Penny Dreadful – 1×02 Séance

Penny Dreadful - 1x02 SéanceCon l’episodio Séance Penny Dreadful conferma la pregevole fattura di un prodotto che mostra standard qualitativi di esecuzione davvero elevati. Dopo un pilot che non aveva convinto del tutto, questo secondo episodio lascia pochi dubbi sulla qualità della serie del network Showtime.  

Don’t be frightened.
Here it is.
Everything. 

La trama orizzontale, infatti, si arricchisce di nuovi dettagli e non passa affatto inosservata la cura della resa visiva e, più in generale, estetica della serie. L’episodio si apre con la rappresentazione di  un sodalizio umano tenero e toccante tra il dottor Frankestein e Proteo; il nome scelto, Proteus, pescato dall’opera di Shakespeare I due gentiluomini di Verona, è un riferimento alla mitologia greca, il cui significato, primo nato, è simbolo di cambiamento.
Le scene che vedono protagonisti i due pongono in luce il rapporto genitoriale che Viktor instaura con la propria creatura; l’essenza stessa della sua creazione lo rende in un certo modo responsabile, al punto da incoraggiarne una confessione, seppur molto vaga, degli atti vergognosi che ha compiuto, aspetto che sarà chiarito nella scena conclusiva.

Penny Dreadful - 1x02 SéanceNon si tratta del ritratto del classico mostro, del “diverso” che non si integra nella società per finirne ai margini: ciò che il racconto restituisce è l’incarnazione dell’innocenza, un essere umano ancora puro che desidera scoprire e conoscere il mondo intorno a sé.
L’idea dell’uomo incorrotto, non ancora contaminato dall’imperfezione e dai vizi della natura umana, è una chiara influenza dall’opera di Mary Shelley, a sua volta ripresa da Jean Jeacques Rousseau.

Sir… you shouldn’t. I don’t know the word.

Penny Dreadful - 1x02 SéanceIn questa puntata si assiste all’introduzione di un altro personaggio tipico della letteratura inglese di fine ottocento: Dorian Grey.
Quest’ultimo ricalca i tratti classici del giovane protagonista del libro di Wilde, mettendone in risalto la natura affascinante e trasgressiva. L’interpretazione dell’attore, inoltre, ricorda molto da vicino quella di Ben Barnes sul grande schermo nell’omonimo film. Dal punto di vista della regia, la scena dell’amplesso con la prostituta Brona è un esempio particolarmente interessante di funzione empatica della musica; la colonna sonora, infatti, accompagna e sorregge lo svolgimento della narrazione, diventandone un elemento caratterizzante e conferendo enfasi nei momenti di maggiore pathos.
La colonna sonora non è il solo fattore di prestigio che contraddistingue Penny Dreadful; per quanto vi siano alcune forzature negli eventi del racconto, è impossibile non considerare la cura della fotografia di Giménez, (già evidenziata nell’episodio precedente) che a tratti fa un utilizzo della luce quasi pittorico, valorizzando al meglio l’atmosfera e la regia di Amenábar, già apprezzato in questo senso nel film The Orphanage.

Penny Dreadful - 1x02 SéanceAlla luce di queste considerazioni la seduta del titolo può essere vista come una prova del regista, il quale, anche grazie alla bravura di Eva Green, riesce a confezionare una sequenza che risulta di grande impatto suggestivo, quasi teatrale, nel monologo del figlio trapassato di Sir Malcolm o, per meglio dire, del demone serpente. Attraverso queste scene riusciamo a sollevare un velo sul passato del misterioso protagonista, pur non riuscendo a cogliere fino in fondo le sue colpe, a parte quella di aver perduto un figlio in Africa a causa della dissenteria.

Dopo un inizio un po’ incerto, lo show di John Logan offre degli ottimi spunti per gli episodi successivi, ricreando delle atmosfere cupe e coinvolgenti in cui i personaggi, avvolti ciascuno a modo proprio da un alone di mistero, dimostrano tutti di avere dei segreti da svelare. Séance accende il nostro interesse nel continuare a scoprirli.

Voto: 7

 

Fabiana Sarnella

Spiantata, spiazzata e snervante, nera dentro e fucsia fuori, ho studiato scienze della comunicazione e cerco il mio posto nel mondo. Appassionata della prima ora di Gilmore Girls, sono diventata un'appassionata delle serie tv di qualità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *