You’re The Worst – 2×04/05 All About That Paper & We Can Do Better Than This

You're The Worst – 2x04/05 All About That Paper & We Can Do Better Than ThisLa prima stagione di You’re The Worst si era giustamente concentrata sull’amore ai suoi inizi e su come ci sia ben poco da fare quando due persone si incontrano e si piacciono, a dispetto del carattere di ciascuno. In maniera coerente e soprattutto riuscendo a divertire ancora, questa seconda stagione prova a raccontare come sia possibile farlo durare – ovviamente alla maniera di Jimmy e Gretchen.

Perché è questa la parte più difficile in assoluto: mantenere l’irriverenza come carattere dominante, ma senza scadere nel facile no-sense di una girandola di gag che si incastrano su loro stesse, cioè il difetto in cui cadono più spesso le comedy. Ma la serie di casa FX ha dalla sua un enorme pregio che potremmo identificare come uno strutturato anticonformismo: racconta l’amore e il romanticismo di coppia in modo non convenzionale e, allo stesso tempo, lo fa prendendo in giro ciò che invece è nel profondo.

You're The Worst – 2x04/05 All About That Paper & We Can Do Better Than ThisL’esempio migliore di questo strano intreccio di chiavi di lettura è proprio il quarto episodio, “All About That Paper”, che mette in scena uno degli argomenti più dibattuti per qualsiasi coppia, ovvero quanto/come sentirsi durante il giorno, quanto/come condividere la quotidianità. Jimmy e Gretchen, a loro modo, affrontano lo spinoso problema e lo “risolvono” semplicemente sentendosi per tutto il tempo. Lì dove l’anticonformismo più banale avrebbe voluto un’indipendenza assoluta tra i due o qualcosa del genere, You’re The Worst la sostituisce invece con qualcosa di molto più divertente e allo tempo realistico: i due infatti si scambiano messaggi per tutta la giornata, come una qualsiasi altra coppia. In questo senso il loro humour funziona e non smetterà almeno finché alla base delle loro strampalate vicissitudini ci sarà la semplicità di un’analisi realista della vita di coppia – e la conclusione della giornata davanti ad una birra ne è la prova.

You're The Worst – 2x04/05 All About That Paper & We Can Do Better Than ThisCerto, quello che accade loro non accadrebbe mai a nessuno, neanche in mille esistenze diverse, ma lì vince la componente esilarante, sarcastica e pungente della serie. Mentre Jimmy ha a che fare con il famoso scrittore che si rivela semplicemente un pazzo disadattato, Gretchen deve sedare l’ennesimo litigio tra i suoi rapper (che non ci dispiacerebbe vedere un po’ di più), e osservarla nei panni si una sorta di madre sui generis mentre cerca di far uscire Sam dal fortino che si è costruito in casa è forse uno dei suoi momenti migliori in assoluto. A fare da corollario finale viene introdotto un elemento misterioso al termine della puntata, ovvero quando vediamo la nostra protagonista sgattaiolare di casa con un telefono sconosciuto preso da un cassetto, partire a bordo della sua macchina in piena notte e lasciare Jimmy a dormire ignaro nel loro letto.

You're The Worst – 2x04/05 All About That Paper & We Can Do Better Than ThisCosa nasconde Gretchen non lo scopriremo neanche nell’episodio successivo, “We Can Do Better Than This”, dove avremo la stessa chiusura, a parte un occhio aperto di Jimmy che la osserva. Nel frattempo però, accade molto altro ai due, come anche ai fedelissimi co-protagonisti, Lindsay ed Edgar. L’idea di far scoccare la scintilla tra loro poteva tranquillamente rivelarsi una soluzione di comodo per far avanzare anche i loro personaggi, facendoli uscire dalla possibile cristallizzazione delle “spalle”. E invece, come tutto nell’universo di You’re The Worst, funzionano alla grande, da un lato perché non si è ancora concretizzato nulla, dall’altro perché interagiscono come solo Edgar e Lindsay potrebbero fare: in maniera assurda, sopra le righe e senza il minimo filo logico. La donna è ancora alle prese con la sua separazione da Paul che, in “All About That Paper”, prende la forma di un vero e proprio divorzio, recapitatole un po’ dal nulla e con una semplice lettera; il tutto seguito ovviamente da un faccia a faccia tra lei, Paul e la nuova fidanzata Amy. La moderata reazione di Lindsay sarà il tentativo di usare il gelosamente conservato sperma di Paul per rimanere incinta, cosa che a malapena riesce a trattenere un sempre più innamorato Edgar, alle prese ora anche con il teatro dell’improvvisazione.

You're The Worst – 2x04/05 All About That Paper & We Can Do Better Than ThisForse anche per il ruolo, che rimane pur sempre quello di fare le valvole esterne alla coppia, i due non hanno tutta la tridimensionalità che magari meriterebbero, o un raggio d’azione più ampio rispetto a quanto ne hanno ad oggi. Nel quinto episodio recuperano pienamente questa funzione e separano Jimmy e Gretchen cercando di farli vedere al di fuori della loro relazione, mentre uno è coinvolto con la propria, privata e personale intimità sessuale e l’altra cerca di convincersi che ci sia altro di cui parlare oltre gli uomini. Ma anche qui, se ci può essere una morale da trarre è che in fondo c’è sempre la condivisione a fare da collante a tutto e che avere accanto un altro che rende persino più bello quello che hai sempre amato è forse la parte migliore dello stare insieme. Alla fine di ogni singolo episodio di You’re The Worst, per quanto sia naturalmente graffiante, volgare o esibizionista, arriva sempre lo sguardo dell’amore rassicurante, fatto della giusta comprensione, del divertimento reciproco e della scoperta che insieme viene tutto meglio. Certo, né Gretchen o Jimmy, né Lindsay o Edgar ammetterebbero mai che ciò sia lontanamente vero, ma è il loro non dire sostituito da un bel po’ di fare strampalato che ogni volta racconta e rende molto di più.

Ci sono molti motivi per vedere e amare questa comedy, a partire ovviamente dai personaggi, anche quelli secondari, assortiti benissimo e fatti interagire ancora meglio; per le situazioni totalmente surreali, sorrette da una scrittura pungente e senza peli sulla lingua, e il tutto racchiuso in una cornice di colori e musica sempre azzeccati. Magari alla lunga la semplicità della formula perderà il suo smalto e forse se ne sente qualche avvisaglia con l’introduzione di un mistero su Gretchen, cioè un espediente per far tirare un attimo il fiato al pubblico e traghettarlo fino all’episodio successivo. In questo momento è sicuramente prematuro parlarne, e tanto vale godersi ogni singolo momento di questa storia, perché di prodotti così belli e davvero divertenti ce ne vorrebbero decisamente di più.

Voto 2×04: 8
Voto 2×05: 7

 

Sara De Santis

si narra di lei: nacque nelle lande sconosciute d'Abruzzo, ma qualcosa le diceva che quello lì non era esattamente il suo posto. Circondata da esseri umani, ha provato ad interagire con loro, ma la vocazione incondizionata al commento, alla critica e all'analisi perenne non ha trovato il seguito sperato. Poi un giorno ha incontrato sulla sua strada degli strani mattoncini di fogli rilegati con delle parole impresse dentro: è nei romanzi, quelli veri, che ha trovato la sua dimensione (e una laurea in Lettere, che appesa al muro fa la sua parca figura). Poi sono arrivati il cinema e le serie tv. Per sfogare l'inarrestabile flusso di coscienza ha deciso di scrivere: e Seriangolo fu. Così trovò, anche nel deserto del reale, un luogo abitato dai suoi simili. Una volta raggiunto l'Aleph non si torna indietro (vero amico Borges?).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *