme: “È stato fortunato nel trovare l’arma giusta”.

Si passa poi a parlare di figure paterne. Se Harrington sostiene che Jon Snow diverrà indipendente dall’idea di cercare continuamente una figura genitoriale, Dinklage sostiene che Charles Dance è stata la scelta perfetta per rappresentare Tywin Lannister. “Girare scene con lui è sempre emozionante, sono scritte terribilmente bene”; inoltre crede che “ciascuno dei tre figli di Tywin siano tre parti di un tutto; ciascuno di loro manca in qualcosa che gli altri due possiedono”.

Comic Con 2013 - Game of ThronesTocca quindi alla Clarke e alla conquista di Astapor: “Penso che Daenerys sia molto cresciuta, chiede meno consigli ed ascolta molto più se stessa – e la cosa è straordinaria da recitare, considerando com’era partita nella prima stagione”.

Mitchell ha chiesto poi a Richard Madden le sue impressioni su Robb prima della sua uccisione, quando era felice ed in pace. Madden ha risposto che ha cercato di ricreare l’atmosfera del libro, in cui non era possibile immaginare cosa sarebbe accaduto a Robb da lì a poco. Circa l’uccisione della moglie (che non avviene nei libri, ma in quel caso si tratta di tutto un altro personaggio) gli autori sostengono di non averla mai messa in dubbio.

Passando poi alle domande dal pubblico (subito dopo una scena eliminata tra Tywin e Pycelle), un fan ha chiesto a Martin se avesse intenzione di scrivere un prequel dedicato alla conquista del potere da parte di Robert Baratheon. George Martin ha sostenuto di dovere ancora da finire “Winds of Winter” e “A dream of Spring”, gli ultimi due libri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, e di doverlo fare con una certa fretta per non incorrere nei problemi legati ai tempi rapidi della serie TV. Inoltre, se anche dovesse decidere di ambientare altri libri in questo mondo, sicuramente non riguarderebbe la guerra del Tridente, ma forse i progenitori Targaryen. Circa quindi la speranza di vedere Sean Bean vestire nuovamente i panni di Ned Stark per un eventuale prequel, Martin se ne scusa, pur sostenendo che “è sempre triste vederlo morire; ma lo fa così dannatamente bene!”.

Un fan ha poi chiesto alla Clarke cosa si prova nell’interpretare una donna forte la cui femminilità diventa un valore contro lo stereotipo della principessa da salvare. La Clarke ha ovviamente sostenuto che interpretare Daenerys “è la più grande soddisfazione per un attore. Non avrei mai potuto sperare, andando a scuola di recitazione, di interpretare un personaggio femminile così forte.

Comic Con 2013 - Game of ThronesL’ultima domanda dal pubblico era di un fan sia delle Cronache che di Harry Potter. Egli ha chiesto se anche nel caso di Martin si è verificato ciò che è accaduto tra Alan Rickman e J.K.Rowling, ossia se un attore abbia mai saputo in esclusiva dallo scrittore cosa sarebbe accaduto al proprio personaggio nei libri non ancora scritti. Martin ha puntualizzato che non tutti gli attori vogliono sapere ciò che accadrà al loro personaggio; lui è disposto a farlo, ma bisogna ricordare che sebbene la serie sia un adattamento della sua saga, non è detto che le cose si muoveranno allo stesso modo.

Il panel si conclude così, senza alcuna anticipazione sulla quarta stagione (ma d’altronde anche lo scorso anno è stato piuttosto magro). Considerando, però, che mancano qualcosa come 9 mesi alla premiere della quarta stagione, tale notizia non ci stupisce per niente.

P.S. Si è verificato anche un fatto curioso a questo panel: mentre si festeggiava la nomination della Clarke agli Emmy, è apparso anche Jason Momoa (Khal Drogo) che, dopo aver baciato la sua ex compagnia di set, ha anche affermato sibillino “Non sono ancora morto!”.

Ecco qui il video dedicato a tutti i personaggi morti in questi tre anni:

A seguire invece il video dell’intero panel:

 

Mario Sassi

Napoletano trapiantato da anni a Roma, non nasconde la sua anima nerd e la sua passione per serie TV e cinema.

4 Risposte

  1. Joy Black scrive:

    “E’ sempre triste vederlo morire; ma lo fa così dannatamente bene!” Il più grande assassino narrativo della storia sull’interprete più ammazzato sempre. TERALOL

     
  2. Valeria scrive:

    Scusate ma nel memoriam… si sono dimenticati di Syrio Forel o sono io che non lo vedo???

     
  3. Valeria scrive:

    uhm… effettivamente ho visto un po’ su internet e ci sono svariati forum in cui si mette in dubbio la sua morte. Allora mi viene da pensare che nonostante non abbiano anticipato nulla sulla prossima stagione, il Memoriam è un po’ uno spoiler, come a dire: chi c’e’ qui e’ sicuramente morto, chi non c’e’ ritornera’… perche’ mi pare che nel video non facciano vedere nemmeno il figlio di ser Davos… Anche perche’ ci sono altri personaggi (ad esempio la septa di Sansa e Arya) che rientrano nel video eppure non si vede quando viene uccisa. Sai che figata… (=

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *