Disjointed – 1×01 Omega Strain 1


Disjointed – 1×01 Omega StrainNetflix l’innovatore, la gallina dalle uova d’oro, il nuovo baluardo della qualità audiovisiva serializzata ha proposto ai suoi clienti una nuova sit-com sulla marijuana in questa calda estate 2017: queste sono le premesse che accompagnano Disjointed e che già fanno sorridere – ma per i motivi sbagliati.

Questo show ha il pregio di essere fortissimo almeno sulla carta: l’autore del progetto è uno che di televisione se ne intende, Chuck Lorre (papà di Dharma & Greg, Two and a Half Men, The Big Bang Theory, Mike & Molly, Mom e il futuro Young Sheldon), che ci ha riprovato con il genere che più si addice alle sue corde, chiamando nella sua squadra David Javerbaum, vincitore di 13 Emmy e autore per il Daily Show di Jon Stewart e per Broadway; il terzo pezzo forte di Disjointed  è niente meno che Kathy Bates, leggenda del cinema americano e reduce dal recente Feud. Bates interpreta Ruth Whitefeather Feldman, un’anziana attivista che ha passato la sua vita a combattere per la legalizzazione della marijuana e che oggi, nell’America che l’ha resa legale, gestisce un negozio in cui la vende. All’interno della sua attività – in cui è ambientata la storia – troviamo il figlio di colore ambizioso e razionale, la collega con cui lui intratterrà una relazione sentimentale, la giovane cinese che ha lasciato la scuola di medicina per vendere erba, il coltivatore sempre fatto, la guardia di sicurezza/ex soldato con un disturbo post traumatico da stress e tutta una serie di clienti bizzarri che si avvicineranno a questo mondo per la prima volta o che sono convinti consumatori di marijuana da sempre.

Disjointed – 1×01 Omega StrainSebbene sia importante radunare un gruppo di personaggi con un background creativo e pieno di spunti da sviluppare, in una sit-com la qualità sine qua non per creare un prodotto interessante è una buona comicità, che batte qualsiasi altra caratteristica – che magari avrebbe fatto la fortuna di una serie drama; per questo motivo, il successo di “Omega Strain”, scritto da Chuck Lorre e David Javerbaum, si riduce tutto alle risate che ci ha fatto fare – o non fare. In un momento storico in cui i meticci di genere hanno rivoluzionato il panorama audiovisivo internazionale, l’unica cosa che ci aspettiamo da una sit-com come Disjointed è che quindi ci faccia ridere, e questo non sempre accade. La TV via streaming unita alla marijuana avrebbe dovuto produrre un risultato molto più tagliente, aiutato dal personaggio di Bates, la nemesi di ogni dolce vecchietta over settanta, una anti Betty White con la canna in bocca e la testa tra le nuvole; invece il risultato è molto più educato di quello che dovrebbe essere, non riuscendo quasi mai ad inserire nelle battute quel quid che possa rendere la serie memorabile.

Ovviamente non basta più solo parlare di droga per essere innovativi; solo per quanto riguarda la cannabis, abbiamo dei degni predecessori, che hanno già infranto i confini della comicità, mettendo i loro paletti un po’ più in là: Weeds, High Maintenance e Workaholics sono solo tre esempi di serie che sono riuscite a farsi notare parlando di questo tema. Quello che manca a Disjointed è la loro sana cattiveria, capace di prendersi gioco della marijuana, distruggendo contemporaneamente tutti gli stereotipi legati ad essa. Lo show di Netflix è troppo classico sia per il suo distributore, sia per il tema trattato, diventando una versione edulcorata di quello che ci si aspettava, risultato che ci lascia poco soddisfatti. La serie però non è tutta da demolire: questa sit-com parte da una base creativa e interessante e porta avanti il racconto imbastendolo di una comicità in linea con gli altri prodotti dello stesso genere degli ultimi dieci anni; per il momento non troviamo nessun picco né in positivo, né in negativo, cosa che rende questa commedia un piacevole passatempo per chi sa accontentarsi.

Disjointed – 1×01 Omega StrainL’unico elemento degno di nota all’interno dell’episodio è l’innesto animato che coinvolge Carter la guardia: la breve sequenza accompagnata da una voice over che racconta la storia dell’ex soldato è un mix tra un’esibizione open mic di poesia e un pezzo rap molto ritmato e coinvolgente; tutto deriva dal suo disturbo post traumatico da stress, di cui soffre sin dopo il suo ritorno dall’Iraq, che gli dà delle allucinazioni, tradotte in brevi cartoon. L’assoluta serietà di questi momenti aiuta la stratificazione del personaggio e di tutta la serie, che acquista punti e ci fa intendere che, probabilmente, qualche altro asso nella manica verrà utilizzato per far emergere questa sit-com dal mucchio.

Dopo una sola puntata è difficile dare un giudizio su un prodotto che ha bisogno di tempo per carburare e trovare il proprio equilibrio tra le battute e i momenti che ci preparano ad esse; per il momento, però, Disjointed non ci ha colpito per originalità e per arguzia, riuscendo però, al contempo, a portare lo spettatore fino alla fine. I venti episodi della prima annata avranno il compito di creare un universo più sfaccettato e solidificare le personalità dei protagonisti, con il coraggio, però, di aggiustare in corso d’opera tutto quello che non funziona.

Voto: 6–

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Davide Canti

Noioso provinciale milanese, mi interesso di storytelling sia per la TV che per la pubblicità (in fondo che differenza c'è?!). Criticante per vocazione e criticato per aspirazione, mi avvicino alla serialità a fine anni '90 con i vampiri e qualche anno dopo con delle signore disperate. Cosa voglio fare da grande? L'obiettivo è quello di raccontare storie nuove in modo nuovo. Intanto studio, perché il pezzo di carta è importante, si sa! "I critici e i recensori contano davvero un casino sul fatto che alla fine l'inferno non esista." (Chuck Palahniuk)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Disjointed – 1×01 Omega Strain

  • Maurizio

    Io l’ho trovato molto originale e interessante, peccato che non tutti riusciranno ad afferrare al 100% citazioni e fatti.
    Alcuni Stati Americani(Colorado California e Oregon in primis) hanno legalizzato questa pianta miracolosa, e hanno fatto un progresso negli ultimi 10/15 anni che noi non possiamo neanche immaginare.
    Sicuramente è un telefilm che mostra una bella realtà, che fino a poco fa potevamo solo sognarcela.
    Peccato che gli Americani trasformino qualsiasi cosa in business, rovinando tutto.