Downton Abbey Christmas Special 2014 – A Moorland Holiday

Downton Abbey Christmas Special 2014 – A Moorland HolidayAnche quest’anno Downton Abbey ci regala uno sfarzoso Speciale di Natale, la cui opulenza scenica non riesce però a compensare i difetti che caratterizzano in alcuni punti la scrittura dei personaggi e il dipanarsi del racconto.

La grande assente di “A Moorland Holiday” è la Storia: Fellowes decide di mettere da parte quella che da sempre è stata una componente fondamentale dello show, scaricando di conseguenza tutto il peso della riuscita dell’episodio sulle vicende personali dei protagonisti. Ne risulta uno Speciale a tratti intimista, ma soprattutto votato all’intrigo e al colpo di scena, anche a costo di risultare forzato e poco coerente.

Downton Abbey Christmas Special 2014 – A Moorland HolidayEmblematiche di questa tendenza sono le vicende che vedono protagonisti da un lato Lord Sinderby, e dall’altro Mr Bates. L’intera storyline ambientata al castello di Brancaster e cucita attorno al personaggio di Stowell (ennesimo maggiordomo più snob del suo datore di lavoro nell’universo fellowesiano) è costruita unicamente allo scopo di riappacificare i Sinderby e i Crawley, ma ciò avviene in maniera contorta e raffazzonata, sfiorando a tratti il nonsense. Viene infatti da chiedersi perchè Lady Mary non abbia semplicemente chiesto a Stowell di comportarsi in maniera consona nei confronti di Branson, o per quale motivo Thomas (se escludiamo la sua presunta e innata cattiveria) si sia spinto al punto di scrivere quel telegramma, considerando che aveva già ottenuto la sua “vendetta”. Ciò che però fa storcere il naso è soprattutto il modo in cui la vicenda viene risolta: come di consueto lo scandalo viene infatti messo frettolosamente a tacere. Il fatto che il moralista Lord Sinderby si riveli alla fine anch’egli un “peccatore” è solo apparentemente out of character e in fin dei conti una scelta apprezzabile, ma lo stesso non può dirsi delle circostanze che lo portano ad accettare finalmente Rose (e i Crawley) come parte della famiglia. Ci si chiede insomma perchè Fellowes non sia riuscito a trovare un modo migliore di questo stratagemma per portare avanti la trama.

Downton Abbey Christmas Special 2014 – A Moorland HolidayL’altro tasto dolente dell’episodio è costituito dalla storyline riguardante la morte di Mr Green: fin dalla sua introduzione questa linea narrativa aveva infatti suscitato molte perplessità data la preoccupante somiglianza con quella dell’incarcerazione di Bates per l’omicidio di Vera. Ebbene, l’aver scambiato i ruoli tra moglie e marito non è certo bastato a risollevare le sorti del racconto, che nello Speciale raggiunge vette di artificiosità inedite. L’introduzione del “precedente” di Anna sembra piovere dal cielo, così come l’improvvisa decisione di Bates di confessare per scagionare la consorte e fuggire, salvo poi tornare una volta ottenuto un alibi (?). A peggiorare ulteriormente la situazione c’è poi il fatto che, come lascia intendere lo stesso Bates, la storia è ancora lontana dal ricevere una conclusione definitiva, e continuerà quindi ad appesantire la narrazione anche nella prossima stagione.

Downton Abbey Christmas Special 2014 – A Moorland HolidayAnche sul versante più introspettivo, relativo all’approfondimento dei personaggi e dei loro rapporti, non tutto funziona per il meglio: molti dei momenti cardine della puntata, si pensi ad esempio all’addio a Branson e alla commemorazione di Sybil, mancano infatti del coinvolgimento e della raffinatezza che solitamente caratterizzano la scrittura di Fellowes. Nel primo caso ciò può essere imputato alla ripetitività delle dinamiche messe in scena (i Crawley hanno già professato innumerevoli volte il loro affetto nei confronti di Branson), mentre nel secondo la sequenza è danneggiata dalla volontà di strafare, ben rappresentata dall’affettata preghiera di Mary. L’autore sembra spingere troppo sul tasto del buonismo, finendo col privare questi momenti della loro carica emotiva e lasciandoli quasi scomparire dietro la messinscena, i canti e le luci natalizie.

Downton Abbey Christmas Special 2014 – A Moorland HolidayPassiamo agli aspetti più riusciti di questo speciale, che comunque non mancano: sicuramente è il filone sentimentale a brillare e coinvolgere maggiormente, sia upstairs che downstairs. L’introduzione di un nuovo love interest per Mary e la sorella – nonostante il fatto che avvenga in perfetta sincronicità faccia sorridere – rappresenta una potenziale boccata d’aria fresca per entrambe. Il personaggio di Edith, ora che la questione di Marigold si è finalmente risolta, ha infatti disperatamente bisogno di liberarsi dalla nube oscura che aleggia sul suo capo da troppo tempo; per quanto riguarda Mary, Henry Talbot è riuscito in pochi minuti a risultare un pretendente più convincente di quanto Gillingham e Blake non lo siano mai stati. La trama romantica, oltre ad andare incontro ai gusti del pubblico, non impedisce a priori uno sviluppo delle due protagoniste in termini di crescita personale, ma può anzi favorirlo, come è già accaduto nelle passate stagioni; non resta quindi che aspettare l’anno prossimo per vedere come si evolverà il racconto.

Downton Abbey Christmas Special 2014 – A Moorland HolidayPer due amori che nascono, altri due finiscono: facendo l’unica scelta possibile, sia Violet che Isobel allontanano definitivamente i loro rispettivi spasimanti, tornando a fare affidamento l’una sull’altra. L’arrivo del Principe Kuragin, e in questo episodio quello della sua consorte, ci ha permesso di conoscere un aspetto inedito e sorprendente della personalità della Contessa madre, in grado di umanizzare ulteriormente questo bellissimo personaggio e di motivare in maniera più profonda alcuni dei suoi atteggiamenti passati (come ad esempio il suo essere così comprensiva nei confronti delle nipoti). Il vero coup de théâtre dell’episodio, capace di riportarci alla mente il perchè continuiamo a seguire Downton Abbey, è però rappresentato dalla tanto attesa proposta di matrimonio di Carson a Mrs. Hughes. Forse qualcuno avrà da obiettare che la bellezza del loro rapporto risiedeva proprio nell’assenza di un esplicito coinvolgimento sentimentale, ma la scena – complici le ottime performance degli attori – è stata di una tenerezza davvero commovente, tanto da spazzare via qualsiasi dubbio a riguardo.

Nel complesso il bilancio di questo Christmas Special non è dei più positivi: la serie ha ormai da tempo perso lo smalto degli esordi, ma l’episodio pare comunque sottotono se confrontato con la stagione che l’ha preceduto. Ad ogni modo, “A Moorland Holiday” ha il merito di aver chiuso dignitosamente quasi tutti gli archi narrativi che hanno percorso questa quinta annata, oltre che di aver suscitato un discreto interesse per il futuro grazie all’introduzione di nuovi personaggi.

Voto: 6,5

 

2 Risposte

  1. eleonora scrive:

    L’episodio mi è piaciuto.
    E’denso di avvenimenti che riguardano la storia personali dei protagonisti .

    Robert soffre di Angina !!! oddio non vorranno farlo fuori la prossima stagione ?
    I coniugi Bates : sfigati , troppo sfigati . Concordo con la recensione. Speriamo la vicenda abbia una fine coerente.
    Rose : finalmente è diventata adulta ! Il suocero puritano più di un lord inglese è un”normale” uomo e ha tutte le debolezze di un normale uomo, ma essendo ebreo e avendo raggiunto una posizione sociale pari alla nobiltà e all’emergente alta borghesia, sa che deve rigare dritto !! L’apparizione dell’amante con figlio fa capire perché sopporta l’odioso maggiordomo.
    Rose gestisce bene l’imbarazzante situazione.
    Mary : Matthew Goode per Mary ????? Troppooooooooooo….
    Ma come ho goduto nel vedere che non cade ai suoi piedi , ma anzi la prende in giro e alla fine è Mary che “sbava” mentre Lui si invola sulla macchina.
    Certo che per una che ha perso il marito in un incidente di macchina , innamorarsi di un appassionato di macchine…. vedremo.
    Edith : che sia la volta buona ??? Io faccio il tifo.
    Carson e Hughes : evviva !!! Bellissimo :)
    Ora quanto dovremo aspettare … uffa !

     
  2. raffaella scrive:

    Concordo con la tua recensione, l’episodio non mi ha fatto impazzire e le lacune sono state, a mio avviso, un pò troppe, bene lontano dagli speciali natalizi degli anni precedenti: mitico quello in cui Mary riceve la proposta di matrimonio.
    Goode è decisamente troppo per Lady Mary, sono d’accordo con te Eleonora, certo lui alza gli ascolti :) Lady Violet e Isobel si confermano tra i mie personaggi preferiti, e infine il granitico Mr. Carson in un ruolo decisamente insolito ma delizioso , finalmente! ora non resta che aspettare , purtroppo :)

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *