The X-Files – 10×01/02 My Struggle & Founder’s Mutation 9


The X-Files - 10x01/02 My Struggle & Founder's MutationDopo ben quattordici anni di assenza, The X-Files torna sul piccolo schermo con una miniserie in sei parti, andando così a infoltire la schiera di remake, reboot e sequel che da qualche anno a questa parte popolano il panorama cinematografico e televisivo, figli dell’inclinazione nostalgica del pubblico oltre che, innegabilmente, di una certa scarsità di audacia e creatività.

I am always happy to see you. And I’m always happy to find a reason.

The X-Files - 10x01/02 My Struggle & Founder's MutationValutare in modo obiettivo la premiere scritta e diretta dal creatore della serie Chris Carter non è un’impresa semplice, innanzitutto per la quantità di aspettative che un’operazione del genere porta con sé, ma anche – e forse ancor di più – per i sentimenti che il ritorno di uno show così amato possono suscitare. Quello che risulta evidente al termine della visione dei primi due episodi è la volontà espressa dagli autori di restare in tutto e per tutto fedeli al prodotto originale, puntando quindi molto più alla soddisfazione dello spettatore nostalgico che all’aggiornamento dei suoi stilemi al fine di offrirne una versione, se così si può dire, al passo coi tempi. Proprio perché sempre uguale a se stesso, l’X-Files del 2016 rinuncia a essere lo show sperimentale che negli anni Novanta ha rivoluzionato il modo di fare fantascienza in tv, presentandosi quindi come nulla di più di un gradevole tuffo nel passato.

The X-Files - 10x01/02 My Struggle & Founder's MutationLa premessa di “My Struggle” è molto semplice (anche se non altrettanto credibile): Fox Mulder e Dana Scully, che da qualche tempo conducono vite separate al di fuori dell’FBI, si ritrovano nuovamente a indagare su rapimenti e complotti alieni grazie all’intervento del vice-direttore dell’agenzia Walter Skinner, che li mette in contatto con il cospirazionista Tad O’Malley (Joel McHale). Ciò permette, nel bene e nel male, un’istantanea riproposizione di dinamiche e atmosfere tipiche della serie: dagli scambi di battute, fondate sull’ancora forte alchimia tra i protagonisti, agli spiegoni di Mulder, passando per alcuni topoi ormai classici come la presenza di informatori sibillini e la scomparsa delle prove. Questo permette dunque allo spettatore di incamminarsi immediatamente sul viale dei ricordi, senza comunque precludere la comprensione dell’intreccio al neofita che si approccia per la prima volta allo show.

The X-Files - 10x01/02 My Struggle & Founder's MutationA far ritorno è anche la celebre – e ai tempi originale – struttura narrativa, costituita dal sapiente intreccio di trama orizzontale e verticale: in questo senso, se la premiere è prevedibilmente impegnata a riallacciare i legami con la famosa mitologia della serie, al contrario “Founder’s Mutation” dimostra come il team di Carter non abbia intenzione di rinunciare, nonostante le sole sei puntate a disposizione, al formato del caso della settimana, confermando come sia proprio in quella dimensione che spesso la serie riesce a dare il suo meglio. I maggiori difetti di “My Struggle” risiedono infatti proprio nel modo in cui Carter va a rimaneggiare una trama già iper-complessa e diluita oltre misura, mettendo in scena un certo complottismo spiccio che finisce per strappare qualche risata involontaria, con il rischio di cancellare ciò che lo show ha costruito nel corso degli anni. La premiere sembra insomma subire le conseguenze dell’ansia dell’autore di ricordarci a tutti i costi cos’è X-files, condensandone quindi i caratteri in quello che in più punti risulta essere un mix di cospirazionismo sopra le righe e catch phrase forzatamente inserite nei dialoghi.

The X-Files - 10x01/02 My Struggle & Founder's MutationCome si accennava poco sopra, a funzionare molto meglio è il secondo episodio, “Founder’s Mutation”, in cui il caso da risolvere, pur presentando più di un collegamento con la trama principale impostata in precedenza, permette al racconto di acquisire una maggior freschezza e organicità, centrando molto meglio l’obiettivo di ricreare quell’equilibrio tra ironia e inquietudine che ha da sempre costituito uno dei punti forti della serie.

The X-Files - 10x01/02 My Struggle & Founder's MutationLa scelta di focalizzarsi sul tema delle mutazioni genetiche permette poi a Wong di sfruttare l’elemento procedurale per fare il punto della situazione sul percorso dei due protagonisti, riallacciandosi a un evento fondamentale per la mitologia dello show come la gravidanza di Scully e arricchendo così la narrazione di una dimensione più introspettiva. Le due sequenze oniriche in particolare traggono forza dal modo icastico con cui esprimono i desideri, rimpianti e timori della coppia, ribadendo efficacemente come gli anni trascorsi all’FBI abbiano segnato irrimediabilmente le loro vite. Se è vero che The X-Files non sembra essere cambiato di una virgola, lo stesso, fortunatamente, non può dirsi dei suoi personaggi, i cui ruoli di believer e scettica appaiono ormai, per forza di cose, più sfumati.

Nel complesso “My Struggle” e “Founder’s Mutation” bilanciano bene riferimenti al passato e accessibilità ai nuovi spettatori, cercando di accontentare tutti e riuscendoci in fin dei conti abbastanza bene. Nonostante sia ormai svuotato della propria originaria carica innovativa, lo show riesce comunque a non tradire il suo spirito, il che, alla luce dei risultati disastrosi che operazioni simili hanno raggiunto di recente, non è, a pensarci bene, un’impresa da poco.

Voti

10×01: 6
10×02: 7+

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 commenti su “The X-Files – 10×01/02 My Struggle & Founder’s Mutation

  • Writer

    Concordo con la valutazione espssa da Simona. Il sequel mi è sembrato poco trascinante, con la testa rivolta al passato più che al presente e un po’ sommario come sviluppi narrativi. La tesi cospirazionista fa un po’ cadere le braccia, ma ho trovato anche bruttarelle alcune sequenze che paiono tratte da un film horror di serie B (il dottore che perde sangue dagli occhi).
    Temo però che questi elementi negativi siano connaturati ai sequel, soprttutto quando la serie originale ha alimentato mitologie e aspettative molto alte.

     
    • adebisi

      x-files, un po’ per il budget un po’ per le influenze, ha sempre avuto qualche sketch da film horror di serie b.
      è un elemento fondamentale della serie.
      bisogna andare oltre all’apparenza.
      e cmq di serie b quella scena aveva ben poco, era un (mezzo)alieno che con gli ultrasuoni faceva esplodere la testa alle persone (citazione all episodio con Bryan Cranston) che esca sangue dagli occhi è solo horror ne di serie b ne di serie a, solo orrore.

       
  • adebisi

    primo episodio così così tra cospirazionismo spicciolo (non che quello degli anni ’90 fosse meno ridicolo sotto certi aspetti), incongruenze con il passato (davvero volete dirmi che le fazioni aliene erano una balla?) e una trama orizzontale rivedibile.
    secondo episodio capolavoro assoluto (per chi come guarderebbe x-files anche su isola deserta con belen) che riesce ad essere semplice ma profondamente utile per la serie.
    l’unica cosa che davvero non mi è piaciuta (sempre parlando da fan) è il fatto di aver ignorato qualche passaggio fondamentale della vecchia mitologia (a parte l’uomo che fuma che ci sta alla perfezione, i supersoldati, il bambino che legge nel pensiero, JHON DOGGET dove cazzo sono??!!?) e di voler togliere gli alieni come nemico principale e metterci il governo ombra che a mio parere, senzaa la minaccia aliena, non ha un movente convincente per il controllo globale. Ma ho la sensazione che lo scienario dell’invasione non sia del tutto chiuso, vedremo.
    in ogni caso se c’è l’uomo che fuma (dal buco nel collo) il resto non importa

     
  • DA9

    Ero scettico quanto speranzoso per la ripresa di questa storica serie tv ed ammetto che alla sigla iniziale, rimasta fortunatamente uguale al passato, mi siano venuti i brividi…… Ma dopo, sarà che l’intelletto si è affinato, ho iniziato la visione con occhio più critico che incuriosito, come magari ha avuto il telespettatore neofita della serie. Primo episodio decisamente deludente, ma era pronosticabile un episodio/spiegone per chi è nuovo della serie. Quello che mi ha deluso di più è l’aver spiegato la cospirazione, nuova o vecchia che sia, in pochi istanti, con dialoghi compressi e spiccioli: pazienza…. Però vedere la ex glaciale scully sciogliersi subito per due sguardi del belloccio/predicatore mi ci ha fatto rimanere di m…. Sapete, ci tengo alla psicologia ed al carattere dei personaggi!!
    Secondo episodio migliore, si entra un pò più nel vivo della trama, anche se mi manca decisamente quell’effetto dark del passato, magari tornerà nei prossimi episodi. In definitiva, è evidente che con una mini-serie di soli 6 episodi si voglia velocemente riannodare i fili col passato per poi aprire la serie a nuovi telespettatori, tanto quelli vecchi ce li hanno già belli che assicurati, anche solo se mulder sgranocchiasse per un’ora intera…… Il mio voto è un 6 speranzoso nei prossimi 4 appuntamenti. Speriamo bene…..

     
  • Boba Fett

    Va bene l’emozione di rivederli e vada per la nostalgia di uno show che proietta la nostra passione seriale indietro di oltre 20 anni, con i tantissimi ricordi belli e brutti del caso, come la frustrazione per i ritardi della messa in onda e la trasmissione caotica e non cronologica degli episodi su Italia1, ma francamente questa riproposizione è ancora tutta un mistero o, se preferite, un X-file.
    Se in un primo momento sembrava un classico reboot, una foto comparsa qualche giorno fa ha creato il sospetto che invece si tratti di un’operazione che trasformerà lo show in una saga, un The X-files Legacy con una coppia di investigatori freschi come una rosa e un cast tutto nuovo. Vedremo e capiremo…
    Ma tornando a quanto visto la scorsa settimana pur rimanendo nel mistero, perché sprecare un intero episodio per un inutile e fallace “previously”?

     
  • Federica

    …ma domanda: lo consigliate a chi non sia già fan della serie e non abbia guardato altro che una manciata di episodi per caso qua e là nel corso degli anni? Vale la pena da solo, o vale la pena soprattutto se lo si prende come parte di un’opera più globale?

     
    • Federica Barbera

      Ciao Federica, ovviamente chi ha visto l’intera serie potrà apprezzare maggiormente i riferimenti o anche solo il tono di alcuni episodi, ma per ora (essendo andate in onda poche puntate) posso dirti che se anche non hai visto tutta la serie ma solo qualche episodio puoi vederlo comunque senza grossi problemi. Se ne valga la pena o meno.. beh, per rispondere credo dovremo aspettare almeno la fine della prima stagione 😉