Person of Interest – 3×06/07 Mors Praematura & The Perfect Mark

Person of Interest - 3x06/07 Mors Praematura & The Perfect MarkCon il sesto e settimo episodio, Person of Interest prosegue il suo trend positivo, riuscendo a dare alle proprie vicende un respiro più ampio sia sul fronte dei personaggi – con una squadra sempre più funzionale – sia su quello della trama, che amalgama con sapienza procedurale e novità.

Jonathan Nolan ci ha abituato bene. Se per la stragrande maggioranza delle serie TV speri che l’episodio che guardi sia all’altezza del tempo che gli stai dedicando, con Person of Interest il dubbio non c’è: sicuramente avrai un prodotto quantomeno in grado di intrattenere. Questa serie ha il pregio (da non sottovalutare) di saper divertire quando si dedica esclusivamente al proprio lato thriller, con la certezza che non vi saranno banalizzazioni (qualche scivolone è concesso) e che troveremo arguti scambi dialettici e momenti di sano divertimento.

Questi due episodi di Person of Interest sono così: due episodi che divertono, che intrattengono. Pur non dedicandosi – come altre volte fatto con enorme cura – ad approfondimenti psicologici al pari degli episodi che li hanno preceduti, Mors Praematura e The Perfect Mark sono in grado di tenerci sulle spine, con il sapiente mix di procedurale e trama generale capace di accontentare le due anime della serie (e degli spettatori).

3×06 – Mors Praematura

Person of Interest - 3x06/07 Mors Praematura & The Perfect MarkLo scorso episodio si era chiuso con la cattura di Shaw da parte di Root: c’era molta attesa per capire quali fossero le finalità della donna fuggita magistralmente dal manicomio con l’aiuto della Macchina. Proseguendo sullo stesso filone, Root chiede aiuto a Shaw per esaudire le richieste della creazione di Finch, ormai sempre più indipendente dal proprio creatore.

Sebbene sembri un po’ troppo facile convincere l’algida Shaw a collaborare (solo il colpo finale dona giustizia alla loro rivalità), non c’è dubbio che vedere le due donne lavorare insieme crei profondo interesse. Se a ciò aggiungiamo che fungono da controparte quasi speculare alle parallele attività di Finch e Reese, finalmente di nuovo come duo, la curiosità non può che aumentare. La particolarità, infatti, è che, con metodi estremamente diversi tra loro, entrambe le squadre sono interessate alla medesima persona: Jason, l’hacker creduto morto.

Person of Interest - 3x06/07 Mors Praematura & The Perfect MarkNonostante la presenza di Kirk Acevedo (Fringe) sia davvero poco incisiva, questo episodio ha il pregio di tenere sempre alta la soglia dell’attenzione, soprattutto grazie a Root e alla sua onniscienza dovuta, appunto, ai continui suggerimenti della Macchina. Si evidenzia così – sottolineato anche nell’episodio successivo – come il rapporto con la Macchina sia effettivamente molto diverso tra lei e Finch: quest’ultimo sembra essere davvero spaventato dalle potenzialità della propria creazione, al punto che la loro unica “collaborazione” riguarda i numeri di previdenza sociale. Root, al contrario, si dimostra seriamente devota alla Macchina: ricordando quella ideologia per cui essa è al pari di Dio, ne segue con fede cieca i dettami e gli ordini senza mettere mai in dubbio la sua Autorità. Root è il braccio attivo della Macchina che, non ancora in grado di fare tutto da sé, è certo ben più potente di quanto Finch stesso possa immaginare.

Questo episodio ha altresì il pregio di mostrarci nuovamente Vigilance (ecco il nome del gruppo), l’organizzazione che abbiamo conosciuto nell’episodio “Nothing to Hide” e che si era da subito rivelato un nuovo interessante filone antagonista. Sebbene non sia ancora chiaro dove si voglia andare a parare con loro – ed è anche giusto così – si iniziano a costruire anche per Vigilance piani e protagonisti da sviluppare con più cura nel corso della stagione.

Voto: 7 ½

3×07: The Perfect Mark

Person of Interest - 3x06/07 Mors Praematura & The Perfect MarkCon Root prigioniera e privata di mezzi di comunicazione elettronici, si ritorna a parlare dell’HR entrando a gamba tesa nel vivo delle vicende. Andando subito al nocciolo della questione, Carter riesce – con l’aiuto di Laskey, probabilmente morto – a scoprire chi è a tirare i fili, la testa della piovra: individuando Quinn, il padrino di Beacher, alla guida dell’HR, questa parte di trama acquisisce nuovo e più interessante vigore. Carter in particolare negli ultimi episodi è sembrata più vitale ed energica, ha ottenuto più spazio e linfa nonostante la maggiore centralità che Shaw e Root hanno assunto dall’inizio di questa stagione.

Come nell’episodio precedente, la trama orizzontale si intreccia saldamente a quella verticale, mostrandoci le vicende di un finto ipnoterapista che sfrutta le sue capacità per derubare la gente. Con una costruzione non proprio originale (strano, tra l’altro) e con un finale abbondantemente prevedibile, le vicende dell’ipnoterapista si intrecciano con quella dell’HR mediante la figura dell’antiquario che funge da punto di raccordo tra entrambe le storie. In questo modo, Carter e Reese si ritrovano a lavorare sullo stesso caso, pur non prevedendolo.

Person of Interest - 3x06/07 Mors Praematura & The Perfect MarkCome dicevo, la costruzione stavolta non è delle migliori: alcuni difetti inficiano la visione di questo episodio per una chiarezza espositiva non proprio totale; tuttavia esso funziona molto bene soprattutto nell’escalation finale: vedere i membri dell’HR iniziare a perdere la bussola significa dare a questa trama un po’ di pepe, di cui necessitava già lo scorso anno. Questa volta il lavoro è più efficace e diretto e, appunto, rende molto meglio sullo schermo.

Adesso che il nemico principale è rivelato – le comparsate di Fusco ed Elias ci fanno ben sperare – la strada si fa ancor più interessante: è come se gli autori stessero, con estrema diligenza, sistemando i vari tasselli del domino. E l’attesa cresce verso quel momento in cui la caduta delle tessere sarà improvvisa ed esplosiva.

Voto: 7

 

Mario Sassi

Napoletano trapiantato da anni a Roma, non nasconde la sua anima nerd e la sua passione per serie TV e cinema.

7 Risposte

  1. Son of the Bishop scrive:

    Concordo pienamente con la recensione , molto semplice e che centra i punti principali degli episodi senza dilungarsi troppo .
    Su Mors praematura c’ era tantissimo hype e forse per questo l’ episodio ha leggermente deluso ma per me comunque si merita un 8 più , perchè è stato bellissimo il modo in cui la trama di Root – Shaw si è intersecata con quella del giovane hacker e sono curioso di come la Machine lo sfrutterà e come ricomparirà nello show .
    Il settimo episodio manda avanti la storia dell’ HR con una grandissima svolta in quanto adesso finalmente Carter sa chi è il capo ,però tutto il resto non funziona il caso è dimenticabili a causa di personaggi non ben costruiti e un caso che alla fine si rivela troppo contorto con colpi di scena ribaltamenti e controribaltamenti , insomma per me un 6 dovuto solo per lo sviluppo dell’ HR .
    Comunque come mai ultimamente ci vuole così tanto per le recensioni di person of interest cioè già mi dispiace che siano recensioni doppie però vabbè lo accetto ma escono addirittura ad una settimana di distanza dalla diretta dell’ episodio che è davvero molto :(

     
    • Michele Hume scrive:

      Anche i recensori hanno una vita e tanti impegni personali…le recensioni arrivano quando possibile :)
      Preferiamo mantenere una certa qualità a discapito di qualche giorno in più 😉

       
      • Son of the Bishop scrive:

        ahahah , si lo so effettivamente siete l’ unico siti di recensioni di serie tv , che posso essere d’ accordo o meno con le recensioni , in cui non si può mai criticare la qualità delle vostre recensioni è che POI mi sta prendendo davvero tanto e le vostre recensioni mi piacciono moltissimo , tanto che le aspetto quasi come un nuovo episodio :)

         
  2. Shadow Meister scrive:

    Concordo con la recensione in certe parti, ma sono del parere che questi due episodi siano decisamente migliori dei due precedenti, che non mi avevano entusiasmato. Ho apprezzato particolarmente il sesto, che non è stato puro intrattenimento o divertimento, ma che anzi ho trovato molto bello, mentre per il settimo ho apprezzato meno il numero della settimana, forse un po’ scarso, mentre la trama orizzontale mi ha soddisfatto parecchio, perchè ha dato una vera e propria svolta alla trama di Carter che comunque, durante questa stagione, è stata sicuramente la migliore. L’unica cosa negativa è stata il mancato collegamento tra le scene Finch/Root con il resto dell’episodio, perchè una è all’inizio e una alla fine, è niente avevano a che fare con la trama. Comunque per me voti sull’otto, più che sul sette (anche se comunque “mezzo” in più per il sesto)

     
  3. Mr.Franz scrive:

    Person of interest procede sempre bene … sia per lo sviluppo delle (varie) trame orizzintali, sia per i casi delle singole puntate. Sopratutto in Mors Praematura il gioco di incastri agli autori è riuscito benone !

     
  4. Son of the Bishop scrive:

    ma che fine ha fatto September ? :(

     
  5. Laino scrive:

    Recensioni eleganti e ben scritte, ma le valutazioni numeriche completamente fuori fase. 7,5 a Mors Prematura come a C.O.D. o The High Road della seconda stagione? Mors Prematura è stato un signor episodio, che merita almeno 9 se quei due vengono valutati da 7

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *