Community – 6×01/6×02 Ladders & Lawnmower Maintenance and…

Community - 6x01/6x02 Ladders & Lawnmower Maintenance and...Ebbene sì, nessun asteroide ha colpito la terra e Yahoo ha salvato Community da una fine prematura (almeno per chi sperava ancora in #sixseasonsandamovie), consegnandoci una doppia premiere altalenante ma, tutto sommato, apprezzabile.

Good shows change.

Dopo l’addio di Shirley e l’allontanamento (forse parziale) di Duncan e Buzz, in questi primi due episodi lo study group il Save Greendale Committee si è visto costretto a fare i conti con l’ennesimo cambiamento, a ripensare il proprio ruolo e a riflettere su un futuro quanto mai preoccupante. Una premessa che, in uno show così apertamente meta, non poteva non rappresentare anche una metafora del destino incerto della serie, una riflessione a cuore aperto che Harmon affida come sempre ad Abed, dando voce ai propri timori e a quelli del fandom attraverso quella che, tra le sue creature, è certamente la più adatta a trasmettere il messaggio.

Community - 6x01/6x02 Ladders & Lawnmower Maintenance and...Come il personaggio interpretato da Danny Pudi, nessuno di noi avrebbe mai voluto vedere Greendale cambiare ma, ci chiediamo, a quale prezzo la serie è rimasta fedele a se stessa? E, soprattutto, è andata davvero così?
In fondo quello che abbiamo visto l’anno scorso è stato soltanto una brutta copia delle prime tre stagioni, il disperato tentativo di allacciare un ponte col passato quando ormai le cose avevano preso una piega ben diversa. E, in tutto questo, a risentirne era soprattutto la vera anima di Community: i personaggi, così testardamente aggrappati al vecchio Greendale da annullare ogni forma di crescita personale e dunque “narrativa”, lasciando che la serie stagnasse e tradendo, quindi, il proprio spirito fortemente innovativo.

Per questa ragione, il tentativo di re-impostare lo show su basi (davvero) nuove è da considerarsi decisamente più lodevole dell’operazione portata avanti con “Repilot“, la premiere della scorsa annata. Crescere è diventato necessario e non più rimandabile, non solo per questioni legate strettamente al character development ma anche per garantire un intrattenimento completo e soddisfacente. D’altra parte evolversi non significa per forza rinunciare al divertimento e alle follie made in Greendale: nella vita reale non ci sono spin-off, ma nessuno vieta a Shirley di avere il suo, per esempio. Un punto d’incontro è quindi possibile ‒ sembrano volerci dire Dan Harmon e il suo Abed, che proprio da personaggio più refrattario ai cambiamenti si fa portavoce della nuova Community.

I’m worried you’re not distinct enough from Annie, both in terms of physicality and purpose.

Community - 6x01/6x02 Ladders & Lawnmower Maintenance and...A fare da “testimonial” di questo nuovo corso c’è anche Francesca “Frankie” Dart, la new entry interpretata da Paget Brewster che rappresenta al momento l’aggiunta più interessante al rinnovato cast. L’introduzione del personaggio spinge i membri del gruppo a riflettere, insieme e singolarmente, sulla direzione che Greendale e le loro vite dovranno prendere nel prossimo futuro, e per questo assume un’importanza fondamentale nella costruzione dell’episodio e probabilmente dell’intera stagione. Dal punto di vista della comicità e più in generale dell’efficacia espressiva, tuttavia, non è ancora chiaro se questa nuova figura riuscirà ad integrarsi al meglio nel Save Greendale Committee e dunque nel racconto di quest’annata. I dubbi di Abed sono, insomma, anche i nostri, dal momento che la somiglianza con Annie potrebbe effettivamente risultare ridondante e problematica. Ciò nonostante Frankie sembra avere delle ottime potenzialità, anche perché gli autori sono stati accurati nel mettere in risalto quei dettagli che la caratterizzano come un elemento unico ed originale del gruppo ‒ la consapevolezza e l’orgoglio di essere “noiosa”, la difficoltà di adeguarsi al linguaggio e le abitudini dei colleghi.
Invece non molto si può dire dell’altra novità introdotta con il secondo episodio, Elroy Patashnik, che ha avuto meno impatto e rilevanza di Frankie, oltre ad uno screentime minore a disposizione. L’idea di inserire un altro personaggio anziano nel gruppo non convince granché, ma è ancora presto per trarre delle conclusioni sul suo conto.

Give me a break, we all suck!

Community - 6x01/6x02 Ladders & Lawnmower Maintenance and...A proposito di “Lawnmower Maintenance and Postnatal Care”, questa seconda puntata risulta sensibilmente inferiore alla prima, pur rappresentandone una degna continuazione sul piano dei contenuti. Anche qui, infatti, viene sviluppato il tema della fuga dalla realtà e della presa di coscienza della necessità di crescere, attraverso la storyline del Dean (ossessionato dal simulatore virtuale) e di Britta (alle prese con i propri genitori). Quello che manca sono le risate, o piuttosto i tempi comici più brillanti a cui ci aveva abituato Community. Il problema potrebbe risiedere nel nuovo minutaggio prolungato (26 minuti invece di 20), che dilata il ritmo rendendolo meno nervoso, o semplicemente in una scrittura non altrettanto incisiva quanto quella di “Ladders” ‒ che beneficia sicuramente della sua funzione di apripista.
A parte qualche punta di eccellenza, entrambi gli episodi sono comunque piuttosto deboli sotto questo profilo, come dimostra soprattutto il personaggio di Chang: i suoi interventi, specie nel secondo episodio, sono del tutto trascurabili e per nulla divertenti. Da un po’ di tempo a questa parte, diciamo dalla fine della terza stagione, la sua presenza è diventata superflua se non addirittura fastidiosa; forse gli autori avrebbero dovuto riconsiderarla, o quantomeno provare a tracciare anche per lui un percorso di crescita. Se in questo caso non è troppo tardi per correggere il tiro, sembra comunque molto difficile che la serie ritrovi pienamente lo smalto di un tempo: troppa acqua è passata sotto i ponti e con essa altrettanti anni dal debutto di Community perché i fan possano rivivere lo stesso tipo di esperienza.

Tuttavia questa doppia premiere ha dato prova di una politica creativa finalmente rinnovata che potrà dare, se le premesse verranno rispettate, una degna conclusione a questa serie così bistratta ma imprescindibile per ogni appassionato di tv e cultura pop. Ci ha messo un po’ a trovarla, ma Dan Harmon sembra aver imboccato la strada giusta, e per questo non possiamo non dargli fiducia e garantirgli il nostro sostegno.

Voto 6×01 “Ladders”: 8
Voto 6×02 “Lawnmower Maintenance and Postnatal Care”: 6 ½

 

Francesca Anelli

Galeotto fu How I Met Your Mother (e il solito ritardo della distribuzione italiana): scoperto il mondo del fansubbing, il passo da fruitrice a traduttrice, e infine a malata seriale è stato fin troppo breve. Adesso guardo una quantità spropositata di serie tv, e nei momenti liberi studio comunicazione all'università. Ancora porto il lutto per la fine di Breaking Bad, ma nel mio cuore c'è sempre spazio per una serie nuova, specie se british. Non a caso sono una fan sfegatata del Dottore e considero i tempi di attesa tra una stagione di Sherlock e l'altra un grave crimine contro l'umanità. Ah, mettiamo subito le cose in chiaro: se non vi piace Community non abbiamo più niente da dirci.

4 Risposte

  1. Pietro Franchi scrive:

    La recensione riassume benissimo quelli che sono i pregi e difetti di queste due puntate, ma non posso che sottoscrivere con il sangue quanto mi ha sorpreso questo ritorno! A me la quinta stagione era piaciuta (a tratti, ma ho trovato certi episodi molto validi), però “Ladders” mette in chiaro che questo è il vero “Repilot” che stavamo aspettando: sembra essere tornati alle prime stagioni con un tono chiaramente diverso, senza ricadere nella ripetitività.
    Ottima l’introduzione di Frankie e bella l’idea di tornare alle musiche “classiche” di Community, la cui assenza nelle ultime annate aveva fatto perdere alla serie una piccola parte della sua identità. Non si ride tantissimo, è vero, ma lo spirito comico (inteso come qualità della scrittura in generale) e la freschezza di questo ritorno mi danno molta fiducia; spero di non dovermi ricredere!
    P.S: La follia del ritorno di Ladders è qualcosa di strepitoso 😀

     
  2. Artax scrive:

    Siamo lontani dai fasti delle prime stagioni, ma il risultato è accettabile. Logico però aspettarsi quel guizzo in più da Community!Dice bene Francesca quando si augura una degna conclusione alla serie, se lo merita e ce lo meritiamo noi! :)

     
  3. ReecoHudson scrive:

    “Ladders” è stato a parer mio un ottimo ritorno, fresco nella scrittura, nelle musiche e nel look; la trama orizzontale e i personaggi hanno ripreso l’evoluzione che si era bloccata da un po’ (e la scrittura per Chang ha recuperato il valore perso). Le risate ci sono state (i montaggi, ladders…) e l’energia è tornata. Il secondo episodio appare sicuramente meno convincente e per quanto utile per la storyline di Britta (personaggio che Harmon aveva già cominciato a riportare sul piedistallo nella 5a stagione) non ha fatto ridere molto; bisogna comunque considerare che ha probabilmente avuto il semplice compito di introdurre la seconda aggiunta al cast di quest’anno. Il terzo episodio che ho appena finito di vedere sembra voler far interagire il cast al completo con quei botta e risposta frizzanti alla community e in effetti ci riesce. La scrittura delle singole battute torna infatti ai fasti delle stagioni “pre gas-leak” ma Dan Harmon non si dimentica di innovare (le gag con i messaggi). Quello che non mi ha convinto molto è stata la trama che sembrava non volesse andare da nessuna parte dando a questo terzo episodio un etichetta quasi da filler; se la storyline fosse stata più connessa alla trama orizzontale sarebbe stato una ripresa ancora superiore rispetto al 6×02… ma a parer mio la ripresa c’è stata comunque

     
  4. adebisi scrive:

    sarà che non sono molto obbiettivo ma io mi sono pisciato adosso dal ridere in questi primi episodi.
    essendo superfan della serie chiudo volentieri un occhio ai difetti, ma avete ragione nella recensione.
    l’unica cosa che da fan non mi è piaciuta è il personaggio di Chang.
    Avete proprio ragione, dalla 3° è un personaggio che ha perso la propria dimensione, il proprio ruolo nella serie, la propria comicità.
    Personalmente vederei bene il suo ritorno a prof di spagnolo, sarebbero risate garantite.
    Perchè al momento non si capisce bene quale sia il suo ruolo comico: è un idiota? è un pazzo? è un sadico? cos’è? boh

    jesus wet!

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *