Six – 1×01 Pilot 1


Six - 1x01 PilotSix, miniserie in otto episodi, è il progetto con cui History vuole intrattenere i propri spettatori durante le fredde serate invernali. Si tratta di un prodotto adrenalinico, grondante testosterone, che racconta la storia di un’unità SEAL, il Team Six, impiegata nella lotta al terrorismo.

L’episodio pilota si apre con una scena di guerra in Afghanistan in cui Caulder (Kyle Schmid), Buddha (Juan Pablo Roba) e Bear (Barry Sloane) agli ordini di Rip (Walton Goggins) sono sulle tracce di Muttaqi, un evanescente leader talebano. Due anni dopo Rip ha lasciato il Team Six e si trova in Africa dove lavora come mercenario quando, durante un attacco di Boko Haram, viene preso in ostaggio assieme ad alcune studentesse e alla loro insegnante. Compito dei suoi ex commilitoni, ai quali si è aggiunta la nuova recluta Chase (Edwin Hodge), sarà recuperare e trarre in salvo l’ex comandante.

Six - 1x01 PilotIl pilot di Six si configura, già nel primo quarto d’ora, come la sagra dello stereotipo: Marines di poche parole, con il grilletto facile, pettorali rigonfi, mogli meravigliose e problemi giganteschi che li attendono oltreoceano non sono – per usare un eufemismo – una novità di spessore nel panorama cinematografico e televisivo. Il vantaggio di Six, nonostante le terrificanti premesse, sta nell’essere terribilmente attuale, andando a solleticare insistentemente i nervi scoperti dell’opinione pubblica.

Uno spettatore esigente, abituato ad un altro genere di introspezione, non riuscirà a sopportare a lungo la totale assenza di guizzi e di prospettive originali nell’affrontare tematiche così rilevanti; chi, invece, apprezzasse uno show lineare i cui protagonisti, nonostante le beghe interne (sembra che se un Marine non mette le mani al collo di un altro nei primi venticinque minuti lo show non possa essere prodotto), arrivato il momento clou mettono tutto da parte e, coprendosi le spalle a vicenda, portano a compimento la missione, troverà pane per i propri denti.

Six - 1x01 PilotIn tutto ciò l’unico personaggio con le potenzialità per acquisire una certa rilevanza drammatica è quello impersonato da Goggins che, dal canto suo, non è nuovo ad interpretare personaggi alle prese col grigio e le sue sfumature (Justified). Rip, nonostante comportamenti poco credibili, potrebbe rivelarsi un onesto antieroe alle prese con i propri fantasmi e lacerato dai conflitti interiori. Sul resto del cast c’è poco da dire: la stereotipizzazione raggiunge vette eccelse proponendo, in un colpo solo, il fedele gigante che cerca di sfuggire alla realtà, il Marine che vorrebbe lasciare l’esercito ma è troppo fedele ai commilitoni, il soldato insubordinato ed incapace di assumersi le sue responsabilità e la recluta che ha ancora molto da imparare.
Anche le scene d’azione, caratterizzate da un montaggio frenetico e da una regia confusionaria fatta di tagli, shaky camera e scene notturne, non riescono a riprodurre la tensione e l’eccitazione di uno scontro reale. I personaggi, più che su un campo di battaglia in cui sono in gioco le loro vite, sembrano impegnati in una partita di paintball particolarmente coinvolgente, fallendo miseramente nel raccontare la guerra.

Six - 1x01 PilotIl sottotesto di Six è subito evidente: anche i soldati d’élite sono umani e, in quanto composti da carne e sangue come tutti gli uomini, sono fallibili e preda degli errori e delle debolezze delle persone comuni. A causa del loro essere esposti ad esperienze, pericoli, e frustrazioni che non sono in grado di fronteggiare, il rischio di un collasso è dietro l’angolo, e la gestione contemporanea della vita militare e di quella familiare diventa impossibile. Alla luce di simili traumi la differenza tra un Marine e un terrorista diventa improvvisamente sottile, labile; un cittadino americano può passare al nemico e un soldato d’élite fedele all’American Dream può rivelarsi uno spietato criminale di guerra.

Alle spalle dello show ci sono William Broyles (“Apollo 13”) e il figlio David, e nomi del genere, provenienti dall’ambiente cinematografico, potevano far sperare in qualcosa di meglio. L’aspetto più sconcertante è la pressoché totale mancanza di potenzialità e future prospettive di miglioramento. Six non  presenta errori macroscopici, ma un’inesorabile sensazione di già visto assale lo spettatore fin dalle prime scene e non lo abbandona più. Alla luce di un simile approccio – con la regia che non fa nulla per elevarsi dalla mediocrità generale e la recitazione che si adegua spontaneamente ad una sceneggiatura insipida e quasi offensiva nel tratteggiare il genere femminile – è difficile non solo prevedere ma anche immaginare un prosieguo felice della narrazione.

Voto: 4/5

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Six – 1×01 Pilot

  • Valerio

    Devo fare due premesse o precisazioni nei confronti dell’autore:

    1) I Marines sono un’altra cosa, e fanno parte di un’altro corpo
    La US NAVY, cioè la Marina.. ha i marinai ..
    2) Sara steriotipato o meno, ma bisogna riconoscere il grande lavoro dei consulenti tecnici nel proporre un prodotto più verosimile alla realtà .. riproducendo linguaggio tattico e motorio.. dai movimenti all’equipaggiamento.. il che, porta a rendere lo show…. TRIPLA AAA!
    Come o quasi fosse una produzione di Micheal Bay, anche se un kolossal come 13 Hour è distante.. saluti.