L’Angolo delle News – 14/20 marzo


L’Angolo delle News – 14/20 marzoTorna l’Angolo delle News portando con sé le notizie più interessanti della passata settimana seriale. In questo appuntamento parliamo di Gilmore Girls; dei grossi cambiamenti nel reboot di Xena; di Gus Van Sant regista in una nuova serie; del nuovo drama con Matthew Perry; di Woody Allen per Amazon e di altro altro ancora.


Gus Van Sant torna in TV da regista

Il regista e sceneggiatore americano dirigerà l’episodio pilota di una nuova serie, ancora senza titolo. Si tratterà di una miniserie a tematica LGBT di otto ore che parlerà del movimenti per i diritti della comunità gay. Carrie Preston (The Good Wife) interpreterà la protagonista dello show, facendo sfumare la speranza di vederla come lead in un ipotetico spin off di The Good Wife, che è sempre più lontano dal diventare realtà.

Melissa McCarthy: i motivi del no a Gilmore Girls

L’Angolo delle News – 14/20 marzoL’attrice, che nella serie Una Mamma Per Amica (Gilmore Girls, appunto) interpretava Sookie St. James, cuoca e amica della protagonista Lorelai, aveva già dichiarato che non sarebbe apparsa nel revival di Netflix. Ora la McCarthy spiega i motivi della sua assenza, che sarà quasi sicuramente certa: “Non credo che ci sarò. In verità nessuno mi ha chiesto di farlo. Forse pensavano che fossi occupata e quando ho saputo di questo progetto, lo ero veramente“. Sherman-Palladino, showrunner della serie, aveva confessato la volontà di volere Sookie di nuovo nelle vite dei suoi protagonisti. “Lei è davvero molto impegnata, ma ho detto ‘Guarda, se Melissa è senza impegni e ha un pomeriggio libero, le scriverò una scena’. Melissa è stata una di noi. Se ha un attimo per venire sul set, anche solo per un cameo, saremmo molto contenti. Anche se è una cosa dell’ultimo minuto, la inserirei nello script e in qualche modo risolveremo. Siamo rimaste d’accordo così“. Se questo nuovo progetto sarà confermato da Netlfix per una seconda stagione, la presenza di Melissa McCarthy potrebbe essere più sicura, data l’importanza dello show per l’attrice che ha dichiarato “sono stati sette anni della mia vita ed è stato davvero grandioso. Ero fiera di quello show“.

Le nuove serie in lavorazione

The Kennedys ­ After Camelot: questa nuova limited series vedrà il ritorno di Matthew Perry (Friends) in TV nei panni del senatore degli Stati Uniti Ted Kennedy, fratello del Presidente John Fitzgerald Kennedy. Basato sul libro After Camelot: A Personal History of the Kennedy Family 1968 to Present, questo drama sarà diviso in quattro parti e racconterà di come Ted ha messo insieme i cocci della sua vita dopo l’assassinio del fratello. Questo show potrebbe essere considerato uno spin-off del drama The Kennedys del 2011 e vedrà Katie Holmes di nuovo nel ruolo di Jackie Kennedy, First Lady e cognata di Ted;
A Series of Unfortunate Events: la trasposizione televisiva della serie di romanzi per bambini di Lemony Snicket ha aggiunto al suo cast Patrick Warburton (Rules of Engagement) nei panni del narratore di tutta la storia. Warburton è famoso anche per aver prestato la sua voce a cartoon come I Griffin, Le follie dell’imperatore, Mucche alla riscossa e tanti altri;
Xena Reboot: il reboot di questa serie storica non sarà minimamente come l’originale. A confermarlo è Javier Grillo-Marxuach (autore anche per Lost): non c’è ragione di riportare in vita Xena se non per esplorare in modo totale anche la relazione che negli anni ’90 poteva solo essere mostrata come sottotesto con Olimpia, sua compagna di viaggio. Xena sarà quindi apertamente gay nel reboot, andando a modificare, o anzi solo a mostrare la vera natura di questo personaggio;
Woody Allen drama: il nuovo drama di Woody Allen per Amazon ha aggiunto al cast i comici Joy Behar e Lewis Black, personalità dello spettacolo statunitense. Behar era già apparsa nel film di Allen del 1993 Misterioso omicidio a Manhattan. In questo nuovo show vedremo anche Miley Cyrus, Elaine May, John Magaro, Rachel Brosnahan e Woody Allen stesso;
Maniac: questa dark comedy con Emma Stone (Birdman) e Jonah Hill (The Wolf of Wall Street) è basata su una serie norvegese del 2014, che racconta la storia di un ragazzo che vive una bella vita nella sua mente, ma in realtà è rinchiuso in un manicomio. Hill e Stone saranno due pazienti dell’istituto. Voci di corridoio dicono che questa serie, diretta da Cary Fukunaga (produttore e regista di True Detective) potrebbe ricevere il rinnovo per la seconda stagione ancora prima della sua messa in onda;
Santa Clarita Diet: Netflix ha dato l’ok ad una nuova comedy con Drew Barrymore (50 volte il primo bacio)  e Timothy Olyphant (Justified). Santa Clarita Diet seguirà la storia di Joel (Olyphant) e Sheila (Barrymore), una coppia sposata di agenti immobiliari con una vita non troppo felice nei sobborghi di Los Angeles, fino a che Sheila non passerà attraverso un momento di grossi cambiamenti che manderanno le vite di entrambi su una strada di distruzione e morte… ma in senso buono.

Rinnovi e cancellazioni

Questa settimana tre serie sono state rinnovate e una cancellata. Partiamo subito con le brutte notizie: Person of Interest terminerà con la prossima stagione, la quinta, in onda dal 3 maggio prossimo. il rinnovo invece è arrivato per Gotham, drama di Fox che avrà una terza stagione; Vikings, che avrà una quinta stagione, con anche la partecipazione di Jonathan Rhys Meyers; Better Call Saul, che continuerà con una terza annata.

I video della settimana

Partiamo con Luke Cage, nuovo drama di Marvel e Netflix, che ci presenta il nuovo promo:

Penny Dreadful ci mostra un nuovo trailer per la sua terza stagione, in onda dal primo maggio:

La quarta stagione di Orphan Black, dal 14 aprile, è presentata con questo nuovo trailer:

Ecco il trailer ufficiale della seconda stagione di Unbreakable Kimmy Schmidt, il 15 aprile su Netflix:

Passiamo a Inside Amy Schumer, che torna con la quarta stagione il prossimo 21 aprile:

Concludiamo con Silicon Valley, che ci presenta un nuovo trailer per la sua terza stagione:

Fonti: tvguide, the hollywood reporter, deadline, variety, spoiler tv, youtube.

Condividi l'articolo

Informazioni su Davide Canti

Noioso provinciale milanese, mi interesso di storytelling sia per la TV che per la pubblicità (in fondo che differenza c'è?!). Criticante per vocazione e criticato per aspirazione, mi avvicino alla serialità a fine anni '90 con i vampiri e qualche anno dopo con delle signore disperate. Cosa voglio fare da grande? L'obiettivo è quello di raccontare storie nuove in modo nuovo. Intanto studio, perché il pezzo di carta è importante, si sa! "I critici e i recensori contano davvero un casino sul fatto che alla fine l'inferno non esista." (Chuck Palahniuk)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *