How I Met Your Mother – 9×03 The Last Time in New York

How I Met Your Mother - 9x03 The Last Time in New YorkQuando abbiamo scoperto che quest’ultima stagione di HIMYM sarebbe stata ambientata in un solo weekend, ovvero quello del matrimonio-che-non-arrivava-mai, abbiamo salutato con moderato entusiasmo l’inaspettata notizia, sperando che la serie tornasse a fare un uso intelligente ed originale di flashback e flashforward come nelle prime, ottime, stagioni, proprio in virtù di questa restrizione temporale.

Dato che The Last Time in New York punta molto su questi espedienti, non possiamo dire di essere stati delusi, ma ciò che ci preme sottolineare adesso è piuttosto l’emergere di un problema di tipo diverso, sempre concernente la scelta di sviluppare la stagione nell’arco di circa 72 ore. Stiamo parlando del rischio di restare ingabbiati sempre nello stesso schema narrativo, a causa della poca libertà di movimento degli sceneggiatori (e dunque dei personaggi) rispetto al materiale disponibile.

We’ve got to have sex right now!

How I Met Your Mother - 9x03 The Last Time in New YorkLa storyline di Barney e Robin ne è l’esempio più calzante. I due futuri sposi vengono posti per la terza volta davanti ad una minaccia alla loro coppia, in questo caso lo spauracchio del calo del desiderio. Tralasciando la poca originalità della storia, che sarebbe di certo spuntata fuori prima o poi, il problema sta proprio nella ripetitività dello schema. Trovarci ogni settimana di fronte alla stessa scaletta svuota di significato qualunque trovata comica, rendendo palese il processo di scrittura che si cela dietro la messa in scena dell’episodio. E la cosa riguarda, seppure in misura minore, anche Lily e Ted alle prese con il grande segreto della partenza per Chicago e dell’amore mai sopito per Robin. In pratica i personaggi sono costretti ad interagire seguendo sempre lo stesso modello visto nelle puntate precedenti, con qualche piccola variazione. Marshall e Daphne potrebbero passare in viaggio quasi tutto l’anno, giusto per fare un altro esempio, e prima o poi è inevitabile che ci stancheremo.

I saw you and Robin at the carousel.

How I Met Your Mother - 9x03 The Last Time in New YorkIn nostro soccorso arriva, per fortuna, il cliffhanger finale che stravolge le carte in tavola e ci fa sperare in un cambio di rotta, almeno per quanto riguarda Ted e Barney. Il comportamento di quest’ultimo, anche nella scorsa stagione, appare adesso sotto una luce totalmente diversa e di questo non possiamo che ringraziare gli autori. Uno dei grandi problemi di How I Met Your Mother è sempre stato il fardello di Robin nella vita di Ted e viceversa. Fino a qualche episodio fa sembrava che Ted fosse ancora una volta più attento ai bisogni del suo (purtroppo per noi) grande amore di quanto non fosse Barney, cosa della quale la stessa Robin pareva essersi resa conto, alla faccia della continuity. Ormai, giunti alla nona stagione e a poche ore dall’entrata in scena della Madre, continuare su questa strada sa soltanto di accanimento terapeutico ed è per questo motivo che tutta la storia del medaglione, almeno per ora, non fa altro che irritarci. Questo colpo di scena è dunque una boccata d’aria fresca, ma il giudizio va obbligatoriamente sospeso almeno fino alla prossima puntata.

My name is Roberto DeGoya, you killed someone I love, prepare to dance.

How I Met Your Mother - 9x03 The Last Time in New YorkCome accennato più su, questo episodio fa largo uso di sbalzi temporali come nella migliore tradizione di HIMYM. Tutta la sequenza dedicata alla battaglia con le spade, siano i protagonisti Ted e Marshall o le due donne (anche se sentire Robin chiedersi cosa ci trovino di bello i maschi in una spada – è un’arma, Scherbatsky, ti ricordi quanto ti piacevano? – è spiazzante e sintomatico di come questo personaggio sia stato maltrattato), è carina e divertente, così come i siparietti di Ted con l’Empire State Building e al MacLaren’s. Niente di eccezionale, ma considerate le ultime stagioni possiamo ritenerci davvero fortunati. L’assenza dell’ennesima insulsa fiamma di Ted, Barney o Robin si sente eccome, ma in senso assolutamente positivo. Concentarsi sul gruppo ristretto di amici, più qualche comprimario non troppo invadente (attenzione a Daphne!) e nessun love interest è sicuramente la scelta giusta per gli episodi conclusivi.

Bilancio? Tutto sommato positivo. Gli ultimi secondi dell’episodio spostano senza dubbio l’asticella verso l’alto, facendoci ben sperare per il futuro. L’evoluzione della storia potrebbe benissimo rendere superflue le osservazioni in merito alla “ripetitività” di queste prime puntate, ma per saperlo ci toccherà aspettare comunque la prossima settimana.

Voto 7

 

Francesca Anelli

Galeotto fu How I Met Your Mother (e il solito ritardo della distribuzione italiana): scoperto il mondo del fansubbing, il passo da fruitrice a traduttrice, e infine a malata seriale è stato fin troppo breve. Adesso guardo una quantità spropositata di serie tv, e nei momenti liberi studio comunicazione all'università. Ancora porto il lutto per la fine di Breaking Bad, ma nel mio cuore c'è sempre spazio per una serie nuova, specie se british. Non a caso sono una fan sfegatata del Dottore e considero i tempi di attesa tra una stagione di Sherlock e l'altra un grave crimine contro l'umanità. Ah, mettiamo subito le cose in chiaro: se non vi piace Community non abbiamo più niente da dirci.

9 Risposte

  1. Lorenzo scrive:

    A me è piaciuto molto questo episodio, gli avrei dato 8 come voto, entrambi i duelli mi sono piaciuti, mi hanno ricordato l’episodio 1×08 “the duel”, sono passati 8 anni e ben 179 episodi eppure nonostante tutto questa serie continua a piacermi tantissimo; esattamente 2 stagioni fa nella puntata “Ducky Tie” Victoria disse che il rapporto d’amicizia fra Ted-Robin-Barney non poteva funzionare, alla fine di quella puntata Future Ted disse che un giorno qualcosa sarebbe cambiato, perciò credo che la prossima settimana qualcosa accadrà, anche se sappiamo che dopo tutto ritornerà alla normalità(nella Premiere della settima stagione Barney chiede a Ted se ha scelto la cravatta giusta), però qualcosa non torna: perché dopo il matrimonio, alla stazione Farhampton Ted ha la mano fasciata???

     
  2. Domy scrive:

    sul fatto di Robin a lei piacciono le armi da fuoco,ma non ha mai accennato a una passione per le “armi bianche” quindi ci può stare..comunque non condivido la critica alla storyline Ted-Robin..io trovo giustissimo che sia stata riportata in ballo,in fondo il senso della storia è sempre stato quello..Ted che riesce ad andare oltre quello che crede essere l’amore della sua vita,per essere pronto ad incontrare il suo vero amore,la Mother..ma ovviamente,se Ted si lasciasse alle spalle tutto e subito(al matrimonio di lei col suo migliore amico poi!) non ci sarebbe nulla da raccontare inanzitutto,e poi sarebbe poco realistico..parliamoci chiaro,a chi andrebbe giu una situazione del genere?? io trovo ciò molto realistico,nonchè utile e necessario per la trama,per creare la classica situazione di “darkest before the dawn” ^^

     
    • certo, per come si sono messe le cose negli anni passati è chiaro che la storia di Robin non si poteva chiudere così di botto, ma il problema parte proprio da lontano, ovvero da quando si è deciso di insistere con una coppia che era destinata evidentemente ad altro. Ci siamo trovati troppe volte di fronte a ritorni di fiamma improbabili, così tante volte che adesso sarà difficilissimo inserire la Madre in questo casino e concludere questo lunghissimo capitolo senza che il tutto appaia forzato o affrettato. In più io ho grandi problemi ad accettare la coppia in sé (ma questa è una cosa personale): Ted e Robin non sono mai stati anime gemelle perché Ted non l’ha mai capita o apprezzata davvero per quello che è, né Robin ha mai avuto con lui il feeling che ha con Barney. Sì io shippo potentemente Barney & Robin e infatti non riesco ancora a farmi una ragione del modo terribile in cui gli sceneggiatori hanno trattato la loro storia. :)
      Per la storia delle armi è vero che Robin non ha mai dimostrato interesse per le armi bianche, però sono pur sempre armi e il suo atteggiamento in quella sequenza ricorda un po’ il modo di fare di una ragazzina schizzinosa, qualcosa di molto lontano dalla Robin che abbiamo imparato ad amare nella prima stagione.

       
  3. Lorenzo scrive:

    Comunque sia anche io trovo il triangolo Ted-Robin-Barney molto realistico; d’altronde non è facile per Ted fare finta di niente, non provare un po’ di invidia nei confronti dell’amico che sta per sposare la donna di cui egli è ancora innamorato.
    Comunque la storia fra Ted e Robin è veramente un punto fondamentale della serie, infatti il racconto parte da quando si sono conosciuti, tutto è collegato perfettamente, senza il loro incontro Ted non avrebbe mai conosciuto la Mother.

     
  4. Shadow Meister scrive:

    Non sono d’accordissimo con la recensione, cioè è vero quello che dite riguardo al rischio di bloccarsi su questo schema ripetitivo di episodi, ma questo è stato assolutamente soddisfacente, a mio parere, sia dal punto di vista della trama che della comicità.

     
  5. xfaith84 scrive:

    io concordo sostanzialmente con la recensione: la puntata non mi ha fatto impazzire (ma la comicità è spesso soggettiva) e forse la doppia scorsa puntata ha alzato la solita asticella che in genere era più bassa. Anch’io come Francesca non ho riso molto con Barney e Robin (anche se sono convinta che dire Mandy Patinkin per richiamare gli anziani sarà nuovo trend XD), comunque tutto sommato la puntata tiene botta. Il finale è sicuramente d’impatto e inaspettato, cosa non così tipica per Himym: bene.

     
  6. Coturd scrive:

    Piccola precisazione: Robin è amante delle armi da sparo, non delle armi in genere. Non è inusuale per un amante delle armi da sparo non “capire” la bellezza delle spade e viceversa. Non è una cosa così tanto “out” of character. per il resto condivido.

     
    • Sarà che siccome vado pazza per le armi da fuoco “giocattolo” e le loro occasioni d’uso (laser game – Barney andiamoci insieme! – paintball, sparatutto per playstation) e allo stesso tempo trovo divertentissime anche quelle bianche (picchio duro nei giochi di ruolo dal vivo), ho pensato che fosse automatico pure per Robin :) Vabbè, scherzi a parte, la cosa mi è suonata strana non soltanto per le armi, ma proprio per come lo ha detto. Robin è una tosta, a cui piacciono cose “da uomini”, mi aspettavo un comportamento da subito più “disposto” verso i duelli con le spade 😛

       

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *