How I Met Your Mother – 7×13 Tailgate 5


How I Met Your Mother - 7x13 TailgateE’ passato un anno dalla puntata Bad News, che destabilizzò gran parte del pubblico inserendo nella serie un fortissimo elemento drama, ed è dunque passato un anno dalla morte di Marvin Eriksen. Ancora una volta questo fattore entra nella vicenda, servendo da escamotage per il racconto di Marshall dell’ultimo giorno dell’anno. 

La prima puntata del 2012 non raggiunge, tuttavia, la complessità dello storico episodio dell’anno scorso: alcuni personaggi vengono certamente approfonditi, ma altre soluzioni vengono utilizzate poco e male, specie se si considerano quelle che coinvolgono il protagonista (che, ricordiamolo, è Ted e non Barney). Ma andiamo con ordine.

Marshall e Lily

How I Met Your Mother - 7x13 TailgateLa sottotrama legata ai due coniugi e alle storie dell’orrore non è tra le più divertenti proposte dalla serie ed è evidentemente funzionale solo alla questione della relazione tra i due ragazzi e i loro rispettivi padri. Il parallelo tra le due situazioni – benché non originalissimo, specie nella parte di Lily – è comunque più interessante rispetto alle gag su misteri, Bigfoot e strani avvistamenti: l’incapacità di Lily di credere in certe cose viene vista come mancanza di una parte della sua infanzia; di contro, la quasi eccessiva fede di Marshall nell’ignoto – “I mean, if there aren’t yetis or leprechauns, what’s the point of even getting up in the morning?” – evidenzia un legame paterno profondo e tipico di tutti quei bambini che vedono nel proprio papà un modello, un idolo, un eroe.

How I Met Your Mother - 7x13 TailgateSpiace un po’ che il rapporto tra Lily e suo padre migliori o peggiori a seconda delle esigenze di sceneggiatura: tutti noi ricordiamo un pranzo del Ringraziamento in cui le divergenze tra i due sembravano essersi appianate e ritirare fuori in questo episodio i medesimi problemi, identici a loro stessi e senza lo straccio di un’evoluzione (“My dad has never been there for me. This is just another chance for him to let me down”) non fa bene ad una serie in genere attentissima alla continuity.

Di altro spessore è la questione Marshall/Marvin. Al di là delle gag in cimitero (intromissioni che risultano sempre più fastidiose per Marshall tanto da inserirsi addirittura nel racconto della storia), la riflessione finale è forse la parte più riuscita dell’episodio. La necessità di Marshall di passare del tempo da solo con suo padre si capisce solo davanti alla sua confessione (“..with you gone, I feel the mystical a little less. Sometimes I feel you a little less”) e allo stesso tempo il motivo di questo suo stato d’animo viene introdotto con delicatezza e con un “non detto”, che solo chi ha perso qualcuno di importante può davvero cogliere: infatti, è solo quando quella persona diventa davvero parte di noi che ci sembra di smettere di sentirla, ma solo perché ormai è davvero dentro tutti i nostri gesti e le nostre azioni e non più qualcosa di esterno e distante da noi.

Robin

How I Met Your Mother - 7x13 TailgateLe vicende legate a Sandy Rivers hanno sempre qualcosa di esilarante, anche se devo dire che questa volta si poteva davvero fare di più. La tecnica dell’anticipare eventi futuri viene usata anche qui, facendoci capire come l’evento di Capodanno porterà Robin ad avere un grandissimo successo (e ancora con Sandy). Trovo fastidioso l’utilizzo di Kevin, introdotto ed eliminato dalle puntate a seconda di come gira il vento, a maggior ragione se si considera ciò che è successo a Robin negli ultimi tempi: qualcosa di cui si fa solo un breve accenno nel suo sfogo pre-diretta e che forse avrebbe meritato un po’ più di attenzione, perlomeno nel suo rapporto con il ragazzo. Ma sono fiduciosa e spero verrà affrontato più avanti – anche perché prima o poi Kevin dovrà andarsene, vero?

Ad ogni modo, è soltanto grazie al ragazzo se Robin va in onda al posto di Sandy (anche se in quelle condizioni dubito che avrebbero potuto riportarlo indietro in tempo per la mezzanotte!) ed è solo grazie a lui che smettono di comparire scritte strane durante la trasmissione. E’ in queste piccole cose che How I met your mother si ricorda davvero come far ridere.

Barney e Ted

Una delle scene più divertenti della serie si trova nella puntata 4×13 Three Days Of Snow ed è diventata un must per quelli che vogliono farsi una bella risata davanti alla frase che tutti noi abbiamo pronunciato almeno una volta nella vita: “We should buy a bar!”.
How I Met Your Mother - 7x13 TailgateEcco, unire questo – e il leggendario nome Puzzles – al barista Doug (incontrato nell’episodio 4×10 The Fight) avrebbe dovuto avere esiti a dir poco esilaranti; ed è per questo che – spiace dirlo – delude il fatto che la parte più divertente di questa storyline sia il sito creato, come sempre, per l’occasione. Le diverse concezioni del bar da parte di Ted e Barney non sono certo imprevedibili, ma (canzone a parte) la riuscita nella puntata risulta molto inferiore rispetto alle aspettative. L’aumento dei prezzi è solo un altro dei fallimenti del progetto Puzzles – il primo si era già apprezzato a suo tempo quando arrivò l’inesorabile Ultimo Giro – e i cappelli umidicci di Doug non fanno ridere se non quando lui ammette, con orgoglio misto a offesa, “I made these hats!”.

Insomma, la puntata appare molto diversificata e i risultati raggiunti non sono sempre gli stessi. Nel complesso l’episodio abbassa l’asticella dei livelli conquistati con gli ultimi episodi della prima mid-season, ma non in modo esagerato: semplicemente la puntata sembra non raggiungere l’effetto comico desiderato, o, in altri casi, offre un significato di fondo di gran lunga superiore rispetto alla resa complessiva.

Voto: 6/7

Best quote of the episode:

Marshall: “Well, if it helps at all, I believe in you, too.
Lily: “Then there’s a pretty good chance I don’t exist.”

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Federica Barbera

La sua passione per le serie tv inizia quando, non ancora compiuti i 7 anni, guarda Twin Peaks e comincia a porsi le prime domande esistenziali: riuscirò mai a non avere paura di Bob, a non sentire più i brividi quando vedo il nanetto, a disinnamorarmi di Dale Cooper? A distanza di vent’anni, le risposte sono ancora No, No e No. Inizia a scrivere di serie tv quando si ritrova a commentare puntate di Lost tra un capitolo e l’altro della tesi e capisce che ormai è troppo tardi per rinsavire quando il duo Lindelof-Cuse vince a mani basse contro la squadra capitanata da Giuseppe Verdi e Luchino Visconti. Ama le serie complicate, i lunghi silenzi e tutto ciò che è capace di tirarle un metaforico pugno in pancia, ma prova un’insana attrazione per le serie trash, senza le quali non riesce più a vivere. La chiamano “recensora seriale” perché sì, è un nome fighissimo e l’ha inventato lei, ma anche “la giustificatrice pazza”, perché gli articoli devono presentarsi sempre bene e guai a voi se allineate tutto su un lato - come questo form costringe a fare. Si dice che non abbia più una vita sociale, ma il suo migliore amico Dexter Morgan, il suo amante Don Draper e i suoi colleghi di lavoro Walter White e Jesse Pinkman smentiscono categoricamente queste affermazioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

5 commenti su “How I Met Your Mother – 7×13 Tailgate

  • Giacomo

    Concordo pienamente con tutto quello che hai scritto, poteva venire molto meglio questa puntata, con Puzzles, Doug, la storyline del padre di Marshall e la canzone del Bar. Credo, e spero, che le prossime puntate miglioreranno il livello di una stagione che, salvo 3/4 episodi, sto adorando.

    “I mean, if there aren’t good How I Met Your Mother episodes, what’s the point of even getting up in the morning?”

     
  • Chiara

    Giacomo LOL… Comunque si, anche io mi aspettavo moooolto di più dal Puzzels, anche perchè ho visto il sito prima della puntata, e ridevo come una pazza!!! Si, con questi spunti si poteva sicuramente sviluppare una trama migliore… Ma non sono d’accordo con quello che hai detto su Lily e suo padre… Insomma, come si affifano alla sensibilità dello spettatore per capire i sentimenti di Marshall così vale per lei, tutti sappiamo che i “daddy issues” non vanno via così facilmente, anche se hanno fatto pace è ovvio che dopo un’azione del genere si rivanga nel passato…
    La storyline di Robin mi è piaciuta invece, e mi sembra sia quella su cui punteranno di più gli sceneggiatori da qui in poi.

     
    • xfaith84 L'autore dell'articolo

      no ma aspetta, io per la questione Lily non parlavo del dopo, ma del prima! Che dopo la telefonata lei ci rimanga male e tornino tutti i problemi a galla, son d’accordo e ci mancherebbe! Mi riferivo al fatto che non gli avesse nemmeno detto di essere incinta e che prima di chiamare dica quella frase sul fatto che lui per lei non ci sia mai stato: è lì che mi dico “ma come, l’ultima volta ce li avete mostrati riappacificati senza un minimo “ma”, e ora addirittura lui non sa che la figlia è incinta?”
      Addirittura io avrei preferito che allora, ai tempi della cena del ringraziamento, la situazione non si chiudesse così alla “volemose bene” come invece hanno fatto; che la situazione si addolcisse ma senza far passare proprio tutto, anche perché diciamolo, certo disagi e certe assenze non si dimenticano con un tacchino e una slapbet. Se avessero fatto così, avrei accettato ben volentieri tutta la scena di questa puntata. Ma vista la scelta diversa fatta allora, ho trovato poco oculata questa scelta iniziale di non dire nulla della gravidanza.
      Il dopo telefonata è, ovviamente, comprensibilissimo!

       
  • s2em

    domanda stupida del giorno: solo io nelle discussioni tra Marsh e Lily ho visto un leggero riferimento all’educazione religiosa? A rileggere il tuo commento, faith, mi trovo con te però vedendo la puntata…avevo avuto un’impressione del genere.
    Per quanto riguarda il fatto che Ted sia un pò troppo in disparte, penso sia vero, però credo che gli sceneggiatori stiano cercando di mettere un pezzo alla volta al suo posto, anche perchè le premesse dell’incontro con la mamma le abbiamo già tutte…l’evoluzione sentimentale di Ted è arrivata al massimo con “as fast as she can”, quando parla con Stella in auto. Infatti di Zoey ci ricordiamo poco o niente come influenza su Ted, no? Una nuova storia avrebbe più o meno lo stesso effetto…e storielle da una botta e via servirebbero ancora meno. Sotto altri punti di vista l’evoluzione è stata più graduale e meno incisiva perchè Ted, rispetto agli altri, era già molto più maturo per le cose serie. Fondamentalmente Ted ora è un personaggio piatto perchè – secondo me – è stato fatto un lavoro fin troppo superbo fino alla quinta stagione. In più far evolvere tutte le situazioni insieme sarebbe un pò caotico. Ps: avete notato come Ted e Barney “isolano” Kev e lo sfruttano? Primi segnali della comune antipatia verso il ragazzo di Robin?

     
    • xfaith84 L'autore dell'articolo

      se fosse un’altra serie potrebbe starci, ma himym non è mai stata particolarmente polemica o comunque interessata a questo genere di risvolti, quindi non saprei. sicuramente il concetto di “fede” e di “credere in qualcosa di non tangibile” tocca tutti gli aspetti del mistero, non solo di bigfoot e simili. Diciamo che in questa serie non mi passa neanche per la mente di vederci questo significato, però in linea generale potrebbe starci eccome.

      Per quanto riguarda Ted, il discorso si fa un po’ più ampio: se partiamo dal presupposto che questo dovrebbe essere il racconto di Future-Ted ai figli, questa scarsa attenzione degli sceneggiatori nei suoi confronti è un’idiozia bella e buona; voglio dire, tu racconteresti mai ai tuoi figli intere annate in cui fondamentalmente non hai fatto una mazzafionda? XD
      Allontanandoci dalla questione – che comunque è a mio avviso importantissima – io non parlo necessariamente di una storia con una ragazza: parlo del fatto che tra tutte le storyline offerte, in genere quelle che riguardano Ted sono quelle meno approfondite e meno ponderate, il che, visto il suo status di protagonista, è terrificante.
      Quando l’anno scorso Robin non aveva uno straccio di vita, mi sono lamentata della cosa perché sembrava proprio che ci fosse un disinteresse nei confronti del personaggio; ora non posso che lamentarmi doppiamente, visto che questo trattamento viene riservato proprio al protagonista!
      Su Kevin…. è un peccato, a me inizialmente stava pure simpatico, ma ora lo stanno rendendo quasi più fastidioso di Zoey XD e non pensavo fosse possibile, eheh…