The Walking Dead – 5×09 What Happened and What’s Going On

The Walking Dead - 5x09 What Happened and What's Going OnRitorna dopo due mesi di pausa The Walking Dead, che ci aveva lasciato con un mid-season finale da dimenticare e che doveva riprendere il filo del discorso interrotto dall’imbarazzante fine di Beth: con questa mid-season premiere, la serie incappa ancora in alcuni errori che si porta dietro ormai da anni, condendo però il tutto con un guizzo di inventiva.

We look not at what can be seen, but we look at what cannot be seen. For what can be seen is temporary… but what cannot be seen is eternal.

The Walking Dead - 5x09 What Happened and What's Going On“What Happened and What’s Going On” si apre con un funerale, che, grazie al collegamento mentale con l’ultima puntata, sembra essere quello di Beth. Scopriremo che non è così: l’episodio, rispetto al piattume degli episodi scorsi, si innalza sopra il mediocre livello che lo show aveva raggiunto grazie ad un montaggio alternato e a una serie di scelte stilistiche che mantengono buono il livello di coinvolgimento dello spettatore.
Il tutto ruota attorno al concetto di vita e di morte che è radicalmente cambiato dall’inizio dell’apocalisse zombie che ha colpito i protagonisti. La metafora del giornale radio come amplificatore dello scorrere del tempo – con tutto quello che succede nel mondo, al nostro vicino come a uno sconosciuto dall’altra parte del pianeta – fa da corollario al discorso malinconico di Tyreese proprio su questo argomento: che senso ha la vita ora che non c’è più niente da immaginare, esistiamo solo noi qui e ora, non c’è nessun obiettivo da raggiungere? Perché continuare a farsi del male crogiolandosi nei ricordi, ricordi in un mondo in cui succedevano delle cose e dove la vita scorreva normale, quando adesso è tutto un andare incontro al nulla totale?

The Walking Dead - 5x09 What Happened and What's Going OnEcco che quindi si materializza il vecchio villaggio di Noah, effimero obiettivo di salvezza che si rivela, così come la vita, distrutto dagli zombie e ormai abitato solo da morti.
Qui si dimostra una fetta della fragilità che ha contraddistinto la scrittura di The Walking Dead finora: Ty funge da ri-sollevatore del personaggio di Noah, in tutti i suoi significati: fisico, essendo molto più in forma, assistendolo nell’alzarsi da terra, a guardare in faccia la realtà; morale, aiutando l’amico a sperare che da un momento all’altro tutto possa migliorare. Tutto questo è una telefonata bella e buona allo spettatore che il buon Ty ci sta per lasciare: tutti quelli di buon cuore, tutti quelli malinconici e con uno sguardo disincantato verso la situazione non hanno mai fatto una bella fine.
Altra pecca sono i piccoli dettagli della scena: come fa Noah ad essere più veloce di Ty avendo una caviglia praticamente inutilizzabile? Come fa a percorrere tutta quella distanza senza essere ripreso? Come fa Ty a non accorgersi dello zombie nella stanza, dopo che era stato messo all’erta dai chiari rumori che provenivano dall’altra porta?

It isn’t just ok. It’s better now.

The Walking Dead - 5x09 What Happened and What's Going OnLa parte sicuramente meglio riuscita dell’episodio è quella che riguarda la morte di Ty, finalmente resa visivamente e narrativamente interessante.
Le visioni di lostiana memoria non sono certo una novità, tantomeno nel momento del trapasso, che sostituiscono la leggendaria luce o il film della propria vita che dovrebbe passarci davanti agli occhi nel momento della morte: c’è da dire però che la scelta dei personaggi che attendono dall’altra parte Ty è interessante, ovviamente e soprattutto grazie al ritorno in scena del Governatore, uno dei personaggi della saga che rimarranno nell’immaginario collettivo. La resa visiva, il montaggio appositamente confuso di tutta la sequenza rendono bene l’idea della confusione di Tyreese, dal terrore che prova per essere stato morso alla febbre che sale per il morbo che sta cominciando a prendere piede nel suo corpo.
Anche in questo però le pecche non mancano, andando a rovinare quello che è il risultato finale: abbastanza ridicola la scelta di far bloccare Noah da due zombie, quando fino a poco prima era riuscito addirittura a seminare Tyreese. The Walking Dead riesce ancora a stupire in entrambi i sensi: se è vero che una puntata dedicata alla morte di un personaggio non era mai stata affrontata così – con un montaggio e una resa scenica di questo tenore – è vero anche che gli errori e le sviste sui piccoli particolari che dovrebbero sorreggere tutto il palazzo minano la credibilità dell’intero prodotto, portando sottotraccia le migliorie e le scelte stilistiche particolari che gli autori ogni tanto azzeccano.

The Walking Dead - 5x09 What Happened and What's Going OnLa dipartita di Tyreese vuole suggerirci che ormai, al netto di tutti i discorsi ottimistici che si possano fare, è la morte l’unica salvezza in questo mondo: ma una morte assistita – l’amputazione del braccio, la probabile pallottola che spareranno in testa al cadavere di Ty –, una morte che permetta finalmente un riposo eterno.
Non è facile andare avanti anni a raccontare praticamente la stessa storia, cercando di innovare il modo di narrare le stesse cose (morte, non-morti, illusioni, speranze, amori) senza cadere nella trappola della ripetitività: con questo nono episodio va dato atto agli autori di averci provato e di esserci in parte riusciti. La puntata è senza ombra di dubbio migliore rispetto alle ultime in ordine cronologico (basti pensare alla scorsa o alla terrificante “Consumed”) ma siamo ancora lontani da un episodio che ci possa lasciare completamente soddisfatti.
TWD è come i non-morti di cui narra le gesta: interessanti e affascinanti, ma spesso terribilmente ripetitivi.

VOTO: 6½

Note:
Qui potete trovare i punteggi del The Walking Game relativi a questa puntata.

 

Ste Porta

Guardo tutto quello che c'è di guardabile e spesso anche quello che non lo è. Sogno di trovare un orso polare su un'isola tropicale. Profilo FB: http://www.facebook.com/ste.porta?ref=tn_tnmn

10 Risposte

  1. La Redazione scrive:

    Commenti dall’Angolo delle Discussioni sull’episodio:
    seriangolo forum

     
  2. jackson1966 scrive:

    Non sono affatto d’accordo. Mentre il mid-season finale faceva schifo questa puntata è proprio bella. A parte che quando c’è Nicotero alla guida il salto di qualità visiva è impressionante, e quando Gimple scrive le puntate la sua capacità di lettura dei personaggi è acitissima (non per niente sue sono le migliori puntate della serie anche degli scorsi anni). Dici che con il discorso a Noah Ty ci ha telefonato che sarebbe morto. Anche qui non d’accordo: Ty fa questi discorsi da una vita a tutti, anche a Sasha, sarebbe dovuto morire già da un po’. E questo proprio mi colpisce. Proprio per questo, da un po’ speravo morisse perchè il suo buonismo mi stava stufando ed invece….. mi è dispiaciuto da morire, perchè ormai il gruppo è precipitato nell’oscurità più totale. Ma si sa, dal fondo, si può solo risalire.
    Ci si è lamentati finora che gli zombie facevano da contorno ed ora che sono la causa di una morte di una parte del gruppo, lui è scemo perchè si distrae. Solo così in questo mondo gli zombie ti possono prendere, e lui lo ha fatto perchè troppo preso a ricordare con le fotografie la vita perduta che è sempre più lontana.
    Noah avrà una caviglia che gli fa male ma l’adrenalina, per poco (ed infatti poi gli zombie lo bloccano) ti può dare lo scatto per superare un dolore del genere. In più Ty, non è che sia un velocista, vista la mole.
    Ormai la moda è sparare a zero su TWD, vederne solo il male e gli errrori e non l’insieme. Ma l’eleganza della macchina che si ferma senza scene e clamore e che ci fa capire che per Ty è finita, dova la mettiamo? Il salto di qualità di Michonne che ora vuole tornare ad essere umana, sicura e non più un guerriero errante? La confusione di Rick, che dimostra una stanchezza senza precedenti? La freddezza e la perdita della speranza in Glenn che l’ha sempre avuta? TWD cambia, ma lo fa impercettibilmente come lo fa la vita. Per noi sono mesi per loro giorni.
    Ma dopo avere visto recensioni positive a 50 sfumature di grigio (probabilmente la fuffa più fuffa del secolo) mi arrendo con voi critici e continuo, con gli altri 20 milioni, a seguire TWD perchè a me piace. Per voi un po’, lo ammetto, mi dispiace.

     
    • Ste Porta scrive:

      Ciao Jackson, anche a me la puntata è piaciuta, ma purtroppo ci sono ancora delle cose che non funzionano, che sono messe lì apposta per far accadere meccanicamente le cose.
      Ty sarà sì di una certa mole, ma sta rincorrendo uno zoppo: così com’è impossibile che Noah è veloce più di Ty e poi è più lento degli zombie.
      La puntata è molto particolare, e mi ha colpito in quelle sequenze quasi strazianti del finale, con Ty che si lascia andare perchè “di là si sta meglio”: il giudizio sarebbe stato molto più positivo senza quelle forzture che ho elencato.
      Senza entrare nel merito di “50 sfumature di grigio” che per fortuna non ci compete, continueremo a seguire anche noi TWD come abbiamo sempre fatto: perchè può piacere o non piacere, ma anche a me diverte, anche se credo di potermi aspettare di più da un prodotto che ha enormi potenzialità e a cui sono particolarmente affezionato.

       
      • Pinuccio scrive:

        Complimenti a Ste Porta ….risposta fin troppo educata a chi vi dice “mi dispiace per voi “.

        Ah Jackson…basta con questa storia dei 20 Mil di spettatori…è dai tempi di Serialmente che ripeti le stesse cose e ciò non cambia la qualità della serie che rimane mediocre.
        Anche il Macdonalds vende milioni di panini nel mondo ma questo non vuol dire che non sia cibo spazzatura.

         
        • jackson1966 scrive:

          Intanto complimenti per la memoria perchè io di te proprio non mi ricordo. Secondo io adoro McDonald’s e se tu credi di mangiare cibo sano a casa tua perchè biologico, complimenti per la speranza.
          Terzo i numeri sono quello che salvano, davanti ai critici, proprio quel film che citavo sopra che è incredibile per me che esista anche (del libro mi rifiuto anche di prendere in considerazione la cosa).
          Quarto mi dicono che siamo in democrazia e che io possa, nei limiti dell’educazione, dire qualsiasi cosa voglia (devo dire je sui Charlie per spiegartelo meglio?), come a tu sei libero di non leggere ciò che io dico.
          Quinto (ma non so proprio perchè mi disturbo a spiegartelo, sarò masochista) il “mi diaspiace per voi” era riferito a tutti quelli che lo guardano e si annoiano a a morte da 5 (e dico 5) anni e perseverano. Io sono bombardata da ogni parte sulla meraviglia di TD, BCS, GOT, ecc e credo veramente che probabilmente lo siano, ma a me fanno letteralmente annoiare a morte e quindi non li guardo. Non leggo e non guardo niente solo perchè lo fanno tutti o è di moda, ma solo perchè mi piace e se piace solo a me (come Dracula con Rhys Meyer) così sia, ma io mi sto divertendo un sacco nele frattempo mentre voi che guardate TWD e poi venite qui a dire che fa sempre più schifo perdete proprio il vostro tempo, oltre ad annoiarvi a morte. Proprio non lo capisco (come quando ogni settimana i critici dicono “incredibile ciò che sta facendo Empire negli ascolti”. Per me non lo è proprio. Ciò che è incredibile è come queste persone non capiscano che Empire ti fa passare un’ora come poche serie tv ti fanno fare e ti porta via dal tuo mondo come una serie tv per me deve fare. L’incredibile è il non comprenderlo)

           
        • Lukamin scrive:

          Citazione da jackson1966:
          Intanto complimenti per la memoria perchè io di te proprio non mi ricordo. Secondo io adoro McDonald’s e se tu credi di mangiare cibo sano a casa tua perchè biologico, complimenti per la speranza.

          Io mi fermo qui….

           
  3. Federico scrive:

    Nella recensione non si menziona la stranezza di quegli zombi tagliuzzati nella comunità distrutta e dei mezzibusti di zombi accatastati dentro la macchina. Una cosa abbastanza strana, che mi fa pensare a qualche oscura pratica di un gruppo di squilibrati organizzati come lo erano quelli del Governatore.

    Speriamo ne venga fuori qualcosa si strutturato, altrimenti la visione di ogni episodio di TWD continuerà ad essere una cosa del tipo “speriamo sia una puntata fica”

     
  4. memmo scrive:

    La puntata non è male, come non sono male quasi tutte le puntate in cui muore qualcuno di importante, anche se qui quella di Ty è un po’ gratuita, vuole essere poetica ma manca di mordente. Il brutto di TWD comunque è che non ha la minima idea di cosa inventarsi, niente trama, sopravviviamo e basta. Peccato che ci voglia molta più cattiveria e inventiva per fare un survivor decente.

     
  5. Boba Fett scrive:

    Una buona ripresa! Ma dopo il peggior mid season finale della sua storia, mi verrebbe da dire che non ci voleva molto, anche se sono meriti soprattutto tecnici (non entro nel merito della storia che, personalmente, ritengo non sia valutabile da un episodio all’altro, ma solo a fine stagione quando si potrà o meno esclamare un “eppur si muove!”); la buona regia, l’ottimo montaggio, la sempre nitida fotografia e soprattutto la splendida cgi, hanno confezionato davvero un buon capitolo. Ancora una dipartita, ma niente di grave, è il format della serie, ormai ce lo aspettiamo, anzi, forse c’è anche assuefazione: ogni tot, qualcuno dei nostri ci lascia le penne, soprattutto se è un afroamericano o una femmina (Tara, Rosita e Padre Brown, occhio alle spalle) , però a Tyreese hanno servito un trattamento migliore rispetto a Beth e, considerando la mediocre interpretazione di Coleman che fa il paio con Sonequa/Sasha (la peggiore in assoluto), la sua fine mi ha sorpreso e anche dispiaciuto. Bello il suo delirio in compagnia degli amici perduti, ma curioso che non si sia “ricordato” della compianta fidanzata e soprattutto dell’immenso Hershel.

     
  6. Dreamer88 scrive:

    Nonostante alcune buone scelte stilistiche (ottimo l’uso del montaggio) questo episodio mi ha annoiato parecchio, è mancato proprio il pathos e questo un pò dispiace, dato che è uscito di scena un buon personaggio come Tyreese.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *