This Is Us – 3×01/02 Nine Bucks & A Philadelphia Story


This Is Us – 3×01/02 Nine Bucks & A Philadelphia StoryPuò uno show che basava gran parte del suo appeal sul mantenimento di un mistero e la conseguente imprevedibilità del plot, sopravvivere allo scioglimento di quel mistero? Era questa la domanda che tutti ci ponevamo prima di vedere questi primi due episodi della terza stagione di This Is Us, e francamente per il momento siamo ancora molto lontani dal poter dare una risposta definitiva a questo dubbio.

Iniziamo con “Nine Bucks”, un episodio che, pur dicendo molto sulla natura della serie, ci dice pochissimo su dove la serie sia davvero diretta in termini di rinnovamento e di evoluzione del proprio stile narrativo, perché, pur presentando alcune novità sia nella struttura che nella trama della serie, sembra propendere più verso un manierismo nelle soluzioni (che danno l’impressione che si stia procedendo forse un po’ troppo col pilota automatico) che verso un vero e proprio percorso di ripartenza, come sarebbe stato necessario dopo lo scioglimento del mistero della morte di Jack. Un evento che è stato per la serie una vera e propria ancora, capace di tenere ogni volta insieme tutte le storie e la cui importanza narrativa si era già fatta sentire, in absentia, nella debolezza della seconda metà della scorsa stagione.

This Is Us – 3×01/02 Nine Bucks & A Philadelphia StoryA quel mistero, come ci era stato anticipato nello scorso season finale, la première dello show sembra sostituire un altro mistero, ancora legato a un momento di dolore: questa volta non sappiamo chi è il soggetto principale coinvolto (sappiamo che è una donna) ma la serie finora ci ha indotto a pensare a un lutto o a una malattia, comunque a un trauma che in qualche modo è analogo o speculare alla morte di Jack e che coinvolge la famiglia nel futuro anziché nel passato.
Si potrebbe pensare, quindi, che nella peggiore delle ipotesi il centro narrativo di questa stagione di This Is Us si fonderà sulla riproposizione di un meccanismo narrativo che già conosciamo, quello che prevede che la serie dissemini indizi contrastanti sull’evento misterioso e stimoli la nostra curiosità a un tempo, giocando però dall’altra parte con le nostre aspettative e regalandoci continuamente dettagli fuorvianti per tenere alto il nostro livello di attenzione. Una scelta rischiosa proprio per quanto detto sopra: si tratta di un meccanismo che ha costituito un elemento importante nel successo della serie ma che già di per sé aveva esaurito parte della propria carica di novità verso la metà della seconda stagione e che, se riproposto in una sua mera variante (e con un personaggio probabilmente molto meno iconico e potente di quello di Jack), potrebbe quindi rivelarsi potenzialmente frustrante per uno spettatore che si aspetti da This Is Us qualcosa di più che il manierismo nella ricerca dell’effetto sorpresa.

This Is Us – 3×01/02 Nine Bucks & A Philadelphia StoryEssendo decisamente presto, però, per stabilire la direzione narrativa che prenderà la serie, è indispensabile provare a capirne le prime tracce di evoluzione ponendo attenzione anche alle altre novità messe in campo dalla première rapportandole alla sua continuazione nell’episodio successivo.
Innanzitutto, This Is Us in “Nine Bucks” mette il tema dell’episodio ancor più al centro della propria narrazione, addirittura inserendo una storyline esterna – quella di Franco Harris, ricevitore degli Steelers di Pittsburgh e della sua leggendaria “Immaculate Reception”, avvenuta nel divisional round dei play-off della American Football Conference nel dicembre 1972. Harris riuscì a segnare un touchdown che sembrava impossibile e che fu un punto di svolta per gli Steelers, che dopo decenni di insuccessi vinsero la loro prima gara di playoff della stagione, vincendo in seguito 4 Super Bowl in quel decennio.
Usando come spunto la vicenda di football, “Nine Bucks” costruisce un episodio in cui per tutti le cose sembrano andare nel modo peggiore possibile, ma poi un colpo di fortuna cambia la situazione: il primo appuntamento di Jack e Rebecca sembra destinato a fallire ma si conclude inaspettatamente con un bacio; per Kate pare impossibile ottenere la fecondazione in vitro ma alla fine trova un medico disposto a rischiare; Randall è convinto di non aver persuaso Deja a farsi adottare, ma viene sorpreso addirittura da un regalo di compleanno; Kevin e la cugina di Beth tengono nascosto il loro rapporto alla famiglia per paura del giudizio, che si rivela invece pura preoccupazione (almeno per Kevin).

This Is Us – 3×01/02 Nine Bucks & A Philadelphia StoryIl filo narrativo che tiene insieme queste storie è debole, tanto che si fatica a capire la necessità di inserire la vicenda di Harris nella trama se non per ribadire l’amore della serie per tutto ciò che è all-american come il football, tanto più che nel secondo episodio, “A Philadelphia Story”, la storyline esterna scompare come espediente di stile senza nessun apparente motivo, per far rientrare la serie nei ranghi della sua normalità. Ma tutto sommato giudicando solo la première si avrebbe potuto ricavare l’impressione che, sia pure in modo non sempre perfetto, This Is Us rincorresse un tentativo di innovare la propria formula dall’interno.
“A Philadelphia Story” però contraddice totalmente questa impressione e non lascia da parte solo la storyline esterna, ma anche il mistero messo in campo nel primo episodio, dando forma a una puntata totalmente staccata dalla precedente e tendenzialmente centrata su Randall e il suo complesso rapporto con la paternità: questa volta non la propria nei confronti di Deja, ma l’eredità che gli viene dai propri due padri e dal loro essere portatori di valori culturali e razziali totalmente discordanti. Nulla che non si sia già visto nelle due stagioni precedenti, così come abbiamo già visto il conflitto generazionale femminile tra Kate e la madre (che la disapprova costantemente e la mette a confronto con un modello di genitorialità impossibile da eguagliare) e abbiamo approfondito abbondantemente il problema di Kevin con le donne e la sua insicurezza rispetto alle proprie capacità e alla propria fama.
In assenza di nuove idee rispetto alla costruzione dei piani temporali – il principale motivo di interesse della serie per molti, e sicuramente ciò che la distingue da un family drama qualunque, tanto da essere diventato un modello di riferimento –, ci troviamo quindi a constatare quanto i personaggi e i loro conflitti siano stati sviscerati in ogni modo possibile, forse ben oltre le loro potenzialità.

This Is Us – 3×01/02 Nine Bucks & A Philadelphia StoryLa mancanza di crescita in tridimensionalità che si era già notata alla fine della seconda stagione, con l’appiattimento soprattutto dei fratelli sul loro ruolo, sclerotizzati in riproposizioni continue degli stessi topic anziché sviluppati (Kate in perenne lotta con la vita che è convinta le regali soltanto disgrazie, Kevin come idiot savant la cui funzione è fondamentalmente quella di far emergere, attraverso i propri problemi, le disfunzionalità della famiglia, e Randall come elemento di raccordo della figura maschile tra presente e passato, nonché in perenne crisi di identità) inizia a farsi sentire, una volta svelato il centro del labirinto che era stata la morte di Jack. E sebbene Isaac Aptaker, produttore esecutivo della serie, avesse dichiarato non molto tempo fa che This Is Us si sarebbe concentrato sul rompere tutte le regole e sul cercare di mettere alla prova la comprensione del pubblico, “A Philadelphia Story” non sembra lo specchio di uno show intenzionato ad osare.
L’unica traccia di novità è nell’esplorazione dei momenti successivi alla morte di Jack, che mostrano la famiglia durante l’elaborazione del lutto e forse anche la generazione dei conflitti che ne caratterizzano i rapporti interni, oltre che nel potenziale scontro che si delinea tra Kate e Randall rispetto al rapporto con l’eredità di Jack. Ma anche in questi due casi, siamo comunque di fronte alle ennesime variazioni sul tema del lutto e dell’incapacità dei fratelli di elaborarlo in maniera collettiva e non egocentrica. “A Philadelphia Story” può essere quindi vista come la conferma di quanto si poteva supporre vedendo “Nine Bucks”, ovvero che in This Is Us gli escamotage narrativi sembrano ormai essere indispensabili per sopperire alla mancanza di appeal delle singole storie.

Come già detto, è decisamente presto per giudicare il futuro andamento della stagione ma è lecito porsi alcune domande: lo show riuscirà a proseguire il suo percorso innovando la propria scrittura? E se lo farà, sarà nella direzione di una complicazione dei piani narrativi (che per ora non sembra intuibile, ma non è la prima volta che This Is Us riesce a sorprenderci in questo senso) o nella direzione di una crescita delle singole personalità che possa dare solidità alla serie anche al di fuori della ricerca dell’effetto sorpresa? A queste domande è impossibile appunto rispondere ora, ma sicuramente si può dire che in questi primi due episodi siano presenti più debolezze che punti di forza, e che bisogna sperare in un innalzamento successivo della qualità per tenere viva l’attenzione su uno show che sembra invecchiare molto in fretta rispetto alle aspettative che aveva creato.

Voto 3×01: 7
Voto 3×02: 6 ½

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Eugenia Fattori

Bolognese di nascita - ma non chiedete l'età a una signora - è fanatica di scrittura e di cinema fin dalla culla, quindi era destino che scoprisse le serie tv e cercasse di unire le sue due grandi passioni. Inspiegabilmente (dato che tende a non portare mai scarpe e a non ricordarsi neanche le tabelline) è finita a lavorare nella moda e nei social media, ma Seriangolo è dove si sente davvero a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.