67° Emmy Awards, tutti i risultati! 10


67° Emmy Awards, tutti i risultati!Anche quest’anno gli Emmy non mancheranno di far discutere con esiti tutt’altro che immaginabili. Ecco tutti i risultati della serata, con qualche sorpresa ed alcune interessanti novità.

.

Si è tenuta questa sera al Microsoft Theater di Los Angeles la 67° edizione dei Primetime Emmy Awards, cerimonia trasmessa sulla FOX e presentata da un esilarante Andy Samberg, protagonista e mattatore di Brooklyn Nine-Nine.

Non potranno non colpire alcune scelte da parte dell’Academy of Television Arts & Sciences, come la vittoria di Game of Thrones sia per la miglior sceneggiatura che come miglior serie drama, superando il favorito Mad Men; Veep come miglior comedy. La HBO ha vinto ben 13 premi solo durante la serata, surclassando tutti gli altri canali.

Si segnalano, tra l’altro, il buon successo di Olive Kitteridge con ben 6 vittorie, il record assoluto di Game of Thrones che con 12 Emmy è la serie ad aver vinto il maggior numero di premi in un’unica edizione, superando così The West Wing che deteneva tale record; Viola Davis ha guadagnato la statuetta come migliore attrice protagonista per How to Get Away With Murder, prima donna di colore ad ottenere tale premio (ed il suo discorso, molto sentito e molto bello, si è incentrato proprio sulla questione razziale).

Ma ecco tutti i vincitori delle rispettive categorie (segnate in grassetto):

Miglior Drama

Better Call Saul (AMC)

Downton Abbey (Itv)

Game of Thrones (HBO)

Homeland (Showtime)

House of Cards (Netflix)

Mad Men (AMC)

Orange is the New Black (Netflix)

Miglior Comedy

Louie (FX)

Modern Family (ABC)

Parks & Recreation (NBC)

Silicon Valley (HBO)

Transparent (Amazon)

Unbreakable Kimmy Schmidt (Netflix)

Veep (HBO)

Miglior Miniserie

American Crime (ABC)

American Horror Story: Freak Show (FX)

The Honorable Woman (BBC Two)

Olive Kitteridge (HBO)

Wolf Hall (BBC Two)

Miglior attore protagonista in una serie tv drama

Kevin Spacey, per Frank Underwood in House of Cards (Netflix)

Kyle Chandler, per John Rayburn in Bloodline (Netflix)

Liev Schreiber, per Ray Donovan in Ray Donovan (Showtime)

Jeff Daniels, per Will McAvoy in The Newsroom (HBO)

Jon Hamm, per Don Draper in Mad Men (AMC)

Bob Odenkirk, per Saul Goodman in Better Call Saul (AMC)

Miglior attrice protagonista in una serie tv drama

Robin Wright, per Claire Underwood in House of Cards (Netflix)

Claire Danes, per Carrie Matheson in Homeland (Showtime)

Taraji P. Henson, per Cookie Lyon in Empire (FOX)

Viola Davis, per Annalise Keating in How to Get Away With Murder (ABC)

Elisabeth Moss, per Peggy Olson in Mad Men (AMC)

Tatiana Maslany, per i vari personaggi in Orphan Black (BBC America)

Miglior attore protagonista per una serie tv comedy

Anthony Anderson, per Andre ‘Dre’ Johnson Sr. in Black-ish (ABC)

Matt LeBlanc, nei panni di se stesso in Episodes (Showtime)

Louis C.K., per Louie in Louie (FX)

Don Cheadle, per Marty Kaan in House of Lies (Showtime)

Jeffrey Tambor, per Maura Pfefferman in Transparent (Amazon)

Will Forte, per Phil Miller in The Last Man On Earth (FOX)

William H. Macy, per Frank Gallagher in Shameless (Showtime)

Miglior attrice protagonista di una serie tv comedy

Edie Falco, per Jackie Peyton in Nurse Jackie (Showtime)

Amy Schumer, in Inside Amy Schumer (Comedy Central)

Julia Louis-Dreyfus, per Selina Meyer in Veep (HBO)

Lily Tomlin, per Frankie Bergstein in Grace and Frankie (Netflix)

Lisa Kudrow, per Valerie Cherish in The Comeback (HBO)

Amy Poehler, per Leslie Knope in Parks & Recreation (NBC)

Miglior attore protagonista di una miniserie o film-tv

Timothy Hutton, per il ruolo di Russ Skokie in American Crime (ABC)

Ricky Gervais, per il ruolo di Derek Noakes in Derek Special (Channel 4)

Adrien Brody, per il ruolo di Harry Houdini in Houdini (History Channel)

David Oyelowo, per il ruolo di Peter Snowden in Nightingale (HBO)

Richard Jenkins, per il ruolo di Henry Kitteridge in Olive Kitteridge (HBO)

Mark Rylance, per il ruolo di Thomas Cromwell in Wolf Hall (BBC Two)

Miglior attrice protagonista di una miniserie o film-tv

Frances McDormand, per Olive Kitteridge in Olive Kitteridge (HBO)

Felicity Huffman, per Barbara “Barb” Hanlon in American Crime (ABC)

Emma Thompson, per Mrs. Lovett in Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street (PBS)

Jessica Lange per Elsa Mars in American Horror Story: Freak Show (FX)

Maggie Gyllenhaal, per Nessa Stein in The Honorable Woman (BBC Two)

Queen Latifah, per Bessie Smith in Bessie (HBO)

Miglior attore non protagonista in un drama

Jonathan Banks, per Mike Ehrmantraut in Better Call Saul (AMC)

Ben Mendelsohn, per Danny Rayburn in Bloodline (Netflix)

Jim Carter, per Charles Carson in Downton Abbey (Itv)

Peter Dinklage, per Tyrion Lannister in Game of Thrones (HBO)

Michael Kelly, per Doug Stamper in House of Cards (Netflix)

Alan Cumming, per Eli Gold in The Good Wife (CBS)

Miglior attrice non protagonista in un drama

Joanne Froggatt, per Anna Bates in Downton Abbey (Itv)

Lena Headey, per Cersei Lannister in Game of Thrones (HBO)

Emilia Clarke, per Daenerys Targaryen in Game of Thrones (HBO)

Christina Hendricks, per Joan Harris in Mad Men (AMC)

Uzo Aduba, per Suzanne “Crazy Eyes” Warren in Orange is the New Black (Netflix)

Christine Baranski, per Diane Lockhart in The Good Wife (CBS)

Miglior attore non protagonista di una comedy

Andre Braugher, per Raymond “Ray” Holt in Brooklyn Nine-Nine (FOX)

Adam Driver, per Adam Sackler in Girls (HBO)

Keegan-Michael Key, per Key & Peele (Comedy Central)

Ty Burrell, per Phil Dunphy in Modern Family (ABC)

Tituss Burgess, per Titus Andromedon in Unbreakable Kimmy Schmidt (Netflix)

Tony Hale, per Gary Walsh in Veep (HBO)

Miglior attrice non protagonista di una comedy

Niecy Nash, per Denise “DiDi” Ortley in Getting On (HBO)

Jane Krakowski, per Jacqueline Voorhees in Unbreakable Kimmy Schmidt (Netflix)

Julie Bowen, per Claire Dunphy in Modern Family (ABC)

Kate McKinnon, per Saturday Night Live (Nbc)

Allison Janney, per Bonnie Plunkett in Mom (CBS)

Mayim Bialik, per Amy Farrah Fowler in The Big Bang Theory (CBS)

Gaby Hoffmann, per Alexandra “Ali” Pfefferman in Transparent (Amazon)

Anna Chlumsky, per Amy Brookheimer in Veep (HBO)

Miglior attore non protagonista di una miniserie o film-tv

Richard Cabral, per Hector Tontz in American Crime (ABC)

Denis O’Hare, per Stanley in American Horror Story: Freak Show (FX)

Finn Wittrock, per Dandy Mott in American Horror Story: Freak Show (FX)

Michael Kenneth Williams, per Jack Gee in Bessie (HBO)

Bill Murray, per Jack Kennison in Olive Kitteridge (HBO)

Damian Lewis, per Enrico VIII d’Inghilterra in Wolf Hall (BBC Two)

Miglior attrice non protagonista di una miniserie o film-tv

Zoe Kazan, per Denise Thibodeau in Olive Kitteridge (HBO)

Regina King, per Aliyah Shadeed in American Crime (ABC)

Angela Bassett, per Desiree Dupree in American Horror Story: Freak Show (FX)

Sarah Paulson, per Bette e Dot Tattler in American Horror Story: Freak Show (FX)

Kathy Bates, per Ethel Darling in American Horror Story: Freak Show (FX)

Mo’Nique, per Ma Rainey in Bessie (HBO)

Miglior Regista per una Serie Comedy

Phil Lord and Christopher Miller – The Last Man on Earth (Episode: “Alive in Tucson“) (FOX)

Louis C.K. – Louie (Episode: “Sleepover”) (FX)

Mike Judge – Silicon Valley (Episode: “Sand Hill Shuffle”) (HBO)

Jill Soloway – Transparent (Episode: “Best New Girl”) (Amazon)

Armando Iannucci – Veep (Episode: “Testimony”) (HBO)

Miglior Regista per una Serie Drama

Tim Van Patten – Boardwalk Empire (Episode: “Eldorado“) (HBO)

Lesli Linka Glatter – Homeland (Episode: “From A to B and Back Again“) (Showtime)

David Nutter – Game of Thrones (Episode: “Mother’s Mercy“) (HBO)

Steven Soderbergh – The Knick (Episode: “Method and Madness“) (Cinemax)

Jeremy Podeswa – Game of Thrones (Episode: “Unbowed, Unbent, Unbroken“) (HBO)

Miglior Regista per una miniserie o film-tv

Peter Kosminsky – Wolf Hall (PBS)

Ryan Murphy – American Horror Story: Freak Show (Episode: “Monsters Among Us”)  (FX)

Hugo Blick – The Honorable Woman (SundanceTV)

Uli Edel – Houdini (History)

Tom Shankland – The Missing (Starz)

Dee Rees – Bessie (HBO)

Lisa Cholodenko – Olive Kitteridge (HBO)

Miglior sceneggiatura per una serie Drama

David Benioff e D.B. Weiss – Game of Thrones (Episodio: “Mother Mercy”) (HBO)

Joshua Brand – The Americans (Episodio: “Do Mail Robots Dream of Electric Sheep?”) (FX)

Semi Chellas e Matthew Weiner – Mad Men (Episodio:  “Lost Horizon”) (AMC)

Gordon Smith – Better Call Saul (Episodio: “Five-O”) (AMC)

Matthew Weiner – Mad Men (Episodio: “Person to Person”) (AMC)

Miglior sceneggiatura per una serie Comedy

Alec Berg – Silicon Valley (Episodio: “Two Days of the Condor”) (HBO)

Simon Blackwell, Armando Iannucci e Tony Roche – Veep (Episodio: “Election Night”) (HBO)

Louis C.K. – Louie (Episodio: “Bobby’s House”) (FX)

David Crane e Jeffrey Klarik – Episodes (Episodio: “Episode Nine”) (Showtime)

Will Forte – The Last Man of Earth (Episodio: “Alive in Tucson”) (FOX)

Jill Soloway – Transparent (Episodio: “Pilot”) (Amazon)

Miglior sceneggiatura per un film, miniserie o speciale drammatico

Jane Anderson – Olive Kitteridge (HBO)

Hugo Blick – The Honourable Woman (SundanceTV)

Stephen Merchant, Gene Stupnitsky e Lee Eisenberg – Hello Ladies: The Movie (HBO)

Dee Rees, Christopher Cleveland, Bettina Gilois e Horton Foote – Bessie (HBO)

John Ridley – American Crime (Episodio: “Episode One”) (ABC)

Peter Straughan – Wolf Hall (PBS)

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 commenti su “67° Emmy Awards, tutti i risultati!

  • Birne

    Rigore è quando arbitro fischia, si potrebbe ripetere sempre e per l’ennesima volta la saggia considerazione del vecchio Boskov buonanima, a proposito dei risultati delle premiazioni più o meno prestigiose. E gli Emmy in questo caso sono il massimo consacrato.
    Quindi, partendo dal presupposto che è inutile sostenere che l’ufficialità e la critica fanno schifo, che tutto è venduto ai cartelli e partigiano delle convenienze, all’insegna dell’ignoranza e superficialità – perché tanto a tutti piacerebbe vincere un Emmy e a tutti piace farsi in quattro, in otto, in sedici ecc. per arrivarci e che certe scocciature piacerebbe a tutti averle –, di getto mi viene da esternare una profonda delusione.
    Vado per punti: 1) ammetto che forse sto scrivendo per giustificare la notte insonne (insomma, ogni tanto mi sono …assopita) passata a seguire la cerimonia, funny as usual, e che forse fra qualche ora se avrò ancora voglia di pensarci avrò anche idee più posate; 2) ammetto pure che non sono mai riuscita a vedere più di due puntate di seguito del Trono e che quindi dovrò imparare da altri il giusto punto di osservazione; 3) pensavo e speravo che la serie finale di Mad Men avrebbe fatto il pieno di riconoscimenti e che l’unico premio andato a Jon Hamm è forse il più immeritato (adoro Don Draper, capisco che ne va resa la fissità, la chiusura, il dolore, ma l’attore mi sembra spesso inespressivo); 4) corrività per corrività in fatto di episodi, interpretazioni, regia e sceneggiatura c’era di che scegliere: Homeland, per esempio. Odenkirk (il mio preferito) o i gigionissimi Spacey, Cummings o Carter e Baransky nelle rispettive categorie, gente che la telecamera se la spalma in viso come una crema di bellezza.
    Insomma, amaro in bocca, ho detto la mia, confusamente, e attendo lumi. Buon lunedì a tutti.

     
  • Birne

    Ho dimenticato i complimenti a Seriangolo e a Mario Sassi per la tempestività (noi fissati ci teniamo) nonché la considerazione che avrebbe dovuto essere iniziale: il 2014 seriale è lontano e chissà quando si ripeterà. Speriamo.

     
  • Teresa

    Io temevo che per Jon Hamm si ripetesse la cosa scandalosa che era accaduta con Hugh Laurie, che non ha mai vinto un Emmy. Per fortuna mi ero sbagliata.
    Purtroppo non mi ero sbagliata quando tempo fa scrissi proprio qui che un premio a un attore di una serie della Rhimes ci sarebbe scappato di certo.
    Viola Davis è brava, ma HTGAWM è immondizia pura, ed è alla prima stagione. Elisabeth Moss è stata straordinaria in ben 7 stagioni di una serie come Mad men. Chi vince? ma ovviamente la Davis.
    Strapotere della Rhimes a parte, temo che forse nel premio alla Davis abbia contato un pò anche un eccesso di politically correct. Era più importante premiare l’attrice migliore, o quella che sul palco avrebbe fatto il discorso più politicamente significativo etc?
    Poi, la vittoria di GoT a discapito di Mad men mi amareggia molto, per quello che significa. Prima che mi si scatenino contro le isterie di qualche adolescente, voglio dire che GoT è una buona serie NEL SUO GENERE. Mad men è un genere totalmente diverso, ed è stata un capolavoro. E il fatto che GoT vinca come serie drama, come miglior episodio, come sceneggiatura, quando c’era Mad men a competere, per me è una cosa triste, un segno dei tempi. E sono tempi che proprio non riesco a farmi piacere.

     
    • Federica Barbera

      Io credo che quasi sicuramente nella vittoria di Viola Davis abbia influito il politically correct, soprattutto nell’anno in cui si è verificato il più alto tasso di “diversity”, così come viene definita, nelle nomination. Personalmente in questo caso sono contenta comunque, e io adoro la Moss!, ma visto che tanto i premi a livello qualitativo lasciano il tempo che trovano, se possono invece lasciare il segno da un punto di vista socioculturale ben venga. E poi, al di là del prodotto, Viola Davis è indiscutibilmente brava, quindi ecco, se avessero premiato Kerry Washington al posto della Moss sarebbe stato decisamente peggio.
      Su GoT al posto di Mad Men ho deciso di andare in silenzio stampa. Niente contro GoT, ma raga’, non c’è neanche partita.

       
  • Birne

    Ieri ho scritto a caldo, senza riflettere troppo, ma tutto sommato confermo le prime impressioni. Io GoT l’ho saltuariamente guardato ma non ce la faccio a seguirlo, non amo il fantasy e capisco che sicuramente è un limite mio. Fatta ammenda e con questa premessa, non riesco proprio a capire il premio principale e la valanga di altri riconoscimenti. La regia? L’attore non-protagonista? Maddeché!
    Tutti ci aspettavamo l’incoronazione di Mad Men anche in considerazione del fatto che la serie è chiusa, il che non è un criterio di scelta per l’anno in corso – è vero – ma è comunque una considerazione valida che ha già funzionato in altri casi. Conterà qualche cosa che Mad Men resterà nella storia della televisione (a dir poco) insieme ad altre tre/quattro? Non sappiamo che cosa ci riservi il futuro seriale, che magari sarà strabiliante, ma per quello che possiamo valutare del trend attuale è lecito pensare che non avremo tanto presto un altro affresco così ispirato e importante da ogni punto di vista, nè una narrazione lunga che si snodi lungo un arco di tempo di anni. Rimando al bellissimo pezzo di FedericaBarbera (grazie, grazie, grazie) che mi ha fatto pensare a quanto mi piacerebbe essere una che, anche accompagnata dalle sue suggestioni e riflessioni, si mette per la prima volta davanti allo schermo e si guarda il primo episodio della prima serie di questo perfetto capolavoro (io l’ho già rivisto e, per ora, non lo faccio di nuovo: non vorrei che gli amici chiamassero la neurodeliri…).
    Mi concedo una botta di fanboysmo: ma che figo pazzesco è Jon Hamm? Il rehab gli ha fatto molto bene. Detto ciò, sono felicissima che sia stato finalmente premiato, ma lo sono per partito preso perché in realtà penso, l’ho già scritto, che non meritasse. Sulla grande, grandissima Elisabeth Moss, invece, si è abbattuto il politicamente corretto e, di questi tempi, bisogna starci e farselo piacere.
    Qualche cosa di questi Emmy mi è piaciuto: Olive Kitteridge e la sontuosa Frances Mc Dormand, Transparent e pure Jeffrey Tambor perché è bravo, spiritoso e per tanti buoni motivi, ma gli avrei preferito Macy.

     
    • Federica Barbera

      Ciao Birne! Innanzitutto ti ringrazio per i complimenti!
      Per il resto.. Mmmmh ma sai che non sono così d’accordo su Jon Hamm? (Non sulla figaggine. Quella è indiscutibile, chi asserisce il contrario rischia il ban XD)
      Secondo me ha fatto un ottimo lavoro col suo personaggio. È migliorato molto eh, se si guardano le prime stagioni in effetti peccava un po’ di staticità, però ti invito (se non ti è mai capitato) a vedere Jon Hamm in altri ruoli, soprattutto comici, per vedere la sua versatilità (che è incredibile) e di conseguenza apprezzare il lavoro svolto come Don Draper. Un lavoro che è sì di sottrazione, ma che non definirei inespressivo – per dirne una, se pensi alla famosa scena con Peggy in The Other Woman, la vastissima gamma di sentimenti espressi in 5 minuti è devastante. Poi, ovviamente, son gusti! E ci sono di certo attori più bravi di lui, però credo sia stato l’anno più adatto per premiarlo, proprio per il lavoro complessivamente svolto.

       
      • Birne

        Sì, posso essere d’accordo e corro a fare i compiti e a documentarmi (che comunque è un gran piacere…). Naturalmente rinnovo complimenti!

         
        • Federica Barbera

          Consiglio per un ruolo davvero fuori dagli schemi A Young Doctor’s Notebook (dove c’è persino un ottimo Daniel Radcliffe!) di cui purtroppo non abbiamo la recensione consiglio spoiler free sul sito, ma una recensione della prima stagione e una della seconda (comunque vola via.. sono 2 stagioni da 4 puntate da venti minuti l’una. Ma eccezionale).
          Poi ha fatto un sacco di cose, dall’inquietante speciale natalizio di Black Mirror (che puoi vedere anche senza aver visto il resto visto che Black Mirror è una serie di puntate autoconclusive – e comunque la serie la consiglio a prescindere tutta) alle ultime puntate di Unbreakable Kimmy Schmidt in cui fa letteralmente morire dal ridere.. insomma, buon Jon Hamm!!! 😉

           
  • Giuseppe

    Abbastanza deludenti anche io speravo in Mad Men nonostante GOT mi piaccia. L’ Assenza di Person of Interest è ormai standard mi ha sorpreso invece l’assenza di True Detective (2<1 nettamente ma ci stava). Peter Dinklage è un mostro di bravura ma in questa 5 non è che ha fatto chissà che. Su Elizabeth Moss nemmeno mi esprimo