What We Do In The Shadows – 1×01 Pilot 1


What We Do In The Shadows - 1x01 PilotÈ sempre una sfida complicata mettere le mani su un prodotto ben riuscito per riproporlo in un altro formato, con l’ambizione di migliorarlo o, perlomeno, di non svilirlo in maniera eccessiva. What We Do In The Shadows è un piccolo cult scritto e diretto da Taika Waititi e Jermaine Clement e presentato al Sundance del 2014; il remake televisivo, di cui FX ha reso disponibile l’episodio pilota, vede gli stessi nomi a manovrare i fili e si propone di mantenere lo stile e le atmosfere del film originale.

Girato sotto forma di mockumentary, What We Do In The Shadows segue la vita notturna quotidiana di tre vampiri classici, Nandor (Kayvan Novak), Laszlo (Matt Berry) e Nadja (Nastasia Demetriou), del vampiro psichico Colin (Mark Proksch) e del famiglio di Nandor Guillermo (Harvey Guillen), da dieci anni amico e servitore nella speranza di essere trasformato a sua volta in vampiro.
Alternando nel formato le scene in presa diretta e le videoconfessioni torrentizie dei protagonisti la trama prende il via con l’annuncio della visita del Barone, un antico vampiro europeo giunto a Staten Island per dare nuova linfa alla missione di conquista e predominio dei territori americani da parte della genia vampira.

Ad affiancare una trama orizzontale per ora appena accennata si staglia il contrasto assurdo tra l’elemento soprannaturale e l’estrema quotidianità che permea l’esistenza dei protagonisti, coinvolti in una sorta di coinquilinaggio studentesco. La struttura vignettistica delle singole scene offre agli spettatori un punto di vista sulla surreale monotonia di un’esistenza immortale, dando vita ad un episodio in cui i trenta minuti scorrono veloci e divertenti. Veniamo subito a conoscenza di come la missione di conquista del Nuovo Mondo, inaugurata secoli prima, si sia arenata di fronte alla convivenza all’interno della casa, da dove i vampiri hanno imparato a riempire le proprie esistenze di futilità, perdendo di vista gli obiettivi originali e disconnettendosi man mano dalla realtà.

What We Do In The Shadows - 1x01 PilotWhat We Do In The Shadows trae la propria forza dall’evidente disagio dei vampiri nel rapportarsi all’universo umano, ma, ancor di più, dallo stratificato e centenario universo di relazioni intercorrenti tra di loro, dal modo in cui utilizzano i loro bizzarri poteri, dalle dinamiche infantili che permeano le loro nottate. In questa direzione sono state fondamentali le scelte del cast con attori prelevati dal mondo anglosassone ed inseriti in un contesto prettamente americano. Al resto contribuisce il lavoro di Waititi e Clement che, se nel 2014 potevano risultare sconosciuti ai più, hanno poi dato una svolta alle proprie carriere. Waititi – ormai noto per il suo lavoro su Thor Ragnarok – è accreditato della direzione di un episodio ma ha fornito il suo apporto nel ruolo di produttore esecutivo, mentre Clement ha apposto la sua firma in calce alle sceneggiature di tutti e dieci gli episodi, non mancando di dilettarsi a sua volta in cabina di regia.

In maniera quasi inattesa per un’idea che pare trarre linfa più dalla sua estemporaneità ed efficacia che dalla possibilità di essere riproposta nel tempo, il pilot di What We Do In The Shadows sembra funzionare addirittura meglio rispetto al film originale. L’espansione dei confini, del parco dei personaggi – il vampiro psichico Colin, in grado di risucchiare l’energia vitale dalle persone infastidendole o coinvolgendole in conversazioni spossanti e tediose, è una nuova aggiunta – e della mitologia e la presenza di espedienti visivi come l’utilizzo di illustrazioni artistiche per raccontare le storie dei protagonisti forniscono ampio respiro, promettendo dieci episodi frizzanti e leggeri, in grado di intrattenere non solo una nicchia di appassionati ma un pubblico molto ampio.

Proprio il molto tempo a disposizione potrebbe rivelarsi il pedale del freno di What We Do In The Shadows. La forza dell’idea potrebbe smarrirsi nella sua applicazione, nella ripetizione delle stesse dinamiche. L’esistenza di una trama orizzontale sembra scongiurare questo rischio, impedendo allo show di incartapecorirsi su se stesso, ma saranno i prossimi episodi (quattro quelli ricevuti in anteprima da una critica particolarmente entusiasta) a dare il responso definitivo.
Il pilot di What We Do In The Shadows è un episodio decisamente godibile, divertente a più riprese, in grado di dare vitalità ad un formato, quello del mockumentary, che non ha più molto di innovativo. Il suo punto di forza sta proprio nella creatività e nella capacità esternata a più riprese di creare un universo – quello dei vampiri – in cui alle premesse sovrannaturali si sovrappongono l’assurdità e il disagio della quotidianità. Lo show di Waititi e Clement era atteso con una certa trepidazione da chiunque avesse visto il film e, per ora, si rivela essere un prodotto valido, meritevole delle ore necessarie alla visione.

Voto: 8

Condividi l'articolo
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “What We Do In The Shadows – 1×01 Pilot