Streaming online: le 10 serie più viste


Streaming online: le 10 serie più vistePer i grandi network televisivi la battaglia per gli ascolti è terreno di scontro continuo. Se infatti le idee più originali possono dar vita ad un confronto costante in termini qualitativi, è sulla quantità (di spettatori, dunque di ascolti) che si giocano spesso i match più importanti.

Alla logica degli ascolti non scappano neanche i numerosi e nuovi servizi di streaming online, che, pur sopravvivendo grazie ad abbonamenti più o meno costosi, devono fare i conti con il gradimento dei loro iscritti, che potrebbero avvicinarsi ai competitor per cercare contenuti migliori.

Per questo anche Netflix, Amazon, e Hulu – tra i più famosi servizi di streaming online – non devono solo puntare l’attenzione sugli abbonamenti venduti, ma anche monitorare quello che guardano i loro iscritti, con l’obiettivo di offrire contenuti, anche originali e graditi ai loro clienti, per poter quindi conquistarli per un altro mese. Se però i canali tradizionali non fanno mistero dei loro dati di audience, Netflix e gli altri servizi online non hanno mai rilasciato ufficialmente i dati di ascolto dei loro programmi. I motivi sono essenzialmente legati al tipo di fruizione tipica del prodotto on demand: non solo la visione nel giorno della premiere, ma anche quella posticipata su periodi più lunghi, anche grazie alla possibilità di fare binge-watching in qualsiasi momento – metodi che sfalserebbero un monitoraggio degli ascolti di tipo tradizionale.

A risolvere questo problema è entrata in scena la società Symphony Advanced Media, che sta diffondendo questi dati misurandoli lei stessa. Nata da quattro anni sotto la presidenza di Charles Buchwalter, che ha lavorato 13 anni per Nielsen – l’auditel americano –, la Symphony Advanced Media, tramite misurazioni statistiche, ha diffuso l’elenco degli show originali più visti delle piattaforme online; questa classifica si è portata dietro non poche polemiche, la prima delle quali scaturita direttamente dal Chief Content Officer di Netflix che, volendo preservare la segretezza degli ascolti dei suoi programmi, ha descritto questo lavoro di analisi ascolti come “remarkably inaccurate“.

Di seguito trovate dunque la classifica degli show online originali più visti del 2016 (i dati sono relativi ai primi 35 giorni dalla release ufficiale americana):

  1. Orange Is the New Black (st.4) — 23 milioni di views
  2. Stranger Things — 21.7 ml
  3. Fuller House — 21.5 ml
  4. Marvel’s Luke Cage — 12.1 ml
  5. Marvel’s Daredevil (st.2) — 11.6 ml
  6. House of Cards (st.4) — 8.8 ml
  7. Unbreakable Kimmy Schmidt (st.2) — 8.4 ml
  8. The Ranch — 5.8 ml
  9. 11.22.63 — 5.3 ml
  10. Amanda Knox — 4.96 ml

La classifica diffusa da Symphony Advanced Media mostra chiaramente come Netflix sia leader del settore, occupando tutti i posti in classifica – tranne uno (di Hulu) – divisa in 1 dramedy, 5 drama, 3 comedy e 1 documentario. Altri show non sono entrati nella top 10, ma è interessante segnalarli: Narcos 2 (3.8 ml), Black Mirror 3 (3.7 ml) e The Crown (3.5 ml) sono rispettivamente alle posizioni 14, 15 e 16, mentre la terza stagione di Bojack Horseman (2 ml) è alla posizione 22 della classifica.

Con questi dati alla mano è importante anche capire quanti utenti abbia Netflix: IHS Markit, società americana che fornisce servizi di informazione e analisi, ha stimato che nel 2018 il sito di streaming avrà 100 milioni di utenti globali, di cui 75 nei mercati internazionali.

A questo punto la palla passa a Netflix, ma anche agli altri servizi online, che dovranno decidere se studiare un metodo di rilevazione dati in base alle abitudini di visione dei loro clienti o continuare a ometterli.

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Davide Canti

Noioso provinciale milanese, mi interesso di storytelling sia per la TV che per la pubblicità (in fondo che differenza c'è?!). Criticante per vocazione e criticato per aspirazione, mi avvicino alla serialità a fine anni '90 con i vampiri e qualche anno dopo con delle signore disperate. Cosa voglio fare da grande? L'obiettivo è quello di raccontare storie nuove in modo nuovo. Intanto studio, perché il pezzo di carta è importante, si sa! "I critici e i recensori contano davvero un casino sul fatto che alla fine l'inferno non esista." (Chuck Palahniuk)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *