Justified – 6×06/07 Alive Day & The Hunt

Justified - 6x06/07 Alive Day & The HuntI gruppi si sfaldano, alcune strategie crollano, le prime vittime vengono mietute. In quel di Harlan, arriva per alcuni il momento della verità. E arrivati al giro di boa, Justified rimescola le carte per la seconda parte di stagione.

In ogni gioco, esistono le fazioni e c’è il giocatore singolo. E come sempre, quando il gioco si fa serio, arriva il momento in cui la lealtà viene meno e l’individuo inizia a giocare da solo, affidandosi unicamente alla propria capacità di sopravvivenza.

“Makes me think maybe there’s something here you’re having a hard time letting go of.”

Justified - 6x06/07 Alive Day & The HuntL’ultima stagione di Justified continua in questo momento a muoversi su due binari paralleli: da un lato porta avanti la storyline legata ad Avery Markham e Katherine Hale, dall’altro continua a costruire, tassello su tassello, gli sviluppi dello scontro tra Raylan e Boyd, un duello che però sembra sempre più polarizzarsi intorno alla figura femminile di Ava. Quasi come fosse un leitmotiv della stagione, questi ultimi episodi tornano costantemente non solo sull’episodio della morte di Bowman, ma anche sul finale del “Pilot” in cui i tre protagonisti si ritrovarono uno di fronte all’altro con un’arma in mano, come fosse stata quella la matrice che ha legato i personaggi in maniera indissolubile e che ha dato il via ai loro percorsi nella serie. In quel conflitto c’era e c’è ancora tanto di irrisolto, qualcosa che deve essere chiuso una volta per tutte, con magari i tre di nuovo ad imbracciare un’arma per completare il cerchio di queste sei stagioni.

“Wonderful things can happen when you sow seeds of distrust in a garden of assholes.”

Justified - 6x06/07 Alive Day & The Hunt“Alive Day” e “The Hunt” sono due episodi in cui lentamente la trama inizia a sciogliersi, in cui i gruppi iniziano a sfaldarsi, costringendo il singolo a mettersi contro tutti. Non a caso, protagonisti di queste ultime due puntate sono soprattutto i tre mercenari al soldo di Markham. “They know killing, but they don’t know crime,” sono assassini, ma non sono criminali, killer con la testa completamente incasinata dalla guerra e che ancora pensano di essere sul campo di battaglia. Il dialogo tra Ty e Avery mette in scena in questo senso non solo la differenza che passa tra un soldato e un capo, ma anche quella tra il passato di un America che si ergeva a patriottico leader del mondo (“One man dies, so the others can live“) e invece un presente in cui misura la propria forza sulla capacità di sopravvivere alle ferite inferte. I soldati di ieri non sono quelli che volevano portare i loro valori e la loro guida nel mondo, sono solo tragicomiche vittime che lottano per qualche ideale che nemmeno loro ben sanno, a cui l’ironia della sorte, come nel caso di Choo Choo, non concede nemmeno il lusso di una morte poetica.

“I want you to come clean.”

Justified - 6x06/07 Alive Day & The HuntRispetto ai primi cinque episodi, “Alive Day” rappresenta sicuramente una parziale battuta d’arresto nel ritmo, che fa il punto della situazione e continua a mietere vittime minori (dopo Calhoun, anche Choo Choo e “Pig”), in attesa che i pezzi forti calino i loro assi. La puntata, però, lancia anche un assist importante per quella successiva, introducendo i temi del “legame” e della “lealtà” che costituiranno il minimo comune denominatore di tutte le storyline di “The Hunt”. Che tu sia in una lussuosa stanza d’albergo con in mano l’anello di diamanti più costoso che esista, o che tu sia impegnato a sporcarti le mani in una miniera, la musica non cambia: la lealtà non si compra. Sia la coppia formata da Avery e Katherine, che quella formata da Boyd e Zachariah, cerca di cementificare il proprio rapporto con promesse di soldi o con i diamanti, ma dietro nasconde i semi del tradimento e dell’inganno, nonché un tasso di letalità in continua crescita: “If he’s playing me, we’re gonna have to kill him slow.

“I do think we ought to talk about commitment… trust… loyalty. Those are important words.”

