Now Apocalypse – 1×01 This Is The Beginning of The End 1


Now Apocalypse - 1x01 This Is The Beginning of The EndDi serie che raccontano il mondo dei milliennials, più o meno trasgressive, più o meno furbette, ce ne sono ormai innumerevoli. Alla lista si aggiunge da oggi Now Apocalypse, prima incursione televisiva di un regista, Gregg Araki, da molti appassionati del Sundance già conosciuto per i suoi film controcorrente in grado di raccontare il mondo giovanile (in particolare quello ai margini) in chiave iper-realista, dirompente e sovversiva.

Dopo aver lavorato dietro la macchina da presa per episodi di serie come American Crime, 13 Reasons Why e Riverdale, Araki si getta nel suo primo progetto personale televisivo, dove riabbraccia di nuovo le atmosfere colorate e surreali dei suoi film e dove riprende ad usare la sovraesposizione del sesso come mezzo per raccontare i propri personaggi e le loro insicurezze.

La prima impressione è che Araki, forse ancora poco avvezzo al mezzo televisivo, voglia raccontarci un lungo film di 5 ore (30 minuti ad episodio), dimenticando però che il canale dove va in onda, Starz, non si presta al binge watching, bensì manda in onda le puntate ancora a cadenza settimanale. Il risultato è un Pilot completamente sbagliato dal punto di vista narrativo, che abbozza appena i personaggi senza dirci molto, e che non introduce nulla a livello di plot, a parte il poco interessante dubbio se le visioni del protagonista siano effettivamente tali o realtà. Non si capisce bene dove la storia voglia andare a parare, e nessuna scena eleva lo stile di Araki a tal punto da rimanere impressa nella mente dello spettatore.

Now Apocalypse - 1x01 This Is The Beginning of The EndViviamo in un’epoca in cui la rappresentazione del sesso in tv ha perso molto della sua carica dirompente, anche perché ormai sdoganata in tutti i suoi aspetti. Rapporti omosessuali, masturbazioni, linguaggio sboccato, nudità, fuochi d’artificio metafora di orgasmi, non sono ormai sovversivi come potevano sembrare negli anni Novanta (epoca in cui Araki sembra ormai cinematograficamente essere rimasto), ma necessitano di qualcosa di più elaborato e approfondito per poter scardinare alcuni cliché  e raccontare qualcosa di più di una semplice sovraesposizione gratuita di corpi.

Laddove i suoi precedenti film sovvertivano quei cliché delle serie mainstream che offrivano solo una rappresentazione patinata del mondo teen, scardinando molti dei loro tabù in modo provocatorio, qui invece Now Apocalypse sembra solo giocare con quegli stessi luoghi comuni, esagerandoli senza però riuscire a conferire loro un nuovo impatto. L’insieme risulta quindi un puro divertissment in una confezione carina e colorata, che rimane però completamente vuota, il tutto aggravato per l’appunto da un plot troppo debole per fornire una base solida su cui reggere le inconsistenze del contenuto.

Now Apocalypse - 1x01 This Is The Beginning of The EndIl protagonista, Ulysses (Avan Jogia), perso nell’oceano di incontri random che è il mondo delle app, cerca ancora una sua direzione, tra contraddizioni e insicurezze che troppo ricordano il protagonista di Looking, serie HBO sul mondo omosessuale che già all’epoca aveva scavato in modo nettamente più approfondito in un personaggio simile e raccontato meglio quel tipo di solitudine. Tra i protagonisti ci sono anche Ford (Beau Mirchoff), caricatura del maschio etero alfa già vista e rivista, e Carly (Kelli Berklund), aspirante attrice che nel frattempo si guadagna da vivere facendo la cam girl, espediente che qui viene utilizzato più per mostrarci l’alienazione dei suoi clienti che lei in quanto personaggio.
Il tutto si staglia sulla cornice di una Los Angeles anonima, molto lontana dall’essere protagonista della serie. Oltre la retorica della città del sogno, oltre al superficiale contrasto tra le soleggiate colline e i sordidi angoli bui notturni, la città rimane un puro contenitore superficiale senza anima.

C’è la sensazione che dietro ci siano delle idee un po’ più ampie da sviluppare, ma il pilot si riduce alla presentazione di una minaccia che sembra più una parodia dei film di fantascienza anni Ottanta: lì gli alieni rappresentavano il “pericolo” incombente del comunismo, qui sono la “personaficazione” della minaccia tecnologica, che piomba sul mondo giovanile delle relazioni e sembra volere intrappolare l’individuo in una condizione alienante, nel quale egli si sente sì connesso col mondo, ma anche estremamente solo. Il tutto, di nuovo, si riduce però ad un furbo divertissement fine a se stesso e solo apparentemente provocatorio, il che farà cadere sui prossimi episodi la responsabilità di cambiare marcia, per provare a  dire qualcosa di più oltre che il mondo è un luogo pericoloso, perverso e solitario.

Voto: 4½

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “Now Apocalypse – 1×01 This Is The Beginning of The End

  • Jacopo

    [EDIT] Cerco ovunque ma non lo trovo.
    Grazie:)

    (Edit della Redazione: vi ricordiamo che non è consentito parlare o chiedere di metodi illegali per ottenere prodotti audiovisivi. Grazie)