Shameless – 6×10 Paradise Lost


Shameless - 6x10 Paradise LostIn un susseguirsi di storyline deboli e senza alcuna profondità Shameless si avvia verso la conclusione della sua stagione più travagliata. Sarà la nostalgia dei bei tempi andati, saranno le aspettative che spesso vengono deluse, sarà che facciamo ancora fatica ad abituarci, ma questo episodio si può definire solo in un modo: brutto.

La cosa che rende pessimisti è soprattutto la mancanza di tentativi per elevare il livello del racconto: non si intravedono infatti segni di miglioramento, ma neanche la voglia di raddrizzare le cose; le vicende dei Gallagher si trascinano ripetendo se stesse e utilizzando scorciatoie narrative non degne della loro fama.

You got to treat a woman like a poppy

Shameless - 6x10 Paradise LostIl paradosso è che in questa puntata ne accadono veramente tante di cose, il problema è che si fa fatica ad accorgersene. Tutti i personaggi arrivano, più o meno, al punto di svolta della loro personale stagione: Karl conquista la ragazza tanta agognata, Fiona è in procinto di sposarsi e sembra aver risolto le beghe con il futuro marito, Lip rischia l’espulsione dal college e perde l’appoggio della sua guida, Ian passa l’esame per diventare paramedico, Frank fa finalmente i conti con la sua rilassatezza nell’approcciarsi ai criminali e infine Debbie porta a termine la sua gravidanza. Quante cose si sarebbero potute dire sfruttando questi avvenimenti, tra l’altro tutti condensati in un episodio? Ovviamente moltissime, tuttavia Shameless riesce nell’impresa di non dire nulla trasformando un episodio potenzialmente importante in un momento di passaggio, uno di quelli che fanno sbadigliare nell’attesa che finiscano.

Shameless - 6x10 Paradise LostOltre all’incapacità di sfruttare le idee messe sullo schermo per far crescere il racconto, il prodotto di Showtime conferma un altro dei suoi difetti cronici: la banalità e l’assurdità inquietante delle sue storie. Se possiamo far passare come momenti di pura goliardia gli orribili siparietti tra Frank e gli hippie che abitano la comune di Queenie, si resta francamente basiti davanti a Karl che dopo dieci puntate passate a fare il gangster per un giro di pattuglia vuole improvvisamente diventare poliziotto, o vedendo Lip dipinto come un alcolista cronico dopo solo una mezza puntata in cui beve dalla mattina alla sera. La pochezza e soprattutto la fretta con cui queste situazioni narrative vengono messe in piedi testimoniano la confusione che regna nello show: tutto accade troppo velocemente e senza creare alcun interesse.

It’s just me

Shameless - 6x10 Paradise LostMa se l’evoluzione dei personaggi di Karl e Lip appaiono poco credibili – lasciando stare la macchietta Frank e la coppia Kev-Vi relegata a ruoli di contorno – il peggio lo dà la figura femminile più importante del programma, ovvero Fiona. Il personaggio interpretato da Emmy Rossum sbalordisce di continuo lo spettatore ma lo fa nel modo sbagliato, disorientandolo con i suoi repentini cambi di atteggiamento e restando spesso imbrigliato in storie che non riescono a raccontare molto, come quella che sta vivendo con Sean. L’unico rapporto che la vede protagonista e in cui si tenta un approfondimento serio è quello con sua sorella Debbie.

Shameless - 6x10 Paradise LostSe da un lato lascia sconcertati la scelta della sorella maggiore di lasciare una quindicenne andare a partorire suo nipote in un accampamento di fricchettoni, dall’altro tutto ciò porta al momento più vero e sincero di tutto l’episodio: spaventata a morte dalla situazione ridicola che le sta intorno, Debbie chiede disperata di poter tornare a casa. In quel preciso istante si ha infatti la sensazione che uno dei personaggi reagisca finalmente come una persona normale, mostrando debolezze e fragilità consone alla propria età e alla propria situazione. Il conflitto fra le due è presente dalle prime puntate ed  anche in “Paradise Lost” ha un suo capitolo che culmina nel finale di episodio, quando Debbie vuole restare da sola nell’ambulanza che la porta in ospedale mentre stringe la piccola Frances Gallagher fra le braccia. Un altro momento che vorrebbe risultare toccante e che, invece, agli occhi dello spettatore risulta solo un modo come un altro per concludere un episodio tutto tranne che memorabile.

Shameless - 6x10 Paradise LostA pochi passi dalla conclusione di questa sesta stagione, Shameless conferma la sua non entusiasmante leggerezza affiancandola alla mancanza di qualità nella scrittura e nell’aspetto emotivo dei personaggi. Ad essere onesti, anzi, sembra che faccia più danni nei rari momenti in cui prova ad andare in profondità rispetto a quando se ne sta beato in superficie tra gag mediocri e siparietti triti e ritriti. Anche in questo “Paradise Lost”, quando si tenta di elevare il racconto per allentare la strampalata ironia che è al centro dello show si raggiungono vette di banalità che la serie non aveva mai visto. Shameless ci conferma insomma di essere un prodotto che corre veloce verso una mesta conclusione, nonostante il recente rinnovo per una settima stagione; in attesa di essere stupiti dagli episodi che rimangono di qui alla fine non possiamo che ricordare con affetto la serie che fino a qualche anno fa ci ha fatto divertire ed emozionare, consapevoli che difficilmente potrà tornare a tali livelli.

Voto: 4

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Paolo Vivan

Nato sul finire degli anni ottanta nel profondo nordest, laureato in Lettere con una tesi su Six Feet Under, mi piace scrivere storie e farmele raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *