The Americans – 6×09/10 Jennings, Elizabeth & START 6


The Americans - 6x09/10 Jennings, Elizabeth & STARTIl 31 luglio 1991 Mikhail Gorbachev e George H.W. Bush firmano lo Strategic Arms Reduction Treaty (START), l’accordo internazionale che ha preceduto il crollo dell’Unione Sovietica cinque mesi dopo. Poco prima, il 31 gennaio 1990, il primo McDonald’s russo apre a Pushkin Square, a Mosca. Questo finale di serie è strettamente collegato con i due eventi, ma nessuno dei due viene mai nominato. Si parla solo ed esclusivamente delle vicende della famiglia Jennings, un microcosmo americano e russo allo stesso tempo, capace di parlare di mille cose senza mai perdere l’attenzione verso la propria piccola, importantissima storia.

Ed è così che la vicenda di Gorbachev tanto trattata nella stagione non viene mai conclusa, mai direttamente affrontata dal finale se non in qualche breve scambio. Ed anche in “Jennings, Elizabeth”, che lo precede, il focus rimane sempre indirizzato verso il mondo di Elizabeth, dando alla sua interferenza coi piani del KGB un significato solo in quanto passo finale dell’evoluzione del personaggio. Perché anche in una stagione in cui il contatto con la Storia è più invadente che mai, The Americans rimane fedele a se stessa e alla sua impostazione familiare, concludendo un racconto bellissimo nella maniera più coerente che avremmo mai potuto immaginare.

The Americans - 6x09/10 Jennings, Elizabeth & STARTPrima di passare all’ultimo capitolo, è giusto soffermarsi sull’ora che lo ha preceduto e ne ha preparato perfettamente il terreno, insieme agli altri otto splendidi episodi. La penultima puntata dello show è, in un certo senso, la conclusione del ciclo stagionale in attesa della chiusura della serie stessa con “START”: il percorso di Elizabeth si chiude definitivamente con un ultimo omicidio, questa volta non in nome della Causa ma in segno di rottura verso di essa. Ad essere precisi, quello che la guida non è tanto il rifiuto dei principi quanto quello dell’istituzione che li dovrebbe incorporare, un’entità che anche alla sua seguace più fedele ha infine rivelato la sua natura strategica e doppiogiochista. Ed è proprio il raggiro personale che porta Elizabeth a farla finita, ad abbandonare quella vita che ha completamente assorbito e disintegrato tutto il resto – “What’s left for you now? Your house? Your American kids? Philip?” commenta scettica Claudia.
Una delle sequenze finali dell’episodio è la diretta prosecuzione di questo discorso. Il durissimo dialogo con Paige è la conferma che è troppo tardi per tornare indietro, per recuperare dei legami che sono ormai profondamente segnati dalle misure estreme a cui si è arrivati in questa annata. La tragedia più grande che gli autori potessero architettare comincia a materializzarsi: e non è un proiettile né una pillola di cianuro, ma la scoperta di voler cambiare le cose solo quando è troppo tardi per farlo. Una rivelazione che suona ancora più dura dopo aver appreso dell’arresto di Oleg, ennesima coincidenza fatalista che vanifica qualunque sforzo compiuto fino a quel momento.

I saw them out of their disguises once.

È su queste linee che si muove “START”, il maestoso e coraggiosissimo epilogo firmato dai due showrunner Fields e Weisberg. Un finale che si regge sulla costruzione delle sei stagioni precedenti, che segue l’escalation di violenza di una stagione sempre sull’orlo di esplodere disinnescando la bomba all’ultimo momento. Una puntata del tutto priva di violenza, ma che non si potrebbe mai definire in nessun modo anticlimatica, al contrario: il finale di serie di The Americans è lo show all’ennesima potenza, carico di tensione e di dramma, dolorosissimo ed intenso fino all’ultimo istante. Come per l’episodio precedente, i pugni nello stomaco arrivano da dove la serie ha sempre pescato, sorprendendo per la scelta degli autori di non cercare nessun compromesso a riguardo: ed è così che “START” vive di sguardi e dialoghi, di tragedie a volte dichiarate ed altre volte solo suggerite, ricordandoci dell’eleganza della serie con un ultimo grande capolavoro.

The Americans - 6x09/10 Jennings, Elizabeth & STARTIl cuore dell’episodio – ma anche dell’intera serie – è facilmente individuabile nella lunga e tesissima sequenza del garage, un confronto che è stato anticipato 74 episodi prima e che si nutre della lunga e complessa evoluzione del rapporto tra Stan e la famiglia Jennings. In particolare, quello che si è costruito negli anni è un rapporto, quello tra Philip e Stan, sì ambiguo e pericoloso, ma soprattutto sincero nel solido legame che ha creato tra i due uomini. Non è un caso che a guidare la scena siano Matthew Rhys e Noah Emmerich, i due veri protagonisti di questo finale, perfetti nell’incanalare le contraddizioni e la connessione che li ha guidati finora: perché soprattutto in quest’ultima annata, Philip si è trovato a far fronte al fallimento della sua vita americana, ennesima condanna dopo la prolungata sofferenza nel KGB. E in un’annata in cui lo spettro degli orrori della vita che ha lasciato indietro continuava a farsi vivo (gli omicidi di Elizabeth annunciati da Stan, il rapporto con Kimmy) mentre quella che ha scelto rischiava di compromettere il futuro di Henry, l’unica consolazione è stato proprio il rapporto con l’agente dell’FBI che si è trasferito vicino casa. Allo stesso modo, la rivelazione di Stan è arrivata così tardi anche e soprattutto per l’onestà del rapporto che ha stabilito con i Jennings, un legame che consolidandosi negli anni come àncora tra i suoi disastri personali non poteva essere messo in discussione; e poco importa, arrivati a questo punto, che siano stati proprio Philip ed Elizabeth ad innescare tante delle tragedie professionali che hanno colpito Stan.
È esattamente per questo che il confronto non poteva che chiudersi in questo modo. Una risoluzione violenta in qualunque modo era l’ipotesi che sembrava più probabile, ma a pensarci bene è un’opzione che pareva coerente nel primissimo episodio e che è cominciata a svanire con la costruzione di quelli che l’hanno seguito. Fields e Weisberg, in questo senso, giocano con l’ambiguità e l’ironia della serie trasformando Stan da condanna a via d’uscita per la famiglia Jennings, puntando sulle relazioni umane che si sono stabilite negli anni piuttosto che sulla soluzione che le avrebbe annullate del tutto.

The Americans - 6x09/10 Jennings, Elizabeth & STARTQuesto, ovviamente, non significa che la rivelazione non abbia delle conseguenze devastanti per entrambe le parti. In molti davano la morte di Stan come scenario più probabile ed in linea con l’anima tragica della serie, ma la punizione che gli viene riservata è, in un certo senso, ben più velenosa. Dopo aver abbandonato la vita in counterintelligence per gli effetti che aveva sulla sua ossessione, il colpo di coda che gli viene riservato è il peggiore possibile: come il passato di Philip tornava e tornerà sempre a tormentarlo nonostante la scelta di distaccarsene, la fiducia di Stan non sarà mai recuperabile del tutto. Ed è crudele come proprio il dialogo con Philip si chiuda con la rivelazione su Renee, che porta a galla un sospetto prima deliberatamente ignorato che, a prescindere dal fatto che sia vero oppure no, sa di condanna definitiva ed irreversibile. In un percorso che ha visto Stan combattere costantemente con le relazioni ambigue che gli si presentavano (si pensi a Nina, a Martha e recentemente ad Oleg), la conclusione amara e fatalista – in linea con la filosofia di questo finale – non poteva che essere questa; un epilogo che mima e giustifica, inevitabilmente, l’impossibilità di scacciare quel sentimento di sospetto che ancora aleggia negli Stati Uniti in tempi recenti.

I don’t want a kid anyway.

The Americans - 6x09/10 Jennings, Elizabeth & STARTPer la famiglia Jennings, la prima grande tragedia si realizza nell’abbandono di Henry. Ancora una volta, gli autori lasciano da parte l’idea della violenza fisica per concentrarsi su scelte narrative ben più significative, e il primo colpo arriva in due parti: nella primissima sequenza con la realizzazione di dover lasciare indietro il figlio più giovane, e in seguito con la necessità di dirgli addio senza potergli rivelare nulla di quello che sta accadendo. Ed è perfetto che sia Philip a proporre l’idea in quanto membro della famiglia più vicino ad Henry, ma sia Elizabeth ad accusare di più il colpo, presa più alla sprovvista da una scelta che era inevitabile fin dal trasferimento in New Hampshire della scorsa annata. In questo senso, le conversazioni tra Elizabeth ed Henry che hanno punteggiato l’annata (la telefonata da Chicago in “Rififi”, il breve scambio quando lui torna a casa) sono state coerentissime nel mostrare un rapporto che si disgrega ma rimane allo stesso tempo significativo per via della sua natura familiare, lasciando Henry amareggiato nella sua incomprensione dei fatti ed Elizabeth distrutta dalla sua incapacità di migliorare le cose. Per tanti versi The Americans trova la sua forza in queste vicende, nella capacità di costruire un fortissimo dramma in una manciata di linee di dialogo.

The Americans - 6x09/10 Jennings, Elizabeth & STARTE proprio in questo senso, è emblematico che la sequenza forse più logorante dell’episodio arrivi senza che sia pronunciata una singola parola, senza che la scelta di Paige di scendere da quel treno abbia bisogno di una spiegazione articolata di qualunque tipo. È una scelta che rende la scena un po’ la prova del nove per la serie: se davvero la crescita di Paige, uno dei personaggi più delicati e più accuratamente costruiti nella serie, è stata gestita coerentemente, le parole non possono che essere superflue. È una filosofia che la serie ha seguito in diverse occasioni (le sequenze nel seminterrato di “Open House” e nel garage di “Harvest” sono già storia della televisione) e che in questo finale trova a maggior ragione la sua forza, dato l’incessante lavoro svolto nelle sei stagioni a cui abbiamo assistito.
Per Elizabeth, l’elaborazione della tragedia assume una dimensione ciclica. Il flashback con Gregory, in un momento in cui l’ostilità per l’America e il marito fasullo che le era stato assegnato erano ancora forti, è un momento perfetto per fare il punto della situazione sull’evoluzione della donna: ora si ritrova a dire addio alla figlia che ha dato un senso alla sua vita negli ultimi anni, e l’unica consolazione viene dalla possibilità di avere di fianco, incurante del rischio di essere catturati, proprio il marito con cui era stata obbligata a vivere. Per quanto il percorso di Philip sia stato tra i più struggenti a memoria d’uomo nella serialità televisiva degli ultimi anni, quello di Elizabeth è sicuramente tra i più complessi: dato il suo idealismo molto più marcato e feroce, era difficilissimo gestire la transizione che è culminata nel penultimo episodio. Eppure, non c’è neanche bisogno di dirlo, Fields e Weisberg sono riusciti nell’ennesimo miracolo, e i richiami simbolici nel sogno di Elizabeth (il quadro che aveva bruciato, tassello fondamentale per l’ultima svolta nella sua evoluzione) sono lì a ricordarcelo.

With or without you

The Americans - 6x09/10 Jennings, Elizabeth & STARTCome si è detto più volte, la grande forza di questa conclusione sta nella sua capacità di trovare il dramma dove la serie sa colpire meglio, evitando lo scioglimento più canonico e violento dell’intreccio per privilegiare una tragedia che è più introspettiva e, per questo, molto più forte e personale. Ma non è tutto scuro quello che vediamo. Parte della forza di The Americans, è giusto ricordarlo, sta nella sua immensa capacità di camminare sul filo sottile dell’ambiguità, muovendosi sempre su una scala di grigi ed evitando a tutti i costi la divisione tra bianco e nero. Questo finale, in questo senso, non fa eccezione: dal punto di vista narrativo, lascia il destino di tutti i personaggi senza un futuro ben delineato, rifiutandosi di sciogliere dei nodi fondamentali (Renee su tutti, su cui una risposta di qualunque tipo avrebbe senz’altro stonato) e concentrandosi sulle possibilità che vengono create, piuttosto che su quello che effettivamente succederà in futuro – come se ci fosse bisogno dell’ennesimo punto di contatto con Mad Men e The Sopranos.
Ma soprattutto, quello che “START” incredibilmente mette in scena è un quadro dove ci sono ancora degli spiragli a cui aggrapparsi. E così è vero che la famiglia Jennings viene definitivamente distrutta e separata, ma Philip ed Elizabeth – cuore pulsante del racconto – rimangono insieme, segnati dall’accaduto ma, proprio per questo, ancora più fortemente uniti di prima. E Paige ed Henry rimangono da soli, certo, ma quello che i loro genitori hanno costruito per loro non è destinato a crollare del tutto, lasciando ancora qualche speranza per il futuro. Perché è vero che questo finale cristallizza una serie di catastrofi che sarebbe stupido ignorare, ma riesce anche a sostenersi su una certa dolcezza e malinconia, aggrappandosi ai legami tra i personaggi e all’affetto che il racconto ha inevitabilmente sviluppato verso di essi. È un episodio complesso e sfaccettato, teso ed emozionante, la sintesi perfetta di dov’è arrivata la serie in questi sei bellissimi anni.

E così tra i Dire Straits, gli U2 e Tchaikosvky, Joel Fields e Joe Weisberg chiudono definitivamente quello che è rimasto della Golden Age della TV americana, firmando per ultimi quell’era che già si era defilata 3 anni fa con la fine della storia di Don Draper. The Americans si è posta in questi anni come un’àncora a cui aggrapparsi per la ricerca del prestige drama che altri non vogliono (e, altre volte, non riescono) più fare, viaggiando su binari già consolidati da altri ma innovando tantissimo nella gestione della complessità del dramma familiare. Come sempre accade, il merito si divide equamente tra le interpretazioni di un cast perfetto e una scrittura e una messa in scena che non hanno mai perso la loro eleganza, privilegiando sempre e comunque (come accaduto per la discussa quinta annata) la coerenza del racconto e dei personaggi che ne stanno al centro. Questa sesta stagione chiude il cerchio con dieci episodi che mantengono la qualità su un livello che sembrava insostenibile, confermando una volta per tutte che, sì, la famiglia Jennings sarà una di quelle da ricordare quando si parla della grande televisione del secolo in cui viviamo.

Voto 6×09: 8/9
Voto 6×10: 10
Voto stagione: 9½
Voto serie: 9+

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

6 commenti su “The Americans – 6×09/10 Jennings, Elizabeth & START

  • Gaia

    Capolavoro, questa serie è un Capolavoro! Penso sia il miglior series finale della storia televisiva.
    I Jennings mi mancheranno davvero tanto.

     
  • Ellis

    Davvero un finale sorprente e superlativo, per personaggi a cui ci si affeziona senza poterne fare a meno..
    Io sono turbatissa da Oleg. Trovo amara, davvero fredda se non gelida, la sua fine. A mio avviso il personaggio con la vicenda più tragica.

     
  • Silvia

    Recensione magnifica per una serie capolavoro che ho amato come poche altre! Forse solo Penny Dreadful era arrivata a toccare questi livelli di eleganza, perfezione, arte nella recitazione e nella sceneggiatura… per poi crollare miseramente con l’imprevisto finale di stagione. Temevo fortemente di essere delusa ancora, ma più ci avvicinavamo al finale di serie per The Americans, più mi rendevo conto che la delusione non era contemplata stavolta… gli sceneggiatori sono stati impeccabili, gli attori qualcosa di unico, una serie tv da ricordare a vita e da rivedere, senza stancarsi mai. Il finale è dannatamente perfetto, coerente ma allo stesso tempo sorprendente… mi aspettavo, abbassando le mie pretese, una decima puntata più d’azione, con violenza e qualche inevitabile morte. Invece hanno compiuto davvero il miracolo: mi sono sorpresa a capire quanto mi sia piaciuta di più questa scelta in mille toni di grigio, ad apprezzare la libertà mentale che gli sceneggiatori ci hanno regalato non risolvendo tutti i nodi, ad elogiare l’estremo rispetto per come hanno trattato questa serie, i suoi personaggi e noi spettatori, fino all’ultimo secondo. Forse Philip ed Elizabeth “si abitueranno”… ma noi no, ci vorrà tempo per abituarsi a una tv senza più The Americans. Applausi e standing ovation!