Ted Lasso – Stagione 2


Ted Lasso - Stagione 2Quando Apple TV+ ha mandato in onda l’episodio pilota di Ted Lasso, in pochi si sarebbero aspettati che la serie avrebbe avuto così tanto successo, arrivando a vincere addirittura il premio più prestigioso nella sua categoria agli Emmy di poche settimane fa. Nello spazio intercorso tra la messa in onda delle due stagioni, il gruppo di fan è cresciuto esponenzialmente, elevando di fatto Ted Lasso a una delle serie preferite da bingiare nei mesi di pandemia.

Con questa premessa, era inevitabile che le aspettative per la stagione sophomore dello show fossero altissime – e, in alcuni casi, irrealistiche –, ma arrivati alla fine della seconda annata, la sensazione è che sotto molti punti di vista Ted Lasso abbia addirittura migliorato quanto di ottimo era già stato fatto. Sicuramente, come spesso accade per prodotti che raggiungono così tanto successo, c’è stata la classica fase di backlash che si è fatta molto rumorosa soprattutto a metà stagione: tra gli aspetti più criticati, per esempio, c’era l’apparente assenza di conflitto, con i primi sei episodi che pendevano troppo dalla parte del “vogliamoci bene”. La sensazione è che molti di questi commenti – con tutte le loro giustificazioni – fossero dettati dall’esperienza completamente diversa vissuta nel guardare una serie un episodio a settimana invece di fruirla tutta d’un fiato come è successo per la prima stagione; con la possibilità di avere di fronte l’intero disegno come possiamo fare ora, alcune scelte sarebbero probabilmente state apprezzate di più.

Ted Lasso - Stagione 2Il motivo, però, per cui Ted Lasso si è conclusa nuovamente con un finale così soddisfacente, è proprio grazie all’ottimo lavoro fatto nell’ingiustamente criticata prima parte di stagione, in cui sono stati aperti alla perfezione (quasi) tutti quei conflitti confluiti e risolti nello splendido finale. Alcune delle puntate migliori della serie fanno proprio parte di quel blocco iniziale: pensiamo a “Rainbow”, che sfrutta con eleganza tantissimi degli elementi caratteristici delle rom-com e li riadatta alle dinamiche lavorative della serie, o “Carol of the Bells”, puntata natalizia arrivata sugli schermi a Ferragosto che incapsula tutto il cuore e il buonismo di Ted Lasso, ma che si apre con il suo protagonista depresso che guarda It’s a Wonderful Life – un film che, benché definito un classico delle festività, tocca tematiche molto profonde che si riallacciano in parte a quanto vissuto da Ted.

Sul fronte degli aspetti lavorativi legati al mondo del pallone, questa stagione ha sicuramente offerto molto poco, ribadendo quanto già mostrato l’anno scorso: Ted Lasso, più che sul calcio è una serie su un gruppo di persone che cercano di diventare persone migliori, anche grazie al coach interpretato da Jadon Sudeikis. La scelta di lasciare così poco spazio al cammino di una squadra finita in Championship che cerca di tornare in Premier League si rivela vincente; dopotutto, era anche difficile immaginarsi che avrebbero lasciato l’AFC Richmond a navigare un altro anno nella seconda divisione inglese.

È anche molto curioso come elementi che avrebbero potuto essere sviluppati anche per un’intera stagione, come la protesta di Sam Obisanya nei confronti della Dubai Air, si risolvono praticamente fuori campo con l’arrivo sulle magliette nelle puntate successive del nuovo sponsor Bantr. È chiaro che il destino in sé dell’AFC Richmond, non solo sportivo ma anche economico, non fosse al primo posto tra le priorità degli autori; ciò non toglie, nonostante la risoluzione per certi versi anti-climatica della questione Dubai Air,  che l’episodio in sé sia importantissimo in quanto il primo tassello del percorso di cambiamento e crescita dedicato a Sam.

Ted Lasso - Stagione 2Parlando di cambiamenti, è impossibile non elogiare il lavoro fatto su Nate, che passa dall’essere prima un magazziniere nell’ombra a vero e proprio fautore a livello tattico della promozione della squadra. La sua discesa verso il lato oscuro della Forza durata due stagioni, è tra gli aspetti meglio riusciti della serie; è proprio la tipica dinamica di Ted Lasso in cui siamo abituati a vedere i suoi protagonisti riuscire a emergere dalle difficoltà e migliorarsi che rende così doloroso questo cambiamento. Nel finale, quando Nate si rivolge a Ted nello spogliatoio a fine primo tempo, è come se stesse scaricando sul coach tutte le frustrazioni e le sofferenze vissute nel corso degli anni ma causate dall’altra figura paterna, quella vera. Si crea quasi un parallelismo con il finale della prima stagione, quando Rebecca rivela a Ted quello che era stato il suo piano per far fallire la squadra, con la differenza che Nate, nonostante sia stato identificato come fonte dell’articolo sugli attacchi di panico del coach, reagisce in maniera totalmente opposta.

Anche il resto del cast gode di un lavoro estremamente minuzioso nello sviluppo, e anche in questo caso si raccoglie quanto seminato nella prima stagione. Keeley è sempre di più sulla cresta dell’onda della sua carriera, mentre Roy continua a imparare a essere sempre meno quella figura tossica e arrabbiata che quasi sempre identifica un prototipo di atleta mai problematizzato e fin troppo spesso elogiato. Come spesso accade, Ted Lasso parte da dei cliché per sfruttarli e sovvertire le aspettative, dando una tridimensionalità ai propri personaggi che molte serie riescono a malapena a sfiorare.

Quello che però è forse l’aspetto più importante di questa seconda stagione, è il modo in cui è stato affrontato il discorso sulla salute mentale. Come per molti altri degli ingredienti che rendono questa serie così riuscita è un tema che già nella prima stagione era stato trattato, ma con l’introduzione del personaggio della psicologa Sharon Fieldstone gli autori hanno la possibilità di scavare ancora più a fondo alla questione. Al giorno d’oggi è essenziale che si sviluppi una discussione su questo argomento perché si tratta, ancora, di qualcosa che viene visto con scetticismo da troppe persone, soprattutto quando a farne le spese sono personaggi di spicco ai quali applica la formula del “se sono ricchi per forza di cose non possono stare male”, o peggio, del “non possono avere nulla di cui lamentarsi”. Depressione e ansia, invece, sono molto comuni tra i grandi atleti: basti pensare alle importantissimi dichiarazioni rilasciate da Kevin Love e DeMar DeRozan in NBA negli ultimi anni proprio sull’argomento, i primi a parlarne liberamente e veri e propri pionieri di un movimento che cerca di aiutare le star dello sport che, nonostante i privilegi del caso, sono pur sempre esseri umani.

Ted Lasso - Stagione 2L’unico passo falso di questa stagione è l’episodio dedicato interamente a coach Beard. Le sue disavventure londinesi notturne dopo il match contro il Manchester City non hanno l’effetto sperato, anche perché a seguirlo ci sono per buona parte del tempo i tre tifosi dell’AFC Richmond che di certo non sono tra i personaggi più interessanti di Ted Lasso. È comprensibile il desiderio di voler creare un piccolo stacco prima dell’atto finale della stagione, oltre che a essere una pratica abbastanza comune quella dell’episodio speciale, ma coach Beard non è la figura più interessante per essere al centro di un esperimento di questo tipo; in più, la sua relazione con Jane, che sembrava essere stata finalmente risolta e problematizzata, continua ad andare avanti. Il vice di Ted continua a essere una figura indispensabile nella serie ma che funziona meglio quando non è al centro dell’attenzione.

Detto questo, Ted Lasso si conferma una delle migliori serie del momento, poiché riesce a gestire perfettamente la sua natura comica senza avere paura di toccare tematiche difficili – come la salute mentale –, raramente trattate con questa delicatezza. Grazie agli elementi lasciati in sospeso nel finale, c’è già tutto il necessario per pensare che anche la prossima stagione, in cui il derby tra West Ham United e AFC Richmond si consumerà soprattutto fuori dal campo, non deluderà le aspettative.

Voto: 8 ½

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.