How I Met Your Mother – 9×09 Platonish

How I Met Your Mother - 9x09 PlatonishGià all’inizio di questa stagione era evidente che l’utilizzo di flashforward e flashback sarebbe stato necessario, se non vitale, ad una narrazione così tanto vincolata. Questo nono episodio arriva come manna dal cielo, facendo emergere finalmente How I Met Your Mother dalla stagnazione in cui era finito con un gradito ritorno al passato.

.

I’m not going anywhere, she’s not going anywhere. Where’s the rush?

How I Met Your Mother - 9x09 PlatonishGrazie all’espediente di raccontarci un vecchio challenge accepted non portato a compimento, la storia è riportata indietro di sei mesi all’epoca del famoso Autumn of breakups di inizio ottava stagione. Errore di sceneggiatura a parte (all’epoca Robin era fidanzata con Nick, mentre qui è mostrata single), il flashback funziona persino nel riprendere l’insopportabile questione Ted-Robin; alla base di questa riuscita ci sono due motivi: la mancata, solita, pesantezza nell’affrontarla (grazie a Marshall e al ritorno della scommessa con Lily) e che trattandosi di eventi del passato risultano maggiormente digeribili. Digeribilità solo momentanea, perché il flashback non fa altro che farci tornare con la mente al presente dove la questione Ted-Robin è a rischio esplosione con conseguenti danni nel tanto atteso matrimonio.
Gli autori ci mostrano, infatti, un Ted che dopo lo scoraggiante “I don’t love you” di Robin di qualche tempo prima (settima stagione), torna in carreggiata grazie ad un ripensamento della canadese riguardo le olive, rifiutando le avance di uno straordinario e comicissimo Bryan Cranston (come si fa a dirgli di no?) che lo vorrebbe con lui a Chicago. Qui ci starebbe un WTF ma parliamo pur sempre di Ted e quindi rientra nel suo character – però no, caro Ted, per Robin le olive e gli uomini non sono la stessa cosa. La sua scelta di aspettare “perché tanto nessuno mi ruberà Robin”, ci fa capire quanto sarà grande la sua delusione quando di lì a poco sarà proprio il suo amico Barney a portargliela via, a “rubargliela”. E da lì scaturirà la decisione, vista a fine ottava stagione, dell’andare a Chicago dopo il matrimonio di Robin e Barney – a questo punto pretendo lo spin-off su Bryan Cranston che dirige lo studio di architettura, altro che “How I Met Your Dad”…

Do you wanna keep gaming or do you wanna win?

How I Met Your Mother - 9x09 PlatonishProprio Barney è il centro di gravità di questo episodio, attirando su di sé sia la parte comica che quella drama. Dalle continue sfide propostegli da Robin e Lily scaturiscono situazioni comiche come non si vedevano da tempo in How I Met Your Mother (gag della “e” e di Ryan Gosling su tutte) e fungono anche da espediente per portarlo ad una riflessione: vuole continuare a giocare o vuole vincere?
Qui gli autori si giocano una carta importante: è stata la Madre a portare Barney a questo bivio e a spingerlo seriamente verso Robin. Carta giocata sufficientemente bene, che ci fa finalmente conoscere la madre (finora non aveva detto mai più di quattro parole di fila) e, diciamolo, anche piacere. La Milioti sta riuscendo infatti nella difficilissima sfida di farsi piacere al pubblico (dopo 8 anni di aspettative è davvero un’impresa) grazie ad un suo utilizzo ben dosato da parte degli autori, intenti a concederle screentime senza farla conoscere ancora a Ted (in questa circostanza infatti la vediamo al di fuori del weekend del matrimonio, nel quale è ancora troppo prematuro mostrarla). Ho trovato un po’ ridondante, tuttavia, l’eccessiva saggezza con la quale risponde e stupisce Barney: un conto è l’avere giudizio e buonsenso, un conto è la quasi-veggenza.

In conclusione, è arrivato per How I Met Your Mother finalmente un buon episodio, come non se ne vedevano da un po’: ci voleva un ritorno al passato come questo per rivitalizzare una stagione finora deludente.

Voto: 8

Nota
– In questo episodio assistiamo a vari ritorni: le allusioni sessuali tra Barney e Lily e tra Barney e la madre di Ted, la scommessa tra Lily e Marshall e l’inside joke del saluto militare.

 

1 Risposta

  1. Lorenzo scrive:

    Completamente d’accordo con la recensione, questo è stato sicuramente il miglior episodio finora, comunque questa stagione a me sta piacendo; gli autori si dimostrano ancora una volta dei geni, facendoci vedere da dove parta il “The Robin”, capiamo anche il perché di Ted a Chicago e del suo ritorno di fiamma verso Robin.
    L’unica cosa che non capisco è perché a tutti i costi Marshall voglia vincere quella scommessa, che ci sia qualcosa sotto?

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *