The Good Fight – 2×01/02 Day 408 & Day 415


The Good Fight – 2x01/02 Day 408 & Day 415C’è sempre un rapporto molto conflittuale con gli spinoff di serie di (più o meno) successo: il timore principale è che sia solamente un modo per sfruttare un brand che è andato bene per diverso tempo, replicandone – in piccolo – lo stile e le situazioni tipiche senza alcuna innovazione di particolare rilievo. Questo timore, nel caso di The Good Fight, era ulteriormente accentuato dal fatto che sarebbe stato trasmesso da CBS All Access, la sezione a pagamento della CBS (su cui andava in onda The Good Wife), di recente creazione e di conseguenza di scarsa affluenza di spettatori. Uno show dotato, in buona sostanza, del concreto pericolo di rovinare la memoria di alcuni ottimi personaggi già noti della serie principale e con un ruolo artistico ed una narrazione del tutto dimenticabili.

Ecco, The Good Fight è il contrario di tutto questo: la serie, che ha appena ripreso con la sua seconda stagione, si è rivelata essere un prodotto di grande qualità. I coniugi King, gli autori principali di entrambe le serie, non solo non sono inciampati negli stessi meccanismi e nelle stesse situazioni su cui avevano lavorato per parecchi anni, ma sono riusciti a sviluppare un nuovo percorso; pur non tradendo l’originalità di The Good Wife, ne hanno saputo correggere i difetti ed esaltare i già numerosi pregi. Il risultato, dunque, è una serie godibilissima e di grande personalità. Anzi, forse bisognerebbe iniziare a parlarne come di un’entità separata, che alla serie “madre” deve solo il punto di partenza.

E dunque, riportando l’attenzione assoluta su quella che è l’avventura di The Good Fight, bisogna cominciare col dire che questo inizio di seconda stagione non poteva essere più brillante. Nel giro di due soli episodi, soprattutto il primo che regge benissimo il compito di impostare la partenza per quella che sarà l’evoluzione narrativa di questa annata, si ritorna nelle situazioni e nelle grandi discussioni che la scrittura dei King ha sempre saputo creare con un’abilità senza pari.

Com’era anche al tempo di The Good Wife, la serie si muove su tre livelli narrativi differenti: il primo, e più evidente, è ovviamente quello della trama generale; a seguire ci sono i singoli personaggi, che non smettono mai di essere tratteggiati nella loro più intima realtà, ed infine lo sguardo sul mondo esterno, la capacità di saper descrivere una società che è totalmente cambiata rispetto a quella nella quale le vicende di Alicia Florrick si erano sviluppate. Quest’ultimo punto è uno dei più sorprendenti, se ci si sofferma a pensare che siamo alle prese con un semi-procedurale che riguarda avvocati e tribunali. Eppure, lo spettro di Donald Trump non solo è sempre presente – basti pensare a come aveva aperto il pilot – ma diventa elemento fondamentale della struttura narrativa, che passa attraverso una costante lettura della realtà nella quale i personaggi (e non solo) vivono. I King trasmettono brillantemente, senza timore d’ammetterlo, lo sconcerto di una classe socioeconomica e ideologica di impostazione democratica (a cui loro stessi appartengono) per quello che sta accadendo, in un mondo che non riescono più davvero a comprendere fino in fondo.

The Good Fight – 2x01/02 Day 408 & Day 415Ecco perché, nonostante la teatralità della scena possa strappare un sorriso, l’idea di un’ondata di odio nei confronti degli avvocati è tutt’altro che sorprendente o fuori posto: si tratta di una rabbia costante da parte di quella porzione di popolazione che si è (sempre) sentita messa da parte, sfruttata e soffocata da una élite culturale che l’ha troppo spesso ignorata. La rabbia, come si sa, non fa altro che autoalimentarsi, soprattutto se si butta benzina sul fuoco; ed è quello che succede nello show, con una vera e propria guerra senza quartiere. Le conseguenze non possono che avere un impatto più diretto e viscerale su alcuni personaggi. Nel caso di Diane, in particolare, non è semplicemente timore che la propria vita possa essere in pericolo: è qualcosa di più. Si tratta anche di mancanza di certezze in un mondo dal quale ci si sente sempre più estranei, sempre più distanti. Come si può far parte della vita democratica e sociale se non se ne comprendono più lo scopo e le peculiarità?

Ed allora questo punto di partenza, le vicende riguardanti il mondo, si riflette nella trama principale e di conseguenza nella personalità di Diane, la quale, ormai non più di primissimo pelo, si ritrova ancora una volta a dover gestire un valzer di avvocati che cambiano studi, giudici sempre più peculiari (Howard Lyman è un giudice, adesso?), clienti da inseguire, cavilli da trovare e sfruttare. Non che si stia parlando di qualcosa che, in fondo, non le sia sempre piaciuto, tutt’altro; ma sembra evidente che in tutto questo grande quadro la donna inizi a sentirsi stanca e fuori posto. I continui riferimenti a Will Gardner non sono una casualità: si tratta di un amico che è morto per il proprio lavoro, ucciso prima che questa “epidemia” si facesse sempre più concreta, ma comunque vittima di un sistema che non guarda in faccia nessuno. La soluzione trovata a chiusura del primo episodio, le droghe, parrebbe non essere destinata a finire lì.

La peculiarità di The Good Fight, però, è che, nonostante Diane e la sua superba risata, il palcoscenico appartiene anche a numerosi altri attori, vecchi e nuovi. Le vicende di Maia Rindell dovrebbero trovare una parziale risoluzione (vedremo se è così) con la chiusura del secondo episodio, quando è lei stessa a consegnare il padre alle autorità (italiane, tra l’altro, in un gesto di davvero scarsa lungimiranza dati gli accordi d’estradizione). Maia è l’emblema di come questa serie sappia creare personaggi nuovi e dotarli di vita e di sviluppo: basta riflettere su quanto questo personaggio sia cambiato dal pilot ad oggi, tenendo presente inoltre che si tratta del primo vero elemento inedito di questa serie e non ereditato da The Good Wife. Anche grazie ad una Rose Leslie che è cresciuta nella sua Maia, questo personaggio esordiente ha sviluppato un arco narrativo di grande interesse, trascinato a destra e a manca finché non ha deciso di prendere nelle sue mani il proprio destino.

The Good Fight – 2x01/02 Day 408 & Day 415Terzo membro del team principale è Lucca, la quale in verità è partita abbastanza in disparte in questi primi due episodi. Ciò nonostante, però, si tratta di una donna dalla forte personalità alle prese con la fine (ma sarà davvero la fine?) di una relazione e la non totale capacità di riuscire a dominare i propri sentimenti. Accanto a tutti loro una costellazione di personaggi secondari in grado di arricchire costantemente la mitologia della serie. Ai volti noti degli anni passati si aggiunge Liz Reddick, la figlia del defunto socio nominale (intorno al cui funerale si svolge l’intero primo episodio, in una ricchezza di montaggio e di scrittura che sottolinea ancora una volta la bravura autoriale), il cui ruolo sembra destinato ad espandersi, soprattutto in funzione di una possibile amicizia con Diane stessa. Ogni personaggio, anche quello minore, è dotato di qualche sfaccettatura unica e profondamente umana, riuscendo così ad evitare sia la stereotipizzazione che la banalizzazione sempre in agguato.

The Good Fight è tornato più in forma di prima. L’impostazione generale di questi due episodi mostra un grande potenziale che i coniugi King, abili autori dalla penna delicata ed incisiva insieme, hanno tutte le abilità per riuscire a sfruttare: perché di serie in grado di parlare così efficacemente di personaggi, storia ed attualità non se ne trovano molte in giro.

Voto 2×01: 8 ½
Voto 2×02: 8+

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Mario Sassi

Un po' romano un po' napoletano, ha preparato la sua valigia di cartone e se n'è andato a Philadelphia, nella speranza di incrociare Rocky alle prese con un nuovo allenamento. Tra letteratura, cinema e serie TV si domanda ancora come faccia a trovare tempo per respirare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.