Black Mirror – 4×02 Arkangel 4


Black Mirror - 4x02 ArkangelCome ormai tutti sanno, il focus principale di Black Mirror è sempre stato il legame tra essere umano e tecnologia, declinato e analizzato nelle sue diverse forme: in particolare, quello che nelle prime due stagioni interessava i racconti di Charlie Brooker era il ruolo del progresso come amplificatore o conseguenza di caratteri di natura intimista e personale. Semplificando molto, un oggetto tecnologico non è pericoloso in sé, ma solo nel momento in cui viene creato e/o utilizzato da un essere umano per assecondare desideri in genere molto rischiosi.

Soprattutto agli inizi, questo discorso è sempre rimasto interessante grazie alla sua capacità di esplorare il legame stesso che sussiste tra le due cose: c’era un vizio o un elemento umano di fondo e un dispositivo che lo metteva drasticamente a nudo, ma la parte più interessante stava proprio in come questa messa a nudo avveniva. Si creava così una sorta di equilibrio, che riusciva a bilanciare l’elemento personale di storie spesso ammiccanti a strutture ben note e quello della riflessione sul progresso e i rischi (o, in qualche raro caso, i benefici) che ne derivano; era fondamentale, soprattutto, la coesione del quadro generale, che riusciva a valorizzare entrambe le dimensioni senza sbilanciarsi troppo verso un lato o l’altro.
Questo tipo di struttura è stato ripreso nei migliori episodi della scorsa stagione (“Nosedive” e “San Junipero”) ma volontariamente abbandonato in altri, scegliendo di concentrarsi sul racconto umano in sé e lasciando l’elemento tecnologico a rivestire un ruolo quasi marginale nella storia (si pensi a “Hated in the Nation” o “Shut Up and Dance”). “Arkangel” è radicalmente diverso da questi ultimi, in quanto l’obiettivo è chiaramente quello di creare un episodio sul modello delle prime stagioni, in cui la tecnologia torna ad assumere un ruolo essenziale: manca, tuttavia, quel fondamentale elemento di coesione di cui si parlava prima, e la qualità del racconto ne risente sensibilmente.

Black Mirror - 4x02 ArkangelCome accaduto in precedenza, la puntata si rifà, nella struttura, ad un modello pre-stabilito, ovvero quello del coming of age movie lievemente riadattato per l’occasione. Jodie Foster gira “Arkangel” come se fosse un film indipendente, in accordo con la sceneggiatura di Charlie Brooker che ne ripercorre i passi principali (l’orizzonte temporale molto ampio, le prime esperienze sessuali e non della protagonista, il rapporto con la madre) aggiungendo però il tocco distintivo della serie. In questo caso, si parla del dispositivo che permette alla madre di sorvegliare la figlia ed idealmente proteggerla da situazioni potenzialmente sconvolgenti o pericolose: è un chiaro canale per studiare l’ossessione del genitore verso il figlio, l’incapacità di accettare il valore formativo di alcune esperienze drastiche e a prima vista evitabili.
Il messaggio di fondo non è particolarmente illuminante, ma nella prima parte funziona piuttosto bene: la caratterizzazione della figlia rimane comunque subordinata alla dimensione della madre, la cui mania di controllo è efficacemente veicolata dall’utilizzo del dispositivo Arkangel. La madre è la protagonista della prima parte, e si crea una potenzialmente interessante riflessione sulla necessità di venire a patti con la crescita e l’allontanamento della figlia: come si diceva, il racconto mima una costruzione già vista, ma parla dell’argomento attraverso uno strumento che ne scopre delle nuove sfumature.

La seconda metà è quella che scopre i difetti dell’episodio: l’attenzione si sposta prevalentemente sull’evoluzione della figlia, ma la madre rimane il personaggio in cui identificarsi per la riflessione sulla tecnologia. Si creano quindi due dimensioni poco equilibrate, che cozzano costantemente tra di loro: da un lato c’è la crescita della figlia, gestita un po’ troppo scolasticamente secondo i topoi da film indie a cui si ispira; dall’altro veniamo saltuariamente rimandati all’ossessione per il controllo della madre, che, non ricevendo l’attenzione necessaria, fatica a far evolvere il tema dell’episodio. Il discorso sulle varie implicazioni del dispositivo si ferma, e la seconda parte sviluppa senza particolari guizzi la storia lanciata dalla prima: la conclusione rimane quindi scontata e un po’ forzata, soprattutto se si considera il grandissimo potenziale mai sfruttato che a tratti punteggia l’episodio.
Black Mirror - 4x02 ArkangelIn particolare, è un peccato che tutta la questione del parenting control venga appena accennata e solo in alcune situazioni isolate: oltre ad offrire spunti paradossalmente più interessanti del tema principale del racconto, il discorso sulla “censura” degli eccessi del mondo esterno si lega estremamente bene con il racconto di formazione di Sara. È per questo che, forse, un episodio maggiormente incentrato su tale aspetto avrebbe costruito un quadro più coerente, se si considera che lo sviluppo della violenza repressa della ragazza passa troppo spesso in sordina, per riemergere troppo bruscamente sul finale; sequenze come quella della prima esperienza sessuale, o dell’infarto del nonno, sono incredibilmente efficaci nel costruire una profondità del personaggio legata a doppio filo col tema portante della serie, ma non sono abbastanza. Sara viene segnata da questi frangenti occasionali, ma nel complesso continua a seguire il percorso “standard” verso cui la struttura narrativa del genere scelto la indirizza; anche la questione del controllo costante non influenza il personaggio se non alla fine della storia, quando la figlia viene messa a conoscenza dell’accaduto. Il climax finale che porta al rigetto della madre è potente, ma, come si diceva, l’influenza del parenting control sulle tendenze violente di Sara non è analizzata abbastanza durante il racconto per rendere l’esplosione violenta della teenager coerente con la sua evoluzione.

In sostanza, “Arkangel” soffre di un problema di equilibrio: è un episodio che a tratti assume i contorni del racconto di formazione di ampio respiro, mentre in altri momenti ci riporta nel pessimismo e nel fatalismo che caratterizzano la scrittura di Charlie Brooker, passando da un registro all’altro senza intrecciare in maniera coesa le due dimensioni. Il risultato è una puntata dagli spunti e dalle idee molto interessanti, costellata da ottime performance e un ritmo ben gestito, ma che perde nel quadro generale, riuscendo a sviluppare un racconto riuscito nel suo ritorno alle origini della serie solo per metà.

Voto: 6½

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

4 commenti su “Black Mirror – 4×02 Arkangel

  • Marco Sicilia

    Secondo me la violenza finale non è causata dal fatto che la bambina ha avuto attivo sempre il parental control, anche perchè nella puntata non c’è nulla che faccia pensare che la ragazza non abbia sviluppato la capacità di distinguere il bene ed il male. Semplicemente col parental control attivo la ragazza oltre a non vedere non prova emozioni verso quello che sta accadendo. Buona recensione ma forse un filo troppo critica verso una puntata comunque ben girata, che funziona e che è da black mirror al 100%. Ovviamente non la trovo al livello delle vette della serie.

     
    • Pietro Franchi L'autore dell'articolo

      In realtà a me pare che di sequenze mirate all’esprimere l’incapacità di controllarsi e di trovare “una via di mezzo” per Sara ce ne siano: penso, in primo luogo, a quando si punge da sola il dito sporcandosi la faccia di sangue, alla prima esperienza sessuale (in cui la sua unica fonte di ispirazione sono i video porno che aveva visto), la cocaina, eccetera. Mi sembra chiaro un sottotesto di quel tipo, e l’assenza di emozioni, come l’hai chiamata tu (io parlerei più di assenza di empatia), è una delle conseguenze principali del parental control, che, ripeto, a mio avviso sarebbe dovuto essere sviluppato di più: la scena finale mi è sembrata proprio un’esasperazione delle conseguenze di questo “blocco”. Già in questo modo rimane un po’ forzata (come dicevo, la riflessione in proposito non è mai stata sviluppata del tutto), ma se come dici tu non fosse proprio collegata col parental control in generale, allora funzionerebbe ancora meno.
      Per il resto, d’accordo sul fatto che sia una puntata “da black mirror”, ma, ripeto, manca una certa coesione del quadro generale che nelle prime stagioni era più forte; arrivati alla quarta stagione, poi, il rischio di raccontare un po’ le stesse cose è alto, soprattutto con un formato di questo tipo (ma questo è più un discorso generale, slegato dall’episodio singolo).

       
  • magicblack

    Perfetta recensione Pietro, pensi che possiamo parlare di un’occasione sprecata? C’era del potenziale nella prima parte che non è stato sviluppato abbastanza, la seconda parte è stata troppo banale e scontata.

     
    • Pietro Franchi L'autore dell'articolo

      Grazie mille magicblack! Sì, decisamente, occasione sprecata mi sembra perfetto per descrivere un esperimento dagli spunti interessantissimi (l’estetica da indie, le riflessioni potenzialmente molto potenti sul tema dell’episodio) ma che non riesce a gestirli nella maniera giusta. Un difetto, purtroppo, che Black Mirror sembra avere in più di qualche caso negli ultimi anni.