66° Primetime Emmy Awards: i vincitori!

66° Primetime Emmy Awards: i vincitori!Si è tenuta questa sera al Nokia Theatre di Los Angeles la 66° edizione degli Emmy Awards, i premi dedicati al piccolo schermo. Ecco tutti i vincitori, tra alcune sorprese e molte conferme.

A presentare una serata insolitamente più divertente del solito è toccato per la prima volta a Seth Meyers, sceneggiatore ed attore del Saturday Night Live e del The Late Night per la NBC, che ha aperto la serata con un ottimo monologo introduttivo.

Ci sono stati vari momenti piuttosto emozionanti, come l’arrivo sul palco di un malato di AIDS con Ryan Murphy per la vittoria di The Normal Heart, ma soprattutto l’In Memoriam; straordinario poi il saluto speciale di Billy Crystal a Robin Williams.

Per quanto riguarda le vittorie, Bryan Cranston riesce a guadagnare il suo quarto Emmy per lo splendido personaggio di Walter White. A bocca asciutta Matthew McConaughey, che però può certo consolarsi con l’Oscar vinto quest’anno. Modern Family raggiunge la quinta vittoria consecutiva ottenendo così un risultato incredibile, mentre è Breaking Bad ad essere incoronata la miglior serie drama dell’anno. Un bel modo per salutare il proprio pubblico dopo cinque stagioni di onorato servizio. Da sottolineare poi i tre Emmy vinti da Sherlock che porta un po’ di Inghilterra al Nokia Theatre.

Cinque, quindi, gli Emmy per Breaking Bad che hanno fagocitato tre delle quattro categorie d’attori per i drama (ma migliore attrice è stata la Margulies per un’ottima annata di The Good Wife).

Per quanto riguarda i network:

5 Emmy per AMC e FX, 3 per ABC, HBO, CBS e PBS.

 Vi rimando a all’Angolo delle News per i Creative Arts Emmy Awards, assegnati sabato scorso.

Ecco invece tutti i nominati alle categorie televisive: in grassetto troverete i vincitori.

Miglior drama

Breaking Bad (Amc)
Downton Abbey (Itv)
Game of Thrones (Hbo)
House of Cards (Netflix)
Mad Men (Amc)
True Detective (Hbo)

Miglior comedy

Louie (Fx)
Modern Family (Abc)
Orange Is The New Black (Netflix)
Silicon Valley (Hbo)
The Big Bang Theory (Cbs)
Veep (Hbo)

Miglior attore in una serie drama

66° Primetime Emmy Awards: i vincitori!Bryan Cranston – Walter White in Breaking Bad (Amc)
Kevin Spacey – Francis Underwood in House of Cards (Netflix)
Jon Hamm – Don Draper in Mad Men (Amc)
Jeff Daniels – Will McAvoy in The Newsroom (Hbo)
Woody Harrelson – Martin Hart in True Detective (Hbo)
Matthew McConaughey – Rust Cohle in True Detective (Hbo)

Miglior attrice in una serie drama

Michelle Dockery – Lady Mary Crawley in Downton Abbey (Itv)
Claire Danes – Carrie Mathison in Homeland (Showtime)
Robin Wright – Claire Underwood in House of Cards (Netflix)
Lizzy Caplan – Virginia Johnson in Masters of Sex (Showtime)
Kerry Washington – Olivia Pope in Scandal (Abc)
Julianna Margulies – Alicia Florrick in The Good Wife (Cbs)

Miglior attore di una serie comedy

Ricky Gervais – Derek Noakes in Derek (Channel 4)
Matt LeBlanc – Matt LeBlanc in Episodes (Showtime)
Don Cheadle – Marty Kaan in House of Lies (Showtime)
Louis C.K. – Louie in Louie (Fx)
William H. Macy – Frank Gallagher in Shameless (Showtime)
Jim Parsons – Sheldon Cooper in The Big Bang Theory (Cbs)

Miglior attrice di una comedy

Lena Dunham – Hannah Horvath in Girls (Hbo)
Melissa McCarthy – Molly Flynn in Mike & Molly (Cbs)
Edie Falco – Jackie Peyton in Nurse Jackie (Showtime)
Taylor Schilling – Piper Chapman in Orange Is The New Black (Netflix)
Amy Poehler – Leslie Knope in Parks and Recreation (Nbc)
Julia Louis-Dreyfus – Selina Meyer in Veep (Hbo)

Miglior attore non protagonista di una serie drama

Aaron Paul – Jesse Pinkman in Breaking Bad (Amc)
Jim Carter – Charles Carson in Downton Abbey (Itv)
Peter Dinklage – Tyrion Lannister in Game of Thrones (Hbo)
Mandy Patinkin – Saul Berenson in Homeland (Showtime)
Jon Voight – Mickey Donovan in Ray Donovan (Showtime)
Josh Charles – Will Gardner in The Good Wife (Cbs)

Miglior attrice non protagonista di una serie drama

Anna Gunn – Skyler White in Breaking Bad (Amc)
Maggie Smith – Violet Crawley in Downton Abbey (Itv)
Joanne Froggatt – Anna May Smith in Downton Abbey (Itv)
Lena Headey – Cersei Lannister in Game of Thrones (Hbo)
Christina Hendricks – Joan Harris in Mad Men (Amc)
Christine Baranski – Diane Lockhart in The Good Wife (Cbs)

Migliore attore non protagonista di una comedy

Andre Braugher – Ray Holt in Brooklyn Nine-Nine (Fox)
Adam Driver – Adam Sackler in Girls (Hbo)
Ty Burrell – Phil Dunphy in Modern Family (Abc)
Jesse Tyler Ferguson – Mitchell Pritchett in Modern Family (Abc)
Fred Armisen – vari ruoli in Portlandia (Ifc)
Tony Hale – Gary Walsh in Veep (Hbo)

Miglior attrice non protagonista in una comedy

Julie Bowen – Claire Dunphy in Modern Family
Allison Janney – Bonnie in Mom
Kate Mulgrew – Galina ‘Red’ Reznikov in Orange Is The New Black
Kate McKinnon – vari ruoli in Saturday Night Live
Mayim Bialik – Amy Farrah Fowler in The Big Bang Theory
Anna Chlumsky – Amy Brookheimer in Veep

Miglior Miniserie

American Horror Story: Coven
Bonnie & Clyde
Fargo
Luther
Treme
The White Queen

Miglior Film tv

Killing Kennedy
Muhammad Ali’s Greatest Fight
The Normal Heart
Sherlock: His Last Vow
The Trip to Bountiful

Miglior attrice in una miniserie o film tv

Helena Bonham Carter, Burton and Taylor
Jessica Lange, American Horror Story: Coven
Minnie Driver, Return to Zero
Sarah Paulson, American Horror Story: Coven
Cicely Tyson, The Trip to Bountiful
Kristen Wiig, The Spoils of Babylon

Miglior attore in una miniserie o film tv

Benedict Cumberbatch, Sherlock: His Last Vow
Idris Elba, Luther
Chiwetel Ejiofor, Dancing On the Edge
Martin Freeman, Fargo
Billy Bob Thornton, Fargo
Mark Ruffalo, The Normal Heart

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film tv

Frances Conroy, American Horror Story: Coven
Kathy Bates, American Horror Story: Coven
Angela Bassett, American Horror Story: Coven
Allison Tolman, Fargo
Ellen Burstyn, Flowers in the Attic
Julia Roberts, The Normal Heart

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film tv

Colin Hanks, Fargo
Jim Parsons, The Normal Heart
Joe Mantello, The Normal Heart
Alfred Molina, The Normal Heart
Matt Bomer, The Normal Heart
Martin Freeman, Sherlock: His Last Vow

Miglior Sceneggiatura per una serie comedy

Louie (Episode: “So Did the Fat Lady”), Louis C.K. (FX)
Episodes (Episode: “Episode Five”), David Crane & Jeffrey Klarik (Showtime)
Orange Is the New Black (Episode: “I Wasn’t Ready”), Liz Friedman & Jenji Kohan (Netflix)
Silicon Valley (Episode: “Optimal Tip-to-Tip Efficiency”), Alec Berg (HBO)
Veep (Episode: “Special Relationship”), Simon Blackwell, Armando Iannucci, & Tony Roche (HBO)

Miglior Sceneggiatura per una serie drama

Breaking Bad (Episode: “Felina”), Written by Vince Gilligan (AMC)
Breaking Bad (Episode: “Ozymandias”), Written by Moira Walley-Beckett (AMC)
Game of Thrones (Episode: “The Children”), Written by David Benioff & D. B. Weiss (HBO)
House of Cards (Episode: “Chapter 14”), Written by Beau Willimon (Netflix)
True Detective (Episode: “The Secret Fate of All Life”), Written by Nic Pizzolatto (HBO)

Miglior Sceneggiatura per una miniserie, film TV o speciale drammatico

American Horror Story: Coven (Episode: “Bitchcraft”), Ryan Murphy & Brad Falchuk (FX)
Fargo (Episode: “The Crocodile’s Dilemma”), Noah Hawley (FX)
Luther, Neil Cross (BBC America)
The Normal Heart, Larry Kramer (HBO)
Sherlock: “His Last Vow”, Steven Moffat (PBS)
Treme (Episode: “…To Miss New Orleans”), David Simon & Eric Overmyer (HBO)

Miglior regista per una serie comedy

Modern Family (Episode: “Las Vegas”), Gail Mancuso (ABC)
Episodes (Episode: “Episode Nine”), Iain B. MacDonald (Showtime)
Glee (Episode: “100”), Paris Barclay (Fox)
Louie (Episode: “Elevator, Part 6”), Louis C.K. (FX)
Orange Is the New Black (Episode: “Lesbian Request Denied”), Jodie Foster (Netflix)
Silicon Valley (Episode: “Minimum Viable Product”), Mike Judge (HBO)

Miglior regista per una serie drama

Boardwalk Empire (Episode: “Farewell Daddy Blues”), Directed by Tim Van Patten (HBO)
Breaking Bad (Episode: “Felina”), Directed by Vince Gilligan (AMC)
Downton Abbey (Episode: “Episode One”), Directed by David Evans (PBS)
Game of Thrones (Episode: “The Watchers on the Wall”), Directed by Neil Marshall (HBO)
House of Cards (Episode: “Chapter 14”), Directed by Carl Franklin (Netflix)
True Detective (Episode: “Who Goes There”), Directed by Cary Joji Fukunaga (HBO)

Miglior regista per miniserie, film TV o speciale drammatico

American Horror Story: Coven (Episode: “Bitchcraft”), Directed by Alfonso Gomez-Rejon (FX)
Fargo (Episode: “Buridan’s Ass”), Directed by Colin Bucksey
Fargo (Episode: “The Crocodile’s Dilemma”), Directed by Adam Bernstein (FX)
Muhammad Ali’s Greatest Fight, Directed by Stephen Frears (HBO)
The Normal Heart, Directed by Ryan Murphy (HBO)
Sherlock: “His Last Vow”, Directed by Nick Hurran (PBS)

Ecco il video della premiazione di Bryan Cranston:

E di un momento divertente tra lui e Julia Louis-Dreyfus quando quest’ultima ritira il premio:

Jimmy Kimmel scherza con Matthew McConaughey:

La premiazione di Anna Gunn:

Bryan Cranston consegna l’Emmy a Jim Parsons:

Il tributo a Robin Williams:

 

Mario Sassi

Napoletano trapiantato da anni a Roma, non nasconde la sua anima nerd e la sua passione per serie TV e cinema.

72 Risposte

  1. SerialFiller scrive:

    Finalmente!!!
    Finalmente non devo guardare le premiazioni senza sbraitare.
    Breaking bad vince ovunque, lo fa meritatissimamente e soprattutto lo fa battendo ovunque una concorrenza fenomenale. Mi spiace per gli altri ma questa serie è stata eccezionale soprattutto nell’ultimo capitolo e non poteva non vincere e non potevano non vincere.
    Nel settore comedy il solito macello inutile parlarne.
    Incredibile disfatta anche per OITNB che proprio non mi aspettavo.
    Una piccola parentesi per True detective e in generale la categorizzazione. Sono felice che sia stata non premiata questa serie straordinaria. La sua arroganza nello schierarsi nel settore drama e poter pensare di rovinare la festa a breaking bad è stata punita. Credo che un premio serio debba mettere regole. Non si può vedere fargo vincere la categoria miniserie con una stagione da 10 puntate e true detective nei drama con 8 puntate. Mi direte che anche breaking bad aveva 8 puntate questa stagione…ok ma breaking bad innanzitutto ha diviso un capitolo finale in 2 tronconi ed è una serie da tutta la vita. True detective e fargo sono 2 serie antologiche da 8 e 10 puntate rispettivamente e vederle gareggiare in 2 categorie diverse è farsesco. Cosi come è farsesco vedere OITNB nelle comedy, e ancora più farsesco perdere contro modern family ovunque. Mah…

    P.S.

    Ho assistito alla cerimonia di premiazione su rai 4 e l’incositenza e l’incompetenza dei commentatori erano insopportabili. Tutta la sera a decantare true detective e modern family, davano l’impressione di aver visto solo queste 2 serie e credo non sia distante dalla realtà questa mia impressione…
    Insomma bastava prendere un qualsiasi recensore di seriangolo per avere una persona competente in studio!!!

     
    • Namaste scrive:

      Batti questo 5 virtuale brother, godo come un riccio! :-)

      Solo per dovere di cronaca, Andrea Fornasiero non è davvero il primo che passa o che non ne mastica di serie USA. Quello che ha reso, a mio avviso, la cerimonia in diretta su Rai 4 particolarmente indigesta, oltre alla presentazione assai moscia di Seth Mayers, è stato Gene Gnocchi, che non mi sta nemmeno particolarmente antipatico, ma che in un contesto simile è risultato davvero un “intruso”, costringendomi a interrompere la visione a metà per sopravvenuto ed anche fisiologico abbiocco.

      In attesa di recuperarla in originale più tardi, ho saputo quindi dell’exploit inaspettato di BB solo stamane, e non posso che quotare ogni virgola del tuo intervento. Tutti premi strameritati sul versante drama che bilanciano, se possibile, tutte le brutture viste sul versante comedy, e alla fine per me è solo questo che conta, perché come direbbe Aaron Paul: “Comedy is Easy, Drama is Hard”!

       
      • SerialFiller scrive:

        Grazie mille Namaste.
        Aggiungo che la premiazione di tutti gli artisti di BB è stata praticamente un brivido sulla schiena. In particolare Cranston ha fatto un intervento secondo me vibrante e pazzesco con una dedica ed un invito finale in puro stile Heisenberghiano

         
  2. Francesco scrive:

    Non trovo possibile fra vincere Modern Family (ancora!!) a confronto di prodotti come Louie o OITNB. Così come è assurdo dare il premio a Parsons (anche questo, ancora!!) quando hai due come Louie Ck e Ricky Gervais. #BOH.

