How I Met Your Mother – 9×18 Rally

How I Met Your Mother – 9x18 RallyCome si può benissimo intuire dallo screencap, Rally è una puntata su Barney. E’ una scelta che potrebbe far storcere il naso a molti – quante ce ne sono già state? Venti? Trenta? – ma la cosa che sorprende di più è il fatto che, nonostante ciò, How I Met Your Mother questa settimana funziona. Di nuovo.

L’episodio prosegue sulla scia di attenzione alla continuity intrapresa quest’anno, ma con un cambio di tono non indifferente rispetto alla media della stagione: infatti, in questi venti minuti la comicità torna a prevalere sul drama e la genialità autoreferenziale della serie si fa sentire più del solito. Insomma, i toni si fanno – giustamente – più leggeri e si torna a ridere, anche se il tutto avviene in maniera nuova, diversa. Ciò è dovuto alla decisione di Craig e Thomas di sviluppare un tipo di comicità diversa rispetto al solito, un cambiamento basato su un’alternanza di richiami al passato e di battute demenziali che ha trovato la sua maturazione solo in questi ultimi episodi (si pensi, per esempio, all’esilarante Slapsgiving 3: Slappointment in Slapmarra). Tuttavia, non tutte le scelte si rivelano vincenti e alcune di esse mettono parzialmente in luce dei motivi per cui la serie è risultata pesante o prolissa nelle ultime stagioni.

COSA FUNZIONA

How I Met Your Mother – 9x18 RallyLa storyline ed in particolare la gestione dei personaggi sono azzecatissime in questo episodio: si parte da una compattezza narrativa di base che viene presto frammentata nei due gruppi più classici (Lily/Robin e Ted/Marshall) per poi riavvolgersi su se stessa, riunendo il gruppo nella seconda metà della storia. In questo modo, si ha l’opportunità di sfruttare sia la coesione del gruppo maturata negli anni che l’alchimia più personale creatasi tra le coppie, senza annoiare troppo lo spettatore; inoltre, l’introduzione di numerosi flashback e flashforward conferisce dinamicità al tutto e permette di mostrare curiosi sviluppi futuri della trama, come l’elezione di Marhsall o il trasferimento del figlio al college.

Inoltre, l’utilizzo dei suddetti flashback ha la funzione di porre le basi per lo sviluppo di un nuovo elemento che si posiziona immediatamente nella mitologia della serie: How I Met Your Mother è sempre stata famosa per la sua scorta di assurdità ricorrenti  (una su tutte, il fantastico Playbook) e questo episodio ne attinge a piene mani, riuscendo addirittura a crearne di nuove. Infatti, la genialità del rimedio di Barney si trova nel riunire elementi “storici” – come la Tantrum, o le storie “alla Stinson” – combinandoli in modo da ottenere qualcosa di fresco e divertente. Il risultato non può che essere riuscito, e la mediazione tra demenzialità e riferimenti alla serie stessa raggiunge il suo compimento in questa splendida trovata.

How I Met Your Mother – 9x18 RallyE poi, non si può non parlare del fantastico lavoro che Craig e Thomas hanno svolto col personaggio di Barney, che, nonostante sia stato abusato anche troppo nel corso degli anni, risulta perfettamente naturale nell’evoluzione di questa puntata, che segna il punto di arrivo di una delle figure più celebri del panorama televisivo. L’equilibrio tra i suoi riti maniacali e l’affetto verso il – e da parte del – gruppo confluisce in modo credibile e spontaneo non solo nell’introduzione del rimedio, ma anche in una serie di trovate esilaranti e allo stesso tempo ben pensate (si pensi alla realizzazione di “The Weekend at Barney’s”, o al bacio tra Lily e Robin).

COSA FUNZIONA UN PO’ MENO

L’aggiunta di Cristin Milioti al cast è stata accolta come una ventata d’aria fresca agli spunti della serie, ma la scelta di iniziare l’episodio con Ted e la Madre questa volta risulta fuori luogo: l’episodio, come detto in precedenza, gira intorno al personaggio di Barney e, proprio per questo motivo, il primo minuto sembra attaccato al resto senza un motivo apparente. La comparsa della Milioti nel finale, invece, appare già più in linea con il tema di Rally e dà agli autori l’opportunità di mostrarci un altro tenero dettaglio nella vita coniugale dei signori Mosby.

Inoltre, anche se le trovate comiche della puntata sono in gran parte azzeccate, in certe situazioni si ha l’impressione che certe gag non funzionino a dovere e le risate risultano un po’ forzate. Per esempio, tutti i flashforward – anche se interessanti per le curiosità che nascondono qua e là – esagerano con la banalità e la prevedibilità, proponendo situazioni già viste o comunque facilmente intuibili dal più comune degli spettatori.

“…And in those moments, we all need someone who loves us to help us rally.”

How I Met Your Mother – 9x18 Rally

Nonostante ciò, Rally può essere considerato un episodio riuscito, un ulteriore passo in avanti in quella che si sta configurando come la migliore conclusione che How I Met Your Mother potesse avere dopo essere arrivata a questo punto. Se dopo 202 episodi una serie riesce ancora a intrattenere e reinventarsi in questo modo, non si può far altro che togliersi il cappello, chinare la testa e dire “grazie”.

 Voto: 7 ½

 Cose casuali che sopra non ci stavano:

  • Ted che scopre il bacon è fan-ta-sti-co. Alzi la mano chi non si è sentito rappresentato da quel “I have seen the face of God”.
  • I riferimenti della serie a se stessa erano troppi per essere elencati sopra, quindi mi sento di citarne un altro paio degni di nota: la foto di Barney (“Guys, Barney may be dead”) e i rimedi selvaggi di Robin per la sveglia al mattino (“Trust me, I was never late for kindergarten again”).
 

Pietro Franchi

Piccolo o grande schermo, se vale la pena litigarci sopra ci sto. Tutto qui!

2 Risposte

  1. Rick scrive:

    Ottimo episodio, un Filler che tuttavia risulta divertente e riesce a dare nuove informazioni sulla trama grazie ai FF….erano anni che Himym non era così in forma

     
  2. Lorenzo scrive:

    Completamente d’accordo con la recensione; complimenti a Bays e Thomas, stanno chiudendo al meglio questa serie leggendaria, non so quante siano le comedy che dopo nove stagioni e 202 episodi hanno ancora qualcosa da dire come Himym.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *