The Lost Symbol – 1×01 As Above, So Below


The Lost Symbol - 1x01 As Above, So BelowRobert Langdon è tornato: un po’ più giovane di come ce lo ricordavamo (con il volto rassicurante di Tom Hanks) ma sempre intento a svelare i misteri che lo circondano, soprattutto quando c’è qualche impresa criminale di mezzo. Nulla è cambiato quindi: c’è un rapimento, una setta sinistra e alcuni strani simboli da decifrare. Classic Dan Brown.

Partiamo proprio da qui, da quella serie di gialli che hanno reso famoso lo scrittore statunitense: in teoria, The Lost Symbol è la terza avventura del professor Langdon, e infatti sarebbe dovuto essere il terzo film della saga con protagonista Tom Hanks. La produzione però si arenò, e si decise di girare Inferno, che teoricamente è il quarto libro in ordine di pubblicazione.
Così The Lost Symbol si è trasformata in una serie tv di Peacock, che vuole essere una sorta di reboot del racconto intrapreso con la serie di film, visto che qui Robert Langdon è più giovane rispetto a quello interpretato da Hanks ma soprattutto sembrerebbe questa la sua prima “avventura” come personaggio che conosciamo. Langdon, infatti, si ritrova a dove indagare, insieme alla CIA, sulla scomparsa del suo mentore Peter Solomon, il quale sembra essere stato rapito da un membro di una setta, il misterioso Mal’akh. Subito il professore viene messo al centro delle indagini visto che, per arrivare alla soluzione, bisogna risolvere alcuni rompicapo messi in atto dal rapitore.

The Lost Symbol - 1x01 As Above, So BelowQuesta prima puntata di The Lost Symbol non spicca certo per originalità, ma non ce la sentiamo nemmeno di dare la colpa agli sceneggiatori o al regista: se ci si vuole attenere quanto più possibile ai racconti di Dan Brown, il risultato non sarà molto lontano da quello. Non che i libri o le sceneggiature dei film da essi tratti non siano fatte bene o non siano coinvolgenti, tutt’altro: resta però il fatto che le vicende in cui vediamo protagonista Langdon, a livello macro, si assomigliano un po’ tutte, benché abbiano ambientazioni e sfondo storico diversi.
Ovviamente è un episodio introduttivo, che riesce anche a spiegarci tante cose, forse troppe, come il rapporto di Langdon con il professor Solomon e sua figlia, dove da una parte Robert sarà “costretto” a continuare il pericoloso viaggio per salvare il suo mentore e dell’altro dovrà far fronte alla tormentata storia d’amore (o almeno così sembra) con la figlia di Solomon, Katherine. Visto così, sembra davvero un plot già conosciuto, specie se avete letto i libri di Brown o visto almeno uno dei film di Howard. La prima volta che si affrontano da spettatore/lettore il dipanarsi della storia e lo scioglimento dei misteri – spesso legati anche ad argomenti molto interessanti come esoterismo, religione, storia antica – risulta sicuramente avvincente, ma dopo un po’ che ci si prende la mano, lo schema sembra davvero sempre lo stesso.

Questa puntata infatti si sviluppa in maniera molto convenzionale, quasi scolastica, con tutti i pezzi incastrati in modo sicuramente ordinato ma che “sanno di già visto” è dire poco. Anche le sequenze di azione sono abbastanza telefonate, e sicuramente le parti più interessanti sono quelle legate agli indizi che il villain semina a favore di Langdon, soprattutto perché sono quantomeno curiose da un punto di vista storico e culturale (come il significato del dipinto sul soffitto del Campidoglio). Ma nonostante questo, l’episodio come detto procede senza infamia e senza lode, introducendo la storia e più o meno quello che ci aspetterà nelle prossime puntate. “As Above, So Below” non è infatti uno di quei pilot che invogliano immediatamente lo spettatore ad aspettare la puntata successiva: non c’è niente di particolarmente attraente, nessun evento degno di nota che discosti il racconto da un percorso già tracciato e intuibile, soprattutto se si è avvezzi a un certo tipo di scrittura di genere.

The Lost Symbol - 1x01 As Above, So BelowLa scelta di puntare su Ashley Zukerman come protagonista sembra comunque buona. L’attore è calato bene nella parte, ha l’aspetto di un intellettuale ma allo stesso tempo sembra essere a suo agio anche nei momenti di pura azione. Il resto del cast è ancora difficile giudicare, ma detto sinceramente al momento sembra l’ultimo dei problemi.
Questa “As Above, So Below” non tradisce quello che è evidentemente il suo scopo primario, ovvero introdurre il più velocemente e chiaramente possibile l’universo narrativo che ci aspetta, ma sembra già avere tutti i crismi per la “solita” avventura di Robert Langdon, con il ripetersi di situazioni, enigmi, scene di azione e problemi sentimentali che sono tutti abbastanza prevedibili.
Se siete appassionati di enigmi o se cercate una serie che non sembra essere molto impegnativa da un punto di vista mentale, lo show potrebbe fare per voi, specie se non avete mai letto un libro di Dan Brown o non avete mai visto i film con Tom Hanks. In caso contrario ci sembra difficile che questo prodotto possa effettivamente sorprendere o tenerci incollati alla poltrona: la ridondanza di tematiche e schemi narrativi ci sembra purtroppo già troppo evidente in questo esordio. Ma non possiamo di certo cassare un’intera serie dopo i primi cinquanta minuti, allora proveremo a dare allo show almeno una possibilità, sperando che la narrazione si discosti un po’ dai binari che sembra avere tracciato questo pilot.

Voto: 6 –

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Ste Porta

Guardo tutto quello che c'è di guardabile e spesso anche quello che non lo è. Sogno di trovare un orso polare su un'isola tropicale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.