    Sono contento per Sherlock, per la Lange e per tutti i premi di BrBa. L’ennesimo premio a The Good Wife, invece, mi spinge verso un binge watching della serie.

     
  3. Shadow Meister scrive:

    Sono d’accordo con SerialFiller: la trasmissione italiana fornita di un commento audio inservibile che tentava pure di riprodurre le battute, con risultati terribilmente imbarazzanti. Non c’era, almeno sul mio televisore, neppure la possibilità di disattivarlo. Ma dico, se uno vuole vederselo senza tre idioti che rovinano tutto?
    Passando ai premi, trovo che, comunque la si veda, questi riconoscimenti siano sempre dati in maniera scorretta. Corretta perchè magari gli show meritano (Breaking Bad), ma scorretta sulla quantità. Nel senso che non puoi far vincere Breaking Bad ovunque è nominato: capisco la scrittura di Ozymandias, capisco Anna Gunn, Aaron Paul, in realtà capisco tutto, ma non ho visto tutte le altre performance e tutti gli altri show, eppure rimango convinto che una tale vittoria serva solo a ostentare qualcosa. Come nel 2001 (mi pare fosse il 2001) quando agli Oscar hanno vinto Denzel Washington e Halle Berry come migliori attori e mi è venuto da chiedermi se non fosse solo un’ostentazione di un “no alla xenofobia” e poco altro. Per carità, non discuto oltre perchè non sono certo razzista (ci mancherebbe) o non credo che le performance non fossero meritevoli, ma in ambo i casi mi vengono molti, molti dubbi.
    Come ho già detto, comunque, non riesco, come tutti, a essere obiettivo, dato che apprezzo certe serie più di altre.

    In ogni caso, i premi drama ci possono stare (ma anche qui, va bene tutto, ma tre su quattro a Sherlock, tra l’altro nella stagione più contestata? mi ripeto: sono contento, perchè a me la serie piace, ma di sbancare così forse non meritava), ma sono quelli comedy a urlare “mafia” in tutte le lingue: (faccio questo discorso ogni singolo anno uguale, ma penso meriti attenzione) lasciando perdere per un momento errori di categorie, nomination ed esclusi -le cose fatte così, coi piedi-, i fan di Veep non vengano a dirmi che non si sono stupiti di vedere la Dreyfus vincere ancora, o quelli di TBBT per quanto riguarda Parsons. Anche qui, non so cos’è, non so se è perchè loro sono molto vicini agli Emmy o che so io (avete visto il video Barely Legal Pawn con Cranston e Dreyfus? beh guardatelo, fa morire dal ridere), se sono i preferiti o che so io, ma sono stanco di vederli vincere. Se ci sono loro, la sfida manco inizia, e non mi sembra giusto. Non voglio arrivare a dire che potrebbero, ogni tanto, premiare chi mai ha vinto, piuttosto dei migliori già vincitori (ma la domanda è, sono i migliori), ma ormai non so in cos’altro sperare.
    Idem per Modern Family, che è una delle comedy più carine e scorrevoli della tv, non impegnativa, adatta a tutti, e che effettivamente meritava i suoi primi due Emmy, vista l’innovazione nelle scelte autoriali/di regia e il successo ottenuto, ma gli altri tre sono regalati. Sono stanco di vederli anche solo nominati, assieme a TBBT che non è più TBBT da quattro anni ormai. L’unica cosa che non si può toccare davvero di Modern Family è la straordinaria recitazione, che però, anche lì, a me sa tanto di ripetitivissimo e sempre un po’ ai limiti dell’esagerato.

    Scusate lo sfogo, ma stare sveglio per certe cazzate mi fa girare le proverbiali “scatole”. Nota conclusiva: ma hanno dato l’Emmy (meritato, badate) alla Margulies per scusarsi dello svarione “The Good Wife” di quest’anno? xD

     
    • SerialFiller scrive:

      Sono daccordo col tuo discorso in linea generale e nello specifico sono daccordissimo per quanto riguarda le nefandezze delle comedy. Io non sono appassionato di comedy e ne vedo pochine ma anche io che ne guardo poco posso apprezzare il calo di tbbt e la ripetitività schematica di modern family. Queste sono 2 serie ottime ma sempre uguali a se stesse e non possono vincere sempre proprio perchè non sono in grado di rinnovarsi. Non premiare OITNB in questo contesto è gravissimo.
      Non sono daccordo con te sull’offensiva anti breaking bad. E’ vero breaking bad ha vnto ovunque ed in quest casi è sempre giusto domandarsi se meritava. In questo caso specifico io credo che la risposta sia “you are damn right!” L’ultima stagione di breaking bad è stata pazzesca, epica, storica, successo di pubblico, successo di critica, finale da 10, hanno sfoderato un episodio da 10 e lode davvero senza imperfezioni. Avrebbe potuto vincere true detective? Certo che avrebbe potuto ma se lo avesse fatto secondo me sarebbe stato un errore sia perchè la portata e l’impatto dell’ultima stagione di breaking bad è stato devastante ed ha lascaito un’impronta e sia perchè a giudicarle obiettivamente secondo me BB era meglio ed infine perchè TD non doveva essere li ma nelle miniserie. Avrebbe potuto vincere McGounaghey? Ovvio ha sfoderato una recitazione sontuosa. Ma basta andarsi a vedere la scena della telefonata di WW a Skyler per capire chi doveva vincere questo premio a mani basse. Poteva non vincere Aaron Paul? Aldilà che Jesse resterà immortale e la prova di Paul è stata magistrale intrisa di sofferenza e scene impeccabili spiegami chi avrebbe dovuto vincere?patinkin?voight?charles?dinklage?perdonami ma nessuno ha neppure lontanaente sfoderato una prestazione migliore di Paul quest Anno. Anna gunn come poteva non vincere?anche qui non c’erano avversarie all’altezza, non c’era il macGounaghey della situazione ma i Patinkin della situazione e dunque la Gunn meglio delle altre. Sul miglior episodio credo che se si sia visto Ozimandias allora non si possa neppure pensare di obiettare nei cnfronti della vittoria della seria.
      Quindi è vero che bisogna sempre interrogarsi sul perchè di un trionfo ma non in questo caso, almeno per me. L’unica domanda che mi faccio è casomai come sia stato possibile che a volte abiano vinto attori o serie diverse da BB e dal suo cast…

       
      • Shadow Meister scrive:

        Guarda, hai frainteso il senso del mio discorso, che non era assolutamente anti-breaking bad. Mi dà fastidio vedere che certi anni è completamente ignorata, ora vince tutto. Ok, molti premi li merita, ma la cosa che mi dà fastidio è che sembra che facciano apposta a far vincere la serie ovunque solo perchè è “Breaking Bad”. Devi sapere che BB è la serie che mi è piaciuta di più in assoluto, in particolar modo quest’ultima parte di 5a stagione. Speravo vivamente che battesse TD che secondo me è 1)fuori categoria 2)molto bella ma anche molto sopravvalutata. Il discorso era anti-“Academy” (so che non è l’Academy o la HFPA, ma non so come si chiama la giuria qui!), perchè secondo me certi premi li danno solo per un certo senso di apparenza, non per altro. Ripeto, BB meritava assai più degli avversari, o almeno di alcuni. Ad esempio, quando parli di Aaron Paul, dici che non aveva avversari: beh, se hai guardato Homeland o TGW, non puoi dirmi che era una categoria senza concorrenza. Non mi esprimo su Voight perchè non ho mai guardato Ray Donovan, ma posso assicurarti che non avrei scommesso su Paul senza pensarci due volte.

         
        • SerialFiller scrive:

          Capisco il tuo ragionamento.
          Ti premetto che ho visto tutte le serie in gara a parte ray donovan, the good wife e DA che sto comunuque recuperando dunque ho un idea delle parti in gioco.
          Ho visto homeland ed ho visto GOT per dire e non vedo nelle prestazioni di patinkin o dinklage nulla in più ma nulla rispetto a Paul e poi ripeto a prescindere dalla concorrenza Paul p stato magistrale in questa annata.

           
        • Charlotte scrive:

          Sulle comedy hai sicuramente ragione! Modern Family secondo me 5 Emmy di fila proprio non li meritava, ormai non è proprio una sorpresa, come per Parson (anche se gli va riconosciuto che regge praticamente lo show da solo da 6 anni, con gli altri ormai che fanno da contorno). Non mi esprimo su Veep, perchè non l’ho mai vista e quindi non posso affermare se effettivamente sia meritato o meno l’emmy.
          Passiamo ai Drama, la categoria regina. Io li ho visti tutti e non c’era sfida. Per quanto True Detective (tralasciando lo spostamento di categoria) sia stata una serie stupenda, con 8 episodi da brivido, Breaking Bad è LA serie. Per quanto riguarda il miglior drama e il miglior attore protagonista, non far vincere BB e Cranston sarebbe stata pura blasfemia.
          Per Anna Gunn e Aaron Paul farò lo stesso ragionamento. Io, tranne Ray Donovan, per queste due categorie ho apprezzato le performance di tutti gli attori e le attrici nei loro rispettivi ruoli, e forse solo la Baranski e Dinklage potevano insinuare il dubbio. Il punto però è uno riguardo tutti gli attori non premiati, almeno secondo me. Tutti i nominati, eccetto i vincitori, hanno recitato in molti episodi in maniera notevole, ma non eccellente, lasciando l’eccellenza per alcuni momenti di spicco (vedi Dinklage quando fa “l’arringa”). La Gunn e Paul hanno interpretato invece puntata dopo puntata in modo eccellente, e solo qualche parte è stata “solo” notevole.
          Emmy meritatissimi per entrambi.

           
  4. Firpo scrive:

    Molti pensavano avrebbe vinto TD ma era scontato vincesse BrBa almeno alla vigilia. Anche secondo me la HBO ha pagato la sua arroganza nel voler far concorrere la serie in una categoria che non le compete.
    Avrebbe vinto agevolmente nella categoria miniserie.
    Per niente scontata la vittoria di Cranston, visto che Matteone era dato vincitore, ma che senso avrebbe avuto premiare la Gunn, Paul e non Cranston?
    Contenta per tutto.

    Mi spiace per OITNB ma a vedere la serie ci si domanda sempre di più perchè sia stata fatta concorrere tra le comedy e non nei drama da Netflix. Bah…

    Grazie per la dritta. Allora starò lontana dalla programmazione della serata in differita di Rai4.

     
    • Charlotte scrive:

      Far concorrere OITNB nei drama era come buttare proprio la nomination, in quanto a mio parere sarebbe stato sciocco far concorrere quella serie contro tutte e sei le nominate, che nella categoria a mio parere sono nettamente superiori a OITNB, senza contare che quest’anno c’erano True Detective e quel diamante di Breaking Bad.

       
  5. Dreamer88 scrive:

    Sulle comedy non mi pronuncio, dato che praticamente non ne seguo nessuna di quelle nominate.
    Drama: era ovvio che Breaking Bad fosse il favorito della serata, ma personalmente non mi aspettavo un trionfo su tutta la linea (e non perchè non se lo meritasse, ma True Detective alla vigilia sembrava davvero un avversario temibile); alla fine, per la categoria Drama, non posso che ritenermi soddisfatto, i premi sono andati a chi dovevano andare.
    Per le miniserie invece mi aspettavo che Fargo vincesse tutto a mani basse ma si è trovato di fronte la vera sorpresa degli Emmy di questa notte, ossia Sherlock (mai avrei pronosticato 3 statuette per la serie della BBC).
    Sul discorso True Detective e in particolare sulla scelta da parte di HBO di farla concorrere nella categorie Best Drama (e non con le miniserie, cosa che in teoria avrebbe dovuto fare) vorrei fare una considerazione: io non parlerei di arroganza da parte del canale ma di una valutazione ben ponderata. Ricordo che la HBO non vince nella categoria Best Drama dal lontano 2007 (quandò trionfò con l’ultima stagione dei Soprano), aveva quindi bisogno di un prodotto di primissimo livello per provare almeno a contrastare l’ultima stagione di BB. Dato che Game of Thrones non poteva neanche impensierire il prodotto AMC la HBO ha provato (facendo una scelta si rischiosa, ma anche ambiziosa e sensata) a mettere di fronte a BB True Detective. Per me ha fatto bene a provarci, ma alla fine non c’è stata storia.

     
    • Namaste scrive:

      Non solo tu, un trionfo così schiacciante di BB credo che non se lo aspettasse davvero nessuno. Persino critici come Sepinwall che conoscono logiche e meccanismi (anche commerciali) dei premi meglio di noi erano tutti d’accordo nel dire, alla vigilia, che meritava BB ma che avrebbe vinto TD. Io stesso, che eppure speravo che quelle previsioni fossero errate, nei commenti seguiti qui all’annuncio delle nomination, riflettevo su quanto fosse difficile, in una TV moderna altamente competitiva, beccare anche solo l’accoppiata miglior drama-migliore attore drama, qui ci hanno pure aggiunto attrice+attore non protagonisti e la sceneggiatura, per una mezza stagione andata in onda 12 mesi prima (una roba che non so se sia mai capitata per un’edizione degli Emmy, ma che a memoria non mi capitava di registrare dalla pioggia di Oscar nelle stesse categorie data a “Il Silenzio degli innocenti” del ’92), quindi non credo che siano state solo delle coincidenze, nelle quali non ho mai creduto.

      Provarci era giusto provarci, ma quando in un campionato una squadra fa “quadriplette” è forse il caso di cominciare a pensare che non ce n’era davvero per nessuno.

       
      • SerialFiller scrive:

        quotone Namaste. Breaking bad ha vinto per manifesta superiorità. Io ho visto quasi tutte le serie drama in lizza nei vari premi e sinceramente BB è stata un altra cosa, un altro livello.

         
      • Firpo scrive:

        Io avevo letto le predictions di imdb e di EW e davano entrambi vincitore Breaking Bad (che ricordo ha vinto anche i prmei precedenti della critica) e molto ben piazzati i due non protagonisti.
        L’unico che tutti davano per sconfitto era proprio Cranston perchè si pensava a una consacrazione di Matteone.
        Per fortuna non è stato così. Per me l’unica vera felice sorpresa della premiazione.delle serie drama.

         
      • Dreamer88 scrive:

        Infatti pensavo che quest’anno si ripetesse quello che successe agli Emmy dello scorso anno, dove praticamente accontentarono tutti (diedero i premi con un metodo degno del miglior “Manuale Cencelli”). Comunque è vero, un en-plein del genere non era pronosticabile alla vigilia (l’unica serie che è riuscita a fare un risultato simile è stata Homeland due anni fa, dove vinse ben 6 Emmy tra qui Best Drama, Best Lead Actress e Best Lead Actor).

         
  6. domenicomastrillo scrive:

    Ma questi video dove si possono vedere in italiano???????????

     
  7. Pietro Franchi scrive:

    Comunque ci stiamo tutti dimenticando del vero highlight della serata: Billy Eichner che impazzisce sulla strada in tre minuti di pura follia e interviste al pubblico. Da rotolarsi dalle risate!

     
    • winston smith scrive:

      È vero. Non conoscevo il tipo, ma il siparietto con lui e Seth Meyers in strada con il pubblico a caso non era affatto male. Anche se, per quanto mi riguarda, il migliore battutista della serata è stato Jimmy Kimmel con il suo sfottò nei confronti di McConaughey. Nonostante l’attore texano abbia dimostrato di essere un grande sotto il profilo recitativo nel corso degli ultimi due anni, la canzonatura a cui stato sottoposto (anche la miglior regista per una serie comedy ci ha dato dentro nel suo discorso di ringraziamento) ci stava e mezzo. La vera beffa è che alla fine hanno pure premiato Cranston anziché lui: il tutto è sembrato un po’ crudele alla luce di quel twist finale. XD

       
      • winston smith scrive:

        Mi spiego meglio per prevenire eventuali incomprensioni del mio scritto: l’impressione che ne ho ricavato col senno di poi rappresentato dalla vittoria di Bryan Cranston (a proposito, anche il siparietto fra lui e Dreyfus se la gioca nella categoria miglior sketch della serata) è stato quello di umiliarlo per il fatto di essere una “movie star” che non ha nulla a che spartire con la televisione e che per questo motivo non deve nemmeno pensare di vincere un Emmy come miglior attore per una semplice “serie”; è stata quasi una rivincita del mondo seriale rispetto al padre rappresentato dalla cinematografia, il cui emblema è la notte degli Academy Awards, sotto forma di metaforico schiaffo in faccia. L’unico che ha dimostrato davvero una classe straordinaria in tutta questa faccenda è stato proprio il vittorioso Cranston, che subito dopo aver raggiunto il palco per ricevere la statuetta ha aperto il proprio discorso dicendo “Even I thought about voting for Matthew” o qualcosa di simile. E non so perché, ma a me è sembrato qualcosa di più delle solite frasi di circostanza, considerando che si è rivolto direttamente a Matthew e non, come è prassi, genericamente ai suoi “fellow nominees”.

         
  8. winston smith scrive:

    Io non accetto solo una cosa di questo tipo di premiazioni: il fatto che generino in automatico manifestazioni di protervia da parte della critica che tira fuori dal cilindro la solita verità rivelata (e per una volta, devo riconoscere che in difetto è proprio quella critica amatoriale di cui io stesso faccio parte nel momento in cui vengo qui ad esprimere il mio punto di vista ragionato sulla questione e che così tanto ha contribuito nell’ultimo decennio ad allargare il campo di appassionati della materia). Mi scusino i più per lo scenario sacrilego, ma se nella categoria drama avessero vinto rispettivamente Mad Men come miglior serie e Jon Hamm come miglior attore protagonista, qualcuno di voi, possibilmente dopo aver smaltito la smania di voler divinizzare questo attore o quella serie in particolare quasi imponendoli con la forza agli altri, avrebbe seriamente avuto la faccia tosta di contestare le suddette, ipotizzate decisioni?
    Inoltre, a testimonianza del fatto che l’oggettività in campo artistico è un concetto relativo (perché se è vero che si può stabilire più o meno agevolmente a seconda delle competenze del soggetto giudicante se questa regia è tecnicamente migliore o peggiore di quell’altra, spero che ci rendiamo tutti conto che non è così per un’interpretazione – esempio scemo: quando penso al personaggio immaginario di Hannibal Lecter, ora io “vedo” Mads Mikkelsen, mentre molti altri continueranno a ritenere Anthony Hopkins, anche a ragione per quanto riguarda loro, il modello insuperabile), io non ho timore alcuno di affermare seriamente che il miglior episodio che Breaking Bad abbia mai fatto, a mio modestissimo parere, non è Ozymandias, bensì quello che lo precede, ovvero To’hajiilee, la cui sceneggiatura, oltre a magistralmente preservare quello stato di tensione e di ineluttabilità palpabile in ognuno dei primi sei episodi della stagione finale – gli ultimi due sono strutturalmente diversi, quindi non li considero in questo contesto -, aveva dalla sua un elemento di imprevedibilità che a Ozymandias mancava quasi del tutto (e qui chiamo a testimoniare in mio favore Namaste, che si ricorderà sicuramente come in altri lidi predissi quasi per filo e per segno cosa sarebbe accaduto nella prima mezz’ora di Ozymandias giorni prima della messa in onda senza aver parlato per telefono con Vince Gilligan o con uno degli altri sceneggiatori coinvolti nella stesura dei copioni della serie). Come ho scritto altre volte, fare drama quando si tirano fuori coltelli e si fanno volare proiettili è relativamente facile e calamita inevitabilmente con maggiore facilità l’attenzione del pubblico; ben più difficile è creare situazioni drammatiche attraverso il solo uso delle parole e dei gesti (e perché no, per gli attori più dotati persino limitandosi a muovere in maniera quasi impercettibile un sopracciglio).
    Ci tengo a precisare che la mia invettiva non è rivolta a nessun utente in particolare; semmai consideratela uno spunto per una riflessione collettiva rivolta non alle serie che tanto amiamo e giudichiamo, ma al modo in cui noi spettatori smaliziati adoriamo e giudichiamo le serie, a volte pretendendo di identificare la soggettività con l’oggettività e aspettandoci che tutto il mondo esegua in automatico lo stesso passaggio alla stessa maniera nostra, quando ciò non solo è impossibile, ma sarebbe assolutamente deleterio per noi in quanto soggetti e per le varie serie in quanto oggetti del nostro “amore”.

    Infine, vorrei spendere una parolina sull’iniziativa intrapresa da Rai4 consistente nel trasmettere la cerimonia in diretta. Pur apprezzando molto la trovata e ringraziando l’emittente pubblica per il servizio reso, non posso non esprimere un giudizio negativo sul modo in cui l’evento è stato coperto: mettere alla conduzione il tipo che è stato messo, per di più affiancato da un incompetente quale si è dimostrato essere Gene Gnocchi, ha quasi vanificato la bontà del progetto. Se proprio non si vuol lasciare seguire la manifestazione in lingua originale (o, meglio ancora, quantomeno lasciare allo spettatore la possibilità di farlo), magari proponendo una versione sottotitolata per la differita, si chiami qualcuno che sappia quello che dice. Credo che qualunque utente di Seriangolo avrebbe potuto non solo commentare con maggiore perizia, ma anche offrire battute più divertenti e pertinenti di quel duo; Fornasiero non impeccabile e poco sfruttato rispetto a Gnocchi, e forse proprio per tale ragione scusato. Insomma, spero che la prossima volta vengano adottati accorgimenti che incrementino la qualità del servizio offerto e non si lascino i due poveri traduttori – ai quali va la mia massima solidarietà – in balia di un vecchio comico che sforna un repertorio da vecchio comico (onestamente, tutto quell’insistere sulla faccenda del toy boy e sul fatto che le celebrità di Hollywood in fondo sono come noi non faceva altro che dimostrare l’età anagrafica di Gene, giacché dubito che ad uno della mia età verrebbe mai in mente di buttarsi su qualcosa di così trito credendo di risultare simpatico, perfino alle tre di notte) e di un tizio che molto probabilmente “ci fa” molto più di quello che “ci è” per assecondare la vecchia gloria (?) dell’italica commedia. Che voto dare? Una sufficienza piena per l’iniziativa presa e l’impegno dimostrato, ma da Rai4 mi aspetto molto di più.

     
    • SerialFiller scrive:

      Bello spunto. Ti propongo un paragone calcistico rispetto alla tua considerazione sul se avesse vinto mad men. Ovvio che la serie è talmente bella e perfetta che non si può in assoluto contestare un’eventuale vittoria di TD o mad men (si potrebbero contestare invece vittorie di TGW,GOT e soprattutto DA invece).
      Tutti sappiamo che CR7 e msessi sono i giocatori piu forti del mondo da anni ormai quindi entrambi sempre e comunque meritevoli di pallone d’oro.
      Metti che quest’anno messi fa il gol più bello dell’anno, segna 100 gol e vince una coppa mentre ronaldo fa 80 gol ne fa molti bellissimi e arriva in finale perdendo. Potremmo non appoggiare una vittoria di ronaldo?ovvio che no ma se dovessimo scegliere chi meriterebbe di più chi sceglieremmo?ovviamente messi credo. Per me BB quest’anno (mia opinione personale da 6 anni) strameritava la vittoria, idem ilcast ed idem l’episodio.
      E veniamo ad Ozymandyas. Sono daccordo con te che to hajilee sia un episodio strabiliante e forse superiore ad ozymandias in alcune cose (stiamo parlando dei pelè e maradona della categoria episodi 2014 e non solo eh non di bachini vs maradona…) ma credo che a volte si faccia un grave errore nel valutare Ozymandias, infatti molti identificano quell’episodio maginifico (unico 10 perfetto in tutto il database di imdb per chi non lo sapesse) con quello che succede nei primi 10 minuti (e gia quei 10 minuti basterebbero per un 10). In realtà in quella puntata succedono 1000 cose e tutte straordinarie raccontando quella che è la fine vera e propria di Heisenberg ed in + in quella puntata c’è la prova attoriale che vale non un emmy ma un nobel per la recitazione nella telfonata di WW. Insomma a volte vogliamo smontare dei miti ed è giusto provare a farlo perchè spesso il fandom o lacritica gonfia le cose, ma non è il caso di ozymandias e non è il caso di BB secondo me.
      Venendo a rai 4 mi sono espresso per primo sulla faccenda e la trovo un ottima iniziativa che ha fatto solo danni…son rimasto sveglio inutilmente per sentirmi gene gnocchi che non capiva un tubo di serie e gli altri a riempire il silenzio senza poter apprezzare premiazioni o interviste in lingua originale. Ma con tanti appassionati di serie non potevano trovare qualche buon commentatore?

       
      • winston smith scrive:

        Ah, guarda che con me hai proprio sbagliato paragone. Messi nelle gare decisive non gioca mai bene e Cristiano Ronaldo è bravo quando ha campo aperto che gli consenta di buttare la palla in avanti e iniziare a correre bruciando gli avversari in velocità. Per me, il giocatore più forte del mondo, fra quelli che ho visto io, da quindici anni a questa parte è Totti: la sua completezza tecnica e atletica, unita al fatto che non ha mai giocato in una squadra imbattibile come lo possono essere a seconda delle annate il Barcelona o il Real Madrid (o il Manchester United prima ancora) ne fanno un calciatore inarrivabile. Il fatto che Totti non abbia mai vinto un Pallone d’oro, quello si che è scandaloso (se non erro, lo diedero a Michael Owen pur di non darlo a lui, e giuro che non è una barzelletta delle sue! XD). Un po’ come è scandaloso che il da me chiamato in causa Jon Hamm non abbia ancora vinto, nonostante le sette candidature consecutive, l’Emmy per il ruolo di Don Draper, ovvero colui che più di tutti, fra i vari figli bastardi dell’ei fu boss del New Jersey, probabilmente merita di essere considerato “il vero erede di Tony Soprano” per affinità caratteriali e somiglianze narrative (questo forse non è il luogo né il tempo per affrontare il tema, ma sarebbe interessante farlo in futuro, se siete d’accordo).
        Come volevasi dimostrare, ognuno vede le cose per poi giudicarle secondo i propri criteri. Più che esporre le proprie ragioni con passione, non si può. La verità assoluta, ammesso che esista, scenderà dal cielo e non uscirà di certo dalla bocca di qualche comune mortale come me e te. Mettiamoci l’animo in pace. XD
        In definitiva, Cranston meritava? Sì, così come McConaughey, Hamm, Daniels e Spacey: tutti sempre impeccabili nel fare quello che gli era stato chiesto di fare (Harrelson, secondo me, una scena, ossia quella della telefonata con l’amante dopo essere tornato a casa e scoperto che la moglie gli aveva preparato le valigie, l’ha sbagliata). Quello che non comprendo, o meglio, comprendo ma rigetto, pur non escludendo di aver tenuto lo stesso comportamento in passato (nel qual caso, I apologize) , è il voler affermare a tutti i costi che Cranston è il migliore e gli altri devono limitarsi a lustrargli le scarpe perché Breaking Bad è Breaking Bad e Breaking Bad non si tocca. Soprattutto perché non l’ho ancora visto recitare i monologhi di Rust Cohle come ci riesce McConaughey, alzare le sopracciglia come fa Hamm, sparare 400 paroloni al minuto con tono intelligente, borioso e sarcastico come fa Daniels (Benedict Cumberbatch, ad esempio, lo sa fare benissimo in Sherlock) e ammiccare alla telecamera mentre fa altro come fa Spacey. Su questo possiamo essere d’accordo o dobbiamo scannarci a tutti i costi? XD

        P.S.: il premio per chi segna più goal in un’annata se non sbaglio è la Scarpa d’oro; quello per miglior giocatore di un dato torneo fa sempre storia a sé; il Pallone d’Oro è un’altra cosa, almeno in teoria. Anche se potrei ricordare male, dopo un paio d’anni in cui di calcio m’informo pochissimo. 😉

         
        • Charlotte scrive:

          Mmm ok.
          Tenendo presente il “de gustibus non est disputandum”, appena ho letto questo pezzo “non l’ho ancora visto recitare i monologhi di Rust Cohle come ci riesce McConaughey, alzare le sopracciglia come fa Hamm, sparare 400 paroloni al minuto con tono intelligente, borioso e sarcastico come fa Daniels (Benedict Cumberbatch, ad esempio, lo sa fare benissimo in Sherlock) e ammiccare alla telecamera mentre fa altro come fa Spacey” ho avuto per un momento gli occhi del porcatroTa di Mara Carfagna.
          Io non so che Breaking Bad hai visto tu, perché ti posso assicurare che Cranston in questa performance è stato nettamente superiore a tutti gli attori da te citati.
          Ora, io ho Spacey nella mia top 5 degli attori preferiti, tutti a pari merito, guardo Mad Men principalmente per Jon Hamm (uno perché come dico sempre è Jon Hamm, e due perché è un portento) e riguardo a McConaqualcosa pur non piacendomi granchè come attore, ho sempre riconosciuto la sua immensa bravura in TD.
          Questo per farti capire che non sono di parte a prescindere perché è BB. Assolutamente no. Quello che rende BB un prodotto nettamente superiore agli altri è in primis la straordinaria capacità di Cranston di interpretare un ruolo che sarebbe riuscito a pochi così bene, e forse Spacey poteva eguagliare a tanto, ma dubito, pur ammirandoli, di McConaqualcosa e Hamm.
          Quindi direi, che per quanto mi riguarda, non possiamo esser d’accordo almeno su questa cosa. Possiamo, però, esser d’accordo però sul fatto di essere in disaccordo! XD

           
        • SerialFiller scrive:

          ti becchi un quotone anche tu!!!
          Cranston e breaking bad superiori nettamente credo sia una delle poche volte in cui i premi drama siano stati ineccepibili dai non mettiamoci a fare la caccia alle streghe ora. Tutti quegli attori sono spettacolari ma cranston su dai cranston è stato l’Attore con l’a maiuscola in questa annualità televisiva.

           
  9. Vega87 scrive:

    Ciao a tutti, prima volta che commento anche se vi leggo sempre e siete fantastici!! volevo soltanto dire che sono super contenta per Breaking Bad e Sherlock, ma per la sezione comedy delusissima cioè ancora Modern Family Stiamo scherzando?? e soprattutto più nomination per shameless!!! ha avuto una 4 serie magiastrale..bah non capisco.

     
  10. Namaste scrive:

    Di nuovo brevemente sulla diretta di Rai 4, e scusate se mi ripeto, ma Fornasiero che non è l’ultimo pinco pallino in fatto di serie-tv (per chi ha avuto modo di apprezzare i suoi articoli seriali su “Film-Tv”), era semplicemente la scelta più saggia ed ovvia, visto che si devono a lui i vari approfondimenti settimanali di ottimi programmi come “Mainstream” e “Wonderland” che vanno in onda sulla stessa rete. Sulla scelta dell’accompagnamento “ironico” da affidare ad un comico ormai sorpassato come Gene Gocchi, è stato ovviamente un errore da non ripetere e credo che loro per primi se ne siano accorti. Ma… sempre meglio una diretta degli Emmy fatta male che una diretta mancante, come capitava gli anni passati. Ricordiamoci che stiamo pur sempre parlando di un canale terrestre gratuito, quindi piuttosto che chiedere le stelle, tipo possibilità di scegliere il doppio audio, personalmente tenderei a ripiegare il giorno dopo sulla versione originale disponibile tramite i soliti canali…

    Questione “Ozymandias”… ehm, non mi sono ancora ripreso da quell’articolo letto in settimana in cui pare che Jim Morrison non fosse poi ‘sto granché, quindi va bene che tutto è relativo e via discorrendo, ma quando iniziamo a mettere in discussione anche quelli che dovrebbero essere dei capisaldi, della musica, della letteratura, della poesia, del cinema, della TV, di ogni branca del sapere umano, sono per me discorsi in cui faccio sempre un po’ fatica a trovare dei compromessi.

    Quindi sì, sono una di quelle poche facce toste che se quest’anno avesse vinto la 7.1 di “Mad Men” o John Hamm rispetto a BB ed uno a scelta tra Bryan/Matthew, vedreste in questo momento legato in piazza. E scusate tanto l’atteggiamento da fan boy, ma dinnanzi a roba come “Ozymandias” o alla 5.2 di BB, anche a 12 mesi di distanza da quella visione, mi sembra una presa di posizione persino doverosa.

     
    • SerialFiller scrive:

      QUOTONE

       
    • Charlotte scrive:

      Condivido ogni parola, virgola, spazio e punto. :)

       
    • winston smith scrive:

      Sì, ma alla fine chi ha deciso che Ozymandias è un caposaldo della drammaturgia televisiva? IMDB – qui riprendo a mio uso e consumo uno dei cavalli di battaglia di SerialFiller – che gli assegna un punteggio di 10/10? Quello stesso IMDB che valuta Mad Men nel suo complesso non solo quanto The Walking Dead (8,7/10), ma persino meno di Dexter nel suo complesso (9/10)? Cosa ha fatto Ozymandias che non si sia mai visto prima in televisione? Assolutamente nulla. Questo nulla toglie che sia stato un grande episodio, ma in tre volte che l’ho visto (due in occasione dell’uscita su AMC, giacché vedevo ogni episodio dell’ultima stagione di Breaking Bad prima con i sottotitoli insieme agli amici e poi senza sottotitoli da solo per concentrarmi meglio su eventuali dettagli, e una quando ho effettuato il rewatch della serie in cofanetto ad inizio gennaio), francamente, non mi ha mai trasmesso l’impressione di essere la miglior puntata che Breaking Bad abbia mai realizzato, al contrario di quanto mi è capitato con To’hajiilee.
      Ho capito che non sei alla ricerca di compromessi quando si entra nel campo del relativismo, ma non vedo dove sia il reato di lesa maestà nel dire che per me Ozymandias non è il meglio del meglio del meglio. Il che è ben lontano dall’affermare che è un brutto episodio. Tra l’altro, tu mi conosci e sai che:
      – di serie un po’ ne mastico (e non lo dico per vantarmi, bensì per far capire a chi non mi conosce che il mio non è il parere buttato un po’ a caso di un tizio che in vita sua ha visto solo Breaking Bad e Smallville e va in giro sui forum a sentenziare che Smallville è migliore di Breaking Bad e non vuole sentire altre ragioni; con tutto il rispetto possibile anche per il legittimo parere personale del tizio in questione);
      – non sono il tipo di persona che si deve a tutti i costi distinguere dall’opinione della massa e/o che, quando gli si dimostra palesemente che ha torto, non è disposto ad ammetterlo.
      In virtù di questo, vi invito a spiegarmi per filo e per segno cos’ha in più Ozymandias rispetto a tutti i migliori episodi delle migliori serie mai realizzate (pescate da Mad Men, da The Sopranos, da The Wire o da quella che vi pare). Perché in questo anno ho letto da parte di tanti, anche critici rinomati, proclamare la manifesta superiorità di Ozymandias rispetto al resto del mondo e, mi dispiace ammetterlo, a me questa è sembrata più un’affermazione che deve essere necessariamente presa come un postulato per fede che non come una tesi dimostrata. Siccome, come è ovvio che sia, spetta anche a me argomentare in maniera opposta alla vostra, parto io:
      – il flashback iniziale mi pare tremendamente forzato e più una maniera creativa per giustificare la mancata realizzazione della seconda metà dello shootout fra voi sapete chi e voi sapete chi (del resto, si sa che uno stunt di quel livello, anche per i costi di gestione, in televisione non può mica essere prodotto per una puntata sì e per l’altra pure), che non una trovata geniale per mostrare come sono cambiati i personaggi nel corso del tempo (voglio dire, se stiamo ancora vedendo lo show a tre episodi dalla fine lo sapremo pure come sono cambiati i personaggi nel corso del tempo senza che sia strettamente necessario il provvidenziale ripassino);
      – la trasformazione istantanea e limitata temporalmente di Skyler in D’Angelo Barksdale non è che sia “character management” ai massimi livelli: è accettabile date le circostanze e il momento nella serie in cui avviene, ma non fila in maniera liscia come, ad esempio, fila liscia ogni singola mossa e ogni singola reazione presa da Walter White nel corso di tutte e 62 puntate della serie.
      Ecco qui. Questi sono i miei due problemi principali con Ozymandias. A voi la parola. :)

       
      • winston smith scrive:

        Citazione da winston smith:
        Questo nulla toglie che sia stato un grande episodio

        Questo nulla toglie al fatto che [“bla, bla, bla”].

         
      • Charlotte scrive:

        CONTIENE SPOILER SU BREAKING BAD


        Posto che a questo mondo c’è chi disprezza la nutella e i Queen, e quindi ormai mi son fatta una ragione del fatto che non a tutti piacciono cose che per me sono pura religione, non riesco a comprendere questo tuo accanimento contro Ozymandias.
        A parte il fatto che sia l’episodio più bello che io abbia mai visto in vita mia (ma mi preservo la facoltà di rimangiare questa frase in quanto non ho visto the wire e I soprano li ho visti a salti) parla del declino di un uomo, che dal nulla ha costruito un impero e lì, nel luogo in cui questo ha cominciato a prender vita, finisce. Hanno fatto 45/50 minuti, ora non ricordo benissimo, di tensione vera. Puro show.
        Tralasciamo per un secondo le recensioni che trovi sui siti e concentriamoci sui due punti. Ora ovviamente questi sono miei pareri, opinabilissimi.
        Riguardo il flashback: di cosa stiamo parlando? Tu affermi da quel che ho capito che hanno trovato una maniera creativa per ribadire un concetto a cui noi già eravamo arrivati.
        Io invece l’ho vista in tutta altra maniera.
        ” The reaction has begun” e la telefonata a Skyler. Due momenti fondamentali. Non ti fanno vedere solo il cambiamento del personaggio. Si tratta di una vera e propria pugnalata allo stomaco. Sei lì, aspetti dopo una settimana, congetture su congetture. E ti ritrovi lui, in tempi non troppo lontani, che ingenuamente prepara quella dose di Meth, e indeciso sulla questione delle fatture fa una telefonata “d’amore”, calma e tranquilla alla moglie incinta. Dopo alcuni minuti, e 80 milioni di dollari, Hank e Holly che ti fanno star con il fiato sospeso, ne senti un’altra di telefonata. Lui, il Re dei re, the man who knocks, fa una telefonata alla moglie. Fa LA telefonata.
        Alla prima scelgono il nome della bambina insieme, nella seconda telefonata Holly è stata rapita, perché la famiglia ha rifiutato Walt, e la bimba è l’unico essere vivente in quel momento che lo può “amare”. Nella prima c’è la gita in macchina in famiglia, nella seconda lui saprà che non ne avrà più di gite in famiglia. C’ è lui che, totalmente consapevole di ciò che è diventato, cerca di scagionare la moglie dalle possibili accuse. E poi c’è Skyler, “I’m sorry”.
        Poco prima della sigla, inquadrano il deserto, finita la sigla stesso punto con la sparatoria. Questo non è solo fare il punto della situazione, questo è ribadire che lui ha fatto tutto questo per la famiglia e poi assistere ad Hank, a Holly, alla telefonata, avendo ad immagine non Heisenberg, ma Walter White, quello disperato, quello vero.
        Il vedere il prima e il dopo è rendere ancora più drammatica la caduta di questo imperatore. Non è un riassumere, non è una forzatura. E’ il circolo che si sta chiudendo. La reazione è iniziata, ci siamo, non si può tornare più indietro.

        Qualora tu trovi tutto ciò solo una forzatura, non si può discutere ad oltranza poiché si hanno concetti diversi proprio delle scene trasmesse. Non c’è un punto di incontro semplicemente perché hai vissuto questa puntata in modo diverso da come l’ho vissuta io.

        Riguardo Skyler posso anche darti ragione inizialmente. Facendo un’analisi più approfondita però penso al fatto che lei non ha subito il cambiamento completo che ha avuto Walt. Lei in fondo, quella vita l’ha ”subita”, non l’ha scelta per se e per i suoi figli e quindi inconsciamente non l’ha nemmeno accettata. Il crollo, per quanto poco lineare, è però concorde a ciò che il personaggio ha vissuto. L’ancorarsi a Mary, perché di Walt non c’è più traccia.

        Ecco, io diciamo che questa puntata l’ho vissuta un po’ così. Con il fiato sospeso, con le lacrime agli occhi, con compassione e con rabbia. E la reputo la migliore che abbia mai visto in vita mia.
        Poi ripeto e ri ripeto, è una mia opinione, non verità assoluta. Ma non capisco perché accanirsi così su questa puntata. Se tu non la reputi da 10, vorrai dire che sarai la voce contro-corrente, e sicuramente non sarai l’unico. xD

         
        • Namaste scrive:

          Ci aggiungo solo questo: “Se tu sei l’uomo che vuole proteggere la mia famiglia, io sono la donna che vuole proteggere la mia famiglia dall’uomo che dice di voler proteggere la mia famiglia”, una frase buttata lì molte stagioni prima che trova compimento in questo episodio, che diviene quindi l’episodio della caduta di Walter ma anche della trasformazione di Skyler, chiudendo già lì il cerchio relativo al suo personaggio. La trasformazione di Walter ci sarà invece solo dopo. Brividi ancora adesso.

           
      • Namaste scrive:

        Prendo la parola purché sia chiaro ai signori della corte telefilmica di Seriangolo che non rappresento nessuna accusa, e manco la difesa, se è per questo. :-)

        Easy Winston, easy che nel mio intervento non ho attaccato né cercato di convincere nessuno. Il discorso sul “caposaldo” lo puoi intendere alla lettera o anche no, quello che intendevo dire è che se ci mettiamo a fare le pulci anche ad un episodio come “Ozymandias”, tanto vale allora mettere in discussione anche “Made in America”, “The Dickensian Aspect”, già che siamo tutto Lost e compagnia bella. Cioè, possiamo anche farlo, ma qui facciamo notte, senza cavarci un ragno dal buco.

        Prendendola un pochettino più larga, anche per rimanere in tema con l’argomento del post, proviamo invece a ragionare sul perché una serie come “Breaking Bad” ha realizzato ieri una cinquina che altre serie, anche migliori, le invidieranno per molto tempo. E lasciando da parte le questioni oggettive (si spera) relative all’intrinseca qualità dei valori tecnici espressi (regia, scrittura, interpretazione), la questione per me è molto semplice: immaginario collettivo. Che TD meritasse di vincere quanto BB, e lo avevo scritto nei precedenti commenti, su questo sono sempre stato possibilista, nessuno avrebbe davvero potuto urlare allo “scippo” nell’altro caso, ma come evidenzia l’ottima Teresa, TD rimane un oggetto assai strano, leggasi “non è per tutti”. Possiamo fare lo stesso discorso per MM, forse la serie per eccellenza, esteticamente perfetta, anche su questo sono possibilista, ma che rimane fondamentalmente una serie per intenditori, leggasi “prodotto di nicchia”. Evito di trovare una definizione per le altre serie candidate e non candidate (l’ottima “The Good Wife”) che rimangono però fuori dal podio perché effettivamente per me un gradino sotto. Cos’ha BB che le altre non hanno? La capacità di raggiungere e soddisfare diversi palati che, attenzione, non significa essere semplice “prodotto di massa”, ma storia in grado di “fracassare” cuore, testa e pancia, piazzando ad ogni episodio battute leggendarie che il giorno dopo diventavano trend-topic e plot-wist che “mamma mia levati che sto male”. Sì, la perfezione formale e di contenuti è altra cosa, ma se permetti anche “Breaking Bad”. Ecco perché meritava (secondo me) di stra-vincere. Signori della corte, avrei concluso. :-)

         
        • winston smith scrive:

          Rispondo sia a Charlotte che a Namaste.

          Forse non mi sono spiegato bene e mi scuso se ho dato l’impressione di volermi “accanire contro” (che brutta espressione: molto meglio “dare addosso a” XD) Ozymandias. In realtà il mio approccio al problema – e penso che il mio primo intervento in questa discussione lo esponga abbastanza chiaramente – è esattamente opposto a questo modo di ragionare e il mio intento è proprio quello di mettere in evidenza come questo tipo di premiazioni portano anche noi, ossia il pubblico, a schierarci con questo o con quel Marco Antonio televisivo esasperando i toni e portandoci pian piano tutti nell’ottica secondo cui “se winston smith non dice che Ozymandias è la perfezione che mai c’è stata prima, non c’è ora e mai ci sarà in futuro, allora significa che winston smith ritiene che Ozymandias sia un brutto episodio” (eppure l’ho anche scritto che penso sia un ottimo episodio, solo non il migliore che abbia mai visto in vita mia, ma non è servito a molto proprio in virtù dell’ottica di contrapposizione, a mo’ di “guerra totale” di germanica memoria, che si viene ad installare quasi in automatico quando si toccano queste tematiche).

          Ricapitolando: io sostengo che Breaking Bad, Mad Men, True Detective erano ad un livello così alto quest’anno che è oggettivamente (stavolta ci sta) impossibile dire “quello meritava di vincere e quello no”; ho, inoltre fatto lo stesso ragionamento con le performances di Cranston, McConaughey, Hamm, Daniels, Spacey. Secondo me, con dei candidati così agguerriti, scegliere “il migliore” è puramente questione di gusti soggettivi. Se ora vi fermate un attimo a riflettere, noterete che è molto più estremista, se vogliamo usare questo termine, il vostro punto di vista rispetto al mio, dal momento che per voi o vinceva Breaking Bad o bisognava legarsi in piazza (stiamo tutti scherzando, eh, però la frase che Namaste ha usato in precedenza esprime bene il concetto, quindi la riprendo). Mi auguro di essere finalmente riuscito a dimostrare ciò che avevo spiegato in partenza. 😉

           
        • Namaste scrive:

          Il discorso de “l’uno vale l’altro” Winston, lo avevamo affrontato tempo fa ( http://www.seriangolo.it/2014/07/10/emmy-2014-le-nomination/ ) , ora è semplicemente successo che abbia vinto l’altro e non l’uno, quindi non prendertela troppo se qui, qualcuno, abbandona la casacca da critico per indossare quella da tifoso, preferendo giustamente congratularsi e festeggiare piuttosto che fare dietrologia sulla non perfezione di una sceneggiatura premiata che, per BB, non era nemmeno l’unica candidata.

          Nessuno ha esasperato i toni, né mi sembra che il mio commento iperbolico sia stato particolarmente estremista o irrispettoso, ed in tal caso mi scuso. Semplicemente succede che quando uno va su un forum a smorzare gli entusiasmi di una folla festante con “non era nemmeno l’episodio/la serie/l’attore migliore, parliamone”, dall’altra parte si sia più portati a rispondere: “beh, allora vale tutto”.

          L’invito a ragionare sulla questione soggettiva poi te l’ho fatto anch’io. Se devo essere più esplicito, dimmi per quale dei 7 episodi di MM visti quest’anno, la gente dovrebbe essere disposta a “legarsi in piazza” o magari dimmi se lo stesso hype provato dai fans di BB per i 12 mesi di pausa tra la prima e la seconda parte dell’ultima stagione sia paragonabile a quello che in questo momento stanno provando i fan di MM. Non lo sono per il semplice fatto che, probabilmente, nessuno dei cultori di MM sarebbe mai disposto a legarsi in piazza per una serie. Prodotti diversi che giocano su campi diversi e che si rivolgono a pubblici diversi. La solitudine di WW è quella di un uomo seduto in piscina o costretto a vivere per mesi in una baita innevata del New Hampshire; la solitudine di DD vista finora quella di un uomo solo ad una festa come in un attico di Manhattan. La “discesa agli inferi” di WW è quella, molto reale, che abbiamo visto, quella di DD vista finora, al più metaforica. Poi se vogliamo dire che il secondo tipo di scrittura è pressoché esente da difetti o forzature di sorta, è pacifico Winston, ma anche grazie al ca… Quello che qui ti si sta però chiedendo di considerare è che la buona TV non è solo quella che riesce ad essere profonda e misurata, che sa meglio raccontare le ferite dell’anima, lo è anche quella che riesce a fare questo riuscendo comunque ad essere sempre profondamente intrattenitiva, a lasciare il suo spettatore a fine puntata con “I can’t wait, I can’t wait!” o “piuttosto che aspettare un’altra stagione mi dò fuoco”. E personalmente, mai conosciuto sui forum uno spettatore di MM che mi desse quella sensazione.

          BB ha stravinto semplicemente perché è riuscita meglio di MM, meglio di TD, meglio di altre serie ad intercettare le diverse anime che albergano in ogni buon spettatore televisivo, trasformandosi nel corso degli anni da “serie per pochi” a “serie per tutti”. Non è una cosa da sottovalutare.

           
        • winston smith scrive:

          Citazione da Namaste:

          Nessuno ha esasperato i toni, né mi sembra che il mio commento iperbolico sia stato particolarmente estremista o irrispettoso, ed in tal caso mi scuso. Semplicemente succede che quando uno va su un forum a smorzare gli entusiasmi di una folla festante con “non era nemmeno l’episodio/la serie/l’attore migliore, parliamone”, dall’altra parte si sia più portati a rispondere: “beh, allora vale tutto”.

          L’invito a ragionare sulla questione soggettiva poi te l’ho fatto anch’io. Se devo essere più esplicito, dimmi per quale dei 7 episodi di MM visti quest’anno, la gente dovrebbe essere disposta a “legarsi in piazza” o magari dimmi se lo stesso hype provato dai fans di BB per i 12 mesi di pausa tra la prima e la seconda parte dell’ultima stagione sia paragonabile a quello che in questo momento stanno provando i fan di MM. Non lo sono per il semplice fatto che, probabilmente, nessuno dei cultori di MM sarebbe mai disposto a legarsi in piazza per una serie. Prodotti diversi che giocano su campi diversi e che si rivolgono a pubblici diversi.

          Finora mi pare che nessuno sia passibile di ammonizione per commenti irrispettosi, quindi stai tranquillo e non scusarti di nulla perché non c’è proprio ragione per farlo.

          Per quanto riguarda la tua richiesta di nominare un episodio tratto dall’ultima stagione di Mad Men per cui indignarsi in caso di mancata vittoria, probabilmente sceglierei The Strategy (ma anche Waterloo è sui quei medesimi livelli di eccellenza, if you ask me), ma il nocciolo della questione è quello che hai già articolato tu: il cultore di Mad Men non si legherebbe mai in piazza per la mancata vittoria della sua serie agli Emmy, così come non andrebbe mai sui forum a scrivere “Mad Men doveva vincere a mani basse” (difatti, e lo ripeto per almeno la terza volta, il mio intento è proprio quello di contestare la visione per cui c’era solo un nome da fare per manifesta superiorità in barba a tutti gli altri). SerialFiller scrive che, se avesse vinto un’altra serie, si sarebbe chiesto perché non è stato Breaking Bad a portarsi a casa la gloria sotto forma di statuetta, ma, se per sua stessa ammissione anche Mad Men e True Detective erano prodotti eccezionali quest’anno, perché non si pone la stessa domanda considerando come sono effettivamente andate le cose? Perché rifiutare aprioristicamente ogni sorta di dietrologia costruttiva? Io, onestamente, non ne vedo la ragione e non per portare piano piano dalla mia parte chi non è inizialmente d’accordo con la mia idea, ma proprio per stimolare il pensiero, per effettuare una discussione comune. Limitarsi a dire “Yeaah! The one and only Breaking Bad! Bitch! +1” non ha molto senso per me. Se poi questo vuol dire rovinare la festa collettiva, mi cospargo il capo di cenere, mi inginocchio sui ceci e procedo a gattoni verso la porta d’uscita, perché proprio per carattere non è da me portare discordia e desolazione in un clima gioioso e solare, anzi sono solitamente portato a fare il contrario. In fondo (quasi) tutti noi vediamo le serie TV che ci fanno divertire e abbandoniamo quelle che ci annoiano o innervosiscono; è poi vero che ci sono anche i masochisti che guardano serie che fanno loro pena solo per poterne parlare male sui forum, ma sinceramente è uno stile di vita che non solo non condivido, ma che nemmeno comprendo razionalmente (difatti ho abbandonato The Following e The Walking Dead tempo fa, alla faccia della nostra comune amica jackson1969). Insomma, faccio volentieri un passo indietro per il bene comune e non se ne parli più.

          DA QUI IN AVANTI POTENZIALI SPOILERS SU BREAKING BAD E MAD MEN. UOMO AVVISATO, UOMO AVVISATO.

          In merito alle rispettive discese agli inferi di Walter White e di Don Draper (chissà se è un caso che i due personaggi televisivi più iconici del loro tempo hanno le doppie iniziali?), mi sa che sottovaluti un po’ il nostro pubblicitario preferito. Per come la vedo io, il percorso di DD è più tragico di quello di WW e la ragione principale di ciò sta nelle motivazioni che muovono i due.
          DD è, un po’ per scelta e un po’ per necessità, un uomo in fuga, principalmente da se stesso e dal suo passato, e in virtù di questo il suo anelito più grande è quello di essere accettato dagli altri per chi è realmente, ma per fare questo deve prima riuscire ad accettarsi in prima persona, a smettere di nascondersi dietro una maschera. Solo che, in quei rari momenti in cui riesce a vincere la paura di guardarsi indietro con indulgente spirito compenetrazione del dolore e a comunicare agli altri il suo vissuto, scopre che il mondo è spesso molto meno compassionevole di quello che si possa sperare. Difatti, è proprio il suo essere solo anche quando è in compagnia a risultare pienamente drammatico e commiserevole e qui sta l’immensa tragicità del personaggio creato da Weiner.
          WW, al contrario è una figura dal patetismo molto più meschino. Ripetendosi il più delle volte di fare quello che fa per il bene della propria famiglia, gli mente a sé stesso non per mancata conoscenza del proprio io interiore, ma per malcelata codardia, ed è solo in preda al delirio di onnipotenza o nel momento della fine che riesce a essere sincero, ad ammettere che tutte le nefandezze compiute avevano solo uno scopo: prendersi una rivincita sul mondo, dimostrare di poter costruire un impero dal nulla, soddisfare i propri impulsi più bassi. La grandezza del personaggio di Gilligan non è tanto in sé, quanto nel fatto che il suo autore sia riuscito a farci affezionare e fare il tifo, almeno fino all’inizio della quinta stagione, a lui, per poi farcelo odiare profondamente e infine restituircelo, nella sua purezza chimica, solo dopo che il cancro è tornato a bussare con insistenza alla sua porta.
          In conclusione, se per WW c’è solo la strada che porta all’inferno e quel determinato cammino è stato imboccato proprio nel momento in cui “la reazione è iniziata” ai tempi dell’episodio pilota, per DD la redenzione è ancora a portata di mano, il purgatorio è ancora possibile. Si tratta della stessa differenza, per usare una metafora legale, che c’è fra un condannato a morte e un ergastolano: si tratta di una sottilissima differenza, poco visibile di primo acchito, ma non per questo irrilevante (Finch di Person of Interest docet XD). Si tratta di due personaggi oramai entrati meritatamente nella leggenda, due figli bastardi di Tony Soprano, a cui io assegnerei rispettivamente il titolo di primogenito a DD e di secondogenito a WW. Manco a dirlo, trattasi della mia soggettiva lettura dei due figuri, ergo non escludo affatto che ad altrui occhi i ruoli possano risultare invertiti. Eh, sì, è proprio vero che la televisione è la nuova letteratura. 😀

           
        • Charlotte scrive:

          Forse a questo punto credo di non essermi spiegata io XD
          Il termine accanirsi l’ho usato appositamente perché quella è stata la mia impressione, ora hai chiarito esser sbagliata e quindi siamo apposto così!
          Secondo me, almeno io e te, possiamo solo rimanere d’accordo d’esser in disaccordo, perchè per me “c’era solo un nome da fare per manifesta superiorità in barba a tutti gli altri”, ed era quello di Breaking Bad. Non c’è storia, l’interpretazione di Cranston per me è superiore, batte Don, batte Rust. Li batte tutti. Rimane una mia opinione, e può non esser condivisa. Per me le tre, specialmente MM e BB NON sono intercambiabili. Assolutamente. C’è un netto distacco tra le due, e a MM avrei dato ogni anno il premio, se non ci fosse stata BB. Perché ripeto è un prodotto, per me oggettivamente e non soggettivamente, superiore.

          @firpo: eh, ormai me ne sono fatta una ragione. Continuo però ad esser fiduciosa sulla Nutella!

           
        • SerialFiller scrive:

          Sinceramente c’è poco da aggiungere alle parole d Charlotte e Namaste. Credo che winston non voglia accusare BB o Ozymandias in particolare, p ovvio visto che ha più volte detto che Ozymandias e BB sono eccezionali e credo che sia sempre difficile fare discorsi assolutistici e oggettivi su prodotti seriali.
          Detto questo però credo che la discussione sia abbastanza buttata li, campata in aria perchè se discutiamo BB e Ozymandias allora ciao a tutti. E’ ovvio che mad men e TD siano capolavori, è ovvio che gli attori di TD e MM siano dei mostri ed è ovvio che in un anno nelle varie serie ci siano decine di episodi fantastici. Accettato questo poi dobbiamo scindere questi discorsi dal risultato di ieri. In ogni categoria BB ha vinto perchè meritava di vincere a mani basse. Se poi qua e la TD e MM avesse portato a casa qualche premio non ci sarebbe stato nulla di scandaloso per carità ma io personalmente mi sarei chiesto perchè non ha vinto BB? Oggi invece non mi chiedo perchè non ha vinto TD o MM? credo che sia uno dei pochi casi in cui probabilmente il 5% della popolazione seriale che ha vsto tutte e 3 le serie possa dichiararsi insoddisfatta a differenza degli altri anni in cui molti erano gli scontenti. E poco importa se per Gene Gnocchi BB ha vinto solo perchè era l’ultima stagione…Beh anche Dexter ha disputato la sua ultima corsa ma risultati sono stati da peggior serie dell’anno…the killing ha chiuso destando perplessità in tutti pur restando a buoni livelli. BB ha chiuso ma ha chiuso col botto. Quelle 8 puntate finali sono state la cosa più trascinante ed emozionante della mia vita seriale. 7 giorni in attesa della prossima puntata, 7 giorni passati a fare congetture e a riguardarsi la puntata precedente, poi puntualmente arrivava la puntata e smentiva ogni congettura sorprendendomi, prendendomi a calci in pancia e facendomi stare male.
          SPOILER BB
          To hajilee ha preparato in maniera sontuosa al declino, al colpo finale ai sogni di heisenberg, è stata una corsa in macchina di WW verso l’inferno un inferno che aveva il volto rassicurante del suo deserto, del compagno di giochi Jesse e dell’amato cognato Hank. Una settimana ad attendere la conclusione della sparatoria e Gillign che fa? Parte con un flashback, un flashback calmo, silenzioso ce ci riporta a qualche anno prma dove WW aveva sogni normali e non aveva ancora ucciso, devastato e manipolato la vita di molti. Si ritorna nel 2013 e vediamo Gomez trascinato morto (immensa scelta quella di non farci vedere la sua morte) e assistiamo a quella assurda negoziazione di WW per salvare la vita ad Hank il quale non a caso gli dice “sei l’uomo più intelligente che abbia mai conosciuto eppure non hai ancora capito che hanno deciso di uccidermi 10 minuti fa”. E poi c’è quel volto nella sabbia che rapresenta il declino del faraone ozymandias (cosi raffigurato nella poesia omonima), c’è la pietà di Jack nel risparmiarlo, c’è quel “i watch jane die”, c’è il ritorno a casa nell’assurda convinzione di poter ancora vivere felicemente con la propria famiglia nonostante tutto, c’è la disperata e linearissima reazione di Skyler, c’è il crollo di tutto, la situazione fuori controllo, c’è la polizia sulle tracce di Heisenberg, c’è Marie senza Hank dopo quel ti amo nel deserto, c’è la telefonata a Skyler (che da sola vale l’emmy) e infine la resa con WW che fugge via verso il new Hampshire. L’impero è crollato, il sogno è finito, il declino è iniziato, la reazione non solo è iniziata ma ha portato anche ad un eslposione. Cosa potremmo chiedere di più? Il 10 di IMDB lo tiro fuori per dare una stima di come 55000 persone abbiano dato 10 a quel singolo episodio. Vorrà dire qualcosa no? Il finale di dexter ha 5 su imdb per dire…è solo un dato in più non la bibbia.
          Se mettiamo in dubbio BB allora mettiamo in dubbio la gioconda, la divina commedia o il padrino giacchè ci siamo. Poi è ovvio che singolarmente a quacuno puo piacere piu TD, MM, Lost, the wire o i soprano ma mettere in dubbio BB è assurdo.

           
        • Firpo scrive:

          Premetto tranquillamente che nel mio caso si tratta di un commento da tifosa e quindi assolutamente pro Breaking Bad: non mi sarei scandalizzata se avesse vinto McCoso perchè si sa che i premi sono un suggello di popolarità e che questo era il suo anno e tutti lo davano vincitore. Oltretutto per quel che ho visto di TD, McCoso è stato bravo.

          Ovviamente il “quel che ho visto di TD” si riferisce al fatto che ho visto 4 episodi, poi mi sono fermata perchè dire che non mi sia piaciuto sarebbe un eufemismo…
          Però se avesse vinto non mi sarei lamentata. I premi sono quello che sono.
          Francamente io se conoscessi veramente uno che fa i discorsi che fa Rust Chole, a metà lo avrei mollato a parlare da solo, giusto per non cominciare a ridergli in faccia.
          Su Mad Men non mi sarei lamantata nemmeno se avesse vinto. E’ scritta con tale classe che può meritarsi tutti i premi della terra, ma di emmy ne ha già vinti 4 quindi non lamentiamoci poi così tanto.
          Lo scandalo è che non abbia anocra vinto John Hamm sicuramente. Non tanto perchè Hamm sia bravo ma proprio perchè Don Draper è un’icona americana che andrebbe sancita e premiata così come è stato per Dexter, per Jack Bauer e per Tony Soprano.
          E qui veniamo al punto secondo me fondante della premiazione e di ogni premiazione. Walter White è ormai un’icona dell’immaginario televisivo e non solo, americano. Ora più che mai. Perchè è un dato di fatto che da quando è finita Breaking Bad è diventata mediaticamente molto più popolare di quando andava in onda. Ora anche chi non segue le serie televisive la conosce anche solo di nome. Prima manco per le palle.
          A me sembra che gli Emmy il più delle volte facciano questo, premino un personaggio (più che l’attore) che può permettersi di entrare a far parte dell’iconografia americana.

          Sul fatto che altri attori oltre Cranston potessero vincere è vero, ma se Cranston avesse vinto anche tutti e 6 gli Emmy disponibili sarebbe stato tutto tranne che uno scandalo, perchè se li sarebbe meritati tutti e con gli interessi. Forse ricordiamo solo i momenti di “sclero” di Walter White, ma vorrei ricordare dei momenti in cui invece ha lavorato tanto e anche di sottrazione come SPOILER quello in cui lascia morire Jane, in cui lavora solo di mimica facciale, cosa di cui Cranston è un maestro, per non parlare del finale di IFT quando Skyler gli dice di aver scoprato Ted. Cranston rimane gelato e non fa praticmante movimento se non uo leggero con le sopracciglia eppure non c’è bisogno che dica nulla per leggergli la rabbia e lo schiaffo al suo orgoglio, in faccia. Perchè questi sentimenti come in tutte le persone vengono da dentro non da fuori

          Su Ozymandias non so che dire. A me ha colpito non perchè sia perfetto, ma perchè riesce a mettere in scena in 42 minuti la caduta di un re che aveva impiegato 5 stagioni a costruire il suo impero. FINE SPOILER

          Ah dimenticavo: io non sopporto i Queen.

           
  11. Shadow Meister scrive:

    Scusate, avevo dimenticato la cosa più importante: per quanto mi stia guardando tutto Veep e stia adorando la Dreyfus che, pur essendo troppo favorita, rimane un’attrice straordinaria, doveva vincere Amy Poehler. Con il cuore in mano, non si può non amarla, non si può non farla vincere.

     
  12. Teresa scrive:

    personalmente avrei preferito che vincesse TD, ma ero certa che non avrebbe vinto. TD è stata lo “strano oggetto” del 2014, una commistione cinematografico-letteraria come non se ne erano viste prima in TV, un qualcosa il cui successo mi ha stupita molto, e mi ha reso felice. Davvero, non pensavo che una serie così potesse avere tanto successo da far crashare il sito della HBO. Ho sottovalutato il pubblico. Ma TD resta uno “strano oggetto”, qualcosa che apre (forse) nuovi scenari, e per questo ero sicura che non avrebbe vinto. Sono molto contenta invece del premio come miglior regia a Fukunaga per quel bellissimo episodio, non darglielo sarebbe stato un crimine. Poi ci sarebbe anche da chiedersi perchè ci si ostini a premiare certa robaccia nel settore comedy, certo. Siamo nel 2014, e ancora stiamo a premiare Modern Family e Parsons? Questi mi sembrano premi dati con la precisa volontà di aggrapparsi al vecchiume, a un concetto vecchio di comedy che a quanto pare è molto rassicurante per chi vota.
    alla fine, mi sono sembrati quasi tutti premi molto “conservatori”, il che alla fine non mi stupisce, visto che si tratta di votazioni fatte da chi si occupa di TV. Sempre meglio conservare, finché è possibile.
    dimenticavo una cosa: da qualche altra parte ho visto che è stato dato un premio al tizio che interpreta il padre di Olivia in Scandal. E’ uno scherzo vero? Ho letto male? Ditemi che è così, perché non ci posso credere.

     
  13. Teresa scrive:

    ho controllato adesso, e il tizio di Scandal ha vinto come miglior guest in un episodio drama. E pensare che nella mia mente era il vincitore del premio “cane maledetto” dell’anno. Ogni volta che compare sullo schermo mi sento in imbarazzo per lui, per quanto è ridicola la sua recitazione. Ok, sarà raccomandato, non trovo altra spiegazione.
    Sono invece contentissima per il premio dato a “Louie” per la sceneggiatura. Finalmente un premio sensato per la categoria comedy, l’unico premio non imbarazzante.

     
    • Federica Barbera scrive:

      non è che ha vinto il premio per miglior spelling dell’anno?
      perché-come-scandisce-lui-le-parole-non-lo-fa-nessuno!
      io ci penserei ad un premio simile. in scandal vincerebbero un sacco di persone!

       
  14. Reese scrive:

    Quest’anno sono rimasto deluso per gli assenti illustri……. molto deluso

     
  15. Firpo scrive:

    Ma la diretta di Rai4 faceva così schifo? Quasi quasi la guardo (in replica) solo per vedere l’immane incopentenza dei commentatori italiani.

     
  16. Namaste scrive:

    @Winston (in risposta al tuo commento delle 17:21): passo di qua per evitare che il progressivo rimpicciolimento dei reply renda sempre più frustrante lettura e componimento delle eventuali future interazioni.

    Permettimi intanto di tranquillizare te e chiunque altro sul fatto che invitare l’interlocutore e l’utenza tutta al confronto su temi poi così importanti, ovviamente no, non sarà mai, su questo forum, voler fare il “guastafeste”. Sapendo anch’io benissimo che compito ingrato e faticoso sia quello di confutare un’opinione diffusa hai piuttosto tutta la mia solidarietà, visto che il più delle volte, e non importa quanto siano valide e propositive le argomentazioni che uno ha, quando si entra in un’arena di tifosi fieri ed aggueriti, ti può lo stesso capitare di “prenderle”. Il mio non era quindi in alcun modo un DASPO, ma solo un invito a mettere in preventivo che, soprattutto quando si parla di Emmy, lo spirito ultras che è in ognuno di noi, tende purtroppo a venire fuori.

    Questo, per esempio, non accadrà mai – almeno a me non è mai capitato di registrarlo – nei commenti (sempre pochi, sportivi ed educati) seguiti ad una puntata di “Mad Men”. Ed era solo questo che intendevo dire quando ti chiedevo di indicarmi un capolavoro di scrittura della serie di Weiner che non meritasse solo di vincere ma che sia stato anche in grado di “creare discussione” al punto da spaccare letteralmente in due le eventuali diverse fazioni di spettatori su chi è/dovrebbe essere DD come accadeva per WW (e no, la doppia iniziale non è casuale) o ancora, a lasciare lo spettatore come un fesso a fare eculubrazioni cervellotiche su quello che accadrà o potrebbe accadere settimana prox. E sei libero di credermi o no, ma se mi chiedi “com’è finito MM quest’anno?”, giuro su Los Pollos Hermannos che io davvero non me lo ricordo. Questo è in gran parte un problema mio, ne sono consapevole, nel senso che non ho mai granché legato con Don, ma anche dovuto al fatto che, sempre a proposito di quella famosa discesa agli inferi, quella di Don Draper, suggerità già dalla sigla e che ho già definito finora più metaforica che reale, mi rimane assai lacunosa proprio a partire dalle differenti motivazioni.
    Da qui in poi seguono

     
  17. Namaste scrive:

    S

    P

    O

    I

    L

    E

    R

    Spero saremo d’accordo sul fatto che la vera caduta di Don, quella che in concreto l’ha innescata, corrisponde nel telefilm a quel momento del season finale di stagione 6 in cui il nostro pubblicitario sente l’impellente bisogno di sputtanare a quel modo il suo segreto di fronte a clienti, soci e colleghi. Don quindi non cede in quel caso per pressione, perchè ormai il cappio intorno al collo si stringe, perché qualcuno l’ha scoperto o sta per scoprirlo e allora tanto vale liberarsene. Don potrebbe scegliere di resistere, semplicemente non lo fa perché il peso è diventato “umanamente insostenibile”, salvo poi accorgersi il giorno dopo che il “mondo sa essere assai meno compassionevole di quanto si potrebbe sperare”. Ma beata ingenuità. Quella di DD discesa agli inferi? Ce lo ricordiamo ancora quello che ha dovuto sopportare WW, il percorso che ha dovuto affrontare prima di ammettere a se stesso che forse sì, forse il peso era davvero diventato “umanamente insostenibile”? Discesa agli inferi?… Perdonami se mi sembra di sentire Tony Soprano ed il suo figlio più piccolo farsi in questo momento delle grasse risate :-)

     
    • Federica Barbera scrive:

      spoiler MAD MEN e BREAKING BAD

      oh no. oh proprio no. mi spiace, ma il momento in cui Don decide di rivelare chi è è tutt’altro che caduta, è il primo impeto alla risalita, a cui infatti segue il primo passo per riallacciare i rapporti con Sally di lì a poco, rivelando anche a lei le sue origini. Il tracollo di Don Draper inizia alla puntata 1×01, è lento ed è inesorabile. La caduta di Walter White è di genere completamente diverso perché la narrazione E’ diversa, motivo per cui questo confronto secondo me non ha gran ragione di esistere. Cioè, sì, si può fare, per carità :-) , ma gli stili narrativi e gli schemi psicologici messi in atto sono talmente diversi che sarebbe come paragonare le mele alle pere. Walter White si trasforma in altro, discende – è vero – alla parte più nera dell’umanità; il percorso di Don Draper è la caduta prima della risalita, e non ci devono distrarre gli errori costanti della settima stagione, perché la caduta fa parte del processo di guarigione. E infatti ad ognuna di esse Don (dopo delle reazioni non tra le migliori, ma di sicuro più sentite ed emotive) impara a reagire meglio (motivo per cui, detto per inciso, io mi aspetto un finale positivo e non negativo per Don).
      Uno è un percorso di guarigione che passa dall’inferno (ed è inferno vero, quello dell’identità persa, non lo si sottovaluti), l’altro è una discesa dall’umano all’infernale, che è di una tragicità incredibile proprio perché si assiste alla perdita del sé.
      Sono due percorsi meravigliosi nella loro crudeltà, simili e opposti al tempo stesso. Non è necessario metterli in gara per forza 😉

       
      • winston smith scrive:

        Pienamente d’accordo con Federica tranne sul fatto che i due personaggi non siano confrontabili: sono entrambi due personaggi drammatici (due anti-eroi per l’esattezza), anzi, sono i due personaggi drammatici per eccellenza della loro era televisiva. Sono paragonabili eccome perché rientrano nella stessa categoria. Sul fatto che i loro percorsi differiscano, poi, è ovvio che sia così per tipo di contesto in cui sono stati inseriti e non solo – ho scritto anche che se per WW la destinazione è l’inferno, per DD la possibilità del purgatorio c’è tutta spiegando perché a partire dalle loro motivazioni in un commento precedente -, altrimenti non li staremmo mettendo a confronto per analizzarne le differenze (e somiglianze), ma staremmo parlando dello stesso personaggio. XD
        Un paragone con Jack Bauer, quello sì sarebbe a mio avviso insensato, perché Jack Bauer è un eroe (io lo definisco l’ultimo grande eroe della serialità americana) e non un anti-eroe; tuttavia, Tony Soprano, Don Draper, Walter White, Dexter Morgan, Omar Little sono tutti imparentati. N’est-ce-pas?