Justified - 6x06/07 Alive Day & The HuntOltre a cercare di comprare (o di distrarre, o mettere alla prova) Katherine con un anello di fidanzamento, è sempre con il denaro che Avery prova anche a comprarsi la lealtà di Seabass, che rinuncia al proprio legame cameratesco con Ty per seguire il miglior offerente. È l’ennesima dimostrazione di forza di Markham, che dall’alto della sua ricchezza sconfinata, è libero di poter ottenere ciò che vuole, persino quegli ideali che non dovrebbero avere prezzo. L’episodio lascia comunque per un momento in secondo piano la storyline legata alla fuga di Ty e si concentra invece sulle due coppie protagoniste dello show: Raylan / Winona e Boyd / Ava. Se il primo confronto ha connotati quasi da romantic-comedy nel mostrarci Raylan per la prima volta nel ruolo di padre, l’altro è invece permeato da una tensione da thriller; entrambi, tuttavia, sono caratterizzati dal fatto che nessuno dei quattro può più mentire e si trova di fronte all’obbligo di essere onesto con l’altro.

“You can be with me, and still be you.”

Justified - 6x06/07 Alive Day & The HuntLa rottura tra Raylan e Winona era stata causata dall’incapacità dei due di accettarsi a vicenda. Ora, però, che c’è una figlia di mezzo, la loro vita è comunque cambiata, nessuno dei due è più la stessa persona ed è dunque arrivato il momento di comportarsi da adulti. Se Raylan continua ad essere tentato dalla chimera di una vita domestica serena, Winona è ormai disposta a fare un passo indietro e accettare il suo uomo per ciò che è. Forse per la prima volta, i due si parlano così davvero sinceramente (“something from the heart” direbbe Boyd), con una figlia che riesce a trovare la serenità solo anche quando i due genitori si ricongiungono, quando appianano le loro divergenze, lasciando alla fine solo trasparire l’affetto e l’amore reciproco. Quello in cui si muove Raylan in questo caso è un contesto borghese, fatto di valori familiari, vita di coppia, responsabilità, neonati in lacrime e pannolini da cambiare, un quadro civilizzato in netto contrasto con il viscerale e quasi animalesco rapporto tra Boyd e Ava.

– You scared of me?
– Sometimes.

Justified - 6x06/07 Alive Day & The HuntLa telefonata di Limehouse ha ormai rivelato a Boyd la verità sulla sua donna: tutta la parte a loro dedicata si trasforma così in un magistrale confronto permeato in ogni parola da una tensione incredibile, un dialogo diviso in tre tronconi (la casa, la baita, il bosco) ricchissimo di sottotesti, allusioni, sottili risentimenti e rimpianti, che al momento poi della  loro esplosione non può che concludersi con una richiesta reciproca di morte. Boyd e Ava sono due personaggi che sono vissuti sempre nel contesto rurale, arido e difficile di Harlan, entrambi accomunati dal voler uscire dalla loro condizione, entrambi animali vittime dei padri padroni di cui si sono circondati, e che alla fine sono arrivati a deludersi e tradirsi a vicenda per mancanza di fiducia nel prossimo e in nome degli interessi personali che hanno voluto perseguire.

Justified - 6x06/07 Alive Day & The HuntAnche il loro confronto termina con un ricongiungimento frutto di un’ammissione di verità e soprattutto di colpa, ma lascia il retrogusto amaro di una pistola che rimane comunque lì come minaccia. Allo stesso modo, il saluto di Raylan a Winona rimane velato da una malinconia che lascia quasi presagire l’impossibilità di realizzazione di una felice vita domestica. Finiscono così per i personaggi le “24 hours to decompress” ed è tempo ora di ripartire ognuno con la rispettiva “hunt”: Raylan e Boyd sono sempre più vicini, all’interno di un gioco in cui Ava costituirà una pedina importantissima e che porterà probabilmente tutti e tre di nuovo uno di fronte all’altro, pronti ad imbracciare le armi per l’ultima volta.

Voto 6×06: 8
Voto 6×07: 8,5

 

2 Risposte

  1. Andrea scrive:

    Quel caricatore carico inserito nella pistola proprio all’ultimo mi fa tanta tanta paura

     
  2. Attilio Palmieri scrive:

    Joelle Carter dovrebbe essere in tutti i film e in tutte le serie.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *