Mad Dogs USA – 1×01 Pilot

Mad Dogs USA - 1x01 PilotAmazon Studios ha aperto il 2016 con una nuova serie, remake di un drama inglese del 2011: Mad Dogs. Pubblicando tutti gli episodi della stagione in contemporanea, Amazon ha cercato uno show che per costruzione del racconto potesse essere trasformato in un prodotto adatto alla binge-viewing e ha trovato un’ottima base su cui lavorare.

Il confronto tra la versione inglese e il remake made in USA è interessante già sulla carta: come sarà stato adattato per il pubblico americano questo drama inglese creato da Cris Cole? Come saranno riorganizzati gli eventi narrati all’interno degli episodi, per una serie che verrà prevalentemente vista con la modalità della maratona – la più utilizzata dal pubblico di Amazon Prime –, ma che in origine era nata per un tipo diverso di fruizione? Sfortunatamente, nessuna delle due domande porta ad una risposta positiva.

Mad Dogs USA - 1x01 PilotMad Dogs racconta la storia di cinque amici, molto più che trentenni, che si ritrovano dopo essersi persi di vista per anni. Il motivo di questa reunion è il pensionamento anticipato di Milo, che invita i ragazzi nella sua nuova e lussuosissima villa in Belize per una vacanza indimenticabile. Milo però non sembra più lo stesso e sicuramente non lo saranno più neanche gli altri membri del gruppo, sconvolti da un evento che li mette in serio pericolo. La trama del pilot ricorda quel lungo filone cinematografico tipico della commedia, in cui un gruppo di amici vive un’avventura che finirà per unirli, ma in questo caso tutta la parte divertente lascia spazio al drama, non fatto di eventi tragici, ma caratterizzato da un alone cupo che colora anche le scene precedenti al colpo di scena verso il finale.

Anche l’ambientazione nell’America Centrale aiuta la creazione di un’atmosfera carica di tensione, quella tipica che prepara alla paura vera e propria nei film horror ambientati in quelle terre, in cui la fanno da padroni una natura incontaminata e un grado di corruzione che mischia buoni e cattivi e non permette di fidarsi di nessuno. Questa è la prima differenza tra le due versioni di Mad Dogs, che in quella UK rispettava lo stile inglese, generalmente più freddo rispetto a quello americano e in quel caso meno carico di tensione. A questa profonda differenza si aggiunge un secondo cambiamento ancora più importante: la caratterizzazione dei personaggi.

Mad Dogs USA - 1x01 PilotÈ questo l’elemento più deludente del pilota, che lascia agli ultimi dieci minuti l’azione vera e propria e racconta, nei restanti quaranta, le relazioni tra i protagonisti; si potrebbe insomma definire quasi un prequel alla serie stessa. Dalla discesa dall’aereo fino alla cena nel finale, Mad Dogs parla solo di loro: racconta di Joel (Ben Chaplin, presente anche nel cast della serie originale in un altro ruolo), Lex (Michael Imperioli, The Sopranos), Gus (Romany Malco, Weeds) e Coby (Steve Zahn, Dallas Buyers Club), del loro passato e del loro presente, puntando l’attenzione ai legami tra di loro, un tempo forti e ora caratterizzati dal rimpianto di non aver fatto le scelte giuste. Per questo era essenziale costruire quattro personaggi forti, che potessero catturare l’attenzione con le loro storie almeno nel pilot, visto che il finale di puntata sembra promettere molta più azione e meno introspezione psicologica per le prossime puntate.

Mad Dogs USA - 1x01 PilotIl padrone di casa Milo ha il compito di tirare fuori quello che gli altri uomini hanno dentro e in parte lo fa, ma, trovandosi davanti personaggi così poveri, fare un buon lavoro sembra quasi impossibile. Lui stesso non attrae più di tanto, ma il suo comportamento misterioso e il ruolo da amico e accusatore, pronto a confortare e accendere gli animi, lo rendono il personaggio più interessante. Col confronto tra i personaggi americani e inglesi si capiscono meglio le carenze della serie di Amazon, che ha evitato l’effetto stereotipo – al contrario dell’originale –, ma non è riuscita a costruire personaggi che lasciassero il segno.

Come accennato in apertura, un altro aspetto interessante sarebbe stato capire come gli eventi della serie originale si sarebbero piegati ad un nuovo modo di fruire la serialità, tipico dei servizi di streaming online come Amazon Prime. Dopo la visione del pilot è difficile immaginare quello che i dieci episodi che formano la prima stagione di questo show potranno raccontare, soprattutto pensando che la versione inglese ha totalizzato quattro mini stagioni per un totale di quattordici episodi. Il creatore Cris Cole, riproducendo quasi alla lettera la prima puntata della versione inglese, farà lo stesso con i prossimi episodi o mischierà le carte in tavola anche a causa della diversa lunghezza della stagione?

Per questi motivi giudicare Mad Dogs dopo l’episodio pilota è estremamente difficile, proprio per la natura di questa puntata, che ha uno scopo introduttivo e ci fa appena assaggiare l’azione che lo show promette. Se da un lato ciò invoglia lo spettatore ad andare avanti nella visione, dall’altro lo lascia con un’idea assolutamente parziale di questa serie, che certamente ha ancora tanto da dire.

Voto: 6

 

Davide Canti

Noioso provinciale milanese, mi interesso di storytelling sia per la TV che per la pubblicità (in fondo che differenza c'è?!). Criticante per vocazione e criticato per aspirazione, mi avvicino alla serialità a fine anni '90 con i vampiri e qualche anno dopo con delle signore disperate. Cosa voglio fare da grande? L'obiettivo è quello di raccontare storie nuove in modo nuovo. Intanto studio, perché il pezzo di carta è importante, si sa! "I critici e i recensori contano davvero un casino sul fatto che alla fine l'inferno non esista." (Chuck Palahniuk)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *