The Strain – 1×10/11 Loved Ones & The Third Rail

The Strain - 1x10/11 Loved Ones & The Third RailLa prima stagione di The Strain vola verso il finale in maniera decisa e convincente: sembra chiudersi il cerchio attorno ai nostri protagonisti, sempre più coinvolti personalmente nella “malattia” che sta mettendo in ginocchio New York.

1×10 – Loved Ones
Loved Ones segna molto probabilmente la maturità raggiunta da questa serie: il taglio resta ovviamente molto fumettistico, alcune caratteristiche sono tipiche di quegli horror che strizzano l’occhio al fandom di genere, ma questo episodio ha delle note molto positive per quanto riguarda il lato cinematografico del racconto.

The Strain - 1x10/11 Loved Ones & The Third RailIn primis, è come ci hanno fatto conoscere il destino di Kelly attraverso un preciso e interessante montaggio alternato a tenerci incollati allo schermo; in secondo luogo, poi, è proprio la scelta autoriale di farla diventare un vampiro a colpire lo spettatore.
Una serie che alcune volte è stata tacciata di facilonerie narrative e troppo comode vie di fuga, sceglie il dramma vero per sottolineare ancora di più la grave situazione che stanno vivendo i protagonisti. I vampiri non sono solo gli altri, quelli da cui scappare e difendersi, ma possono benissimo essere anche i nostri cari, quei loved ones che proprio i turned nella condizione vampiresca cercano per portarli con sè.

Allora il racconto si dipana negli stessi luoghi ma su due piani temporali diversi, divisi da poche ore ma da una distanza morale abissale: Ephraim ripercorre il cammino dell’ex moglie e noi scopriamo al suo posto quello che le è successo, in un gioco voyeuristico che accentua ancora di più l’ansia del dottore, quella condizione di immaginare e non sapere che dà ancora più dolore.
Proprio le sequenze con Kelly sono quelle più apprezzate, perchè non lesinano nel mostrare la mostrosuità della situazione, con la donna che uccide la migliore amica e il di lei figlio come se fossero bambole di pezza.
Tutto questo si lega quindi alla definitiva presa di coscienza di Ephraim, che si trova costretto a sparare in testa al migliore amico di suo figlio, (non)scoprendo il destino della moglie grazie alla catenina trovata nella mano dell’amica di Kelly.

The Strain - 1x10/11 Loved Ones & The Third RailCi sono però anche degli aspetti un po’ forzati, come l’indagine che si mettono in testa di fare Vasiliy e la bionda hacker, tornando come se niente fosse nel palazzo di Eldritch Palmer: com’è possibile che non abbiano pensato all’eventualità delle telecamere resta un mistero. Così com’è un mistero che un bambino di 10 anni riesca a rintracciare un cellulare con internet assente; anche in questo caso, chiedere all’hacker a disposizione sarebbe stata la scelta più logica.

Loved Ones è comunque – al netto delle sviste di cui sopra – uno dei migliori episodi dell’intera stagione, lasciandoci sconsolati come Zach nella sua stanza, svezzato alla vita attraverso un’epidemia vampiresca che rappresenta tutte le brutture e gli ostacoli che l’esistenza ci mette davanti.

1×11 – The Third Rail
The Strain - 1x10/11 Loved Ones & The Third RailThe Third Rail è invece leggermente inferiore alla precedente puntata, ma resta comunque su un buon livello, soprattutto per quanto riguarda l’azione.
Dal punto di vista quasi prettamente psicologico, infatti, si passa, rispetto alla 1×10, a un episodio adrenalinico, che porta i protagonisti nella tana del Master, abitata da centinaia di vampiri, che si rifugiano lì durante le ore diurne.

L’episodio è un omaggio (o una critica?) alla metropolitana di New York: tutto la puntata, infatti, è praticamente girata underground, ad eccezione delle sequenze con Zach e la madre di Nora, rimasti al negozio.
Al netto di questa sezione di puntata – sostanzialmente inutile, se non per sottolineare la crescita molto veloce di un ragazzino in una situazione apocalittica – la parte nera, oscura e tesa della metropolitana intrattiene alla perfezione e ci cala anima e corpo nell’orrore della scoperta della casa del mostro.
I topoi dell’horror ci sono tutti: la spedizione in un luogo chiuso e buio, l’incontro con i mostri, la fuga claustrofobica da essi e l’incontro con il Master, che ha un ottimo dialogo con Ephraim, prima di scomparire e porci davanti ad un ostacolo ancora più grande.

The Strain - 1x10/11 Loved Ones & The Third RailCome detto, The Third Rail non è assolutamente al livello di Loved Ones, ma ci fa finalmente conoscere la casa base del nemico e sottolinea come sarà molto difficile per i nostri eroi vincere il male.
The Strain quindi, dopo un avvio forse stentato, va crescendo verso il finale, con una qualità che era difficile aspettarsi solo qualche settimana fa.


VOTO 1X10: 7/8

VOTO 1X11: 7+

Note
Le sequenze in metropolitana mi hanno ricordato una celeberrima scena di Ghostbusters II. Che sia forse un omaggio al film di Ivan Reitman?

 

Ste Porta

Guardo tutto quello che c'è di guardabile e spesso anche quello che non lo è. Sogno di trovare un orso polare su un'isola tropicale. Profilo FB: http://www.facebook.com/ste.porta?ref=tn_tnmn

2 Risposte

  1. jackson1966 scrive:

    Abbastanza d’accordo, Ma non capisco perchè stanno rendendo Eph così antipatico, quando nel libro non lo è per niente. Anche Fet fa stupidaggini (quella citata in recensione la più grossa) che non gli sono proprie.
    sul Master dissento totalmente: l’incontro è stato troppo repentino, fatto caddare troppo presto e non ha il significato e l’importanza che nel libro assume per motivazione che, causa, spoiler, qui non posso dire. Nel libro rimane a lungo quel pericolo acuto e sempre presente per i nostri eroi ma mai veramente visto fino all’inevitabile fine ( SPOLER fine voluta dal master stesso, perchè, credetemi TS è tutto tranne che rassicurante, qui si muore, indipendentemente da chi tu sia e non credo che stravolgeranno la trilogia così pesantemente da salvare alcuni personaggi).

     
  2. Vulneraria scrive:

    Devo dire la verità: riesco a seguire questa serie sempre più a fatica. Mi fa sprofondare sempre più nella noia e non riesco a cogliere nessun sussulto di trama od emotivo. Mi sembra sempre tutto molto piatto, molto schematico,molto apparecchiato.Arrivato fino alla 10 ma non so se proseguire, con tutto il ben di dio che c’è nell’etere e nei torrenti. Ringrazio per le recensioni, credo che seguirò il resto della storia leggendole qui. Poi magari recuperone più avanti, ma dubito.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *