Boardwalk Empire – 4×06 The North Star

Boardwalk Empire - 4x06 The North StarDopo il tragico epilogo dell’ottimo Erlkonig, gli autori di Boardwalk Empire mettono in scena un episodio denso di eventi, in cui vengono diluite con estremo equilibrio numerose linee narrative parallele. Anche per questo viene coinvolto nella stesura della sceneggiatura Eric Overmyer, creatore, produttore e sceneggiatore di Treme, show che ha fatto della gestione della coralità uno dei suoi punti di forza. 

La struttura della puntata è molto complessa perché interseca diversi piani narrativi in maniera coerente e strutturalmente impeccabile. Le conseguenze del suicidio di Eddie e la gestione del lutto da parte di Nucky costituiscono il nucleo narrativo principale dell’intero episodio.

“I really am sorry. No one knew how to look after you like Mr.Kessler”

Boardwalk Empire - 4x06 The North StarIl primo confronto della stagione tra Nucky e Margaret apre sorprendentemente la puntata. Lo stato d’animo di Nucky è evidentemente alterato dall’evento luttuoso che lo ha colpito in maniera imprevedibile; gli effetti del trauma sono acuiti dal fatto di aver perso una delle figure chiave a cui si era legato per ribaltare l’inevitabile caduta psicologica conseguente alla perdita di Billy Kent. Margaret, trasferitasi a New York, è alla ricerca di una vita ordinaria composta da eventi quotidiani e routine lavorativa ottenuta anche attraverso un completo allontanamento dal mondo criminale di Atlantic City. L’incapacità di Nucky di saper affrontare con la sua solita brillantezza il confronto dialettico è sottolineata anche dalla battuta ( “I wouldn’t put something alive in a box” ) che involontariamente riporta alla memoria di Margaret la scomparsa di Owen Sleater. La scelta di Allen Coulter, regista dell’episodio, di non far mai coesistere le figure di Nucky e Margaret nella stessa inquadratura, facendoli interloquire in un fitto campo-controcampo, mette in evidenza la distanza incolmabile che intercorre tra le ambizioni esistenziali in cui sono ormai coinvolti i due personaggi.

“I’m not feeling very certain of things lately”

Boardwalk Empire - 4x06 The North StarLa trasferta di Tampa permette a Nucky di consolidare il suo accordo economico con Meyer Lansky, che si dimostra un affidabile partner, disposto a mettere in discussione il suo storico sodalizio con Charlie “Lucky” Luciano pur di proseguire il progetto che li vede coinvolti. Nucky, dopo aver perso definitivamente anche l’appoggio di Margaret, si catapulta alla ricerca di una figura femminile di riferimento, trovandola nella disincantata barista Sally Wheet. La concretezza e la solidità mentale della donna rappresentano l’ancora di salvataggio di un Nucky alla deriva e che è costretto a riabilitarsi anche psicologicamente per poter affrontare sfide imprenditoriali sempre più ambiziose.

“No one’s been loking after them. What do they know what’s going on?”

Boardwalk Empire - 4x06 The North StarEli, rimasto ad Atlantic City per gestire il recupero dei soldi che erano stati affidati da Nucky ad Eddie prima che decidesse di togliersi la vita, scopre di essere molto turbato per la scomparsa del tedesco. Naturalmente il filo diretto che lo unisce emotivamente con Eddie è quello della questione famigliare. Eli percepisce il pericolo di lasciare i suoi figli senza una figura paterna; simbolicamente il nucleo famigliare da preservare è rappresentato dalla gabbia di uccellini di cui il fratello di Nucky si prende teneramente cura. La presenza dell’agente sotto copertura Warren Knox permette allo spettatore di veder concretizzato il timore di Eli, che rischia seriamente di compromettere la sua situazione giudiziaria.

