Looking – 2×04 Looking Down the Road

Looking - 2x04 Looking Down the RoadCon questo quarto appuntamento, Looking entra decisamente nel vivo delle proprie storie e mette in discussione tutte le deboli certezze che avevamo dato per assodate in questo inizio di stagione. Siamo alla resa dei conti, che coinvolge tutti i nostri protagonisti in quello che risulta essere il miglior episodio di questa stagione.

Sin dal primissimo episodio di questa serie gli autori ci hanno condotto per mano all’interno delle vite di tre ragazzi gay, le cui vicende trascendono i meri orientamenti sessuali o le attitudini personali per rispecchiare situazioni, emozioni e pensieri che ciascuno di noi ha vissuto o può comprendere per esperienza indiretta. Nessun grande dramma melò, nessuna costruzione a coup de théâtre per tener sveglia l’attenzione dello spettatore: solo storie, solo vicende umane. Questa scelta ha pagato grazie soprattutto a dei personaggi (chi più, chi meno) riusciti e ben scritti, in grado di catalizzare su di loro i nostri interessi. La prima stagione è stata quella della costruzione delle esperienze di due personaggi – Dom e Patrick – e di contro della distruzione di Augustin, il più difficile con cui entrare in empatia. Quest’anno, invece, la storia si inverte completamente e con questo episodio raggiungiamo l’apice della rivoluzione interna che coinvolge i nostri protagonisti.

Looking - 2x04 Looking Down the RoadPatrick, che è sempre stato un po’ lo sguardo privilegiato utilizzato dagli autori, è un ragazzo semplicissimo, pieno di manie ed ossessioni, terribilmente realistico nei suoi flussi di coscienza; un ragazzo che ha lottato nella prima stagione contro le costrizioni familiari ed i propri pregiudizi (il suo rapporto con Richie ne era costellato) per poi approdare alla relazione con Kevin, a lungo desiderato e solo in ultimo conquistato. L’esordio di quest’anno è quindi stato più che positivo per lui: era arrivato ad una relazione che, pur con i propri difetti, riusciva ad alimentarne la passione. Eppure l’ingombrante elefante nella stanza rappresentato dalla storia di Kevin con Jon prima o poi sarebbe dovuto venir fuori; tutto ciò raggiunge il limite di sopportazione prima con la conversazione notturna tra i due fidanzati e poi con l’incontro fortuito al mercato. In quest’ottica si inserisce il ritorno di Richie, la volontà un po’ ipocrita di riaverlo come amico e la delusione nello scoprire che l’altro si è pubblicamente fidanzato di nuovo, mentre lui è costretto a nascondersi, a sentirsi dare dello homewrecker in un momento di spietata lucidità del suo ex.

Looking - 2x04 Looking Down the RoadLegittimo quindi da parte sua sentirsi sempre più stretto in quella situazione, ed il confronto con Kevin sul tetto dell’edificio di lavoro è il momento più riuscito e potente dell’intero episodio: la verità finalmente esce fuori e Kevin è per la prima volta nella posizione debole, proprio lui che finora ha dettato le regole della loro storia. Patrick non ne può più ed approda necessariamente ad un ultimatum che pare anche essere convincente. Kevin non ha i limiti ordinari dell’eterosessualità, non è sposato con Jon né condivide dei figli: l’unica vera e sincera ragione per cui non riesce a chiudere con lui è per viltà, purissima paura di abbandonare la via più conosciuta per tentare il grande salto nell’incertezza. La scena finale dell’episodio, con un Patrick sofferente ma deciso, non può che indicare che le cose inevitabilmente cambieranno e fa da contraltare all’altra scena simile avvenuta poco prima, la rottura tra Dom e Lynn.

Looking - 2x04 Looking Down the RoadAltro giro di corsa, altra storia che viene messa in discussione. Già dallo scorso anno ne avevamo avuto più di un sentore, ma le cose tra Dom e Lynn non funzionavano perché i due erano su piani totalmente diversi: l’uno aveva abbandonato le sue conquiste giovani per pensare a qualcosa di più duraturo con un uomo maturo, e l’altro era stato sempre ben attento a non spingersi mai oltre un certo limite. In questi quattro episodi abbiamo visto Dom mettersi alla ricerca di informazioni ulteriori sulla vita di Lynn con Brian, quel pesante paragone costante che ha impedito ad entrambi di concretizzare la loro relazione: adesso sappiamo – e soprattutto lo viene a sapere Dom stesso – che Lynn non ha alcuna intenzione di andare oltre Brian. Per lui la porzione di felicità è finita con l’ex, non c’è spazio per nessun altro; solo avventure, solo quel poco che il divertimento riesce a dargli. Per Dom è la doccia fredda straziante ma necessaria: quegli incontri fugaci, quei ménage à trois che finora ha sopportato solo per amore di Lynn, non hanno più senso di esistere. C’è bisogno di aria nuova e Dom è pronto (o meglio è costretto) a far girare le cose diversamente. Menzione d’onore a Doris che, per quanto sia ancora marginale, rappresenta davvero un inserimento eccezionale.

Looking - 2x04 Looking Down the RoadCome contraltare a due protagonisti in profonda crisi c’è Augustin, che sta vivendo un nuovo e più riuscito momento della sua vita: abbandonata una parte di quel carattere difficile da digerire (se non proprio odioso) che lo aveva caratterizzato nella prima stagione e che lo ha portato a perdere amore e passione lavorativa, la sua personalità sembra rinascere episodio dopo episodio anche grazie alla divertente aggiunta di Eddie (un personaggio che anche in virtù della sua sieropositività potrà dare e dire molto in futuro) e alla nuova direzione che ha dato alla sua vita, lontano da quella d’artista che lo aveva avvelenato – ma a cui prima o poi ritornerà, basandoci sull’insistenza con cui rimarca da cosa vuole tenersi lontano. Augustin sta rinascendo e ci sta finalmente permettendo di entrare in empatia anche con la sua vita.

Ecco cos’è Looking: un racconto delicato e quanto più sincero possibile della vita di persone che, a prescindere dalle loro pur fondamentali caratteristiche personali, rappresentano le forze e le debolezze della maggior parte di noi. Per questo riesce ancora a colpirci allo stomaco e questo episodio, nella sua ottima scrittura, conferma tutte le sensazioni avute sinora.

Voto: 8

 

Mario Sassi

Napoletano trapiantato da anni a Roma, non nasconde la sua anima nerd e la sua passione per serie TV e cinema.

1 Risposta

  1. Sara De Santis scrive:

    bella bella recensione!
    sono d’accordo soprattutto con la conclusione: la delicatezza. Vedere un episodio di Looking, per quanto estremi possano essere i temi che presenta (come la promiscuità gratuita, i gruppi di sostegno per ragazzi, l’hiv), riesce sempre a far trapelare la serietà delle cose senza scadere nel mieloso o nell’edulcorato o nel finto educativo – che sarebbero davvero le cose peggiori cui assistere.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *