Arrow – 1×01 Pilot 5


Arrow – 1x01 PilotTerminata l’esperienza di Smallville, che indagava sulle origini e l’ascesa di Superman, la CW opta per un nuovo eroe della DC Comics per non perdere quel suo bacino di utenza. Pur trovandoci sul canale “giovane”, Arrow è aperto ad un pubblico più trasversale, mettendo in parte in secondo piano l’aspetto teen che aveva caratterizzato la serie su Clark Kent.

Pur non essendo un fenomeno recentissimo, negli ultimi anni si è assistito all’esplosione dei supereroi al cinema: a partire dai primi Spider-Man e passando per vari insuccessi, si è arrivati a due filoni narrativi ben differenti e che caratterizzano le due case fumettistiche americane per eccellenza: la Marvel e la DC Comics. Se la prima ha visto il proprio massimo successo con “The Avengers” di Joss Whedon (il creatore di Buffy, Dollhouse e molto altro), la DC Comics ha ingranato la marcia con i superbi film dedicati a Batman del regista inglese Christopher Nolan.

Arrow – 1x01 Pilot

Ed è innegabile, anche nel tono che Arrow decide di assumere nel racconto della nascita di Freccia Verde, che una certa influenza il Cavaliere Oscuro ce l’ha, in particolare il primo della saga, “Batman Begins”. Ovviamente, prima d’essere tacciato d’eresia, il paragone è strettamente funzionale ad una costruzione superficiale dell’eroe, che è ben lontano dall’avere la profondità della saga di Nolan. Tuttavia, ci sono alcuni punti di contatto piuttosto evidenti, non solo sotto il profilo della nascita del personaggio, già simile anche nei fumetti, quanto nel tono più dark dato alla città in cui Freccia Verde “lavora”.

Non possono ovviamente mancare degli elementi di più evidente matrice Smallvilliana: ad esempio le relazioni tra personaggi più o meno intricate, con quel tocco di dramma fanciullesco che è prerogativa del canale, al quale, tuttavia, va dato atto di una volontà di aprirsi su di un pubblico più variegato (operazione cominciata lo scorso anno con il cancellato Ringer). I toni, infatti, sono sovente più scuri e più maturi, con il peso del lato giovane meno evidente che in altre produzioni della rete.

Ovviamente, non è tutto oro quello che luccica. Il problema principale, in verità, è la capacità attoriale estremamente acerba di gran parte del cast. Se escludiamo la meravigliosa Katie Cassidy (per la quale, lo ammetto, ho un debole sin dai tempi di Supernatural), il cast principale sembra avere un bel problema in recitazione: la questione è aggravata dal fatto che il punto debole è proprio Stephen Amell il quale, pur avendo una fisicità perfetta per il ruolo di Freccia Verde, soffre molto in situazioni di maggiore profondità espressiva, specialmente in momenti di voce fuori campo davvero pessimi e fastidiosi. Altro punto da migliorare è la caratterizzazione dei personaggi secondari, spesso troppo prevedibili e piatti. Ma siamo solo all’inizio.

Arrow – 1x01 PilotCirca la trama, invece, non possiamo lamentarci, anche se le somiglianze con la ben più nota storia di Batman sono così evidenti da richiamare un noioso senso di deja-vu. Il compito autoriale principale, dopo essere stati costretti a scrivere un inizio simile a quello del Cavaliere Oscuro per rispettare il materiale su cui lavorano, sarà quello di prendere le dovute distanze (ed il finale lo lascia intendere) e svilupparsi in maniera indipendente. Ottima l’alternanza tra presente e passato, con gli inossidabili flashback, che suscitano curiosità nel comprendere appieno l’intera vicenda.

L’operazione Arrow funziona, anzi sorprende chi si aspettava ben altro – e non in senso positivo. Le sequenze d’azione sono ben girate, senza momenti particolarmente surreali, bensì piuttosto godibili. Insomma, il pilota di Arrow merita la promozione, sperando però che siano corretti con il tempo i vari problemi che emergono e, soprattutto, augurandoci che non si cada nell’errore di virare troppo verso l’aspetto più adolescenziale.

Voto: 7  

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Mario Sassi

Un po' romano un po' napoletano, ha preparato la sua valigia di cartone e se n'è andato a Philadelphia, nella speranza di incrociare Rocky alle prese con un nuovo allenamento. Tra letteratura, cinema e serie TV si domanda ancora come faccia a trovare tempo per respirare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

5 commenti su “Arrow – 1×01 Pilot

  • moonacre

    bella recensione! ti appoggio in pieno.
    io mi aspettavo mooolto di peggio e quasi non avevo inensione di seguire la serie, ma quando ho visto quell’isola! me ne sono innamorato, mi spettavo un isola tropicale come quella mostrata in smallville per freccia verde, una alla lost insomma, invece è un isola alla haven/harper’s island, una di quelle da new york in su per intenderci, ed io amo quelle ambientazioni. inoltre la fotografia nei flashback, e soprattutto sull’isola è molto bella ed adatta alla situazione. spero che tra le insidie di cui oliver parla ci sia anche qualcosa di soprannaturale, non ho letto i fumetti perciò non so cosa aspettarmi, anche se non posso fare a meno di chiedermi come fa quella ad essere la prima imbarcazione che passa da quelle parti in 5 anni. quando ho visto il castello di lex reciclato ho stornto un po’ il naso, temuto che potessero usare gli stessi interni, ma come avevo già afferrato gli interni in smallville erano finti e realizzati in studio, mentre, a quanto pare la maggior parte degli interni usati per il castello di freccia sono autentici di quel castello ed anno uno stile completamente diverso da quello del castello di lex. ho anche afferrato il motivo per cui non hanno preso justin healtly, non aveva il fisico adatto per arrow, molte della azioni di freccia sono reali ed in linea di massima justin in smallville si limitava a cose più semlici. comunque l’interpetazione di stephen allem è inferiore a quella di justin e spero che migliori al più presto.

     
  • Edoardo

    Letta la recensione penso valga la pena dargli una chance! anche se per conquistarmi dovranno davvero realizzare qualcosa di bellissimo per sopperire alla mancata scelta di justin!

     
  • Alez

    Questo Pilot mi è piaciuto, non conoscevo affatto questo fumetto, ammetto subito che mi piacerebbe una bella puntata flashback incentrata sull’isola che ovviamente mi richiama Lost, per me c’è un buon potenziale, staremo a vedere.

     
  • Marco

    Non sono per nulla d’accordo, a partire dal pilot fino agli ultimi episodi è la peggiore serie che abbia mai visto: dialoghi retorici e privi di caratterizzazioni, personaggi senza fascino nè mistero, attori che più scadenti non si può(ma dove li hanno scovati?), tecniche di narrazione, di ripresa(primi piani che offendono l’intelletto di chiunque uniti alla qualità pessima delle scene).

    Non è possibile minimamente credere a una qualunque battuta, pessimo fino all’estremo.

    Non ho mai letto il fumetto, ma se ha avuto quel successo non può essere stato cosi scadente..

     
  • Mario Sassi L'autore dell'articolo

    Peggior serie che tu abbia mai visto? Allora fidati, devi esserti perso delle perle rare di bruttezza.
    Arrow non è una serie TV che scandalizza per la sua bellezza, non ti lascia con il dubbio, con i grandi interrogativi; ma intrattiene e per quello che serve basta. Certo, ha avuto un calo nella parte centrale – come prevedibile – ma per ora regge.