How I Met Your Mother – 8×10 The Over-correction 2


How I Met Your Mother - 8x10 The Over-correctionC’era una volta How I Met Your Mother, una comedy divertente e frizzante che col tempo perse smalto, avvicinandosi sempre più al baratro degli show partiti benissimo e finiti in decadenza. Due settimane fa ci chiedevamo quanto lontano HIMYM sarebbe potuto arrivare campando di rendita sul proprio glorioso passato e la risposta è arrivata subito: molto poco.

Riavvolgiamo i nastri e torniamo a qualche anno fa: avevamo davanti un prodotto di qualità estremamente alta, una comedy capace di attirare pubblico di ogni genere come solo Friends e, in misura minore, Scrubs avevano saputo fare. Un modello di comedy già sperimentato veniva riproposto con personaggi stereotipati – l’eterna coppia, il romanticone, la dura ed il playboy – ma individualmente superlativi e, cosa ancora più importante, molto profondi e ben caratterizzati, ai quali era associata una sceneggiatura sempre divertente ed originale; con questo flashback avremo chiaro in mente cosa ci ha fatto appassionare ai cinque amici newyorkesi. Ora torniamo ai giorni nostri, in particolare a questa puntata. Visto che non ci erano bastati i divertentissimi (ma anche no) tentativi di Robin di riconquistare Barney in Lobster Crawl, anche questa settimana vediamo la bella canadese intenta ad ostacolare in tutti i modi il vero amore (si, certo) sbocciato tra il suo amato e Patrice.

How I Met Your Mother - 8x10 The Over-correctionPotremmo discutere fino a domani di quanto sia illogico l’amore, di quanto si possa cambiare nell’arco degli anni e di quanto sia difficile per gli sceneggiatori trovare nuove idee, ma qui siamo al limite della schizofrenia per il modo in cui i nostri protagonisti rivivono cose già affrontate prima e le affrontano con una stupidità immensa e per niente divertente. Abbiamo già visto Robin soffrire per un uomo già impegnato (Ted con Victoria, prima stagione) e lì ci eravamo tutti inteneriti di fronte al suo cuore di ghiaccio che si scioglie per la prima volta. Ora invece Robin, che vuole Barney più per uno sfizio da quindicenne in crisi ormonale che per vero amore, sembra la caricatura di se stessa mostrandosi intelligente quanto un carciofo. Il fallimento di HIMYM è quello di aver trasformato i suoi eccellenti personaggi in gusci vuoti, capaci di agire solo secondo i canoni dello stereotipo che hanno creato nel corso delle stagioni. Questo fenomeno è sempre stato evidente in Barney, negli ultimi anni mantenuto a galla solo dal magistrale Neil Patrick Harris, e proprio in questo episodio è portato all’estremo: la dichiarazione da ragazzo carino e coccoloso che Barney fa a Patrice è identica a quella fatta a Nora poco più di un anno fa, al punto che il suo “voglio cambiare, e tu mi fai venir voglia di cambiare” potrebbe tranquillamente diventare un pezzo del fu Playbook. In generale tutti i personaggi sembrano “incastrati” in una storia priva di emozioni e di novità e, come al solito, un pizzico di diversità viene da elementi esterni al gruppo – in questo caso Mickey e la madre di Marshall – capaci di spezzare la monotonia dei cinque protagonisti. Inutile sottolineare ancora una volta come Ted sia completamente inutile e venga tirato per i capelli nelle situazioni che lo coinvolgono, solo perché è il protagonista e non può non esserci nello show.

Detto in breve, questo episodio si incastra in una stagione anonima e finora priva di grandi sviluppi, mantenendo la trama moscia e soporifera tipica di quest’anno. La sua più grande colpa è quella di non creare un minimo di attesa per la prossima puntata che, ricordo, sarà un doppio episodio nel quale si vocifera che accadrà finalmente qualcosa di importante. Uno show che ha così tremendamente bisogno di uno scossone non può gettare alle ortiche anche questa possibilità e, secondo me, avrebbe dovuto fare qualcosa in più per destare interesse negli spettatori che stanno ancora sopportando seguendo la serie.

How I Met Your Mother - 8x10 The Over-correctionHIMYM è pur sempre una comedy, ed in quanto tale vanno spese due parole anche sulle risate che la serie ci assicura. Da questo punto di vista The Over-correction non è affatto male, seppure riproponga talmente tanti riferimenti al passato da sembrare un’immeritata auto-celebrazione. Personalmente ho apprezzato molto le scene in cui Robin cerca il Playbook  ma in generale alcune battute sono state ripetute così tante volte (come gli oggetti mai restituiti a Ted) e delle scene sono tirate talmente per le lunghe (l’intervention per Robin, che si salva in corner con “Please tell me this is about my drinking”) da far perdere un po’ di smalto al tutto.

In definitiva, The Over-correction è un episodio godibile se siete tornati a casa da lavoro e volete perdere una mezz’oretta spegnendo il cervello, dato che le eccessive risate di sottofondo vi sottolineeranno quando c’è qualcosa da ridere togliendovi persino il peso di capirlo da soli. Se invece cercate trama, sviluppi o qualsiasi cosa ricordi vagamente i tempi belli della serie, lasciate perdere e cambiate canale.

Voto: 5, ma solo perché a Natale siamo tutti più buoni.

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “How I Met Your Mother – 8×10 The Over-correction

  • Shadow Meister

    Sotto il profilo delle risate secondo me l’episodio funziona assai, anche le battute tirate per le lunghe…per la storia ormai…sempre quello c’è da dire….non ha senso. Speriamo nel doppio episodio, che secondo me finalmente qualcosa si sblocca (e intuire cosa accadrà non è poi così difficile… ma non voglio spoilerare).

     
  • The Sopranos

    Invece come risate è stata una delle migliori
    Poi con le 2 successive HIMYM si è ripreso anche dal punto di vista narrativo
    Speriamo che sia un una svolta per questa stagione, che ormai sembra il probabile preludio all’ultima, cioè la nona
    Anche se preferirei che la madre venga fatta conoscere entro la fine dell’ottava