Broadchurch – 3×01 Episode 1


Broadchurch - 3x01 Episode 1Vero e proprio fenomeno nel Regno Unito, Broadchurch ritorna per la sua terza stagione senza tradire le aspettative, preparando con la dovuta calma il racconto che si dipanerà nel corso di questa annata televisiva.

Nonostante il fallimento di Gracepoint – la rilettura in salsa americana della prima stagione – sia stato un duro colpo per la serie inglese, Broadchurch è riuscita, lo scorso anno, a non subirne più di tanto i contraccolpi negativi. Infatti, anche se un calo rispetto alla prima esperienza si è sicuramente fatto sentire (tra le altre cose per la recidività nel tornare sul caso del piccolo Danny) la serie non ha comunque perso il proprio fascino. Fascino che può essere spiegato e mostrato nella forza del proprio racconto, nelle interpretazioni del proprio cast e nella bellezza della fotografia e dei paesaggi inglesi.

Broadchurch - 3x01 Episode 1Chris Chibnall torna alla scrittura per questa che sarà l’ultima stagione della sua più famosa creatura. E mentre si prepara a prendere il timone di quel mostro sacro britannico che è Doctor Who (quella in arrivo sarà infatti l’ultima stagione di Moffat prima del passaggio di testimone) riesce comunque a confezionare un episodio che, pur non essendo esplosivo quanto era riuscito ad essere il pilot, si comporta molto bene ed è altresì in grado di posizionare le pedine sulla scacchiera. Broadchurch non ha mai avuto la pretesa – ed infatti non lo fa – di rivoluzionare il genere poliziesco: la sua forza narrativa era rappresentata dalla capacità di raccontare le realtà nascoste delle zone rurali inglesi, quelle aree fatte di piccoli villaggi in cui tutti conoscono tutti e in cui l’arrivo del crimine è vissuto come un momento destabilizzante per l’intera comunità. Attingendo a piene mani da questa considerazione, Chibnall ci porta stavolta ad affrontare lo spinosissimo tema dell’assalto sessuale ai danni di una donna non più giovanissima, una madre che si ritrova a dover affrontare una delle esperienze più devastanti. Non un omicidio, dunque, non per ora almeno: il racconto concentra la propria attenzione su un altro crimine non meno terrificante, soprattutto se perpetrato da quello che pare essere a tutti gli effetti un predatore seriale.

Broadchurch - 3x01 Episode 1Lo svolgimento della trama, però, si dipana con la giusta calma, tra amnesie e paure, tra perplessità e ricostruzione emotiva di grande efficacia. Non lontano, in questo, da quanto già fatto lo scorso anno da American Crime (con cui condivide l’aver affrontato un caso di stupro da una prospettiva differente da quella abituale), Broadchurch ci guida passo per passo lungo la dolorosa, fredda ed asettica procedura necessaria a dare il via ad una indagine di questa natura. A differenza della serie ABC, però, il risultato non è di altrettanto impatto emotivo per quello che sembrerebbe un maggior pudore della serie britannica, la quale preferisce insistere più di una volta sull’empatia che si sviluppa in Miller, come a creare un ponte emotivo che possa calmare l’angoscia di quei momenti. Quale che sia il risultato finale, però, il caso poliziesco si intreccia rapidamente con la vita della città: non solo attraverso l’apertura del tema sessuale nei confronti dei figli dei due investigatori, ma scivola sottopelle al punto da andare subito ad intaccare il già fallito matrimonio tra Mark e Beth, simbolo chiaro ed evidente che l’intera comunità sarà scossa e spaventata da quanto sta per accadere.

Broadchurch - 3x01 Episode 1La trama, dunque, si intreccia con i personaggi che potremmo per comodità dividere in tre gruppi: i vecchi, i nuovi, Hardy e Miller. A riguardo di quest’ultimi, che sono poi i protagonisti, non possiamo che continuare ad apprezzare la sintonia che si è generata tra i due interpreti, Olivia Colman e David Tennant, perfettamente a loro agio negli abiti dei rispettivi personaggi. I due ormai sono in grado di dar loro vita senza troppe difficoltà; è però anche evidente come sia soprattutto Miller a giovare di una scrittura più attenta, in uno sviluppo personale che non dimentica la vergogna ed il senso di riscatto dalle terribili vicende concernenti il marito.  Dei vecchi personaggi ritornano, al momento, soprattutto Mark e Beth, ora alle prese rispettivamente con un libro su Danny ed una nuova carriera in soccorso delle donne in difficoltà – che la condurrà a legare la propria trama a quella di Trish. Non è ancora chiarissimo perché Chibnall abbia sentito la necessità di riportare ancora una volta alcuni dei protagonisti delle vecchie stagioni: se lo scorso anno il processo contro Joe non poteva che richiedere tale sviluppo, quest’anno non abbiamo collegamenti così diretti da spiegarcene la ragione, almeno stando a questo solo episodio.

Broadchurch - 3x01 Episode 1Vengono anche introdotti alcuni nuovi personaggi, soprattutto Trish, la vittima dell’assalto sessuale, ma anche alcuni suoi amici che sembrano nascondere qualcosa di oscuro. È chiaramente troppo presto, però, per giudicare le loro caratteristiche peculiari, anche perché in questa premiere hanno ricevuto scarso tempo narrativo; Trish diverrà certamente più centrale nel racconto e l’assaggio che abbiamo avuto sino a questo momento, grazie soprattutto alla delicata ma decisa interpretazione di Julie Hesmondhalgh, sembra promettere davvero bene.

Non possiamo non menzionare ancora una volta la splendida fotografia che rappresenta un vero e proprio punto di forza della serie, con questi straordinari scorci del Dorset che donano uno sguardo unico ed identitario all’intero prodotto televisivo. Ancor più della regia, infatti, la fotografia la fa da padrona – basti pensare alla scena del crimine dello stupro – e accoglie il racconto nel migliore degli scenari possibili. Broadchurch è dunque tornato in sella, apparentemente purificato dagli errori della seconda annata e alla ricerca di un percorso nuovo che possa ricondurlo agli ottimi fasti della prima stagione. Gli ingredienti sembrano, stavolta, esserci proprio tutti.

Voto: 8

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Mario Sassi

Un po' romano un po' napoletano, ha preparato la sua valigia di cartone e se n'è andato a Philadelphia, nella speranza di incrociare Rocky alle prese con un nuovo allenamento. Tra letteratura, cinema e serie TV si domanda ancora come faccia a trovare tempo per respirare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.