         
        • Federica Barbera scrive:

          quello che intendevo è che il paragone lascia il tempo che trova nel momento in cui si voglia stabilirne una superiorità – probabilmente ho espresso male il concetto. certo che si possono fare confronti, alla fine l’ho fatto io stessa, solo che se la finalità è “decretarne un vincitore” io lo vedo come esercizio inutile, a) perché sono due percorsi con similitudini e differenze e non vedo uno peggiore o migliore dell’altro proprio in virtù delle loro differenze b) perché differisce la narrazione in termini psicologici e drammaturgici.
          Ecco diciamo così: confronto sì, gara no (almeno, per me 😉 )

           
    • winston smith scrive:

      Eh, lo so. Io per evitare che replicare ad un commento diventi troppo problematico con il rimpicciolirsi continuo della “postazione” riduco momentaneamente le dimensioni della finestra, il modo che lo spazio per la risposta risulti più ampio. Prova e vedi se ti trovi meglio così. 😉

      SPOILERS SU MAD MEN E BREAKING BAD A SEGUIRE

      Sulla discesa agli inferi, scusa ma non credo che l’Inferno consista unicamente nel produrre meth di qualità superiore e ammazzare gente. Non a caso, anche il caro vecchio Dante – e questo DD dovrebbe saperlo bene, visto che leggeva la cantica dell’Inferno in vacanza -considera più gravi le colpe dei fraudolenti e dei traditori rispetto a quelle dei violenti. E in quanto a bugie e tradimenti DD ne sa davvero tanto, probabilmente più di WW (senza dimenticare che il ripudiare se stesso e la sua storia passata ha portato il fratello che cercava di riallacciare i rapporti dopo averlo incredibilmente scoperto vivo a suicidarsi, quindi un po’ di sangue sulle mani ce l’ha anche lui). Insomma, cerchiamo di non avere una visione dell’Inferno da americanata alla South Park con Saddam che fa il marito e il Diavolo che fa la moglie. La nostra tradizione europea in generale e italiana in particolare ha molto più da dirci sull’argomento e lo fa anche con maggiore classe. Perché se il criterio è solo quello del sangue versato, allora dovremmo considerare i film action maggiormente drammatici di quelli drammatici in cui non muore nessuno. E i conti così a me non tornano (ma nulla esclude che sia io a non saper contare, a rigor di logica XD). Qualcuno diceva che la penna ferisce più della spada. Certamente non sempre è così, ma se lo scrittore è davvero bravo, i danni che può fare sono davvero tremendi (in estrema sintesi, il linguaggio è ideologia e l’ideologia gioca un ruolo chiave nelle nostre azioni: se si riesce a manipolare il linguaggio a proprio piacimento, si può far fare quasi a chiunque qualunque cosa convincendolo che è la cosa giusta da fare). Del resto, l’uomo è attualmente la specie dominante sulla Terra non certo per la sua forza fisica, bensì per le sue capacità intellettive, così come le peggiori guerre della storia sono state guerre di idee e non guerre di sopravvivenza. Questo è il mio punto di vista sulla faccenda.

       
  18. Attilio Palmieri scrive:

    Il gioco dei paragoni è molto bello, così come quello del meglio o peggio. Bello quanto e proprio perché superfluo. Si può argomentare a favore e contro, a seconda delle proprie sensibilità e del tipo di narrazione ed stile ai quali ci si sente più affini. BB ha il grande merito di aver creato un fenomeno popolare, uscendo anche per via di una tematica più accattivante per il grande pubblico. Mad Men è come lo scotch di qualità, capito da pochi, amato molto da alcuni, raffinato, da altri addirittura allontanato, come la torba molto intensa. Quello che a me sembra di intercettare, rimanendo sempre ai paragoni, è che se BB ha il merito di aver attecchito in maniera più incisiva sul grande pubblico, Mad Men ha creato, sistematizzato e collaudato un tipo di estetica, dalla fotografia alla messa in scena allo stile di ripresa, molto più riconoscibile ed estremamente più imitato, quell’incedere visivo e narrativo che ancora oggi continua ad avere imitatori più o meno efficaci.

     
  19. SerialFiller scrive:

    Che bellissima disuccione state/stiamo facendo grazie a questi emmy.
    Io sono molto daccordo con Federica quando dice che il paragone per come lo stiamo considerando tra DD e WW ha poco senso. E sono in disaccordo con Winston quando minimizza la tragicità di WW alla sola violenza.
    SPOILER BB e MM
    WW è il simbolo, l’emblema della bugia caro Winston, credo se contassimo tutte le balle che ha raccontato a moglie, figlio, cognato e gente comune per 5 stagioni non basterebbe un quaderno intero per contenerle. Non tradirà la moglie nel senso stretto del termine come invece fa DD ma la tradisce in tanti modi diversi, ne tradisce l’intima fiducia e tradisce quel tacito accordo che li vedeva poveri e miserevoli nella vita precancro ma presumibilmente felici insieme pur con le mille paure e angoscie che da soli provavano nel loro animo. DD per me ha sofferto, ha vissuto una immensa tragicità ma collocata all’interno della sua persona, una crisi di identità estrema, un non sapere chi fosse, cosa volesse e addirittura cosa provasse. Uno smarrimento figlio anche di un tempo intriso di cambiamenti (l’avvento del PC, lo sbarco sulla luna, il capitalismo, la globalizzazione). Il tormento di DD nasce e muore dentro di lui tanto è vero che il suo segreto è conosciuto da meno persone di quelle che conoscano il segreto di WW o Dexter Morgan nonostante questi ultimi rivelando il segreto avrebbero corso molti più rischi ed arrecato più danni. DD ci porta agli occhi un uomo fragile e ci spinge a riflettere sull’esistenza di ognuno di noi in senso altissimo e in maniera magistrale. Il percorso di WW è ipertragico, tocca decine di persone e spesso è il boia diretto o indiretto di criminali o danni collaterali (Jane, la madre di Brock, Combo, il bambino in bici durante la rapina al treno, Hank ecc ecc), è un inferno vero e proprio. Al tempo stesso il messaggio “positivo” offerto da WW (messaggio che io ho ricevuto forte e chiaro anche nella sua dedica di ieri ma questa è una mia opinione) è quello di fare di tutto per uscire della mediocrita e sentirsi finalmente “ALIVE” come ripeto nell’ultimo dialogo con skyler. Non è da sottovalutare la potenza di qeusto messaggio secondo me cosi come non è da sottovalutare la conseguenza dell’esasperazione della ricerca di se stessi e del proprio talento per cosi dire. WW soffre, fa soffrire e muore. DD soffre, si tormenta e probabilmente credo risalirà o meglio è gia risalito perchè dalla sesta stagione sembra essersi liberato dei suoi demoni. In questo contesto fare paragoni stretti ha poco senso, farne per valutare 2 personaggi eterni per quel che sono allora si che ci puo stare.
    Infine come dice bene Namaste MM piace, attira, emoziona e tocca corde inattese ma non impatta, non colpisce, non devasta mentre BB oltre a fare le cose che fa MM offre iconografie pazzesche, ti colpisce allo stomaco, ti ammazza dentro e non ti fa riprendere più. Io di MM ricordo pochissimo eppuree ho seguito ogni singola puntata con una gioiosa meraviglia e instancabile fascino. Di BB ricordo interi episodi, decine di scene cult, frasi a memoria e di settimana in settimana ero devastato dall’attesa.
    Ritornando al premio in se per me BB e i suoi attori ed il suo episodio quest anno DOVEVANO vincere, gli MM e TD meriterebbero premi a valanga ma con BB in campo possono ambire solo al secondo posto. Non scambiatela per una reazione da tifoso perchè è una cosa in cui credo fermamente e me ne assumo la responsabilità.

     
    • winston smith scrive:

      Non sottovaluto la tragicità di WW perché non limito il suo inferno alle morti e alla devastazione puramente materiale cha ha causato. Semmai siete stati tu e Namaste, nei vostri ultimi commenti, a definire l’inferno di WW più tremendo di quello di DD proprio basandovi sui crimini commessi più che sulle sensazioni che il personaggio prova. In quest’ultimo commento, ad esempio, hai definito quello di WW “un inferno vero e proprio” – sminuendo implicitamente, per contrasto, quello di DD – citando, a riprova di questo fatto, “Jane, la madre di Brock, Combo, il bambino in bici durante la rapina al treno, Hank ecc ecc”, ovvero raffigurazioni di un dolore esteriore, tangibile: l’Inferno vero, però, quello con la “i” maiuscola, per intenderci, è quello dell’anima e non quello del corpo. Il dolore interiore è molto più forte e persistente di quello esteriore. Il vero dramma di WW, difatti, sta nel mentire a se stesso, nell’essere fondamentalmente un codardo che cerca di misurare la grandezza del proprio impero basandosi su indici economici e non sulla felicità che riesce a dare alla persone: Walter Jr. non vuole i soldi che il padre gli offre con tanta insistenza, ma il suo affetto; vorrebbe vedere in lui un modello di rettitudine e una fonte di ispirazione, non un buco nero che risucchia tutto quanto gli gravita intorno in virtù di una megalomania frustrata. Questo cercavo di dire. Secondo me, esprimendovi nella maniera in cui vi siete espressi poc’anzi, finite con lo sminuire l’inferno di WW anziché descriverne la cupezza. Il problema è che sminuite pure quello di DD. il nostro non è fedifrago solo verso le proprie mogli, ma in primo luogo è fedifrago verso la sua stessa persona: DD rinnega il suo vero nome e la sua storia, cerca di nasconderli in tutti ai propri occhi prima ancora che a quelli degli altri. DD, al contrario di WW, non è interessato alla mercificazione del successo (pur essendo un pubblicitario di professione e pure di grande successo – qui, per inciso, sta il geniale paradosso), ma cerca affetto, persone in grado di capirlo a pieno e di amarlo per il bastardo cresciuto in un bordello di infimo livello quale effettivamente è. Dall’inizio della serie, l’unica persona con cui si sia mai sentito realmente a casa è Anna Draper: è lei l’unica donna ad aver conosciuto DD meglio di quanto DD conosca DD. Il sentimento che condividono è quello di un amore puro, diamantifero, tanto idealizzato da certa letteratura per secoli. Roba da accapponare la pelle, in senso positivo, sia chiaro: l’amore è sempre una bella cosa! :)

      Sul fatto che tu ricordi più la trama di BB rispetto a quella di MM, mi verrebbe da dire, con una battuta, “grazie al bengala”: il primo è un thriller, il secondo un racconto assolutamente ordinario, che potresti ritrovare pari pari, nelle sue dinamiche, pescando a caso nelle vite di persone che realmente esistono, magari anche di me e di te. E noi persone comuni cosa ricordiamo delle nostre esperienze? Momenti specifici, frasi particolari, magari distorti col passare del tempo a seconda delle persone con le quali li riviviamo raccontandoli. Se chiedessi a te di raccontarmi il tuo primo giorno di scuola per filo e per segno, saresti in grado di farlo? Immagino di no, basandomi su quello che sarei in grado di fare io se mi ponessero questo quesito e prendendomi come metro di paragone nell’ordinarietà delle mie capacità mnemoniche. Lo stesso vale per le vicissitudini di DD. Del primo giorno di “cucina artistica “di WW nel deserto insieme a Jesse, invece, probabilmente sia io che tu siamo in grado di fornire un resoconto puntuale, perché è un evento assolutamente straordinario che né io né te, spero, abbiamo mai sperimentato e mai sperimenteremo e in quanto tale è un evento distante, che riusciamo a osservare con piena oggettività concentrandoci finanche sui particolari più minuti. È molto più facile ricordare un’opera di fantasia che non un fatto realmente accaduto: per questa ragione nei tribunali le testimonianze, al pari delle confessioni di colpevolezza, sono elementi importanti di un processo, ma mai decisivi. Se una persona sostiene di aver ucciso JFK, ma non ha nessuna prova per dimostrare che ciò che dice è vero, non verrà mai condannata. Poi magari l’ha fatto davvero, ma per una corte giudicante, se un dato fatto criminoso non è accertabile con prove fisiche e replicabili, la condanna non ha ragione d’essere.

      Per quanto riguarda la superiorità di BB nel coinvolgere, di “colpire allo stomaco”, avrei da ridire presentando la mia esperienza personale con i due show: per MM ho pianto in più occasioni, mentre per BB non ho mai versato una lacrima. E sai perché? Perché considero BB una “tarantinata” nell’animo (vado on the record e ti dico che Quentin Tarantino è uno dei miei autori cinematografici preferiti di tutti i tempi, se non addirittura il mio preferito in assoluto) e non potrei mai piangere per una “tarantinata”: la caotica assurdità delle situazioni genera in me adrenalina e divertimento e ciò fa a pugni con la mia volontà di commuovermi, annullando ogni lacrima in partenza fino a data da destinarsi. Quando vedo un piangente Jon Hamm raggomitolato sul divano in posizione fetale, cosa vuoi che ti dica, mi si scioglie proprio il cuore: sento il bisogno di piangere insieme a lui, di offrirgli conforto, di espiare in compagnia. Vedi un po’, piango per una soap opera e non per una gangster story in cui i corpi vengono sciolti nell’acido in contenitori di plastica (!). Che conclusione trarre? Sono da ricovero? E ricovero sia. Basta che mi fornite corrente elettrica, televisore, lettore DVD e cofanetto della serie completa di Mad Men. Non sarebbe un così brutto modo per tornare “a riveder le stelle” (piazzo qui le ultime parole dell’Inferno di Dante in modo da donare spessore alla mia filippica, ma voi siate comprensivi e non fateci troppo caso).

      Comunque sì, è davvero una bella discussione. Sono contento di aver contribuito in parte a darle vita. Continuiamo così! Vai, Seriangolo!

       
  20. Charlotte scrive:

    Stavo per scrivere, ma hai praticamente detto tutto tu.
    Super quotone!

