You’re the Worst – 2×08/09 Spooky Sunday Funday & LCD Soundsystem 3


You're the Worst - 2x08/09 Spooky Sunday Funday & LCD SoundsystemDopo lo splendido “There is not Currently a Problem”, You’re the Worst si trovava di fronte al non facile compito di affrontare le conseguenze della rivelazione di Gretchen senza deludere le altissime aspettative della critica, alimentate dall’inedita sensibilità con cui la serie aveva introdotto un argomento estremamente scivoloso e altrettanto complesso quale la depressione clinica.

“Spooky Sunday Funday” e “LCD Soundsystem” provano a rispondere a tale esigenza in maniera diametralmente opposta ma con lo stesso identico tatto e la consueta, vivida, efficacia.
Il primo episodio è piuttosto convenzionale in termini di struttura e contenuti, caratterizzato da un’impostazione corale e il gradito ritorno di un “instant-classic” della serie. Il secondo, al contrario, è qualcosa di assolutamente inaspettato, straniante fin dal primo fotogramma e, se possibile, ancora più devastante della prova di due settimane fa. Entrambi raccontano magistralmente il malessere di Gretchen, ma lo fanno da prospettive e con finalità distinte, concentrandosi su aspetti specifici e dunque differenti della malattia, e coinvolgendo gli altri personaggi della storia (in particolare Jimmy) in misura diversa sia sul piano dello screentime che dell’attenzione dedicata ai loro sentimenti.

2×08 – “Spooky Sunday Funday”
So grab your thingsand stumble into the night.So we can shut the door/ Oh, shut the door/ on terrible times.
LCD Soundsystem – Home

You're the Worst - 2x08/09 Spooky Sunday Funday & LCD SoundsystemCosa significa davvero convivere con la depressione? Per quanto l’immagine stereotipata di chi soffre questa condizione – in tv come nella vita reale – sia fatta quasi esclusivamente di abbrutimento, apatia e totale incapacità di sorridere o lasciarsi andare anche solo per un secondo, la quotidianità della malattia ha di fatto molte più sfumature e gradi di intensità. Con questo episodio Stephen Falk prova quindi a normalizzarla, a mostrarne il volto più autentico e credibile, calandola per una volta in un contesto leggero, corale e realistico in cui tutti i personaggi, non solo Gretchen, trovano spazio per discutere (anche) dei propri (magari stupidi) problemi. In questo modo l’esperienza della donna, che – sebbene possa sembrarlo – non è mai del tutto “privata” né indipendente dalle scelte e dalle vite altrui, assume contorni decisamente più verosimili, facendo dell’episodio un ottimo esempio di scrittura di qualità.

La descrizione della giornata di Gretchen e la reazione di Jimmy al termine delle attività previste nella lista sono i due elementi che, più di tutti, dimostrano con quanta attenzione sia stata costruita la puntata e quanto essa si inserisca perfettamente nel percorso di caratterizzazione dei personaggi.

You're the Worst - 2x08/09 Spooky Sunday Funday & LCD SoundsystemNel primo caso, il punto di forza del ritratto della donna che Falk ci regala è la sua inedita multidimensionalità: fin dal cold open Gretchen è sì indolente e svogliata, ma anche capace di ridere, scherzare e perfino di entusiasmarsi per qualcosa di eccitante come la casa degli orrori. Ciò non significa che sia guarita, ma piuttosto che la depressione è una patologia multiforme e complessa tanto quanto le emozioni umane, a loro volta fluide e stratificate. Lei lo sa meglio di chiunque altro, ed è proprio per questo che con grande lucidità chiede per l’ennesima volta di non “provare ad aggiustarla”, pur sapendo che si tratta di un concetto difficile da accettare o anche soltanto capire. Jimmy, infatti, dimostra ogni giorno di più di non avere i mezzi per starle accanto, oscillando tra superficialità e paternalismo in un balletto senza sosta che gli impedisce di comprendere davvero la natura del suo dolore.

You're the Worst - 2x08/09 Spooky Sunday Funday & LCD SoundsystemIl personaggio dello scrittore cinico e narcisista, infatti, è diventato talmente parte di lui da impedirgli di osservare la realtà con gli occhi di un’altra persona. Più che di egoismo, nel suo caso potremmo parlare di assenza di empatia mista a presunzione: nonostante le parole di Gretchen al termine di “There is not Currently a Problem”, l’uomo è convinto di poterla aiutare, e soprattutto di riuscire a farlo secondo i suoi personali schemi mentali. Ed è così che quando vede la fidanzata sorridere di nuovo non riesce a trattenere la soddisfazione per aver avuto l’idea giusta, spiattellandole in faccia il suo piano geniale: una reazione tanto in character quanto profondamente irritante, che però nasconde, nonostante tutto, anche una sua umanità. Spesso nel corso di questi ultimi episodi (in particolare con “Side Bitch” e “LCD Soundsystem”) ci siamo chiesti se gli autori non stessero un po’ esagerando nel caratterizzare Jimmy come uno stronzo superficiale, spinti magari dal desiderio di osare sempre di più o dal bisogno di inserire un comic relief che permettesse alla serie di restare comunque nel solco della comedy. Tuttavia il personaggio rimane realistico e, in fin dei conti, ci si può identificare con lui tanto quanto con Gretchen, grazie anche alla perfetta interpretazione di Chris Geere che ci permette di leggere nei suoi sguardi, oltre alla gratificazione personale, la gioia sincera di vedere la donna che ama di nuovo felice – sebbene si tratti soltanto di un’illusione – e il naturalissimo bisogno di riavere indietro il rapporto che desiderava.

L’unico grosso difetto della puntata è la regia debole e confusionaria, soprattutto in merito alle sequenze arrangiate all’interno della casa degli orrori. Per il resto, pur non essendo un episodio memorabile, è certamente uno dei più solidi della stagione; una continuazione riuscita e soprattutto ragionata per la puntata (fino a quel momento) più complessa della serie, nonché un buon punto di partenza per descrivere questa nuova fase nella vita di Gretchen e di chi le sta accanto.

Voto: 8

2×09 – “LCD Soundsystem”
If youre afraid of what you need/ Look around you, youre surrounded/ It won’t get any better/ So good night.
LCD Soundsystem – Home

You're the Worst - 2x08/09 Spooky Sunday Funday & LCD SoundsystemCosa significa portarsi dentro un vuoto che hai provato a riempire in tanti modi, ma rivelatisi ogni volta inutili e forse perfino dannosi? Questa è la seconda domanda a cui You’re the Worst prova a rispondere, affrontando un altro aspetto della depressione che ha colpito Gretchen: il desiderio mai sopito, nonostante l’atteggiamento disilluso, di uscirne una volta per tutte e vivere finalmente una vita piena, soddisfacente, senza più il peso delle insicurezze e del dolore. Un desiderio che si accompagna al rimpianto di aver fatto delle scelte probabilmente sbagliate, dettate dalla paura e da quell’essere schiavi “to an idea of coolness” che in definitiva porta a vivere “less authentic lives than the buyers-in”.

Per farci entrare davvero nei panni della donna, l’episodio eleva all’ennesima potenza un tipo di esperienza che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita: osservare degli estranei incontrati per caso e sbirciare nelle loro esistenze, arrivando ad immaginarle nella loro interezza. E così, prima ancora che Gretchen appaia sulla scena, lo spettatore è invitato a fare esattamente le stesse cose che farà lei poco dopo, ovvero seguire Rob e Lexi, imparare a conoscerli, farsi una precisa idea del tipo di vita che conducono, finendo per sentirsi coinvolto anche personalmente in questo “gioco” un po’ perverso di cui non conosce (ancora) le motivazioni.

You're the Worst - 2x08/09 Spooky Sunday Funday & LCD SoundsystemL’operazione funziona perché, come nel caso del malessere di Gretchen (di cui siamo venuti a conoscenza senza pesanti spiegoni o forzature di alcun genere), il ritratto della coppia è costruito in maniera naturale, a partire da piccoli dettagli – i discorsi a colazione, il negozio di prodotti biologici, il game boy in luogo di una comune console moderna – che ci aiutano ad identificarli come due quarantenni “cool”, con una famiglia unita ma non necessariamente convenzionale e noiosa, felice ma verosimile.

“Allora, forse, è possibile”, avrà pensato Gretchen quando decide di seguirli (avrete notato che si convince quando sente Rob parlare della sua band), aggrappandosi ad un’idea di serenità familiare che in passato aveva sempre rifiutato con tutte le sue forze. Ed è questo che pensiamo anche noi, ormai completamente coinvolti in questo straziante gioco di ruolo: perché se l’ossessione con cui li “stalka” e rapisce il loro cane è senza dubbio patologica, il bisogno che la spinge è universale, come la sua solitudine risulta disarmante e il vuoto di aspettative dolorosissimo anche per lo spettatore. Il dialogo finale con Rob, poi, è ancora più devastante nella sua tragica ordinarietà e apparente leggerezza, uno sfogo innocuo in cui tanti potranno riconoscersi ma che racchiude tutto ciò che Gretchen non ha più la forza di sopportare: la costante insoddisfazione, i rimpianti, e il senso di inevitabile rassegnazione che, nonostante gli inviti ad uscire insieme per sentirsi di nuovo giovani e spensierati, trapela da ogni singola parola.

Per concludere, non c’è un dialogo, un’inquadratura, un contrappunto musicale che non funzioni alla perfezione in questo gioiello che è “LCD Soundsystem”. Un episodio unico, capace di toccare corde sensibilissime senza fare mai un passo falso, anzi regalandoci un’esperienza di fruizione che mai ci saremmo aspettati da una serie comedy.
Forse non sarà più la stessa serie dell’anno scorso, ma se questo è ciò che You’re The Worst è in grado di offrirci, ben venga il cambiamento.

Voto: 10

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Francesca Anelli

Galeotto fu How I Met Your Mother (e il solito ritardo della distribuzione italiana): scoperto il mondo del fansubbing, il passo da fruitrice a traduttrice, e infine a malata seriale è stato fin troppo breve. Adesso guardo una quantità spropositata di serie tv, e nei momenti liberi studio comunicazione all'università. Ancora porto il lutto per la fine di Breaking Bad, ma nel mio cuore c'è sempre spazio per una serie nuova, specie se british. Non a caso sono una fan sfegatata del Dottore e considero i tempi di attesa tra una stagione di Sherlock e l'altra un grave crimine contro l'umanità. Ah, mettiamo subito le cose in chiaro: se non vi piace Community non abbiamo più niente da dirci.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti su “You’re the Worst – 2×08/09 Spooky Sunday Funday & LCD Soundsystem

  • Marco

    Ciao Francesca, scrivi sempre benissimo ma questa recensione è strepitosa quanto l’episodio 2×09, che dire una gemma rara grazie you’re the worst per farmi sentire meno solo , o forse più simile al resto del mondo..in questi ultimi 20′ di ytw sono insite quel milione di sfumature che quotidianamente bussano e sfilano innanzi al nostro lobo frontale lasciandoci li in balia di tutti quei perchè a cui ancora non siamo riusciti a dare risposta..

     
  • SerialFiller

    Fantastica recensione che aggiunge molto ad una fantastica puntata che va esaltata ancora di piu considerato che stiamo pur sempre parlando di una comedy. 10 un po esagerato forse ma sicuramente l episodio numero 9 va esaltato sotto ogni punto di vista senza se e senza ma.

     
  • Francesca Anelli L'autore dell'articolo

    Ciao a entrambi e grazie mille per i complimenti 🙂
    Sul voto: come “recensora” ho sviluppato da un po’ una filosofia per cui se non riesco a trovare un difetto, anche uno solo, ad una qualsivoglia puntata non mi tiro indietro dall’assegnarle 10. Con “difetto” intendo anche ciò che non necessariamente lo è in termini generali, ad esempio una lentezza troppo pronunciata. In altre parole, se nell’episodio funziona tutto, se riesce ad affrontare bene una particolare prova, se sa farmi ricredere, e se non riesco a trovare un vero motivo per non considerarlo da 10 a parte, magari, il timore di esagerare, io mi butto. L’ho fatto con lo speciale del 50° del Dottore (il mio primo 10 😛 lo ricordo con un certo affetto), perché per il tipo di episodio che era il lavoro fatto da Moffat è stato magistrale e inimitabile, l’ho rifatto con lo speciale di Natale successivo, perché non riuscivo a trovare alcun motivo per considerarlo inferiore a quello di un mese prima, e infine ho dato 10 all’ultima stagione di Halt and Catch Fire perché la ritenga un’annata sorprendente e praticamente perfetta sotto tutti i punti di vista.
    Per LCD Soundsystem, beh, forse 10 non è nemmeno abbastanza. 🙂