Shameless – 7×10 Ride or Die 1


Shameless - 7x10 Ride or DieFa davvero piacere vedere Shameless attestarsi su un livello qualitativo più che discreto, portando avanti una stagione che, sacrificando i deliri narrativi e il gusto per l’assurdo, è riuscita a circoscrivere ed eliminare gli intoppi più evidenti e ha messo in piedi storyline convincenti e coerenti.

La puntata precedente aveva introdotto l’immagine dell’uroboro, simbolo di inesorabile ciclicità, di movimento eterno ma fine a se stesso. “Ride or Die” riparte da lì, mettendo in scena l’incapacità di procedere lungo un percorso orizzontale, di inseguire e raggiungere degli obiettivi.
I giovani Gallagher sono cresciuti, non sono più vittime di circostanze avverse, in balia del Caso e della Necessità; chi più chi meno hanno avuto la possibilità di liberarsi dalle dinamiche pregresse e di uscire dalla palude di indigenza e degrado. Le loro scelte sono ora consapevoli, un’accettazione cosciente della prospettiva dualistica esemplificata dal titolo dell’episodio.

Shameless - 7x10 Ride or DieLa puntata settimanale si regge – a livello narrativo e tematico– su un gioco di coppie ben congegnato, la cui efficacia è supportata dalla chimica meravigliosa instauratasi tra gli attori. Frank e Monica vivono l’ennesimo riavvicinamento, un ultimo ritorno di fiamma dell’antica passione. Si tratta di un sentimento violento e fisico che vive dei ricordi del passato e ritrova nuova linfa nel tentativo di rivivere i vecchi tempi, di provare il brivido un’altra volta, di godersi l’ultima scintilla di follia giovanile.
È interessante la caratterizzazione di Monica e, soprattutto, di Frank: nonostante la totale assenza dei vincoli etici comuni e il marcato rifiuto dei comportamenti socialmente accettati e accettabili, i due restano fedeli ad una ferrea morale personale; esiste una linea sottile che non va superata e, soprattutto, un sentimento forte nei confronti dei figli che, andando al di là dei torti e dei soprusi, della mancanza di responsabilità e di sensibilità, dell’inadeguatezza in qualità di genitori, non può essere sopito.

Shameless - 7x10 Ride or DieL’altra coppia, composta da Mickey e Ian, offre una serie di fecondi spunti di riflessione: innanzitutto, parlando di Mickey, si tratta di un ritorno, espediente narrativo a cui Shameless ci ha abituato. In questo caso parliamo di un ritorno lungamente atteso, anche desiderato, soprattutto ricordando gli splendidi momenti di cui i due erano stati protagonisti.
Si evidenzia una volta di più come il nucleo tematico di Shameless sia quell’infinito reiterarsi degli eventi, il fatto che ad ogni caduca risalita corrisponda una caduta altrettanto precipitosa. D’altro canto non si può che essere contenti per il ritorno sulle scene di Noel Fisher che, assieme a Cameron Monaghan, aveva dato vita ad una delle coppie gay più belle e profonde del piccolo schermo. Eppure la fuga di Ian desta numerose perplessità, soprattutto alla luce di quanto era riuscito a costruirsi negli ultimi tempi, di come aveva imparato a far fronte alla malattia, di un lavoro che lo soddisfaceva e gli dava uno scopo. Barattare un’esperienza tranquilla e stabile e partire verso il rischio e l’incertezza alla ricerca del brivido che dia senso alla giornata è una scommessa (e su Shameless le scommesse non pagano quasi mai) che sarebbe stata accettata di buon grado solo da Frank.

Shameless - 7x10 Ride or DieSe di fronte a Ian si aprono orizzonti incerti, davanti a Lip si staglia solo l’oscurità di un’altra ricaduta nella dipendenza dall’alcol. Il personaggio è intrappolato – da un paio di stagioni ormai – in un’impasse senza prospettive particolarmente intriganti. La somiglianza con Frank è andata oltre l’aspetto comportamentale ed ha un impatto visivo sempre più accentuato, sia nell’abbigliamento che, per esempio, nella scena del risveglio sull’autobus. La spirale dell’alcolismo è però una storia che abbiamo già visto e relegare l’attore a reinterpretare se stesso sarebbe frustrante sia per lui che per lo spettatore. Allen White possiede, infatti, spiccate abilità recitative (lo sguardo di terrore e smarrimento quando si risveglia in casa di Helene è toccante e perfetto), confermate da un’interpretazione della dipendenza di pregevole fattura.

Shameless - 7x10 Ride or DiePer la prima volta da anni il personaggio di Fiona non è dipendente dalla presenza di un uomo e può finalmente liberarsi dai vincoli che ne avevano impedito la crescita personale. È stimolante vederla alle prese con la gestione di un’attività sua e con le responsabilità che tale occupazione comporta; il rapporto con Debbie (la cui evoluzione ultimamente ha recuperato energia) e con Etta è messo in secondo piano di fronte alle leggi del mercato, sancendo la crescita definitiva di Fiona che, una volta per tutte, è riuscita a liberarsi dalla vocazione materna – impostale dalle circostanze – che la permeava e che le impediva di maturare come donna. Non è detto che si tratti di un cambiamento positivo, ma la prospettiva di vedere un altro aitante giovanotto pronto ad infilarsi nel suo letto e ad influenzare il futuro di Fiona con la sola presenza sarebbe stata frustrante.

Quando si guarda di Shameless, soprattutto ad un punto così avanzato della narrazione, è necessario mettere in conto una serie di difetti intrinseci alla natura del prodotto e accettarli: solo allora sarà possibile apprezzarne il valore complessivo. Non è un caso che i risultati migliori degli ultimi anni siano stati ottenuti quando gli autori hanno smesso di snaturare la serie inseguendo il colpo di scena paradossale ed hanno partorito un prodotto più profondo con delle tematiche codificate (non sempre particolarmente originali) ed uno sviluppo degli intrecci coerente con esse. “Ride or Die” è un ottimo esempio di questa tendenza: un tema esposto a partire dal titolo dell’episodio e storyline capaci di affrontarlo ed analizzarlo compiutamente. Si sono certamente smarriti quel sentore di novità e l’esuberanza che caratterizzavano le prime stagioni, ma il nuovo percorso intrapreso, ora che ci si avvicina al gran finale, riesce a non dare motivi di rimpianto.

Voto: 7+

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Shameless – 7×10 Ride or Die

  • Teresa

    Questi ultimi episodi mi sono piaciuti moltissimo. Mi piace molto il fatto che Fiona non sia più impelagata in qualche storiella, e che cerchi di realizzarsi nella vita. E mi è piaciuto anche che alla fine lei venda la lavanderia, perché come ho detto l’altra volta, Shameless non è mai banale. In un’altra serie avremmo avuto la favoletta di lei che non vendeva, e che aveva successo sputando sangue lungo la strada.
    Mickey DOVEVA tornare, soprattutto perché la sua storia con Ian non aveva avuto una reale chiusura.
    E alla fine, non avrei giudicato credibile il fatto che Ian restasse a Chicago, gettandosi Mickey alle spalle.
    Per come ci è stata sempre raccontata la loro storia, piena di passione e di gesti eclatanti, per me questa era l’unica via narrativa da prendere.
    Purtroppo, temo che finirà male. Tutti i fan della coppia in giro per il mondo stanno col fiato sospeso, e si stanno preparando al peggio.