Comic Con 2013 – True Blood

Comic Con 2013 - True BloodGiunto a metà della sesta stagione, True Blood approda come ogni anno al Comic Con con tutto il suo cast, la sua solita ironia e tante anticipazioni. A San Diego, era la prima volta del nuovo showrunner Brian Bruckner, che ha subito dimostrato di avere le idee chiare per il futuro: un ritorno alle origini e un’unica storyline per tutti i personaggi. O meglio, per quelli che rimarranno…

Era lecito aspettarsi che, non essendosi ancora conclusa la sesta stagione, uno dei panel più attesi fosse quello di True Blood. Tantissimi erano i fans presenti, desiderosi di avere anticipazioni sul futuro, soprattutto dopo il cliffhanger del quinto episodio Fuck The Pain Away.

A rispondere alle tante domande c’erano Anna Paquin (Sookie Stackhouse), Ryan Kwanten (Jason Stackhouse), Rutina Wesley (Tara), Deborah Ann Woll (Jessica), Kristin Bauer Van Straten (Pam), Nelsan Ellis (Lafayette), Sam Trammell (Sam Merlotte), Michael McMillian (Steve Newlin), Anna Camp (Sarah Newlin), Joe Mangianello (Alcide), la new entry Rob Kazinzky (Ben/Warlow) e ovviamente il nuovo showrunner Brian Bruckner. Grandi assenti, invece, erano Stephen Moyer (Bill) e Alexander Skarsgaard (Eric), salutati comunque durante il panel dalla propria “progenie”.

Comic Con 2013 - True BloodBrian Bruckner ha subito raccontato la sua prima esperienza come showrunner di True Blood: “Sapevo che Alan Ball lavorasse tanto, ma vi giuro che non avevo idea che lavorasse così tanto. Fare lo showrunner è un lavoro che non finisce mai. Oggi ho ancora più stima di lui di quanta non ne avessi già prima“. Fresco di un rinnovo per una settima stagione, Bruckner ha anche parlato dei piani per il futuro: “Avrete presto la sensazione che la serie stia tornando alle sue radici. Stiamo cercando di condensare il numero delle storie. Io credo che questa serie riguardi fondamentalmente la relazione tra umani e vampiri, e la cittadina di Bon Temps. La mia speranza è di vedere tutte queste persone sotto il tetto di un’unica storia, di un’unica minaccia, con protagonista la città che abbiamo conosciuto e amato“.

Qualcuno ha ipotizzato che dunque l’intenzione dell’autore sia quella di eliminare alcuni personaggi. “Forse…” si limita a dire Bruckner. Del resto, nel nuovo trailer che è stato mandato in onda, si vede Sookie prepararsi per un discorso ad un funerale. Che qualcuno di molto vicino a lei sia destinato a lasciarci le penne? Staremo a vedere.

Ecco intanto a voi il trailer per la seconda parte della sesta stagione:

Nel frattempo, Anna Paquin si gode l’evoluzione del suo personaggio: Sookie sembra in effetti davvero essere diventata più perspicace. “Sono così contenta che abbia smesso di fare lo zerbino“, afferma l’attrice, “Se però a questo punto Sookie non ha ancora capito che le persone mentono e che sanno farlo anche molto bene, allora si merita tutto quello che le sta per accadere“. Infine, una piccola digressione sulla sua scena preferita della serie: “Il momento migliore da girare? Quando ho preso a calci in culo Debbie Pelt“.

Comic Con 2013 - True BloodUno dei nuovi ingressi più apprezzati è stato quello di Rob Kazinsky, interprete di Ben/Warlow, il vampiro-fata in lotta tra le sue due nature: “Non so dirvi se il mio personaggio incarni il Male. Dentro di lui ci sono entrambe le cose e nelle prossime puntate vedrete venir fuori entrambi i lati di lui“. Molta curiosità l’ha destata la scena a sfondo omoerotico tra lui e Ryan Kwanten (Jason), soprattutto perché il famigerato bacio, seppur alla fine tagliato sullo schermo, è stato girato veramente. “Quando ho letto lo script, ero un po’ confuso“, ha rivelato Kazinsky, “ma ammetto che Ryan mi ha fatto sentire una vera signora quel giorno. Non avrebbe potuto essere più gentile: ha usato un po’ di lingua, ma non troppa.

Ryan Kwanten ha scherzato, rassicurando che la virilità del suo personaggio non è in discussione, parlando poi della sua evoluzione: “Jason è partito da così in basso nella scala evolutiva di True Blood che non può far altro che crescere. Il suo problema è che gli piace pensare di essere Rambo, ma ogni volta fallisce miseramente“. Sul rapporto tra lui e Sarah Newlin, l’attore risponde: “Le nostre vite si incroceranno di nuovo. Diciamo che “interagiremo” ancora“. Bruckner poi afferma sibillino che ci sono ancora questioni in sospeso tra i due da affrontare.

Comic Con 2013 - True BloodChi tra i personaggi sembra maggiormente in bilico, è sicuramente Jessica. Deborah Ann Woll non lascia presagire nulla di buono per lei: “Credo che Jessica pagherà a caro prezzo quello che è successo con le quattro fate. Ci vorrà molto tempo prima che lei inizi a perdonare se stessa per quello che ha fatto. Sono uno dei vampiri più giovani della serie e per questo credo di essere ancora molto vicina alla mia umanità. Ecco perché sono così a pezzi. E poi non dimentichiamo che c’è in giro un Andy Bellefleur che è molto arrabbiato con me“. In situazione di pericolo è anche Pam, che riguardo all’esito del combattimento tra lei e Eric, si limita ad aizzare il pubblico a suo favore: “Posso batterlo, vero?“. Poi eccola tuonare anche su Willa, la sua nuova “sorellastra”: “Pam ancora non lo sa, ma voi che dite, sarà contenta quando lo scoprirà? Diciamo che Pam non ha molto feeling con il prossimo e che non ha mai dovuto condividere Eric con altre persone…“.

Concludiamo con le solite perle di Nelson Ellis, alias Lafayette. Alla domanda su come faccia a entrare così bene nel suo personaggio, l’attore risponde: “Basta un po’ di trucco e una canzone di Rihanna. Ed ecco che entri subito nel “Lala Land”“.

Ecco qui il resoconto video del panel di True Blood:

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *