Happy Endings – 3×01 & 3×02 Cazsh Dummy Spillionaires / Sabado Free-Gante


Happy Endings – 3×01 & 3×02 Cazsh Dummy Spillionaires / Sabado Free-GanteScavare nel passato per prendere spunti creativi nell’ideare nuove serie TV non è sempre un male. Si dice spesso che i grandi artisti rubino invece di copiare, ed è proprio quello che è avvenuto in Happy Endings, serie del 2011 del network ABC, arrivata al suo terzo ciclo. Vi dice niente Friends?

Sembra strano paragonare queste due sitcom, che oltre al genere sembra non abbiano molto in comune. Invece non è così. Analizzando entrambi gli show, sembra quasi che una sia la versione aggiornata dell’altra, con evidenti cambiamenti, ma con lo stesso scheletro, quello scheletro che ha fatto durare nel tempo Friends e l’ha portato nell’olimpo della TV. E queste analogie sono ancora più evidenti analizzando i due episodi dell’ultima stagione andati in onda fino ad ora.

3×01 Cazsh Dummy Spillionaires

Happy Endings – 3×01 & 3×02 Cazsh Dummy Spillionaires / Sabado Free-GanteLa premiere riprende tutti gli elementi che hanno caratterizzato le due stagioni precedenti: sei amici in una Chicago obamiana ci raccontano la loro vita di tutti i giorni, condita di situazioni al limite dell’impossibile. Il nonsense e l’imprevisto la fanno da padrona, creando un tipo di comicità poco prevedibile e per questo molto più spontanea, ricca di imprevisti e quindi più godibile; difficilmente riusciamo ad anticipare qualche battuta, il senso del già visto e del già sentito è raro. In questa puntata si cerca di riprendere il filo del discorso lasciato aperto nel finale della seconda stagione. Ritroviamo la coppia Alex/Dave riavvicinata (la prima serie parte con il mancato matrimonio dei due ragazzi per colpa di lei, che scappa sull’altare), mentre Brad rimane senza lavoro e Penny inizia a frequentare un nuovo ragazzo. Queste storyline, seppur non fortissime, servono a creare una base per sviluppare i personaggi all’interno degli elementi tipici della comedy.

Happy Endings – 3×01 & 3×02 Cazsh Dummy Spillionaires / Sabado Free-GanteDall’analisi dei protagonisti iniziamo a vedere le somiglianze con la serie degli anni novanta made in NBC. Partendo dallo stesso numero di personaggi, possiamo trovare dei legami molto stretti proprio a livello della loro caratterizazione: abbiamo la coppia che si prende e si molla in continuazione (da una parte Rachel/Ross, dall’altra Alex/Dave), abbiamo la coppia marito e moglie in cui lei porta i pantaloni (Monica/Chandler, Jane/Brad) e i due amici perennemente single e strani (Phoebe/Joy, Penny/Max). All’interno dei due gruppi i ruoli ricoperti sono gli stessi, le figure sono quasi speculari. Ma allora perchè nessuno ha mai parlato di copia? Perché l’autore David Caspe si è limitato a prendere le misure delle fondamenta, senza copiare tutto quello che c’era in superficie. La base solida di entrambi gli show li rende dei prodotti forti ma, avendo poi sviluppato tutta una diversa impalcatura di situazioni, di comicità e stile narrativo diversi, Caspe è riuscito a far emergere l’unicità di Happy Endings proprio tramite l’ispirazione di base: e questo primo episodio esprime al meglio il concetto.

La somiglianza è chiara nella caratterizzazione dei personaggi, che però non sfocia nella copia proprio grazie ad uno stile diverso, sia nella comicità, che nella regia e nella fotografia, meno ingessati che in Friends e, se possibile, più casual. Un senso maggiore di spontaneità, aggiunto alla mancanza delle risate registrate tipiche delle sitcom anni novanta, rende Happy Endings più fresca, giovane e più al passo coi tempi. Anche i rapporti tra i personaggi sono in pieno stile friendsiano, i ragazzi interagiscono a turno con tutti gli altri, così da metterli alla prova su diversi terreni. E la parte interessante è proprio questa struttura che sembra semplice da seguire, ma al contrario si presta molto a possibili fallimenti, che possono essere evitati grazie a personaggi forti e molto presenti nello svolgimento della storia.

Voto: 8


3×02 Sabado Free-Gante 


Happy Endings – 3×01 & 3×02 Cazsh Dummy Spillionaires / Sabado Free-GanteIl secondo episodio conferma ciò che è stato detto prima su questa serie. Pur essendo andato in onda il trenta Ottobre, cioè in pieno periodo di Halloween, non cerca di sfruttare l’evento per portare a casa una puntata a tema, in cui era facile sbizzarrirsi con costumi, case stregate e dolcetti o scherzetti: questo sottolinea la grande fiducia degli autori nella loro scrittura. Non sfruttano un elemento così forte, com’è la festa di Halloween, che magari in mancanza di idee poteva essere utile per confezionare un episodio in più. I richiami alla festività ci sono, ma sono funzionali alla comicità di Happy Endings; la festa si adatta alla serie, non il contrario. La comicità, brillante e nuova, non delude neanche questa volta: la coppia di amici Max e Brad cerca di riprodurre il loro Sabato tipo rendendolo economico (quindi, dal titolo, non più ele-gante, ma free-gante). Si imbattono nelle situazioni più assurde e stravaganti, fino a passare per dei senzatetto agli occhi di un ex collega di Brad. Jane aiuta Penny nell’acquisto di una nuova macchina, sfoderando tutti i trucchi del mestiere per difendersi dai venditori d’auto che cercano sempre di fregarti. La goffaggine di Penny (che per due volte si schianta contro una parete di vetro, frantumandola) si fonde perfettamente con la storia, creando una situazione di opposti con l’amica, che si è intromessa come solo lei sa fare, per farle scegliere l’auto migliore al prezzo più basso. Per ultimi vediamo i due ex fidanzati Dave e Alex che, tornati insieme (momentaneamente), cercano casa facendo impazzire un’agente immobiliare inerme sotto la loro follia. Peccato che i due non abbiano nessuna intenzione di tornare veramente assieme e trovano le scuse peggiori per rimandare l’acquisto, dicendo, per esempio, che una casa non andava bene perché il salotto era troppo piccolo per ospitare combattimenti tra galli.

Voto: 8

Happy Endings – 3×01 & 3×02 Cazsh Dummy Spillionaires / Sabado Free-GanteTornando al confronto con Friends, oltre alle tipologie di personaggi presenti, troviamo anche una serie di piccole somiglianze, quasi degli omaggi, in Happy Endings: in entrambi i gruppi sono presenti dei fratelli, i ragazzi si riuniscono spesso in un locale che è diventato uno dei loro punti di ritrovo, all’interno del gruppo si formano dei triangoli amorosi (corrisposti o meno). E chissà che con il proseguimento della serie non si possano trovare ulteriori punti di contatto.

Happy Endings – 3×01 & 3×02 Cazsh Dummy Spillionaires / Sabado Free-GanteHappy Endings, nonostante le somiglianze, risulta un prodotto originale ed in linea con la nuova comicità portata avanti da ABC (sviluppata anche in un’altra comedy, Don’t Trust The Bitch In Apartment 23). Sembra strano, quindi, che la serie abbia rischiato di chiudere, alla fine della prima stagione, per un numero inspiegabilmente basso di ascolti.  E’ passata infatti dai 7.3 milioni di spettatori del pilot ai quasi tre del finale. La serie era così a rischio, da portare l’attore Damon Wayans Jr. (figlio del papà di Tutto In Famiglia), nel ruolo di Brad, a lasciare la serie per interpretare uno dei coinquilini di Jesse, la New Girl targata Fox. Scampato il pericolo, anche l’attore ha deciso di rientrare nel progetto, registrando di fatto solo la puntata piota per la serie concorrente. Essendosi ridimensionato il caso ascolti, la serie comunque ha registrato per la sua terza stagione il pilot meno visto, con soli 5.5 milioni di telespettatori. Perdere questa comedy sarebbe davvero un peccato, non solo per gli attori molto bravi e credibili nei loro ruoli, ma soprattutto per la scrittura della serie, che resiste, al contrario di altre comedy stantie che si trascinano da molti anni. Gli unici cambiamenti utili da parte del network ABC sono l‘investire in una grande promozione dello show, che potrebbe aiutarla ad avere vita più lunga, e forse ricollocarla al suo vecchio slot del Mercoledì, giorno in cui registrava ascolti migliori. Sperando che nell’imminente pausa di Novembre le cose possano cambiare, se volete farvi una risata, seguite la nuova terza stagione di Happy Endings.

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Davide Canti

Noioso provinciale milanese, mi interesso di storytelling sia per la TV che per la pubblicità (in fondo che differenza c'è?!). Criticante per vocazione e criticato per aspirazione, mi avvicino alla serialità a fine anni '90 con i vampiri e qualche anno dopo con delle signore disperate. Cosa voglio fare da grande? L'obiettivo è quello di raccontare storie nuove in modo nuovo. "I critici e i recensori contano davvero un casino sul fatto che alla fine l'inferno non esista." (Chuck Palahniuk)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.