“He was in Wisconstin”

Boardwalk Empire - 4x06 The North StarIl viaggio intrapreso ad inizio stagione da Richard trova la sua degna conclusione durante quest’ultimo episodio, attraverso il suo definitivo approdo ad Atlantic City. L’incontro con il veterano Paul Sagorsky rappresenta il preludio al felice ricongiungimento con la figlia Julia e con il piccolo Tommy Darmody. L’uomo, a cui è stata diagnosticata una cirrosi che lo ucciderà nel giro di un anno, finisce per ricoprire un ruolo fondamentale nella conclusione del processo di redenzione che lo sfigurato veterano di guerra ha intrapreso fin dal suo ritorno nel Wisconsin: il pragmatismo nichilista che permea le sue parole sembra avere un effetto palliativo sulle angosce esistenziali di Richard.

“What it matter what I want?”

Boardwalk Empire - 4x06 The North StarA mettere in discussione l’unitarietà che costituisce l’architettura dell’intero episodio è il segmento narrativo dedicato a Chalky White. Avendo ormai rinunciato ad esercitare la sua autorità in ambito famigliare, sembra essere attratto fatalmente dal talento e dalla bellezza della cantante di punta del suo Onyx Club. Colpito dalle struggenti performance di Miss Daughter Maitland, Chalky finisce per essere completamente rapito in un regime seduttivo che accomuna la sua condizione a quella di noi spettatori di fronte alla visione dello show; abbandonata la componente primitiva che lo manteneva legato a costrizioni e obblighi sociali, viene totalmente risucchiato dal vortice di fascinazione artistica ed erotica creato dalla giovane cantante afroamericana, che lo coinvolge con enorme passione ed intensità.

The North Star è un altro tassello di eccezionale qualità che va a comporre il mosaico di questa quarta stagione; un episodio ricchissimo di avvenimenti, in cui gli autori riescono a sviluppare con un’impressionante rigore le numerose trame parallele di cui è composto e che colpisce per il solito coinvolgimento emotivo che Boardwalk Empire continua a garantire.

Voto: 8,5

 

Davide Cinfrignini

Nato a Roma nel 1991, a 5 anni impara a leggere da solo rubando i quotidiani sportivi del padre.  Dopo essersi diplomato nel 2010 con una tesi su Woody Allen, decide di iscriversi a Studi Italiani alla Sapienza e per coerenza intellettuale si appassiona alla letteratura americana: McCarthy, De Lillo e David Foster Wallace. Amante delle arti visive trascorre la maggior parte del tempo a bombardarsi di immagini e parole tra cinema, videoclip e serie tv. Seppur non credente ha avuto Roger Federer come esperienza religiosa. Per due anni scrive recensioni cinematografiche finché si rende conto di quanto sia più affascinato dall’analisi delle serie tv, data la complessità della struttura narrativa.  Et voilà, nel 2013 approda finalmente a Seriangolo. Il resto seguitelo voi.

2 Risposte

  1. Stefano scrive:

    Altro episodio ottimo.
    Solo una cosa mi sta deludendo un pò, ovvero l’eccessiva ingenuità di Eli; voglio dire, ok che ovviamente lui non sa che il proibizionista è un agente sotto-copertura, ok che ce l’ha sul libro-paga, però fidarsi così tanto..dopo che Eli stesso nella stagione scorsa si era rivelato tutt’altro che ingenuo ma aveva messo a disposizione la sua esperienza da ex sceriffo agli albori dello scontro con Gyp. Ma forse esagero.
    La crescita di Meyer Lansky è curata benissimo fino a questo momento, idem la questione White-Narcisse.
    E non vedo l’ora che arrivi la riscossa di Al Capone.
    Ringrazio il recensore per avermi fatto notare le inquadrature sempre divise tra Nucky e Margaret, ammetto che non me ne ero accorto. Il gelo creato dall’involontaria gaffe di Nucky con la frase sulla scatola è una piccola perla a parer mio.
    In attesa della 4×07, torno al rewatch di BBad…

     
  2. SerialFiller scrive:

    Episodio ottimo ma dovendo classificarlo all’interno della stagione lo metterei come episodio peggiore ma con un voto non inferiore all’8.
    Quello che sorprende in boardwalk empire è la continuità ottima della serie che però ha il difetto di non spiccare mai il volo definitivamante, Il filone più interessante di questa stagione sembra essere quello che vede protagonista l’FBI. Mi aspetto moltissimo però dalle vicende che vedranno coinvolti Meyer e Luciano. In attesa della vendetta di Al Capone….

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *