Marvel’s Cloak & Dagger – Luci e ombre del teen drama supereroistico


Marvel’s Cloak & Dagger – Luci e ombre del teen drama supereroisticoCon uno show che ben bilancia teen drama e supehero fiction sul cable Freeform, la coppia di supereroi Cloak e Dagger va ad espandere il già nutrito Marvel Cinematic Universe. Lo showrunner Joe Pokaski (Heroes) si prende, avvedutamente, più di una libertà creativa nel trasporre sul piccolo schermo Tandy Bowen/Dagger (Olivia Holt) e Tyrone Johnson/Cloak (Aubrey Joseph) rispetto all’originale versione del fumetto creata da Bill Mantlo e Ed Hannigan nei primi anni Ottanta inizialmente come appendice di Peter Parker, The Spectacular Spiderman prima di conquistarsi una vita propria.

Si tratta, in poche parole, di due adolescenti di New Orleans provenienti da due background piuttosto diversi che si trovano connessi da un drammatico incidente che ha tolto loro un familiare e dato un potere fuori dall’ordinario.
Partire da uno stereotipo per decostruirlo non è certo un’operazione originale per l’universo televisivo americano, ma è sempre interessante se, com’è il caso, portata avanti intelligentemente: la “ragazza bionda” e il “ragazzo nero” vengono, nel corso della stagione, stratificati, approfonditi, personalizzati e, soprattutto, confrontati l’uno con l’altro. Tenendo presente che Marvel’s Cloak & Dagger tratta della stessa tematica adolescenziale di Marvel’s Runaways (sebbene non dal punto di vista del gruppo di amici ma da quello della coppia) e che i due protagonisti, proprio come Jessica Jones o Luke Cage, si trovano a fare i conti con tutta una serie di violenze sistemiche ed ingiustizie sociali legate al loro essere donna o di colore, potrebbe sembrare che la serie si trovi con molto o forse troppo materiale da gestire. Ma non è così: lo show riesce a tenere insieme in modo forte ed organico tutti i diversi discorsi, dando vita ad una narrazione che risulta il più delle volte coerente ed avvincente. L’evoluzione dei due personaggi (nel corso di quello che è anche e soprattuto una coming-of-age story), la gestione del rancore di fronte alle ingiustizie, il ricorso al superpotere, vale a dire la scelta di agire fuori dagli schemi ordinari per far fronte all’ingiustizia, sono tutti momenti supportati da una costruzione del contesto e della successione degli eventi davvero paziente e credibile.

Marvel’s Cloak & Dagger – Luci e ombre del teen drama supereroisticoUn altro motivo di forte interesse è sicuramente il modo in cui la serie decide di parlare del superpotere che viene esplorato, compreso e fatto evolvere a partire dalla sua natura squisitamente psicologica. Questa scelta fa spazio ad una narrazione volutamente introspettiva ed onirica che scava nell’intimo e nel subconscio dei nostri personaggi e che si offre a non banali variazioni sul tema di binomi quali luce e ombra, chiaro e scuro, bene e male. Se il potere di Tandy è legato agli aspetti luminosi della psiche, ricordi felici, sogni, speranze, esso è anche capace di evolvere in direzioni inaspettate in mano ad un personaggio così cinico e malinconico. Allo stesso modo la gentilezza e l’onestà di Tyron fanno emergere l’aspetto universale e confortante di paura e sofferenza.
Il fatto che molte scene siano ambientate negli spazi del sogno e del subconscio dei personaggi conferisce, inoltre, alla serie un’estetica tutta particolare, in bilico fra il dark, il weird ed il perturbante che ricorda per certi versi (seppur più modestamente) il lavoro di sperimentazione del linguaggio visivo del genere supereroistico fatto da Noah Hawley in Legion.

Tuttavia, ciò che fa la freschezza di Marvel’s Cloak & Dagger e che lo rende un ottimo romanzo di formazione è sicuramente l’intenzione di portare sugli schermi una coppia di supereroi. Nel corso della stagione ci sono, continuamente e puntualmente, momenti di incontro, di confronto, di rimprovero, di incoraggiamento, di accettazione, di comprensione; ciascuno dei due protagonisti è costantemente messo di fronte all’Altro da sé, al Diverso ma Uguale, lungo il proprio percorso evolutivo, e abbraccia questo confronto. Tale dinamica è trattata in modo estremamente positivo alternando in maniera equilibrata le personali esperienze e battaglie dei due e le occasioni che obbligano la coppia di adolescenti all’apertura, al dialogo e all’autocritica. Il potere, così come il trauma vissuto da entrambi, non è più motivo di solitudine, esclusione, eccezione ed incomprensione come accade in molte narrazioni per adolescenti dello stesso tipo, o almeno non in toto: Tyron e Tandy sono sempre prima o poi messi davanti all’altro della coppia superomistica che ha vissuto lo stesso trauma, che sta vivendo la stessa esperienza di cambiamento e di trasformazione, che è messo davanti alle stesse scelte, anche se in contesti ed in modi diversi, ed impara così, pian piano, a relativizzare, ad empatizzare, a comunicare, a stare con qualcuno.

Marvel’s Cloak & Dagger – Luci e ombre del teen drama supereroisticoL’ultima fatica della Marvel è, insomma, un prodotto più che interessante, capace di parlare organicamente e coerentemente di temi diversi e complessi come misoginia, razzismo, adolescenza, relazione di coppia, sovrannaturale. Oltre a tutti questi spunti tematici e ad un’estetica davvero intrigante, lo show non manca di episodi davvero ben recitati, ben ritmati ed accattivanti, in particolare i primi ed il nono, e si lascia guardare davvero volentieri anche in modalità binge. Marvel’s Cloak & Dagger ha tutto il potenziale per diventare la vostra superhero fiction dell’estate.

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Irene De Togni

Nata a Verona, ha studiato Filosofia a Padova e Teoria letteraria a Parigi. Non simpatizza per le persone che si prendono troppo sul serio ma le piacerebbe che le serie TV venissero prese un po’ più sul serio (e ora che ha usato due volte l’espressione “prendersi sul serio” non è più sicura di quello che significhi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.