     
  21. Namaste scrive:

    #Statesereni che discussioni inutili come queste (avercene!) non le facciamo solo noi, ma tengono banco anche lì ad Hollywood. Già me li immagino il Matthew o il John Hamm nelle loro ville a maledire Gilligan e Cranston di fronte alle loro mogli che: “dai, vieni a letto, lo sai che meritavi di vincere tu” :-)

    Ragazzi/e, vi voglio bene, siete tutti fantastici e lo sapete ma quando, per descrivere l’inferno in terra di WW, si tiranno fuori la meth, gli omicidi, e le esplosioni, riducendo così una storia che (SerialFiller docet) parla di tutt’altro ad una mera baracconnata, quello è forse il segnale, come dice Attilio, che discussioni come queste non sono altro che un bel gioco, visto che qui comunque ognuno vedrà sempre in un telefilm solo quello che vuole, lasciandosi poi trasportare dal mood che gli è più proprio. Goodnight. :-)

     
    • Attilio Palmieri scrive:

      Che poi non voglio passare mica per quello che fa il moralizzatore e richiama i ragazzini all’ordine. Io adoro qualsiasi discorso, specie quelli da bar, e passo le mie giornate a dire che Kurt Sutter è il nuovo Dostoevskij e che il Cholo Simeone è il miglior allenatore degli ultimi due anni. Tra fantacalcio e discussioni tra cinema e serie TV, sparare conclusioni affrettate, opinabili e soprattutto personali è una delle cose più divertenti che ci siano.
      Proprio perché è inutile.
      Se è inutile stiamo è anche perché stiamo parlando di due, tre prodotti di altissima fascia per cui il gioco del meglio o peggio si riduce a una mera questione di gusti e sensibilità, una questione soggettiva. Ti piace più Pulp Fiction o Taxi Driver? Notorious o La donna del ritratto? Il giovane Holden o Infinite Jest. Io potrei anche arrivare ad avere un’opinione su ciascuno dei quesiti, ma sarebbe la cosa più superflua del mondo, nonché precaria (c’è stato un periodo che non amavo molto Tarantino, per esempio).
      Ci sono però delle cose di questa discussione molto importanti, come lo scambio di conoscenze che sta arricchendo tutti, come capire cosa di ogni serie colpisce occhi che sono tutti diversi, e infine cercare di sistematizzare le ricorrenze estetico-narrative di questi prodotti a partire dalla nostra ricezione.

       
      • Namaste scrive:

        Travis Bickle, Richard Wanley e Holden Caulfied mille volte! :-)

        Ma credo che quel rischio (del richiamo) non si sia mai nemmeno sfiorato. Merito di quel clima assai rilassato e colloquiale, quasi da “serial-club”, fin qui sempre instaurato dagli equidistanti padroni di casa e che non poteva non avere il suo riflesso nei commenti mai davvero esasperanti degli intervenuti, senza che nessuno debba stare qui a scandire tempi e modi dei loro interventi. Anche nel giochino degli sfottò e delle chiacchiere da bar che si manifesta puntualmente all’indomani di una premiazione degli Emmy, ognuno ha saputo esporre le sue ragioni in maniera sempre civile, matura e stimolante, per cui ma chi se ne frega chi ha vinto – disse quello che se non avesse vinto si sarebbe legato in piazza… :-) – l’importante, come dice Winston, è che abbia vinto “la linea editoriale” e soprattutto di moderazione adottata dal fantastico team di Seriangolo.

        Era semplicemente ora che l’eccellente qualità del lavoro offerta da voi ragazzi e ragazze (altro che riassunti…), fosse finalmente premiata anche con un po’ di numeri, che non fa mai male. Contento anch’io di avervi contribuito, ringrazio voi, ringrazio tutti gli intervenuti, ringrazio soprattutto l’amico Winston.

        Go Seriangolo! :-)

         
        • Attilio Palmieri scrive:

          Citazione da Namaste:
          Travis Bickle, Richard Wanley e Holden Caulfied mille volte!

          Concordiamo solo sul primo. Uno su tre. Dai, non male :)
          Da wallaciano di ferro sono davvero pochissimi i libri che possono “vincere” con IJ.
          Su Notorious la sfida è molto più dura. A caldo direi Lang, ma poi più ci penso e più sono certo che alla fine scelgo Cary Grant, zio Alfred e quel movimento sulla tromba delle scale fino alla chiave nella mano.
          Ah, Namaste, grazie per gli affettuosi complimenti, cerchiamo di fare del nostro meglio.

           
      • Firpo scrive:

        C’è stato un periodo in cui nemmeno io ho amato Tarantino e lo seguo dai tempi di Pulp Fiction (il suo best). Più o meno è il periodo che coincide a Kill Bill. Lì effettivamente per me era diventato troppo fumettone.

        Comunque: Pulp Fiction, non ho visto alcuno dei due film (vale La finestra sul cortile?), Il Giovane Holden, ma anche qui non ho letto Infinite Jest.

         
  22. Firpo scrive:

    Mah il fatto che BB sia una tarantinata ci sta fino a un certo punto. Non che non la trovi debitrice di un certo stile pulp, ma ridurla a questo mi sembra eccessivo.

    Sul fatto che uno dei due show commuova più dell’altro non saprei dire perchè a me l’unico episodio che abbia mai fatto piangere è il finale della seconda stagione di Buffy (sul serio…). Nessun altro faceva piangere come Whedon.

    A me né Wiener né Gilligan fanno piangere, né commuovere. Direi solo che il secondo per stile e conduzione dello show riesce a farmi attraversare uno specchio di emozioni più varie. Che vanno dalla comicità al dramma, dall’esaltazione alla disperazione ecc…ecc…BB è un ottovolante emozionale cosa che invece la creatura di Wiener con uno stile più cerebrale non riesce (sempre) a fare.

    Poi non confronterei la discesa agli inferi dei due protagonisti per il semplice fatto che quella di WW nemmeno è una vera discesa agli inferi per quel che mi riguarda. WW non perde mai se stesso nella sua storia direi al contrario che torva il suo vero io. Le diverse circostanze lo portano a fare cose mostruose ma che (superando il rimorso che c’è) gli permettono di completare il suo io, rimasto imbrigliato per anni. Lui si rende conto di essere in grado di fare cose orriibili e di poterci anche convivere. Questo è ciò che intriga veramente nel personaggio di Walter e lo rende unico.
    Jesse discende agli inferi e ne esce distrutto.Walter no.

    Concordo invece con la lettura che DD scende agli inferi da più o meno l’inizio della serie (o meglio c’era già) e che quello che stiamo assitendo adesso in MM è la sua risalita e la nascita di un uomo nuovo. Per questo anch’io credo che MM alla fine finirà positivamente.

     
    • winston smith scrive:

      Considera che per me la definizione di “tarantinata” (riuscita) è uno dei massimi complimenti che si possano assegnare. Tarantino ha una cultura cinematografica e non pazzesca (non solo hollywoodiana ed europea, per fortuna) e questo si vede nei miscugli che riesce a impastare in maniera sempre lineare, dinamica e coinvolgente. Proprio in Kill Bill mi pare che uno dei capitoli sia interamente rappresentato sotto forma di anime, per fare l’esempio più lampante. Insomma, per te sarà riduttivo quel termine, ma per me è l’esatto opposto. 😉

       
      • winston smith scrive:

        Un altro esempio lampante dell’abilità di Tarantino di mettere insieme in modo efficace elementi provenienti da culture diversissime è la messa in scena della violenza, sempre perfettamente in bilico fra coreografie da estetismo puro del combattimento inteso come “arte della guerra” di matrice orientale e le baracconate americane così sopra le righe da risultare niente più che una semplice simulazione videoludica.
        In pratica, il lato “pulp” di Tarantino è il più riconosciuto e sbandierato ai quattro venti – soprattutto dalla critica – perché noi occidentali a quello siamo interessati e quello siamo in grado di distinguere, ma in realtà il suo cinema offre molto di più alla vista. Basta farsi una rapida carrellata di film coreani e cinesi (che, ovviamente, nei nostri cinema nemmeno arrivano) per rendersene conto.

         
        • Firpo scrive:

          Sicuramente. Mai considerato tarantino una baracconata, anzi. Forse è perchè sono legatissima al suo cinema anni novanta e per me Le Iene/Pulp Fiction rimangono insuperabili che ho apprezzato meno quello successivo.

          Sul cinema orientale non sono ferratissima ma molte cose le ho viste. Su tutti ho amato (sempre negli anni novanta, il decennio a cui emotivamente sono più legata) John Woo.

           
  23. Firpo scrive:

    Ah, Ho letto solo ora tutto il commento di Serial Filler.
    Lo quoto tutto con il sangue sia la disamina di DD che quella di WW.
    Più o meno era quello che volevo scrivere anch’io.

    P.s. ho scritto un saggio su Breaking Bad.
    Se a qualcuno interessa leggerlo gli mando il link

     
  24. fromotohero scrive:

    Miglior attore: Cranston, Spacey o il Mac è indifferente. Sinceramente non avrei saputo scegliere. Premesso che non premierei mai un attore (per pur fantastico che sia) più di una volta per lo stesso personaggio.

    Spacey insieme a Robin Wright si mangia la scena come non ho mai visto fare in un Serial Tv. Tecnicamente è eccezionale, sembra nato per essere Vice presidente. House of Cards è bello, mi piace, ma sinceramente se non fossi ipnotizzato dalla sua interpretazione la gradirei molto meno, soprattutto nella seconda stagione troppo sottotono rispetto alla prima nella gestione dei tempi.

    Il Mac in True Detective E’ la differenza. Magari ha sovraccaricato il personaggio in alcuni frangenti, ma spacca i culi come pochi. TD è stato folgorante soprattutto grazie a lui (ok… anche per le tette della Daddario ve lo concedo). E poi quei 5 minuti di piano sequenza…

    Su BB faccio fatica ad esprimermi. Ho avuto la fortuna di scoprirlo subito e godermelo settimanalmente senza dover fare recuperoni. La miglior cosa che abbia mai visto dopo “The Wire”. “All Hail the King” sempre e comunque.

    Ozymandias la cosa più devastante mai andata in onda. Credo che non seguano discussioni http://www.imdb.com/title/tt2301451/?ref_=fn_al_tt_4

    Lato Comedy. C’è Puzza di Marcio. Modern Family non è male, ha meritato il primo emmy…. Ma 5? 5? 5????? Jim Parson è bravo per carità ma già in TBBT gli preferisco Simon Helberg. E poi adesso Kaley Cuoco mi fa lo scherzo di sposarsi con un tennista scarsissimo ma al contempo diventa più bella ad ogni episodio.

    Louie e Louis C.K. vincitori morali. Poi che cacchio è ‘sta Storia che non si filano di striscio quel capolavoro di It’s always Sunny in Philadephia? Falliti….

     
    • Firpo scrive:

      Giusto. Spacey è meraviglioso. Classe recitativa allo stato puro.

      Magari il fatto che faccia il bastardo non è proprio una novità, almeno per chi come me lo ha conosciuto negli anni novanta con la doppietta Seven/I Soliti Sospetti.

      Ma non ringrazierò mai abbastanza House of Cards per avermi ricodato che grande attore è.

       
  25. SerialFiller scrive:

    Parlando di personaggi tragici lancio una provocazione e vi dico secondo me chi sia il personaggio più tragico o almeno uno da inserire tra i DD e i WW di questo mondo: Daniel Holden di rectify. Premesso che amo rectify ma non fino al punto di annoverarlo fra le serie cult, big o must vorrei analizzare la tragicità del suo protagonista.
    SPOILER RECTIFY , BREAKING BAD E MAD MEN
    Daniel Holden potrà essere innocente o colpevole noi non lo sapiamo e forse mai lo sapremo ma è una persona che per 20 anni è stata rinchiusa nel braccio della morte (ingiustamente?) e quando finalmente esce di galera viene piombato in una società una vita che stenta a riconoscere e la quale stenta a riconoscere lui. Un ragazzo di 18 anni nel corpo di un quarantenne alle prese con 20 anni di avanzamento tecnologico, sociale, commerciale e alle prese con una famiglia che è andata avanti senza di lui.
    Tormento fisico in prigione (stupri e soprusi di ogni genere), tormento interiore dentro e fuori della prigione e se dovesse essere un uomo innocente allora aggiungiamoci anche 20 anni di vita rubati. Se non è un personaggio tragico questo…Eppure lo spessore di Daniel non è e credo mai sarà lo spessore di WW e DD, ergo non è la tragicità e il tormento del personaggio che conta ma come lo si racconta, come lo si estetizza, come lo si affronta. WW e DD sono raccontati con stili e caratterizzazioni differenti. Il primo viene narrato come un cinquantenne talentuoso, intelligente e divino nel suo grande talento per la chimica che rinasce alla notizia della sua imminente morte. E’ u n mr chips tramutato in scarface, ed il suo tormento è talmente stratificato che non è possibile raccontarlo a parole. WW nella perdizione estrema ritrova il suo io smarrendo però l’io apparente, l’io che per 50 anni ha mostrato a tutti e soprattutto a se stesso. Si spoglia della maschera e comincia a vivere e nel farlo devasta tutto e tutti quelli che gli sono accanto. E’ un percorso di tormento inverso ovvero di un uomo che accetta di essere una specie di mostro per sentirsi vivo prima di esalare l’ultimo respiro, è un tormento egoistico se vogliamo ma ditemi una scena, un momento in cui WW non abbia riflettutto 100 volte prima di compiere una qualsiasi azione. Alla fine ogni scelta è stata guidata dalla sua personalissima logica e dal suo personalissimo obiettivo ma sempre di tormento e tragicità parliamo, narrata con un estetica ed uno spessore unici.
    DD invece è una brutta persona, cattiva, insensibile e infedele ma quella è la sua maschera e lui cerca nelle 7 stagioni di ritrovarsi, di ritrovare il suo io. Anche lui come WW cerca di svelare il suo io ed anche lui come WW svela un io che socialmente non verrà riconosciuto come un io piacevole. Le implicazioni nel paragonare questi personaggi sono molteplici perchè sono stratificati in maniera pazzesca e questo li rende unici ed indimenticabili nei secoli e nei secoli al contrario di Holden.
    E se Gilligan rispetto a Wiener è ruscito ad offrirci anche un personaggio spettacolare, divertente, iconico allora non chiamiamola baracconata ragazzi ma chiamiamola genialità come è giusto che sia.

     
  26. Firpo scrive:

    Mi sono fermata a leggere. Purtroppo di Rectify ho visto solo il pilot, lento, ma interessante.
    Solo che non so veramente dove trovare il tempo per vederlo.
    Come non so dove trovare il tempo per recuperare 5 stagioni di The Good Wife.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *