Seriangolo Awards 2016: le nomination 28


Seriangolo Awards 2016: le nominationUn altro anno solare sta per chiudersi e come da tradizione, per il sesto anno di fila, arrivano i premi più importanti e prestigiosi della serialità televisiva: non stiamo parlando ovviamente dei Golden Globe o degli Emmy, ma dei Seriangolo Awards! 

Come in ogni edizione, toccherà a voi lettori decidere il meglio e il peggio dell’anno televisivo appena trascorso, votando e decretando i vincitori delle 29 categorie qui sotto elencate. Le votazioni si chiuderanno il 9 gennaio e i risultati saranno annunciati il 16.

Come ogni anno sono presenti delle novità: oltre a confermare l’introduzione, avvenuta ormai due edizioni fa, della macro-categoria Dramedy (oltre alle classiche Drama e Comedy), quest’anno ne abbiamo aggiunto una nuova dedicata alla Miglior Regia (che comprenderà episodi di show appartenenti a tutti e tre i macro-generi), mentre la categoria a tema annuale è stata dedicata ai Migliori Presidenti degli Stati Uniti nelle serie Tv.

Note:
– La categoria “Miniserie e serie brevi” include le miniserie, le serie antologiche e le serie con al massimo 6 episodi stagionali.
Il lasso di tempo preso in considerazione per le nomination comprende tutto ciò che è andato in onda dal 22 dicembre 2015 al 21 dicembre 2016. Fanno eccezione “Miglior Presidente degli USA in una serie Tv”, che trascende l’anno in corso, e le categorie miglior serie Drama, Comedy e DramedyPeggior Serie e Miglior Guilty Pleasure che includono solo le stagioni concluse nel 2016 nella loro interezza, anche nel caso in cui alcuni episodi siano andati in onda precedentemente. Tutte le altre categorie invece fanno riferimento solo al periodo di tempo sopra indicato.

-> Per votare basta cliccare qui <-

ATTENZIONE: I voti saranno registrati nel sistema solo dopo aver cliccato su “Salva voti” oppure su “Salva” presente al termine del sondaggio.

Di seguito troverete l’elenco di tutte le nomination. Le nostre classifiche di fine anno, invece, usciranno come di consueto dopo Natale (Qui trovate quelle relative al 2015)

Statistiche – Le serie con più nomination sono: tra i drama e le miniserie, Game of Thrones (14), Westworld (12), The Young Pope (10), The Crown (9), American Horror Story: Roanoke (7), Daredevil (7), Gomorra – la Serie (7), Stranger Things (7), American Crime Story: The People v. O. J. Simpson (6), The Americans (6) e The Night Of (6); tra le comedy e le dramedy, Atlanta (6), Galavant (6), Love (6), Transparent (5), This is Us (5), Broad City (4), e Girls (4).

Miglior serie Drama
Better Call Saul (Stagione 2)
Game of Thrones (Stagione 6)
Gomorra – La Serie (Stagione 2)
Stranger Things (Stagione 1)
The Americans (Stagione 4)
The Crown (Stagione 1)
The Young Pope (Stagione 1)
Westworld (Stagione 1)

Miglior Miniserie
American Crime (Stagione 2)
American Crime Story: The People v. O. J. Simpson (Stagione 1)
American Horror Story: Roanoke
Black Mirror (Stagione 3)
Horace and Pete
The Fall (Stagione 3)
The Get Down (Stagione 1 parte 1)
The Night Of

Miglior attore protagonista Drama
Aden Young (Daniel Holden – Rectify)
Bobby Cannavale (Richie Finestra – Vinyl)
Bob Odenkirk (Saul Goodman/Jimmy McGill – Better Call Saul)
Jeffrey Wright (Bernard Lowe – Westworld)
Jude Law (Lenny Belardo aka Pio XIII – The Young Pope)
Kevin Spacey (Frank Underwood – House of Cards)
Lee Pace (Joe MacMillan – Halt and Catch Fire)
Matthew Rhys (Philip Jennings – The Americans)
Rami Malek (Elliot Alderson – Mr Robot)
Riz Ahmed (Nasir ‘Naz’ Khan – The Night Of)

Miglior attore non protagonista Drama
Anthony Hopkins (Dr. Robert Ford – Westworld)
Christian Slater (Mr. Robot – Mr. Robot)
Denis O’Hare (William van Henderson – American Horror Story: Roanoke)
Fortunato Cerlino (Don Pietro Savastano – Gomorra)
John Lithgow (Winston Churchill – The Crown)
John Travolta (Robert Shapiro – American Crime Story: The People v. O. J. Simpson)
John Turturro (John Stone – The Night Of)
Jon Bernthal (Frank Castle aka The Punisher – Daredevil)
Peter Mullan (The Broker – Quarry)
Silvio Orlando (Cardinale Angelo Voiello – The Young Pope)

Miglior attrice protagonista Drama
Catriona Balfe (Claire Frazer – Outlander)
Claire Foy (Elizabeth II – The Crown)
Eva Green (Vanessa Ives – Penny Dreadful)
Evan Rachel Wood (Dolores – Westworld)
Keri Russell (Elizabeth Jennings – The Americans)
McKenzie Davis (Cameron Howe – Halt and Catch Fire)
Robin Wright (Claire Underwood – House of Cards)
Sarah Lancashire (Catherine Cawood – Happy Valley)
Sarah Paulson (Marcia Clark – American Crime Story: The People v. O. J. Simpson)
Tatiana Maslany (I cloni – Orphan Black)

Migliore attrice non protagonista Drama
Alison Wright (Martha Hanson – The Americans)
Diane Keaton (Sister Mary – The Young Pope)
Felicity Huffman (Leslie Graham – American Crime)
Jessica Lange (Marsha – Horace and Pete)
Jodi Balfour (Joni Conway – Quarry)
Lena Headey (Cersei Lannister – Game of Thrones)
Rhea Seehorn (Kim Wexler – Better Call Saul)
Sarah Paulson (Audrey Tindall – American Horror Story: Roanoke)
Thandie Newton (Maeve Millay – Westworld)
Winona Ryder (Joyce Byers – Stranger Things)

Miglior serie Comedy
Better Things (Stagione 1)
Broad City (Stagione 3)
Crazy Ex-Girlfriend (Stagione 1)
Love (Stagione 1)
Please Like Me (Stagione 4)
Scream Queens (Stagione 2)
Silicon Valley (Stagione 3)
Unbreakable Kimmy Schmidt (Stagione 2)

Miglior serie Dramedy
Atlanta (Stagione 1)
Baskets (Stagione 1)
BoJack Horseman (Stagione 3)
Girls (Stagione 5)
Midnight Diner: Tokyo Stories (Stagione 1)
One Mississippi (Stagione 1)
Shameless (Stagione 7)
Transparent (Stagione 3)

Miglior attore Comedy (protagonista e non)
Andy Samberg (Jake Peralta – Brooklyn Nine-Nine)
Gael Garcia Bernal (Rodrigo – Mozart in the Jungle)
Jaime Camil (Rogelio De La Vega – Jane The Virgin)
John Stamos (Dr. Brock Holt – Scream Queens)
Josh Thomas (Josh – Please Like Me)
Paul Rust (GusCruikshank – Love)
Thomas Middleditch (Richard Hendricks – Silicon Valley)
Timothy Omundson (King Richard – Galavant)
Tituss Burgess (Titus Andromedon – Unbreakable Kimmy Schmidt)
Walton Goggins (LeeRussel – Vice Principals)

Miglior attore Dramedy (protagonista e non)
Adam Driver (Adam Sackler – Girls)
Donald Glover (Earnest Marks – Atlanta)
Jeffrey Tambor (Maura Pfefferman – Transparent)
Kaoru Kobayashi (Master – Midnight Diner: Tokyo Stories)
Mark Duplass (Brett Pierson – Togetherness)
Milo Ventimiglia (Jack Pearson – This Is Us)
Orlando Bloom (Tom – Easy)
Will Arnett (Chip – Flaked)
William H. Macy (Frank Gallagher – Shameless)
Zach Galifianakis (Chip Baskets – Baskets)

Miglior attrice Comedy (protagonista e non)
Ellie Kemper (Kimmy Schmidt – Unbreakable Kimmy Schmidt)
Emma Roberts (Chanel Oberlin – Scream Queens)
Gillian Jacobs (Mickey Dobbs – Love)
Gina Rodriguez (Jane Villanueva – Jane The Virgin)
Ilana Glazer (Ilana Wexler – Broad City)
Mallory Jansen (Queen Madalena – Galavant)
Maria Bamford (Maria Bamford – Lady Dynamite)
Pamela Adlon (Sam Fox – Better Things)
Rachel Bloom (Rebecca Bunch – Crazy Ex-Girlfriend)
Zawe Ashton (Vod – Fresh Meat)

Miglior attrice Dramedy (protagonista e non)
Alia Shaukat (Dory – Search Party)
Amanda Peet (Tina Morris – Togetherness)
Gaby Hoffman (Ali Pfefferman – Transparent)
Issa Rae (Issa Dee – Insecure)
Lena Dunham (Hannah Horvarth – Girls)
Mandy Moore (Rebecca Pearson – This is Us)
Phoebe Waller-Bridge (Fleabag – Fleabag)
TigNotaro (Tig – One Mississipi)
UzoAduba (Suzanne ‘Crazy Eyes’ Warren – Orange is the New Black)
ZazieBeetz (Vanessa – Atlanta)

Miglior Guest Star
Alex Kingston (Naomi Shropshire – Gilmore Girls)
BD Wong (White Rose – Mr. Robot)
Cameron Monaghan (Jerome Valeska – Gotham)
Hillary Clinton (Hillary Clinton – Broad City)
Jared Harris (King George VI – The Crown)
Kylie Minogue (Queen of the Enchanted Forest – Galavant)
Marco Palvetti (Salvatore Conte – Gomorra)
Margo Martindale (Claudia – The Americans)
Rory McCann (Il Mastino – Game of Thrones)
Vincent D’Onofrio (Wilson Fisk – Daredevil)

Miglior episodio drama
American Crime Story: The People v. O. J. Simpson – 1×06 Marcia Marcia Marcia
American Horror Story: Roanoke – 1×06 Chapter 6
Black Mirror – 3×04 San Junipero
Gomorra – 2×03 Mea Culpa
Game of Thrones – 6×10 The Winds of Winter
Stranger Things – 1×06 The Monster
Quarry – 1×08 Nuoc Chay Da Mon
The Crown – 1×05 Smoke and Mirrors
The Night Of – 1×01 The Beach
The Young Pope – 1×05 Episode 5
Vinyl – 1×01 Pilot
Westworld – 1×10 The Bicameral Mind

Miglior episodio Comedy
Better Things – 1×04 Woman is the Something of the Something
Broad City – 3×02 Co-op
Crazy Ex Girlfriend – 2×02 When Will Josh See How Cool I Am?
Galavant- 2×10 The One True King (To Unite Them All)
High Maintenance – 1×03 Jamie
Love – 1×07 Magic
Please Like Me – 4×05 Burrito Bowl
Silicon Valley – 3×03 Meinertzhagen’s Haversack
South Park – 20×01 Member Berries
You’re the Worst – 3×05 Twenty-two

Miglior episodio Dramedy
Atlanta – 1×06 Value
BoJack Horseman – 3×04 Fish Out of Water
Fleabag – 1×06 Episode 6
Girls – 5×06 The Panic in Central Park
Midnight Diner – Tokyo Stories – 1×05 Egg Tofu
Orange Is The New Black – 4×12 The Animals
Shameless – 6×12 Familia Supra Gallegorious Omnia!
This is Us – 1×01 Pilot
Transparent – 3×03 To Sardines and Back
One Mississippi – 1×04 Let the Good Times Roll

Miglior Novità 2016
American Crime Story: The People v. O. J. Simpson
Atlanta
Horace and Pete
Love
Quarry
Stranger Things
The Crown
The Young Pope
This is Us
Westworld

Premio Terranova – Peggior serie dell’anno
Once Upon a Time
Outcast
Shadowhunters
The Exorcist
The Walking Dead
Van Helsing
Wayward Pines

Premio Joseph Fiennes – Peggior attore o attrice
Carmen Perez (Captain Vasquez – Lucha Underground)
Jared Gilmore (Henry Mills – Once Upon a Time)
Josh Kelly (Jeremy Caner – UnREAL)
Katherine McNamara (Clary Fray – Shadowhunters)
Miley Cyrus (Lennie Dale – Crisis in Six Scenes)
Sonequa Martin-Green (Sasha Williams – The Walking Dead)

Attore più hot
Antonio Folletto (O’ Principe – Gomorra)
Joshua Sasse (Galavant – Galavant)
Jude Law (Lenny Belardo aka Pio XIII- The Young Pope)
Kit Harington (Jon Snow – Game of Thrones)
Lee Pace (Joe MacMillan – Halt and Catch Fire)
Michiel Huisman (Daario Naharis – Game of Thrones)
Matt Smith (Philip Mountbatten- The Crown)
Milo Ventimiglia (Jack Pearson – This Is Us)
Pedro Pascal (Javier Peña – Narcos)
Tom Hiddleston (Jonathan Pine – The Night Manager)

Attrice più hot
Deborah Ann Woll (Karen Paige – Daredevil)
Élodie Young (Elektra – Daredevil)
Emily Ratajkowski (Allison Lizowska – Easy)
Eva Green (Vanessa Ives – Penny Dreadful)
Gillian Jacobs (Mickey Dobbs – Love)
Katherine Winnick (Lagherta – Vikings)
Natalie Dormer (Margaery Tyrell – Game of Thrones)
Olivia Wilde (Devon Finestra – Vinyl)
Sophie Turner (Sansa Stark – Game of Thrones)
Stephanie Corneliussen (Joanna Wellick – Mr Robot)

Miglior cattivo
Demogorgon (Stranger Things)
Don Pietro Savastano (Gomorra)
Man in Black (Westworld)
Negan (The Walking Dead)
Pablo Escobar (Narcos)
Ramsay Bolton (Game of Thrones)
Richard Roper (The Night Manager)
The Butcher (American Horror Story: Roanoke)
The Saint of Killers (Preacher)
Tommy Lee Royce (Happy Valley)

Personaggio dell’anno
(non intediamo il miglior personaggio, ma quello che più ha lasciato il segno, in positivo o in negativo, nel 2016 e per cui ricorderemo quest’annata)
Eleven (Stranger Things)
Elizabeth II (The Crown)
Frank Castle aka The Punisher (Daredevil)
Jon Snow (Game of Thrones)
John Stone (The Night Of)
Lenny Belardo aka Pio XIII (The Young Pope)
Marcia Clark (American Crime Story: The People v. O. J. Simpson)
Negan (The Walking Dead)
Pete (Horace and Pete)
Dr. Robert Ford (Westworld)

Miglior Citazione
“Absence is presence. These are the fundamentals of mystery.” (Lenny Belardo aka Pio XIII – The Young Pope)
“A fin’ ro’ juornstatutt’ cà” (Don Pietro Savastano – Gomorra)
“Hold the door” (Hodor – Game of Thrones)
“Just accept the fact that love is rare and it probably won’t happen to you… ever” (Horace and Pete)
“I feel like part of me has died with her!” (Audrey Tindall – American Horror Story: Roanoke)
“I got an idea. Eeny… Meeny… Miny… Moe… Catch a tiger… By his toe. If he hollers… Let him go. My mother told me… To pick the very best one… And you are… It” (Negan – The Walking Dead)
“Never place your trust in us. We’re only human. Inevitably we will disappoint you”. (Robert Ford – Westworld)
“The Crown must win. Must always win” (Queen Mary – The Crown)
“We don’t submit to terror. We make the terror”. (Frank Underwood – House of Cards)
“You’re only one bad day away from being me” (The Punisher – Daredevil)

Miglior “Guilty Pleasure”
Empire (Stagione 3)
How to Get Away with Murder (Stagione 2)
Lucha Underground (Stagione 2)
Supergirl (Stagione 1)
The 100s (Stagione 3)
The Strain (Stagione 3)
The X- Files (Stagione 10)
UNreal (Stagione 2)

Miglior finale di serie
Downton Abbey
Galavant
Gilmore Girls
Hell on Wheels
Looking – Il film
Penny Dreadful
Person of Interest
Vinyl

Shippangolo – Miglior Coppia
Brienne e Tormund (Game of Thrones)
Daenerys e Yara (Game of Thrones)
Dolores e William (Westworld)
John Stone e ilgatto (The Night of)
Kim e Saul (Better Call Saul)
Maeve e Hector (Westworld)
Matt Murdock e Elektra (Daredevil)
Mike e Eleven (Stranger Things)
Rory e Audrey (American Horror Story: Roanoke)
Vanessa e Ethan (Penny Dreadful)

Miglior Presidente USA in una serie tv
Dale Gilchrist (1600 Penn)
David Palmer (24)
Elias Martinez (The Event)
Frank Underwood (House of Cards)
Josiah Bartlet (The West Wing)
Mackenzie Allen (Commander in Chief)
Olivia Marsdin (Supergirl)
Selina Meyer (Veep)
Tom Mason (Falling Skies)

Miglior Regia
Atlanta 1×07 B.A.N. – Donald Glover
Black Mirror 3×01 Nosedive – Joe Wright
Better Call Saul 2×10 Klick – Vince Gilligan
Game of Thrones 6×09 Battle of the Bastards – Miguel Sapochnik
Mr. Robot 2×06 eps2.4_m4ster-s1ave.aes – Sam Esmail
The Americans 4×08 The Magic of David Copperfield V: The Statue of Liberty Disappears – Matthew Rhys
The Get Down 1×01 Where There Is Ruin There Is Hope for a Treasure – Baz Luhrmann
The Young Pope 1×08 Episode 8 – Paolo Sorrentino
Transparent 3×08 If I Were a Bell – Andrea Arnold
Vinyl 1×01 Pilot – Martin Scorsese

-> Clicca qui per votare <-

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

28 commenti su “Seriangolo Awards 2016: le nomination

    • Federica Barbera

      Ciao! C’erano moltissimi candidati per Best Drama e PoI non è riuscito a rientrare nelle nomination; puoi però votarlo in “miglior finale di serie”!

       
    • Federica Barbera

      Per quello che riguarda la serie, prendiamo in considerazione solo quelle che si sono concluse nell’anno in corso, e The Affair terminerà nel 2017. Per le altre categorie, la sfida è stata agguerrita e non sono riusciti a rientrare 😉

       
  • Teresa

    ero già pronta a votare Quarry per la miglior regia, perché andiamo, è stata la serie con la miglior regia in assoluto, quando ho visto che non era tra i nominati 🙁
    per non parlare di come ci sono rimasta male nel vedere che Emmy Rossum non era tra le nominate come miglior attrice dramedy.
    Lo so che non ci può entrare tutto, e che de gustibus, però queste due assenze mi hanno lasciata così :O
    Comunque, fino a qualche anno fa non avrei mai detto che mi sarei ritrovata a votare per una serie italiana. E invece, tra The young pope e Gomorra, ho distribuito un po’ di voti.
    Come ho fatto per le serie scagate, ehm sottovalutate dai più, come Shameless, Quarry, American crime e Galavant.
    Poi vabbé, il mio amore Eva Green l’ho dovuta votare in ogni dove.

     
    • Attilio Palmieri

      Ciao Teresa,
      come l’anno scorso e più dell’anno scorso le categorie sono estremamente competitive, a causa di una crescita qualitativa e quantitativa delle serie televisive.
      Quelle che vedi sono l’espressione di una redazione folta e molto varia ed essendo una media naturalmente scontentano alcuni dei desideri dei singoli in favore di essere rappresentativi di un gruppo (la redazione).
      Su Quarry sono d’accordo con te e ti ricordo che puoi sempre votare il finale come miglior episodio dell’anno!

       
    • Travolta

      ero già pronta a votare Quarry per la miglior regia, perché andiamo, è stata la serie con la miglior regia in assoluto, quando ho visto che non era tra i nominati 🙁
      per non parlare di come ci sono rimasta male nel vedere che Emmy Rossum non era tra le nominate come miglior attrice dramedy.

      Quoto 🙂

       
  • Tommy2407

    Non è mia intenzione assoluta creare polemica, so che è impossibile accontentare tutti e gli esclusi nelle premiazioni esisteranno sempre , ma vedere la seconda stagione di Scream Queens fra le migliori serie comedy e non Veep è una cosa che grida vendetta davanti al cospetto di Dio

     
  • Pogo

    Siete virtualmente simpatici e mi diverto a votare i Seriangolo Awards per sfizio, ma impostando la cosa seriamente, la credibilità di una rosa di nomination per il drama senza Halt and Catch Fire, Rectify, Black Sails e Marcella è pari a zero.

    Probabilmente il numero di spettatori di queste serie all’interno della redazione è esiguo.
    Capisco che ognuno scelga come impiegare il proprio tempo…

     
    • Francesca Anelli

      Ciao Pogo
      come scriveva Attilio più su queste nomination sono il risultato di lunghe discussioni e confronti all’interno della redazione, e per forza di cose non possono accontentare tutti.
      Detto questo, oltre alle serie che singolarmente hai – tu come altri e come noi – apprezzato nel corso dell’anno è possibile che ci siano produzioni ancora migliori, o più rilevanti, o semplicemente più interessanti di quelle che tu – come altri e come noi – ritieni belle, no? “Bella” o “interessante” o “ben fatta”, per altro, non equivale a imprescindibile (ammesso che si possa usare questo termine per nomination che sono frutto di gusti personali oltre che di valutazioni tecniche), soprattutto se almeno parte di quello che è incluso nella rosa dei candidati non è stato visto (e non so se sia questo il tuo caso, ma vale per tutti in generale).

      Per concludere, Halt and Catch Fire e Rectify sono serie molto apprezzate dalla redazione che non sono entrate per poco, mentre invece Black Sails e Marcella non le abbiamo prese nemmeno in considerazione perché riteniamo che siano altri i prodotti davvero rilevanti del 2016.

       
      • Pogo

        Se qualcosa uscito dalla penna di Rosenfeldt non è nemmeno preso in considerazione è un vostro problema…
        Se Halt and Catch Fire non entra di pochissimo in una rosa dove sono presenti (a questo punto al suo posto) Better Call Saul e Game of Thrones, la rosa non è credibile.
        Poi possiamo buttarla sui gusti personali come “difesa” di voler dare scientificità ai propri giudizi, ma io me ne tiro fuori da subito: anche perché non sarebbe Halt and Catch Fire la mia preferita del 2016, ma Quarry dove Cinemax ha provato a fare qualcosa di veramente figo.
        Solo che non penso la serie Seventies possa far parte di una rosa che voglia determinare la miglior serie del 2016 (anche perché tra The Americans e HACF il resto scompare quest’anno).
        Il proprio gusto è il proprio gusto (per esempio per mio gusto potrei dire che qui manca Narcos); saper giudicare è un’altra cosa (per tornare all’esempio, non credo l’assenza di Narcos gridi allo scandalo, proprio per nulla).

         
        • Francesca Anelli

          Mi sembra che qui l’unico a voler dare scientificità ai propri giudizi sia tu, Pogo.

           
  • Michele

    ottime nomination, ragazzi!
    E – wow! – ci sono un sacco di categorie!!

    Domandina veloce: che mi dite di Man in the high castle?

     
  • Firpo

    Molto interessanti le nomination di quest’anno e soprattutto le categorie. Certo mi spiace per alcune assenze (Narcos su tutte nella categoria miglior attore), ma in generale mi sembrano molto buone.

     
  • FILIPPO

    Distribuito i voti fra Jane the Virgin, Crazy Ex-Girlfriend, Atlanta, This is Us, The Americans, The People v. O. J. Simpson: American Crime Story, con qualcosa anche di Stranger Things, Better Call Saul e Mr. Robot.

    Grande assente fra le comedy Veep, troppe poche nomination per Orange Is the New Black, per i quali vi siete, però, fatti ampiamente perdonare con quelle a sorpresa di CEG e JtV. 😉

     
  • Pogo

    Francesca, i giudizi assumono scientificità se li si scorpora dal gusto.
    Dire “bello” è dire che qualcosa piace, non che sia fatto bene.
    Imparare a scorporare gli elementi che ci fanno piacere qualcosa dovrebbe essere la prima regola per giudicare quella data cosa: per me questo è l’oggetto di fondo quando si fanno classifiche (che di loro, inerenti la narrazione visiva, non hanno senso: un po’ come dire se è meglio Casablanca o Sunset Boulevard o Citizen Kane…).
    Sarei curioso di conoscere le motivazioni che portano un Better Call Saul sopra HACF… magari mi sbaglio io alla grande e la redazione ha ragione; in assenza, io non ritengo credibile una rosa che vede una narrazione strutturata in modo ciclico e prevedibile (BCS) con una che nel parlare di piccole cose ti parla del “fottuto” universo umano in tutte le sue sfaccettature (HACF), senza contare che le prove attoriali di HACF sono 10 spanne sopra BCS dove solo Odenkirk si dimostra un gigante.
    Poi il sito è vostro e le classifiche/awards ve le fate come vi pare… il mio intervento (anche se in dissenso) è per amore della discussione e del confronto. Se è visto con disturbo, no problem. Evito di scrivere.

    Poi se una cosa piace può essere anche qualcosa che esprime la più bassa qualità possibile: quest’anno mi sono divertito a guardare Van Helsing nonostante io di solito (leggi mai) non guardo prodotti SyFy… avendo finito la prima stagione vuol dire che mi è piaciuto – altrimenti le cose si lasciando dopo un paio di episodi – ma mai potrei pensare sia fatto bene: è una robaccia come raramente mi è capitato di vedere… un gatto messo a pigiare tasti della tastiera a caso avrebbe fatto meglio…

    Detto questo, buon anno nuovo.

     
    • Attilio Palmieri

      Ciao Pogo, innanzitutto grazie. Il confronto in questi casi è la prima cosa e un gioco come le classifiche, oltre ad essere divertente per gli appassionati di serie, è anche proprio la scintilla per confrontarsi su passioni comuni come questa.
      A questo proposito per testi così complessi come le serie (ma lo stesso vale per i film, gli album musicali o i romanzi) l’oggettività o la scientificità è davvero molto molto difficile da individuare.
      Ti faccio un esempio: io ho adorato come te Quarry e la ritengo una delle cose più importanti dell’anno tra i drama. Così come la stagione due di Better Call Saul. Sono un po’ meno entusiasta delle stagioni del 2016 di Halt and Catch Fire e The Americans (non entro nel merito perché sarebbe una parentesi troppo lunga, ma se vuoi in un altro commento ci entriamo). Tutto dipende dai parametri di ciascuno, dai gusti e da tantissime altre cose.
      La cosa bella di una rivista come la nostra, sia per quanto riguarda le classifiche di redazione sia per quanto riguarda le categorie degli Awards, è che essendo in tanti che si occupano di critica quello che viene fuori è qualcosa di molto complesso che chiama in causa i gusti e i criteri critici di tutti. E nel caso degli Awards crea un gioco tutto fatto per gli utenti. Io la trovo una cosa molto bella.
      Poi a tutti piace fare il gioco delle recriminazioni, a me per primo, perché in fondo tutti siamo anche un po’ tifosi.

       
      • Pogo

        Grazie a te Altilio.
        A volte io risulto rude perché rispetto molto l’intelligenza degli interlocutori (altrimenti sarei molto accondiscendente): infatti se Francesca si sente offesa – come deduco dalla risposta piccata – me ne scuso pubblicamente e confermo che io provo stima virtuale per quello che fate e per la competenza che mettete gratis in siti come questi.
        Detto questo, le poche volte che intervengo (credo intervengo solo su GoT, tra l’altro, che è ormai una serie indifendibile) mi piace farlo in modo schietto; l’oggettività di una valutazione è possibile se si scava a fondo.
        Possiamo dire con certezza che Casablanca è un capolavoro, giusto?
        Nella televisione possiamo dire con certezza che i Sopranos è la più grande serie finora realizzata, giusto?
        Lo facciamo con convinzione o perché lo hanno detto altri critici?
        Io la critica nemmeno la leggo. La maggior parte delle volte vuole vedere cose che non esistono (del tipo leggere in un’inquadratura una “comunicazione” del regista, quando potrebbe essere benissimo che in quel particolare momento quella era l’unica inquadratura possibile o che l’operatore l’abbia fatta in quel modo e il regista non se ne sia nemmeno accorto perché stava concentrato sugli attori e così via…).

        Comunque grazie per il servizio che offrite eh, questo spero sia chiaro.

         
    • Francesca Anelli

      Imparare a scorporare il proprio gusto da valutazioni legate alla qualità di un prodotto non equivale a scientificità. E questo perché la critica televisiva non è una scienza esatta, altrimenti non esisterebbero divergenze d’opinione tra chi scrive di serie (come di cinema o di musica) ma soltanto matematica. E a proposito di matematica: per arrivare alle nomination finali non ci sono chissà quali segreti, ma semplicemente una discussione preliminare e poi una votazione.
      BCS e HACF sono due ottime serie, e quando si riduce la loro valutazione alla maggioranza dei voti secchi che hanno ottenuto le sfumature, purtroppo, si perdono. Ma è il gioco delle nomination, non si potrebbe fare altrimenti; per tutto il resto ci sono le recensioni. Il nostro “giudizio” è molto più vario di quanto tu riesca a leggere da questa selezione, e mi sembra perfino eccessivo doverlo spiegare.

      Concludo dicendo che BCS e HACF (e siamo al livello dell’analisi più spicciola) non sono serie con particolari differenze strutturali e che l’impostazione “ciclica” di cui parli, a conti fatti, è molto più evidente nella seconda. Entrambe parlano in maniera articolata “del fottuto universo umano”, riuscendo ad essere molto acute anche se in modi e con obiettivi ovviamente diversi. Non stiamo mettendo a confronto The Vampire Diares con Mad Men, ecco ( e se per te la differenza è così abissale, due domande dovresti fartele tu).
      Se mi chiedi quale delle due preferisco, la mia risposta è Halt and Catch Fire. Se mi chiedi qual è stato il mio voto, la mia risposta è sempre Halt and Catch Fire. Ma provando a scindere il mio gusto dalle valutazioni oggettive sulla serie (sì, ne sono capace), non vedo alcuno scandalo nella presenza di una al posto dell’altra.

      Infine: se il tuo intervento nasce “per amore della discussione e del confronto”, allora la prossima volta ti consiglio di provare a discutere delle tue idee partendo dal presupposto che, come le nostre, non sono verità assolute (e non per political correctness, è così e basta, sono opinioni). E che, oltretutto, non abbiamo messo insieme una rosa di trashate e roba poco rilevante, ma una selezione – probabilmente non perfetta ma onesta – di serie tutte comunque interessanti ( sì, anche Game of Thrones, che quest’anno ha fatto un’annata fantastica, e non riconoscerlo è decisamente più miope che inserirla tra le 8 prescelte).

      Così, giusto per mettere le cose in chiaro.
      Buon anno anche a te.

       
      • Pogo

        Non sono verità assolute no. C’è solo un piccolo appunto: c’è scientificità nel creare i prodotti audiovisivi perché si ha a che fare con la tecnologia e la tecnica per usarla e anche la sceneggiatura è un misto di creatività e regole tecniche di scrittura…

        Ora, libera di credere quello che ti pare, ma se mi dici che HACF è più “ciclica” (non lo è proprio, tra l’altro) di BCS (la quale seconda stagione è un unico grande “filler” se così si può dire) non credo ci stiamo confrontando su un terreno comune…
        McKee, Field, quella roba lì, insomma.
        Gilligan ha costruito una struttura a gabbia e ciclica.
        Dove la vedi in HACF non lo so.

        P.S. le mie opinioni contano meno di zero.
        È un peccato però che voi vogliate essere o fare “critica”.
        Sono posti come questo che potrebbero superare il concetto di “critica”…
        Ma capisco che io avrò sempre da “discutere” con i critici… perciò my bad.

         
        • Leonida

          In pratica, se ho seguito bene, “io ne capisco di telefilm perché una volta mi son letto McKee”, e quindi la mia è un’opinione super-partes, al contrario della vostra dettata dal tifo. Quando in realtà, vai a vedere che, al Pogo, spettatore-tifoso almeno quanto gli altri (vedesi alla voce “possiamo dire con certezza che i Sopranos è la più grande serie finora realizzata”, ma dove caxxo sta scritto?), gli tira il culo che al suo telefilm del cuore gli abbiate preferito una costola di Breaking Bad?…

           
        • Francesca Anelli

          In HACF succedono ogni anno praticamente le stesse cose: abbiamo un progetto, c’è un problema, troviamo un progetto ancora più figo; siamo un gruppo unito, c’è un problema, ci dividiamo, torniamo a lavorare insieme.

          HACF è una brutta serie per questo? Perché segue sempre lo stesso schema? Assolutamente no. In HACF come in BCS non conta la struttura (o meglio, conta fino a un certo punto e in un momento determinato dell’analisi), ma cosa la riempie. E lo sai anche tu, perché quando parlavi delle due serie, più su, hai messo a confronto da un lato la struttura di BCS e dall’altro il contenuto di HACF. Il fatto che BCS abbia una struttura ciclica (se intendi che è divisa in moduli che si ripetono, ancora una volta mi pare che HACF sia più scoperta nell’utilizzare questo schema) non le impedisce di creare una storia e dei personaggi complessi, ricchi di sfumature, con qualcosa di interessante da dire. Altrimenti ogni storia che segue un modello di storytelling codificato (cioè praticamente tutte) dovrebbe essere considerata povera e banale. Capisci che i piani qui sono diversi?

          Anche perché da un lato parli di “regole tecniche di sceneggiatura” che dovremmo usare come base per la nostra valutazione, poi dici che chi le segue (attenendosi quindi ad una struttura narrativa codificata) fa un lavoro di bassa lega perché, evidentemente, non sa mettere in scena la complessità del mondo. Non ha molto senso – specie se HACF lo fa per prima, e non potrebbe essere altrimenti.

          Tra l’altro il compito della critica (o dell’analisi, se il termine ti dà fastidio) non è contare quante caselle del manuale del bravo sceneggiatore ha spuntato quella determinata serie, ma indagare i motivi di una scelta piuttosto di un’altra, analizzarne il contesto, gli obiettivi, le differenze con quanto è stato fatto prima o viene fatto contemporaneamente da altri. Ci sono considerazioni tecniche “interne” alla serie – come gestisce i passaggi all’interno della storia, ad esempio, e dunque il primo livello dell’analisi – e poi ci sono le valutazioni, che tengono conto di tante cose diverse: i punti di cui parlavo sopra, più la sensibilità personale di chi scrive. Nel primo caso, ovvero il primo livello, c’è forse più oggettività – ma non in senso assoluto, visto che anche nel contesto dell’analisi accademica esistono opinioni e conclusioni diverse, oltre a formalizzazioni sempre nuove – ma non è che nel secondo ci si lasci andare unicamente al proprio gusto. Semplicemente per un critico ( o recensore, o studioso, o appassionato) un elemento è più rilevante di un altro.

          È sempre così, per altro, che si è arrivati a pensare a The Sopranos come la miglior serie di tutti i tempi. Dici che dovremmo considerarla tale TUTTI a prescindere dalla critica, ma tu perché lo pensi? Come sei arrivato a queste conclusioni se non leggendo o facendo delle valutazioni che seguono quello schema più su?

          Quello che cercavo di farti capire in tutti i commenti precedenti è che il processo che ci porta a creare delle gerarchie tra prodotti culturali è estremamente complesso. Non c’è una formula che ci dica con certezza quale sia la miglior serie di sempre o dell’anno, e in realtà non credo neanche abbia senso scervellarsi troppo sulla questione, è un falso problema.

          The Sopranos ha cambiato il modo di fare TV come tante altre serie lo hanno fatto e continuano a farlo di stagione in stagione dopo di lei (anche Game of Thrones ha cambiato il modo di fare tv, se è per questo). Grande serie, soprattutto, non significa solo “quality drama” né, automaticamente, “rischio e innovazione”.

          P.s. non mi sono “offesa”, la mia risposta non è piccata ma semplicemente a tono (tono che hai usato tu). Se rispetti tanto l’intelligenza dell’interlocutore gli riconoscerai di certo beneficio di risponderti in maniera altrettanto schietta e senza inutili servilismi.

           
  • Pogo

    Francesca, The Sopranos è la più grande serie finora andata in onda per ragioni intrinseche (nulla è stato più lo stesso dopo) e per ragioni di narrazione e capacità di scrittura… ma non si può certo ringraziare la critica (o almeno tutta) visto che un buon 50% ha totalmente frainteso il finale, facendo ridere perfino il buon David… Non credo debba star qui a spiegare la grandezza di quella serie, avvicinabile solo da quella mastodontica “tragedia greca” che è The Wire… E poi non mi sembra giusto fare un colossale off-topic.

    Rimandendo all’oggetto del contendere: secondo me continui a vedere un HACF totalmente differente da quello che è stato… gruppo unito? Dove? Ciclicità? Dove?
    HACF di questa stagione è stato un continuo meccanismo di spostamento del centro di potere, fino a portare Donna a trasformarsi definitivamente.

    BCS è già di suo ciclico e dopo la seconda inquadratura della seconda lentissima stagione capisci che il fratello fregherà sul finale il nostro eroe, il quale dopo aver mostrato tanta intelligenza si farà fregare come un pollo.
    Del resto Gilligan struttura così le cose: anche WW si faceva fregare da una sciocchezza del tutto superflua per colui che ci era stato presentato come il più figo del bigoncio…
    Ecco, mi piacerebbe tanto una critica che anziché pretendere di spiegare ai comuni mortali perché una cosa è figa, faccia un’analisi vera e coscienziosa con gli elementi che ha a disposizione: così da poter dire, per esempio, che le sceneggiature di Gilligan sono tendenzialmente “paraculo”.
    Poi, oh, a voi piace così (del resto in 30 serie avete messo perfino Love che è robaccia allo stato puro e non avete trovato posto per robe tipo Ray Donovan, Black Sails e Marcella…).
    Vabbè pace e buon anno nuovo.

    Leonida, quando il dito indica la luna… eh… (ah, io McKee non l’ho letto. L’ho studiato – di solito te lo fanno studiare se vuoi diventare uno sceneggiatore e camparci pure – il che non significa che io sia bravo* o che abbia ragione, ma che so esattamente ciò che dico e perché uso certi termini).

    *anche perché quelli bravi scrivono Marcella o Broadchurch etc… e non stanno qui a rispondere ai messaggi di tizi come te che parlano di tifoseria.

     
  • terst

    Siccome voglio flammare anche io, per me l’assenza più scandalosa è quella di Shannara Chronicles per i Terranova Awards!
    Detto questo, sto guardando Crazyhead e mi dispiace che sia uscita così tardi su Netflix per non poter essere candidata in nessuna categoria comedy, perché secondo il mio (non così) modesto parere è nettamente superiore ad alcune tra quelle candidate.