Person of Interest 3×04/05 Reasonable Doubt & Разговор

Person of Interest 3x04/05 Reasonable Doubt & РазговорPerson of Interest prosegue il suo cammino lungo questa terza stagione con due episodi fortemente differenti l’uno dall’altro: il primo risponde maggiormente alle necessità thriller del proprio pubblico, mentre il secondo è più incentrato sulle due figure femminili che largo spazio stanno acquisendo nell’equilibrio della serie.

I due ultimi episodi della serie tv scritta da Jonathan Nolan fungono da perfetto equilibrio tra l’anima procedurale indispensabile per una serie in onda sulla CBS – la stesse rete di C.S.I. per intenderci – ed il desiderio di approfondire anche i personaggi meno centrali della narrazione, oltre ovviamente chi è posto in primo piano. Queste due anime, solitamente equilibrate anche all’interno di uno stesso episodio, trovano qui una realizzazione più distesa – resa possibile soprattutto dal vasto numero di episodi che la stagione dovrà coprire – e che permette alle due tipologie di spettatori della serie di goderne appieno.

3×04: Reasonable Doubt

Person of Interest 3x04/05 Reasonable Doubt & РазговорIl quarto episodio, come dicevo, mette da parte le varie trame principali per costruire una puntata molto buona, con un personaggio femminile – quello di Vanessa, la persona “scelta” dalla Macchina – che è costantemente in bilico tra colpevole e vittima, tra persona da fermare e persona da salvare.

Si tratta di una buona scelta narrativa, che tiene lo spettatore costantemente in dubbio e, di conseguenza, stimolato a proseguire la visione. Sebbene si faccia uso di una serie di cliché del genere – come lo scambio di abiti con il proprio avvocato – l’episodio funziona proprio in virtù di un’asciuttezza di trama che riesce a coinvolgere con una serie di trovate narrative piuttosto efficaci.

Il finale, poi, ricorda un episodio della prima stagione, in particolare il quarto, quel Cura Te Ipsum che si chiudeva proprio con Reese che doveva decidere se uccidere o meno l’uomo che aveva davanti. Con uno stile simile a quest’ultimo, Reasonable Doubt si chiude proprio con Reese che si ritrova a dover fronteggiare due persone che forse meritano di finire la propria vita l’uno accanto all’altro. Ed i due spari finali lasciano intendere – senza darcene la certezza – la fine di entrambi.

Voto: 7

3×05 Разговор (Razgovor)

Person of Interest 3x04/05 Reasonable Doubt & РазговорDi ben altro livello questo quinto episodio incentrato – come di consueto ultimamente – sulle figure di Carter e Shaw, due donne così distanti ma entrambe poste di fronte al loro passato.

Shaw, la new entry, è un personaggio complesso. Vista sempre come la controparte femminile del Reese della prima stagione, proprio per questo è stata fortemente sottovalutata. Nonostante un ampio potenziale, la sua presenza sembrava quasi più necessaria alle gag comiche con Finch. A partire da questo episodio, invece, raggiunge un nuovo livello, acquisendo una maggiore caratterizzazione che ci permette di comprendere che la sua “robotica” attitudine – come già ci aveva detto in passato – dipende da una sua obiettiva difficoltà a percepire le emozioni.

Questo percorso di conoscenza avviene in due modi: il primo, meno efficace, attraverso i flashback che la pongono davanti alla morte del padre a cui reagisce con estrema freddezza; l’altro, mediante il confronto con il “numero” di questo episodio, una bambina russa che sogna di fare la spia come suo nonno. Nonostante l’episodio sia un po’ troppo didascalico – metterla di fronte ad una “piccola Shaw” è una coincidenza un po’ grossolana – funziona perfettamente e svolge con dovizia di attenzioni il compito di approfondire i problemi per cui non solo non riesce ad esprimere ogni forma di emozione, ma anche a provarne.

Person of Interest 3x04/05 Reasonable Doubt & РазговорL’episodio, però, non è solo questo. Dopo cinque settimane, attraverso un umiliante obbligo a ritornare sulla strada e a perdere il grado di detective, finalmente Carter ha modo di avere la propria rivalsa incastrando perfettamente (un filo troppo perfetto?) il novellino colluso con l’HR. Con un’ottima scena al bar che dimostra nuovamente le grandi capacità di Carter – e che ultimamente ci sembravano appannate – si ritorna nel vivo della trama dei poliziotti corrotti, storia non tra le più vitali. Questo netto cambio di direzione si rivela un’ottima mossa per rinvigorire un settore, quello dell’HR, non sempre tra i più approfonditi e piacevoli.

Come detto, questa puntata si regge sulle due figure femminili della serie. La conclusione, che riporta in campo la terza donna portante, e che forse non sarebbe stato un male evitare in questo caso, ci riporta nel pieno incubo Root. Se la donna, come pare, sta eseguendo gli ordini della Macchina, cos’é che quest’ultima vuole da Shaw? Nuovi interrogativi si aprono.

Vorrei chiudere, però, con un’ultima notazione non proprio positiva: questo nuovo assetto della terza stagione, per quanto brillante ed affascinante, sembra dimenticarsi di due elementi fondanti: da un lato la presenza di Fusco, il quale è sempre più un’ombra evanescente; dall’altro non possiamo non notare che, dall’ingresso in squadra di Shaw, gli scambi tra Finch e Reese sembrano essersi fortemente raffreddati, tornando ad essere soltanto “lavorativi”. I due protagonisti principali non sembrano riuscire a reggere, per ora, l’invadenza di così tanti personaggi secondari ed è su di loro che si dovrebbe tornare quanto prima.

Voto: 8

 

Mario Sassi

Napoletano trapiantato da anni a Roma, non nasconde la sua anima nerd e la sua passione per serie TV e cinema.

4 Risposte

  1. September scrive:

    Sulla 4 condivido lo striminzito 7.
    Sulla 5 darei un 9 in quanto miglior puntata di un ottima stagione.
    Non condivido il pessimismo su finch e reese in quanto trovo che l ingresso di shaw e lo spazio maggiore dato a root e carter giovi all intera serie.

     
  2. pepposky scrive:

    io, invece, pur continuando ad apprezzare molto la serie anche in questa terza stagione, ho paura che il distogliere troppo l’attenzione dal duo Reese-Finch, alla lunga, possa diventare un problema, sia per le dinamiche all’interno del gruppo, sia per gli sviluppi futuri… spero di sbagliarmi, ma secondo me servono al più presto episodi Reese/Finch concentrici… e ridatemi Fusco please!!!

     
  3. Son of the Bishop scrive:

    Stavolta non sono molto d accordo con quanto scritto in particolare su molte delle critiche sul 5 episodio .
    Sul 4 episodio per me il sette ci sta ma per me in fondo è la dimostrazione di quanto questa serie possa essere potente anche senza la storia con una grandissima storia e il finale geniale anche se ad impatto meno potente rispetto al finale di Cura te ipsum .
    Per quanto riguarda il 5 episodio , è stato un episodio bellissimo ed ottimo che amalgama perfettamente azione , narrazione ed ottimi dialoghi e nonostante la davvero giovane età devo dire che mi è piaciuto molto anche il ruolo della bambina , la storia va avanti grazie ad un bellissimo caso del giorno che poi si svela essere perfettamente mescolato alla storyline principale dell HR , sicuramente non entusiasmante nel complesso di tutte le altre storyline di questa grandissima serie , ma comunque buona anche se sinceramente comincia più che altro a sembrare un pò non un peso , ma per il modo in cui viene trattata sembra quasi una via d uscita per non bloccare tutta la storia quando però uno non si vuole giocare le storyline migliori .
    Concordo anche in questo caso con l otto .
    Non concordo su quanto detto per quanto riguarda il personaggio John-Reese : ci sono state delle new entra e quindi è chiaro per me che ci siano stati dei cambiamenti nel senso tra più personaggi , sicuramente ha portato delle modifiche nella gestione dei personaggi in positivo e in negativo ; il lato negativo è chiaramente una minore profondità delle relazioni fra i singoli personaggi in particolare John e Reese e Carter e Shaw non sono uguali ai due capostipiti della serie , anche io quindi spero in un episodio Reese e Finch anche se immagino che già dal prossimo episodio magari con Shaw fuorigioco torneremo almeno per un episodio a vedere i due protagonisti come si vecchi tempi ; il lato positivo è che però con più personaggi sono tutti ben mescolati e abbiamo uno show più corale però sinceramente io spero in una improvvisa dipartita di Carter per tornare ad un rapporto John Finch e a studiare di nuovo meglio questi due protagonisti , inoltre se non sbaglio il trailer della terza mostrava dei flashback sull infanzia di Finch

     
  4. Shadow Meister scrive:

    Mi trovo meno d’accordo riguardo questi due episodi con la vostra recensione…il quinto non mi ha attratto particolarmente (notate poi dei buchi nella trama e delle ingenuità alla OUAT che si potevano veramente evitare), ma ho apprezzato molto il finale in puro stile thriller. Riguardo all’episodio di Shaw, mi dispiace dirlo, ma l’ho trovato estremamente falso…o almeno, i flashback lo erano, e la relazione tra Gen e Shaw pure un po’. Credo che il personaggio di Shaw abbia buone possibilità se non mi diventa peggio di Reese, che verso il finale della S02 era regredito a puro badass, ma con questi flashback così poco incisivi e una trama poco convincente (ai miei occhi) il personaggio ci perde inevitabilmente.
    Non vedo assolutamente di buon occhio la perdita del legame Finch/Reese, mi sta infastidendo tantissimo il ruolo di comparsa del povero Fusco, trovo ancora troppo ingessato il personaggio di Shaw, che rendeva assai meglio come guest nella passata stagione.

    Ora, essendo io un fan di Amy Acker e del personaggio (STREPITOSO) di Root in particolare, quando ho visto il finale ho esultato per tipo una mezz’ora, perchè, veramente, mi dà i brividi. Non credo che ci siano molti personaggi che non si siano persi in loro stessi negli episodi a loro dedicati (POI ha sempre trattato con dignità tutti i suoi personaggi, ma in generale, tristemente, sono poche le serie che ci riescono), ma Root è sempre rimasta in-character e fornisce sempre ottime trovate narrative. E sono curioso di vedere come si divertiranno insieme lei e Shaw.
    Se avessi dovuto dare dei voti, 7 al primo, 7 e mezzo al secondo.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *