Person of Interest 1×05 – Judgment 2


Person of Interest 1x05 – JudgmentCon questo quinto episodio di Person of Interest, si capisce chiaramente quali siano le intenzioni autoriali finora: mettere da parte una eventuale trama orizzontale, forse da far nascere quando si sviluppa una base di pubblico più ampia, e concentrarsi piuttosto sulle storie singole e stand-alone, cercando di dare il meglio in questo frangente.

“Judgment” è un episodio che, infatti, rivela chiaramente questi punti focali: l’assenza totale di flash-back, che negli scorsi episodi ci permetteva di conoscere qualcosa di più dei personaggi principali, è sostituita da un approfondimento sull’aspetto emozionale del caso della puntata, il rapimento di un bambino e tutti i drammi e dilemmi che si sviluppano intorno a questa situazione.

Questa settimana, infatti, la Macchina tira fuori il numero di un Giudice. Ben presto una squadra di rapitori dell’Europa dell’Est ne rapisce il figlio uccidendo la baby sitter; e tutto ciò per far prosciogliere una donna che ricicla denaro sporco da un’accusa portata davanti al tribunale. I vari pezzi si vanno ad aggiungere con grande efficacia, partendo da una situazione iniziale, il rapimento, fino ad una struttura sempre più complessa, in cui soldi ed affari si intrecciano in maniera eccellente.

Person of Interest 1x05 – Judgment

Vero protagonista di questo episodio è sicuramente Reese, il quale non sfata assolutamente il mito della sua invincibilità. È questo quello che ritengo, sinora, il maggiore difetto della serie: Reese è davvero indistruttibile, è un Terminator di carne, l’uomo che si becca un proiettile nella spalla e l’attimo dopo sembra già essersene dimenticato. Per non parlare della scena finale, con lui che riesce ad abbattere quattro persone armate di tutto punto. Insomma, per quanto la sua figura possa essere affascinante – e la forte empatia che sviluppa con il giudice è sicuramente un aspetto notevole – continua ad essere incredibilmente fuori dalla realtà.

Finch, d’altro canto, è del tutto esterno all’episodio, sembra quasi esserne ospite. Di lui si scopre ancor meno, anche se, bisogna dirlo, è l’unico che sembra davvero preoccupato alle implicazioni del lavorare a stretto contatto con un giudice. Finalmente, a mio avviso, questo aspetto viene approfondito: ricordiamoci che i due uomini navigano nell’illegalità più evidente, in barba ad ogni regola. Ed il fatto di trovarsi, questa volta, ad avere a che fare direttamente con un giudice, potrebbe ovviamente mettere in pericolo la propria posizione; peccato che la soluzione assolutamente prevedibile e scontata, renda questo pericolo assolutamente fuori portata.

Si vedono maggiormente in questo episodio Fusco e Carter, che iniziano a collaborare attivamente (seppure l’uomo abbia l’obiettivo dichiarato di mettere la detective fuori strada). Le loro interazioni sono ancora molto deboli, ma non sembra che tale collaborazione sia destinata a durare a lungo, soprattutto basandosi sulle dubbiose espressioni della Carter.

Vero punto forte dell’episodio, tuttavia, è il modo di gestire il caso stesso. Se la vicenda non brilla certamente di originalità, quel che è certo è che l’emozione che si cerca di suscitare sicuramente colpisce allo stomaco, soprattutto dopo l’omicidio dell’innocente tata. C’è da dire anche che le guest star di questa quinta puntata sono state davvero ottime e piuttosto convincenti nelle loro interpretazioni.

Person of Interest 1x05 – JudgmentEd arriviamo all’ultimo punto che ritengo interessante: la crescita, a piccoli passi, della fiducia tra Reese e Finch. Se ad inizio episodio sembra evidente che il primo stia cercando di dedurre dove possa abitare il milionario, al termine dell’episodio, con il sincero ringraziamento di Terminator per avergli dato quel lavoro, Finch si apre, facendo capire che effettivamente in quella tavola calda dove si sono incontrati, egli si è recato piuttosto spesso. Questo rapido scambio di battute, gestite ed orchestrate con gran classe, permettono agli spettatori di vedere come, oltre che tra i due personaggi, anche tra i due attori si sta formando quel legame indispensabile per renderli una vera e propria squadra.

Insomma, in definitiva, l’episodio si comporta bene. Non brilla sicuramente per coloro i quali, come me, prediligono le trame orizzontali, ma mostra tuttavia una sapienza anche nel momento in cui devono svilupparsi, per necessità di pubblico, episodi indipendenti. Tutto ciò lascia ben sperare per il futuro (con un occhio sempre rivolto agli ascolti, veri giudici di ogni serie TV).

Voto: 7- 

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Mario Sassi

Un po' romano un po' napoletano, ha preparato la sua valigia di cartone e se n'è andato a Philadelphia, nella speranza di incrociare Rocky alle prese con un nuovo allenamento. Tra letteratura, cinema e serie TV si domanda ancora come faccia a trovare tempo per respirare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “Person of Interest 1×05 – Judgment

  • alessala

    Ma solo io mi sto cominciando a stufare di questa serie? Dopo un primo episodio stupendo, in quattro episodi hanno rovinato uno spunto importante. Ormai è diventata un’americanata bella e buona: protagonisti infallibili, incongruenze temporali e geografiche, finale scontato. La running plot che va a puttane. No no, questa serie sta cominciando seriamente a fare schifo. Non è nemmeno avvincente, dopo la prima metà mi ero già stufato di vedere sto episodio!!!!