Halt and Catch Fire – 2×01 SETI

Halt and Catch Fire - 2x01 SETIDopo una prima stagione che non è stata premiata da ascolti soddisfacenti, la AMC ha deciso a sorpresa di produrre una seconda annata della serie e di dare continuità ad un prodotto che ha dimostrato di possedere un potenziale notevole, sfruttato al meglio solamente nelle tre puntate finali dello scorso anno. 

Tra le novità più interessanti del 2014, Halt and Catch Fire è quella che è riuscita a creare la fascinazione più forte nei confronti del contesto storico narrato: l’intera messa in scena è architettata in funzione di una ricostruzione fedele e particolareggiata dell’universo finzionale creato da Cantwell e Rogers, i due showrunner della serie. In questa season premiere l’attenzione è sempre più concentrata sui quattro personaggi principali, impegnati in un vero e proprio reset delle loro storyline. L’intenzione degli autori è quella di rendere i singoli character sempre più autonomi tra loro, così da rafforzarne lo status indipendentemente dalle relazioni con gli altri personaggi. Le ultime tre puntate della prima annata avevano sopreso per la capacità di limare i difetti della prima parte di stagione e di alzare il livello medio della serie sfruttando con efficacia i continui spostamenti temporali e spaziali. Questa prima puntata non fa che confermare la necessità di Cantwell e Rogers, anche sceneggiatori dell’episodio, di isolare i protagonisti maschili cercando di farne emergere il lato più umano e fragile e allo stesso tempo far interagire i due personaggi femminili, a cui è lasciata la responsabilità di sviluppare il plot aziendale della puntata.

Halt and Catch Fire - 2x01 SETIIl flashback che apre l’episodio riporta la temporalità narrativa al 1983, anno in cui Cameron e Joe portano ancora avanti la loro relazione; tra i due sembra esserci ancora un’intesa particolare dovuta alle loro passione in comune per la tecnologia e i videogiochi, ma anche una distanza incolmabile che finirà per rappresentare un ostacolo concreto alla stabilità della loro relazione. Poco meno di due anni dopo la vita di Cameron è completamente cambiata, dal momento che sta tentando di trasformare la casa in cui vive in un luogo che sia un degno riflesso della sua personalità e delle sue ambizioni. La scelta di posizionare, in maniera costante, Cameron in un ambiente a lei congeniale è dovuta alla necessità di sfruttarne tutte le qualità vitali e la creatività anarchica: la ragazza è finalmente libera da quella caratterizzazione un po’ limitante e stereotipata della nerd scapestrata schiava della sua stessa genialità, che l’avevano resa il personaggio più prevedibile della prima stagione.

Hey, you still want my number?

Halt and Catch Fire - 2x01 SETILa forza drammaturgica della prima sequenza è dovuta all’abilità degli autori di saper delineare con precisione la differenza tra la presunta capacità di controllo di Joe e la spensieratezza di Cameron. La stessa casa in cui la ragazza rimaneva rinchiusa per tutto il giorno, rinunciando a una giornata lavorativa, in questo episodio è diventata il luogo più dinamico della serie, dove la macchina da presa è libera di vagare perché ogni stanza è un potenziale teatro di avvenimenti e conflitti relazionali. In questo microcosmo privo di regole si posiziona in maniera piuttosto coerente Donna, che rappresenta l’elemento in grado di dare una forma concreta alle aspirazioni di Cameron. Le due sono come calamite che attraggono e seducono lo spettatore e lo rendono partecipe attivo della loro lotta per far conciliare la visionarietà delle loro aspirazioni alla limitatezza delle loro risorse. La Mutiny è un luogo in cui si rompe volutamente con i metodi di lavoro della Cardiff Electric; un posto adatto per fotografare una generazione pronta a liberarsi dalla staticità e dalla lentezza causata dalle limitazioni del passato, e dove prevale la velocità e il movimento in netta contrapposizione allo stato fisico e mentale di Joe e Gordon.

You destroy lives.

Halt and Catch Fire - 2x01 SETIIl talento innato per la leadership e la capacità di manipolare il volere altrui per ottenere ciò che desidera sono le qualità che hanno portato Joe a imporsi, durante la scorsa stagione, come il personaggio più carismatico e affascinante della serie. In questa nuova stagione Joe sembra essere impegnato in una nuova fase in cui pare aver scelto di chiudere il legame con la Cardiff Electric, come quello con Gordon e Cameron. Ancora una volta è costretto ad affrontare il suo perenne stato d’insoddisfazione e quei demoni del suo passato con cui non riesce a fare i conti, così da dover mettere in stand by le sue ambizioni; la nuova relazione sentimentale gli serve per riequilibrare uno stato d’animo spento e bloccato dalla sua incapacità di dare una forma concreta ai suoi progetti futuri. Per Joe questo nuovo sodalizio con Sara è una chance reale per scappare da una realtà con cui non riesce più a fare i conti e in cui gli viene negata la possibilità di farsi una nuova vita professionale lontano dalla Cardiff Electric.

Second machine was a lateral move. Less inspired.

Halt and Catch Fire - 2x01 SETIAllo stesso tempo Gordon è passato da avere un’enorme vitalità, e un’ambizione smisurata nei confronti di un progetto a cui teneva moltissimo, ad uno stato di apatia e rassegnazione: per l’intero episodio cerca di convincersi di non pensare più alle sue conquiste del passato, quando però l’unica cosa che sembra renderlo ancora propositivo verso il futuro è la passione verso ciò di cui non può più occuparsi; la sua inattività si contrappone alla frenetica vita della moglie che sembra non avere più tempo per lui e per i figli. Gli autori giocano continuamente con lo stato psichico alterato di Gordon, che non ricorda alcuni episodi del suo passato, come se non avesse vissuto una vita di successi e soddisfazioni professionali.

Sarà curioso scoprire come le traiettorie dei quattro protagonisti toneranno a convergere durante il resto della stagione, come muterà il contesto storico e di conseguenza in che modo si adatterà la messa in scena ai cambiamenti temporali e spaziali che sembrano ormai inevitabili, soprattutto per quanto riguarda la storyline che vede protagonista Joe. Questo primo episodio è stato fondamentale per rendersi conto delle possibilità concrete che avrà la serie di imporsi come una delle migliori produzioni seriali del 2015.

Voto: 7,5

 

Davide Cinfrignini

Nato a Roma nel 1991, a 5 anni impara a leggere da solo rubando i quotidiani sportivi del padre.  Dopo essersi diplomato nel 2010 con una tesi su Woody Allen, decide di iscriversi a Studi Italiani alla Sapienza e per coerenza intellettuale si appassiona alla letteratura americana: McCarthy, De Lillo e David Foster Wallace. Amante delle arti visive trascorre la maggior parte del tempo a bombardarsi di immagini e parole tra cinema, videoclip e serie tv. Seppur non credente ha avuto Roger Federer come esperienza religiosa. Per due anni scrive recensioni cinematografiche finché si rende conto di quanto sia più affascinato dall’analisi delle serie tv, data la complessità della struttura narrativa.  Et voilà, nel 2013 approda finalmente a Seriangolo. Il resto seguitelo voi.

4 Risposte

  1. spritz scrive:

    A mio avviso gli autori, più che giocare con lo stato psichico, hanno introdotto la storyline di una malattia di Gordon

     
  2. Attilio Palmieri scrive:

    Una premiere decisamente al di sopra delle aspettative, che rilancia alla grande e si mette nei migliori binari possibili. Halt and Catch Fire ha tutte le carte in regola per fare come Hannibal e Masters of Sex, ovvero saper imparare dagli errori della prima stagione e produrne una seconda di livello ancora più alto.
    Quest’inizio lascia ben sperare.

     
  3. Rorschach scrive:

    Eh Gordon si sente un po’ Salieri, bravissimo, ma non era Mozart.
    Ha avuto dei successi, ma non era il suo computer a dire “Hello I’m Macintosh”. Joe proprio non lo capisco, non ho capito perché ha bruciato quel camion (non credo sia solo per insoddisfazione), non capisco cosa abbia intenzione di fare. Cameron è perfetta. Speranze alte per questa stagione

     
  4. Pietro Franchi scrive:

    E’ dagli ultimi tre episodi della scorsa stagione che Halt and Catch Fire è in ascesa, e questa premiere non fa che seguire lo stesso trend. Gran bel ritorno e tante aspettative per questa seconda annata!

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *